Skip to main content

Aggregatore di feed

Una Benedizione

Tra cielo e terra - Sab, 08/04/2017 - 15:39

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Should We Trust the Gov’t Claims About Syria?

Lew Rockwell Institute - Sab, 08/04/2017 - 06:01

Originally published by USA Today

President Obama and Secretary of State John Kerry are adamant that the Syrian government carried out a chemical weapons attack on Syrian civilians last month. They have thus far provided the public scant hard information to back up their claims. Even Obama ally Sen. Tom Harkin (D-Iowa) characterized the evidence in a Sunday Capitol Hill classified briefing as “circumstantial.”

Perhaps the Assad regime did commit this brutal attack. But can we expect the U.S. government to be honest about an alleged atrocity which the president is invoking to sanctify his foreign policy?

Instant Access to Current Spot Prices & Interactive Charts

History is not reassuring on that score. During World War II, the Roosevelt administration worked ceaselessly to present Soviet dictator Josef Stalin as a friendly quasi-democratic type – “Uncle Joe.” However, in 1940, after the Soviets seized much of Poland, the Soviets executed 22,000 Polish officers and intellectuals in the Katyn Forest in western Russia. When the German army discovered the mass grave site in 1943, the Roosevelt administration rushed to blame the killings on the Nazis.

Whitewashing the Katyn Forest massacre helped blindfold both American policymakers and the American public regarding the brutality of the Soviet Union. This deceit helped the Soviets cement control of Poland and other East European nations after World War II.

Last year, the National Archives finally declassified a thousand pages of documents that exposed the U.S. government cover-up of Soviet responsibility. The Associated Press noted, “The White House maintained its silence on Katyn for decades, showing an unwillingness to focus on an issue that would have added to political tensions with the Soviets during the Cold War.” The record showed that the U.S. had plenty of proof from 1943 onward that the Soviets were guilty. But when Polish-American radio stations in Detroit and Buffalo began broadcasting the details of the killings during World War II, the Roosevelt administration “brusquely silenced them,” as historian Thomas Fleming noted in his book, The New Dealers War.

Last year’s revelations happened in large part because of pressure from Congresswoman Marcy Kaptur, whose Ohio district includes many Polish Americans. It took 69 years for the U.S. government to disclose that it had deceived the American people regarding one of World War II’s landmark atrocities.

Read the Whole Article

The post Should We Trust the Gov’t Claims About Syria? appeared first on LewRockwell.

Turning on Trump After Missile Strikes

Lew Rockwell Institute - Sab, 08/04/2017 - 06:01

Many former Donald Trump supporters have turned on the President after his decision to retaliate against the Assad regime for its chemical weapons attack.

Nigel Farage, Milo Yiannopoulos Katie Hopkins, right-wing vlogger Paul Joseph Watson, Ukip leader Paul Nuttall and Ukip donor Arron Banks are among the Trump supporters who have been disappointed by their hero.

Instant Access to Current Spot Prices & Interactive Charts

Mr Farage said: “I am very surprised by this. I think a lot of Trump voters will be waking up this morning and scratching their heads and saying ‘where will it all end?’

Many Trump voters will be worried about this military intervention. Where will it end?

— Nigel Farage (@Nigel_Farage) April 7, 2017

“As a firm Trump supporter, I say, yes, the pictures were horrible, but I’m surprised. Whatever Assad’s sins, he is secular.”

He said Britain should not get involved in any further strikes, commenting: “Previous interventions in the Middle East have made things worse rather than better.”

Other Donald Trump supporters have been more forthright in their comments.

The U.S. bombing of Syria last night was rash, trigger happy, nonsensical and will achieve nothing. I hoped for better.

— Paul Nuttall (@paulnuttallukip) April 7, 2017

Ukip leader Paul Nuttall said: “The U.S. bombing of Syria last night was rash, trigger happy, nonsensical and will achieve nothing. I hoped for better.”

