Skip to main content

Economia

La Federal Reserve e le Sue Banche Primary Dealer Stanno Manipolando il Mercato Azionario?

Posted in

Ed infine ci siamo arrivati anche "noi". Zio Mario la settimana scorsa, non appena ha varcato la soglia della BCE, ha subito tagliato i tassi di interesse di 1/4 di punto. Libero sfogo alla stampante. Ora abbiamo chiaro dove stiamo andando a finire, con un coro che si leva unanime: "Le banche italiane sono solide!" Nonostante le perdite in borsa a doppia cifre sono "solide". Poi il giorno dopo la BCE annuncia acquisti di BTP e voilà! La carta straccia fa la "magia". Poi però il giorno dopo ri-piombano nel buco nero da cui erano partite. Perché? Il seguente articolo ci spiega come funziona il "giochetto", ma il risultato finale è lo stesso: distruzione dei risparmi e della ricchezza della popolazione. Tali banche devono fallire, sono uno zombie succhiasoldi e sono fallite; come è fallito il sistema della riserva frazionaria.

Fiat money: perchè lo Stato richiede il controllo del danaro

Posted in

Solo la comprensione del vero meccanismo di creazione del denaro dal nulla da parte dello Stato (con la banca centrale) può spiegare al maggior numero di persone possibile le reali cause della crisi economica.

E questo è ancora più importante in un momento storico come quello attuale, in cui comincia a sfogarsi la (giusta) rabbia dovuta alla crisi economica.

Infatti, se come avviene in tutti i media mainstream, ci si concentra sui sintomi e si evita di affrontare le cause, il risultato sarà quello di chiedere  (e provvidenzialmente ottenere) provvedimenti che peggioreranno la situazione invece di migliorarla, come avvenuto nei primi del '900 quando a seguito delle problematiche dovute alla pratica della riserva frazionaria da parte delle banche, invece di vietare questo fraudolento comportamento è stata istituita la Federal Reserve come soluzione.

Questo video affronta in maniera semplice ed immediata la problematica della creazione del denaro dal nulla, spiegando chi è che ne beneficia realmente. Si spiega come non sia la classe dei lavoratori ma al contrario quella dei più ricchi, che possono così arricchirsi sempre più, aumentando il divario con i più poveri.

Segue un articolo1 particolarmente in tema, di Hans-Hermann Hoppe.

 

 

La Federal Reserve E' Mercantilista -- Non Privata

Posted in

"Generando il ciclo economico, la creazione di denaro della Federal Reserve causa la disoccupazione. L'inflazione non aumenta solo i prezzi; alloca malamente anche la manodopera. Durante la fase di boom del ciclo eeconomico, le imprese assumono nuovi lavoratori, molti dei quali sono tolti da altre linee di lavoro a causa dei salari più alti. Il sussidio della FED a queste industrie dura fino al bust. I lavoratori sono poi licenziati e sostituiti." -- Walter Block

 

dal The Daily Bell1

Wall Street Non Avrebbe Potuto Farlo Da Solo

Posted in

Le proteste contro Wall Street sono ormai sforate a livello globale, ma come al solito mancano dei pezzi (ma guarda le coincidenze...). Basterebbe ricordare chi nel 2008 ha sfornato con le "lacrime agli occhi" il programma TARP. Chi ha pompato nel culo delle banche biliardi di dollari? A chi conviene che la bolla obbligazionaria venga gonfiata? Chi attrae in queste bolle migliaia di lavoratori che poi allo scoppio vanno a fare la fame? Perché Draghi e Soros sono le cheerleader di questo movimento?

_____________________________________________

 

di Sheldon Richman1

 

La FED Sta Violando la Legge?

Posted in

Che lo zio Ben stesse dando segni di squilibrio lo avevamo intuito già al discorso di Jackson Hole. Ogni giorno gioca a freccette con la faccia di Greenspan. Per "risolvere" un problema ne ha creato una ancora più grande e praticamente ingestibile senza una catastrofe economica: $1.7 biliardi di riserve in eccesso1. Ma adesso si scopre che lo zio Ben potrebbe essere addirittura un fuorilegge!