Infowars’ Paul Joseph Watson said: “I guess Trump wasn’t ‘Putin’s puppet’ after all, he was just another deep state/Neo-Con puppet. I’m officially OFF the Trump train.

“It’s been fun lads, but the fun is over. I’ll be focusing my efforts on Le Pen, who tried to warn Trump against this disaster.”

Read the Whole Article

The post Turning on Trump After Missile Strikes appeared first on LewRockwell.

Eat Like a Roman

Lew Rockwell Institute - Sab, 08/04/2017 - 06:01

While the reputation of ancient Roman dining features decadent drinking and feasting to a point of excess – leading to notorious purges in the vomitorium – those stories were largely anecdotal or were given as moral messages and warnings of wasted luxury. The reality of ancient Roman cuisine was very different – and in many ways surprising!

Current Prices on popular forms of Silver Bullion

‘The Romans of the Decadence’ (1847) by Thomas Couture. (Public Domain)

Roman cuisine during the Kingdom (753 BCE – 509 BCE) was similar to ancient Greek fare. It was rather simple and the variety of food was limited. Romans of this period typically ate a porridge (called the puls) made of emmer, salt, olive oil and various herbs. They also ate vegetables, fruits, meat, fish and seafood and used olive oil, salt, pepper and various spices in their food.

Meals consisted of the jentaculum (breakfast), the cena (lunch) and the vesperna (dinner). Breakfast was light and usually consisted of a piece of bread with honey or cheese. Lunch was a large meal and the main meal of the day, while dinner consisted of a light supper.

Olive Oil, bread and herbs. Roman food at the British Museum (CC BY 2.0)

During the Republic and Empire, as Rome expanded and became more prosperous, food became more diverse. Romans became acquainted with the foods and cooking methods of the provinces. The cena became larger and moved to the afternoon (at around 2 to 3 p.m.) as more foods became available, while the vesperna (the light supper) disappeared altogether. What used to be lunch was replaced by the prandium, the equivalent of a light lunch.

The cena, which initially consisted of only one course, developed into two courses during the Republic: a main course and a dessert served with fruit or seafood. By the end of the Republic, it evolved into a three-course meal: the appetizer (gustatio), the main course (primae mensae) and the dessert (secundae mensae).

Read the Whole Article

The post Eat Like a Roman appeared first on LewRockwell.

The Doctor Who Got Hitler Hooked

Lew Rockwell Institute - Sab, 08/04/2017 - 06:01

In Blitzed: Drugs in the Third Reich, author Norman Ohler reveals that the Nazis doped their soldiers with a stimulant they called Pervitin—a.k.a. methamphetamine. The drug helped the Germans win key battles in the beginning of World War II.

But it wasn’t just low-level soldiers who were using during the Second World War. Drug use went all the way up the Nazi leadership to Hitler himself. The dictator’s personal physician, Theodor Morell, regularly injected “Patient A” with hormone preparations and steroids he had created using animal glands and other dubious ingredients—and as Hitler’s health worsened, Morell secretly began treating him with eukodal, otherwise known as oxycodone, in July 1943. Hitler received an injection every other day—which is, Ohler notes, “The typical rhythm of an addict and contradicts the idea of a purely medical application.” The Führer was hooked.

In July 1944, German senior military officials tried to kill Hitler with a bomb in the unsuccessful Operation Valkyrie. The explosion punctured both of Hitler’s eardrums. Ear, nose, and throat doctor Erwin Giesing was called to Hitler’s headquarters in Poland and began treating Hitler without consulting Morell, administering cocaine in the dictator’s nasal passages with a cotton swab. Hitler quickly became addicted to cocaine, too.

Current Prices on popular forms of Silver Bullion

Morell and Giesing hated and distrusted each other from the start. In fact, Giesing suspected Morell was poisoning Hitler—and he wasn’t alone. In autumn 1944, the situation finally came to a head, as recounted in this excerpt from Blitzed.

THE DOCTORS’ WAR

You have all agreed that you want to turn me into a sick man.— Adolf Hitler

The power of the personal physician was approaching a high point during that autumn of 1944. Since the attempt on his life Patient A needed him more than ever, and with each new injection, Morell gained further influence. The dictator was closer to him than he was to anyone else; there was no one he liked to talk to as much, no one he trusted more. At major meetings with the generals, an armed SS man stood behind every chair to prevent any further attacks. Anyone who wanted to see Hitler had to hand over his briefcase. This regulation did not apply to Morell’s doctor’s bag.

Many people envied the self-styled “sole personal physician” his privileged position. Suspicion about him was growing. Morell still stubbornly refused to talk to anyone else about his methods of treatment. Right until the end, he maintained the discretion with which he had initially approached the post. But in the stuffy atmosphere of the haunted realm of the bunker system, where the poisonous plants of paranoia sent their creepers over the thick concrete walls, this was not without its dangers. Morell even left the assistant doctors Karl Brandt and Hanskarl von Hasselbach, with whom he could have discussed the treatment of Hitler, consistently in the dark. He had mutated from outsider to diva. He told no one anything, wrapping himself in an aura of mystery and uniqueness. Even the Führer’s all-powerful secretary, Martin Bormann, who made it clear that he would have preferred a different kind of treatment for Hitler, one based more on biology, was banging his head against a wall when it came to the fat doctor.

As the war was being lost, guilty parties were sought. The forces hostile to Morell were assembling. For a long time, Heinrich Himmler had been collecting information about the physician, to accuse him of having a morphine addiction and thus of being vulnerable to blackmail. Again and again, the suspicion was voiced on the quiet: might he not be a foreign spy who was secretly poisoning the Führer? As early as 1943 the foreign minister, Joachim von Ribbentrop, had invited Morell to lunch at his castle, Fuschl, near Salzburg, and launched an attack: while the conversation with von Ribbentrop’s wife initially revolved around trivial questions such as temporary marriages, state bonuses for children born out of wedlock, lining up for food and the concomitant waste of time, after the meal the minister stonily invited him “upstairs, to discuss something.”

Von Ribbentrop, arrogant, difficult, and blasé as always, tapped the ash off his Egyptian cigarette with long, aristocratic fingers, looked grimly around the room, then fired off a cannonade of questions at the miracle doctor: Was it good for the Führer to get so many injections? Was he given anything apart from glucose? Was it, generally speaking, not far too much? The doctor gave curt replies: he only injected “what was necessary.” But von Ribbentrop insisted that the Führer required “a complete transformation of his whole body so that he became more resilient.” That was water off a duck’s back for Morell, and he left the castle rather unimpressed. “Laymen are often so blithe and simple in their medical judgments,” he wrote, concluding his record of the conversation.

But this was not the last assault Morell would bear. The first structured attack came from Bormann, who tried to guide Hitler’s treatment onto regular, or at least manageable, lines. A letter reached the doctor: “Secret Reich business!” In eight points “measures for the Führer’s security in terms of his medical treatment” were laid out, a sample examination of the medicines in the SS laboratories was scheduled, and, most importantly, Morell was ordered henceforth always “to inform the medical supply officer which and how many medications he plans to use monthly for the named purpose.”

In fact, this remained a rather helpless approach from Bormann, who was not usually helpless. On the one hand, his intervention turned Hitler’s medication into an official procedure, but on the other, he wanted as little correspondence as possible on the subject since it was important to maintain the healthful aura of the leader of the master race. Heil Hitler literally means “Health to Hitler,” after all. For that reason, the drugs, as detailed in Bormann’s letter, were to be paid for in cash to leave no paper trail. Bormann added that the “monthly packets” should be stored ready for delivery at any time in an armored cupboard, and made “as identifiable as possible down to the ampoule by consecutive numbering (for example, for the first consignment: 1/44), while at the same time the external wrapping of the package should bear an inscription to be precisely established with the personal signature of the medical supply officer.”