Il Tiro Lungo della FED

Posted in

Mettetevi seduti e preparate i pop-corn. Ecco l'ennesima prova che lo zio Ben ormai non sa più dove sbattere la testa. L'Operazione Twist lanciata da poco è un remix di una politica monetaria (fallimentare) degli anni '60. La Federal Reserve di San Francisco ha spiegato di cosa si trattasse1. Perché fallimentare? Presto detto. Basta dare un'occhiata a questo documento2 dove si dichiara palesemente: "L'Operazione Twist è ampiamente vista oggi come un fallimento, in larga parte dovuto al lavoro di Modigliani e Sutch." La prima Operazione Twist fu di $8.8 miliardi. Quella di oggi è di $400 miliardi. E chi era uno dei redattori di questo documento? Ebbene si, proprio lo zio Ben! Lui è lo scienziato e l'economia Americana è il suo laboratorio. Adesso vuole provare se l'Operazione Twist possa funzionare se gonfiata la liquidità annessa (in puro stile Keynesiano). "Se una cosa non funziona, allora intensifichiamola!" Mi raccomando di annettere una sonora risata la prossima volta che sentirete parlare di volatilità dell'economia.

____________________________________________________

di Robert P. Murphy3
 

Europa Infranta, Sogni Infranti

Posted in

Qual'è la risposta dei pianificatori centrali ai problemi di un'economia pianificata centralmente? Maggiore pianificazione1. I Tedeschi si stancheranno di essere i prestatori di ultima istanza dei PIIGS e si opporranno a piani simili, fatti ingoiare dal pupazzo dei banchieri che risponde al nome di Angela Merkel. Ogni meeting infatti è buon per proporre questa bestialità del Tesoro dell'EuroZona. Questo piano vuol dire più socialismo, più controllo sui mercati da parte di coloro che impongono il loro volere con la forza. E' quella classe parassita che ha imposto con la forza sulla popolazione Europea il Trattato di Lisbona. Sanno che l'Europa sta cadendo a pezzi, per questo vogliono maggiore potere centrale.

 

di Gary North2

L'Unione Monetaria Europea sta per crollare. Ciò sarà seguito da una disgregazione dell'Unione europea.

La Storia Senza Fine dell'Oro "in Bolla"

Posted in

Ecco un paio di cose che le persone non sanno sull'oro. E' un'alternativa al denaro di carta come mezzo di scambio. Dato che i governi di tutto il mondo hanno gestito malamente le valute ed il loro debito, è una mossa estremamente prudente possedere oro. Più viene stampato denaro, più il prezzo sale. Le persone sono fottutamente spaventate, questo non è un boom nel senso che ci si sta buttando nel mercato aureo per fare soldi: l'oro non è un investimento1. Le persone si stanno buttando nel mercato aureo per proteggersi. Il discorso che non si possa mangiare oro è assurdo2. Nemmeno la carta potete mangiare. Sono le politiche del governo che stanno facendo volare l'oro (spesa a deficit, tassazione selvaggia, stampa di denaro), sanno infatti che l'oro è un ottimo rifugio per la tempesta che stanno creando ed è per questo che stanno intensificando gli attacchi verso l'oro.

_________________________________________________

di Frank Holmes3
 

Oro, denaro indipendente

"Ho infine determinato che il punto cruciale era scegliere se avere guerra o pace"

-- Murray Rothbard

 

Sta finalmente cominciando a diventare conoscenza comune il fatto che convertire i propri risparmi in oro è un buon modo per evitare che vengano mangiati dall'inflazione, ma le proprietà dell'oro non si fermano certo qui.

Se infatti l'oro venisse usato correntemente come moneta al posto del denaro "fiat" (cioè creato dal nulla) imposto per legge, le conseguenze sarebbero molteplici, e tutte positive per la maggioranza delle persone.

Una delle più rilevanti sarebbe che non sarebbe più facile come adesso finanziare le guerre che in maniera così disinvolta vengono combattute dai cosiddetti "paesi civilizzati" in giro per il mondo, e che tanti danni e sofferenze causano, anche se queste ultime vengono di solito taciute o descritte come inevitabili danni collaterali necessari per esportare la nostra grande democrazia nel resto del mondo.