Morell’s reaction to this bureaucratic attempt to make his activities transparent was as simple as it was startling. He ignored the instructions of the mighty security apparatus and simply didn’t comply, instead of continuing as before. In the eye of the hurricane, he felt invulnerable, banking on the assumption that Patient A would always protect him.

In late September 1944, in the pale light of the bunker, the ear doctor, Giesing, noted an unusual coloration in Hitler’s face and suspected jaundice. The same day, on the dinner table there was a plate holding “apple compote with glucose and green grapes” and a box of “Dr. Koester’s anti-gas pills,” a rather obscure product. Giesing was perplexed when he discovered that its pharmacological components included atropine, derived from belladonna or other nightshade plants, and strychnine, a highly toxic alkaloid of nux vomica, which paralyzes the neurons of the spinal column and is also used as rat poison. Giesing indeed smelled a rat. The side-effects of these anti-gas pills at too high a dose seemed to correspond to Hitler’s symptoms. Atropine initially has a stimulating effect on the central nervous system, then a paralyzing one and a state of cheerfulness arises, with a lively flow of ideas, loquacity, and visual and auditory hallucinations, as well as delirium, which can mutate into violence and raving. Strychnine, in turn, is held responsible for increased light-sensitivity and even fear of light, as well as for states of flaccidity. For Giesing, the case seemed clear: “Hitler constantly demonstrated a state of euphoria that could not be explained by anything, and I am certain his heightened mood when making decisions after major political or military defeats can be largely explained in this way.”

In the anti-gas pills, Giesing thought he had discovered the causes of both Hitler’s megalomania and his physical decline. He decided to treat himself as a guinea pig: for a few days Giesing took the little round pills himself, promptly identified that he had the same symptoms, and decided to go on the offensive. His intention was to disempower Morell by accusing him of deliberately poisoning the Führer, so that Giesing could assume the position of personal physician himself. While the Allied troops were penetrating the borders of the Reich from all sides, the pharmacological lunacy in the claustrophobic Wolf’s Lair was becoming a doctors’ war.

As his ally in his plot, Giesing chose Hitler’s surgeon, who had been an adversary of Morell’s for a long time. Karl Brandt was in Berlin at the time, but when Giesing called he took the next plane to East Prussia without hesitation and immediately summoned the accused man. While the personal physician must have worried that he was being collared for Eukodal, he was practically relieved when his opponents tried to snare him with the anti-gas pills, which were available without a prescription. Morell was also able to demonstrate that he had not even prescribed them, but that Hitler had organized the acquisition of the pills through his valet, Heinz Linge. Brandt, who had little knowledge of biochemistry and focused his attention on the side-effects of strychnine, was not satisfied with this defense. He threatened Morell: “Do you think anyone would believe you if you claimed that you didn’t issue this prescription? Do you think Himmler might treat you differently from anyone else? So many people are being executed at present that the matter would be dealt with quite coldly.” Just a week later Brandt added: “I have proof that this is a simple case of strychnine poisoning. I can tell you quite openly that over the last five days I have only stayed here because of the Führer’s illness.”

But what sort of illness was that exactly? Was it really icterus—jaundice? Or might it be a typical kind of junkie hepatitis because Morell wasn’t using properly sterile needles? Hitler, whose syringes were only ever disinfected with alcohol, wasn’t looking well. His liver, under heavy attack from those many toxic substances over the past few months, was releasing the bile pigment bilirubin: a warning signal that turns skin and eyes yellow. Morell was being accused of poisoning his patient. There was an air of threat when Brandt addressed Hitler. Meanwhile, on the night of October 5, 1944, Morell suffered a brain edema from the agitation. Hitler was unsettled beyond measure by the accusations: Treachery? Poison? Might he have been mistaken for all those years? Was he being double-crossed by his personally chosen doctor, Morell, the truest of the true, the best of all his friends? Wouldn’t dropping his personal physician, who had just given him a beneficial injection of Eukodal, amount to a kind of self-abandonment? Wouldn’t it leave him high and dry, vulnerable? This was an attack that might prove fatal, as his power was based on charisma. After all, it was the drugs that helped him artificially maintain his previously natural aura, on which everything depended.

Read the Whole Article

The post The Doctor Who Got Hitler Hooked appeared first on LewRockwell.

Nixon, LBJ, & the First Shots

Lew Rockwell Institute - Sab, 08/04/2017 - 06:01

The Democrats’ drive to defeat Neil Gorsuch is the latest battle in a 50-year war for control of the Supreme Court — a war that began with a conspiracy against Richard Nixon by Chief Justice Earl Warren, Justice Abe Fortas and Lyndon Johnson.

By June 1968, Nixon, having swept his primaries, was cruising to the nomination and probable victory in November.

The establishment was aghast.

Warren’s bitterness toward Nixon dated to their California days. Sen. Nixon had worked behind the scenes for Ike’s nomination in 1952, though Gov. Warren was California’s favorite son. Warren had been crushed and humiliated — but Nixon was rewarded with the vice presidency.

Current Prices on popular forms of Gold Bullion

Now, 16 years later, the chief justice was ready to step down but desperately did not want his nemesis Nixon choosing his successor.

So, Warren and LBJ colluded in a plot. Warren announced his resignation from the court contingent on Senate confirmation of his successor. LBJ then named Warren’s ally and his own longtime crony, Fortas, to succeed Warren.

The fix was in. Nixon was boxed, and adopted a posture of benign neutrality on Fortas’ elevation, having been warned by future Secretary of State Bill Rogers that he would be accused of anti-Semitism if he blocked the first Jewish chief justice.

With Nixon’s knowledge, some of us on his staff ignored his neutrality posture and urged Senate conservatives to block Fortas.

Foremost among these was Strom Thurmond, who needed a little prodding, and who was provided with “Flaming Creatures,” a graphic film of transvestite sex which Fortas, alone among the nine justices, had deemed acceptable for public viewing.

Senators were invited to a closed room for a screening. Some walked out wobbly. And as I told friend Sim Fentress of Time, the “Fortas Film Festival” was going to do in our new chief justice.

And so it did. Fortas was rejected in early October. In May 1969, President Nixon named Judge Warren Burger to succeed Earl Warren.

By that May also, Attorney General John Mitchell had learned that Fortas was on a $20,000-a-year secret retainer from swindler Louis Wolfson. Mitchell went to see Warren to suggest that his friend Abe resign, rather than be impeached. Fortas got the message.

Now, with a second vacancy, Nixon, to honor his promise to select a Southerner, chose Harvard Law grad and Chief Judge of the 4th Circuit Clement Haynsworth, the youngest chief judge in the nation.

Joe Rauh, counsel for the Leadership Conference on Civil Rights, instantly branded Haynsworth a “hard-core segregationist” and liberal Democrats painted him as a grifter steeped in petty corruption, whose court decisions were steered by his stock portfolio.

This was all trash talk. Haynsworth had released black militant H. Rap Brown from jail, without requiring him to post bail, and ruled that lawyers for black defendants had a right to discover whether jurors belonged to any organizations known for bias against blacks.

No matter. Haynsworth was depicted as a corrupt and racist judge and liberal Democrats and Rockefeller Republicans united to vote him down. But while painful to the judge, his vilification by the left had split the nation along a new fault line.

Nixon’s defiant response: He sent another Southern judge up to the Senate, G. Harrold Carswell. Less distinguished than Haynsworth, Carswell got the same treatment. In a statement he had me write, Nixon tore into the Senate for an “act of regional discrimination” against the South.

While losing Beltway battles, we were winning the bigger war.

Nixon then, fatefully, sent up a third nominee, Judge Harry Blackmun of Minnesota, who was approved 94-0.