La FED e la BCE: Due Vie, Uno Scopo

Posted in

Un articolo fondamentale1 di cui se ne sentiva davvero la mancanza. Così la smettiamo una volta per tutte di inventarci allegre puttanate sul funzionamento del sistema bancario centrale e commerciale. Come quell'altro scemo di Krugman, che non smette mai di sventolare la stampa di denaro2 come "soluzione". La vera soluzione è smantellare il super-stato europeo che sta prendendo forma, facendo tornare ogni nazione alla propria valuta. Inoltre le dimissioni di Stark sono un cattivo segno premonitore per un'inflazione di massa mondiale: zio Mario presto affiancherà zio Ben sulle linee di partenza con la stampante già rombante.
____________________________________________________
di Philipp Bagus

Kevin Slavin: Come gli algoritmi modellano il nostro mondo

Al giorno d'oggi una gran parte delle operazioni ripetitive è gestita da speciali algoritmi per computer, in particolare nel mondo della finanza1, dove riuscire a trovare il momento in cui comprare e vendere titoli può fare la differenza tra la ricchezza ed il fallimento.

Ma a volte si può perdere il controllo e possono succedere cose strane come avvenuto ad esempio con un certo libro su Amazon2... Kevin racconta alcuni esempi e fa diverse interessanti considerazioni in merito.

 

 

Un'economia deflazionaria è possibile?

Nelle discussioni che riguardano l'uso di una moneta come l'oro ma anche come Bitcoin, una delle domande che viene spesso posta da persone che possiedono anche un background economico è se una moneta deflazionaria può realmente sopravvivere.

E' un discorso interessante. Siamo così abituati a vivere un'economia inflazionaria dove la moneta perde gradualmente il suo valore che abbiamo difficoltà ad immaginare come potrebbe essere un'economia dove una certa quantità di danaro acquista lentamente valore nel tempo man mano che i prezzi calano.

Siccome abbiamo solo vissuto in economie inflazionarie (ed iperinflazionarie), vengono fatte ogni sorta di assunzioni sul perchè una economia deflazionaria non possa funzionare. La più grande obiezione che in genere viene presentata è che nessuno comprerebbe nulla oggi visto che la stessa cosa domani costerebbe meno. E nemmeno allora tale cosa verrebbe comprata in quanto il giorno dopo sarebbe ancora meno costosa. E così via, nessuno comprerebbe mai niente: tutti aspetterebbero indefinitamente che ogni cosa diminuisse di prezzo.

Jackson Hole: Bernanke come un Mago

Posted in

In attesa dello spettacolo dell'anno del grande prestigiatore che avrà luogo a Jackson Hole, analizziamo i probabili contenuti al'interno del cilindro di Bernanke. Tutti si aspettano un trucco, un gioco coi numeri con cui il nostro zio Ben è diventato famoso in tutto il mondo: Quantitative Easing 3.

Inoltre, ci si aspetta che anche un nuovo apprendista chiamato Trichet segua le orme del gran visir e si decida a lanciare un programma di QE vero e proprio. Nonostante le lamentele della Cina, che da mercantilista navigata quale è, può lamentarsi ma infine acconsetirà alle manovre. La stessa cosa vale per la Merkel. Emetterà qualche gorgoglio, ma poi capitolerà. Non capitoleranno i tedeschi che si stancheranno di pagare per gli errori altrui.

Non esiste alcun pericolo di una recessione double-dip. E' la stessa del 2008, la quale era la stessa del 2001, ecc. E' il barattolo che lungo la strada viene calciato di nuovo. La recessione è ormai una REALTA', quella che arriva minacciosa è la Grande Depressione 2.

 

di Gary North1

Risparmio, Commercio e la Fatina della Fiducia

Posted in

Dato che Krugman "Skywalker" le spara grosse1, continuiamo a vedere fin dove si spinge2. Da come leggiamo, secondo lui stiamo sprofondando in una depressione perché il governo non vuole contrarre più deficit e la FED non stampa più denaro. Questo, signori e signore, è un gran pagliaccio. Perché? Date un'occhiata a questo grafico3.

Gold Standard o Nixon Standard

Posted in

Oggi ricorre il quarantesimo anniversario da quando Nixon rimosse definitivamente il vero potere dalle mani delle persone: chiuse la finestra dell'oro. Il primo attacco fu lanciato da Roosevelt nel 1933 e prontamente giustificato da Keynes1. Annunciò la "fine del mondo" con queste parole: "Ora sono Keynesiano". Da quel giorno in poi le banche centrali poterono inflazionare a piacere2, senza restrizione alcuna.

Condividi contenuti