Suddenly, in 1971, there were two more openings, as Justices Hugo Black, FDR man, and former Klansman, and John Harlan resigned.

Nixon called to tell me he was sending up the first woman, a state judge from California, along with an Arkansas bond lawyer.

The heart sank. But Divine Providence intervened.

The American Bar Association voted 11-1 that Mildred Lillie was “not-qualified” and Herschel Friday got a split decision — six “not-qualified” votes and six “barely qualified.”

Panic ensued. Nixon swiftly pivoted to Lewis Powell, ex-head of the ABA, and William Rehnquist, a brilliant young conservative and legal scholar, whom Reagan would elevate to chief justice when Burger retired.

Three days after Nixon’s second inaugural, in Roe v. Wade, written by Blackmun, the court declared the right to an abortion had been hidden in the Constitution, though it had been a crime in every state when Earl Warren was appointed by Ike.

All doubt was now removed. The Supreme Court was using its right to declare what the law says and what the Constitution means — to reshape America in the image of Earl Warren and his judicial clones.

Realization that these were now the stakes, and power the issue, is the reason why Reagan nominee Robert Bork was savaged, and Bush I nominee Clarence Thomas was brutalized.

Behind the hostility to the mild-mannered and decent Neil Gorsuch lies the same malevolence that lynched Clement Haynsworth.

The post Nixon, LBJ, & the First Shots appeared first on LewRockwell.

You Can’t Fight a War Without a Scorecard

Lew Rockwell Institute - Sab, 08/04/2017 - 06:01

Okay, folks, you won’t be able to know who’s who in this Syrian War without a program! So, without further ado, enjoy!

First off, there’s several different factions over there and not all of them willingly get along. Syria has: Shi’ite Muslims, Sunni Muslims, Syrian Orthodox Christians, a small number of Catholics, Kurds, Alawite Muslims, Druze, Yazidis, and the current imported Wahhabis called ISIS and al-Nusra. The surrounding nations do not all appreciate this mix of diversity. See, Assad is an Alawite Muslim, which is how he could walk the tightrope between these various factions, since the Alawite are a tiny minority themselves.

So…neighboring Iran is Shi’ite and controls the paramilitary militias of Hezbollah and the Revolutionary Guard who have fought in Iraq and Syria. They back Assad and hate ISIS. Iran does not want to see another Sunni nation pop up on its border, which they fear will happen if we topple Assad. The United States always backs Sunni Muslims and so this fear is not without foundation. The animosity between Sunni and Shi’ite is well known. So, Iran can be counted on to supply Hezbollah and Revolutionary Guard martyr brigades to any war in Syria that a would-be Sunni government is seeking to win.

Current Prices on popular forms of Gold Bullion

Then we have neighboring Turkey, who hates Assad and ISIS, but also hates the Kurds who are one of our anti-ISIS allies. Turkey would like nothing more than to see Assad toppled and ISIS gone, but after that, the Kurds better not try to create an autonomous republic which is one of their stated goals. In fact, Turkey is engaged in a guerilla war against Kurdish separatists who hit Turkish security forces in Turkey and then run across the border into Syria to escape. The Kurdish militias themselves are mostly quasi-Marxist pseudo-socialists, but all of them are agreed that they will create an autonomous Kurdish republic once this is over. Which the Turks, our NATO ally, will not accept.

There are several minority groups within Syria that stand to suffer persecution if a hardline Sunni government (as in one our Saudi “ally” would “help” us install once Assad is gone) comes to power. There are the Alawite Muslims, because they’re associated with Assad. Also, the Syrian Orthodox Christians who date back to Paul the Apostle. They see themselves as Syrian, so they’ve got lives built there over several centuries. There are a few Catholics there also who trace their lineage back longer than the discovery of the New World. There are the Yazidi, a minority religion that worships an entity known as the Peacock Angel. There are possibly Mandeans who consider themselves John the Baptist’s disciples. And we have the Druze, a sect of Islam you have to be born into. Maybe a handful of Sufi. None of these folks are particularly cherished by the Sunni. Assad has never bothered them so long as they behaved.

All of these groups, with only a few exceptions, create their own militias for self-protection. Enter into this fray ISIS, who we all know. Also is al-Nusra, which is the local generic brand of al-Qaida. The rivalry between ISIS and al-Qaida is like the rivalry between two major soda pops. They’re both selling the same product, but each wants to be the only one selling it. Therefore, these two factions fight the militias of the minority groups, the Shi’ites, Iranian paramilitaries, Assad’s men, Iraq, the Russians, and the Western forces that enter the fray. Plus, they fight each other over internecine local power squabbles.

Of course, we know the Russians are there also. And we know the government of Iran could commit actual military forces beyond their paramilitary Revolutionary Guard and Hezbollah. So, there are two conventional armies with mechanized troops, air forces, surface-to-surface missiles, submarines, and naval assets that can enter into a war with little notice. Iran has at least five Kilo-class submarines and possible “carrier killer” cruise missiles obtained from China.

Thus, who will be the possible combatants the United States will face if it enters into this war? First, the military of Assad, of course. Possibly the conventional forces of Russia and Iran. Definitely ISIS and al-Nusra. Definitely Hezbollah and other Shi’ite militias. In time, if the United States looks the other way while NATO ally Turkey uses the cover of this war to do to the Kurds what they used the cover of World War One to do to the Armenians, the U.S. can count on the Kurds becoming a combatant. Probably allied with Shi’ite militias backed by Iran.

Down the road, if Assad is toppled and a U.S.-backed regime is installed, the Kurds will demand that autonomous republic. Which Turkey will never accept, because they don’t want a base for hit-and-run raids over the border into Turkey. So, Turkey will pressure the U.S. into saying no. Which will lead to the Second Syrian Civil War when the Kurds revolt and say, “Hey, we bled for this and we’ll have our share of the pie whether you like it or not!” And, of course, the Shi’ite militias will be more than happy to back the Kurds. Plus, the American occupation will lead up to the creation of Syrian resistance groups to target American troops as happened with Iraq.

You cannot win this war. It is as simple as that. And this Pollyanna notion that these folks are itching for democracy, fast food chains, Big Box stores, and stupid American movies and music is naïve at best. You will have to airlift the Christians, Mandeans, Sufis, and Yazidis, out of there, more than likely, or they’ll be killed. The Saudis have a big interest in Assad being gone for two reasons: Number One, it isolates Iran. Who they hate because their are Shi’ite. Number Two, they can “helpfully” assist the U.S. in installing a Sunni government that, over time, will become Wahhabi and help export that sect across the Middle East. And the United States is blundering into this nest of multi-headed Hydras eyes wide open. 

The post You Can’t Fight a War Without a Scorecard appeared first on LewRockwell.

The Way the Wind Blows

Lew Rockwell Institute - Sab, 08/04/2017 - 06:01

NB: This will be one of my more disjointed posts.  Today’s events make clear where the world is headed…and one way or another, it ain’t pretty.   But my views on that are for another day.

Just a couple of days ago, I wrote “The Takeover is Complete.”  Trump has gone from radical to neocon insider in a few short weeks.  The post was regarding Trump’s statements toward Assad and Syria – a 180 degree turn from his campaign, and since then backed up by Tomahawk Cruise Missiles.

Not only has what I have written turned out to be true, but this post is far and away the most read post I have ever written – at least twice the reads of anything else I have ever written.

Why are the most advertised Gold and Silver coins NOT the best way to invest?

What does this suggest?  I am not sure; my initial reaction: people are both stunned and hurt by the transformation of Trump.  They voted for something else.

It’s a far cry from the world we thought we’d inherit It’s a far cry from the way we thought we’d share it . One day I feel I’m on top of the world And the next it’s falling in on me . One day I feel I’m ahead of the wheel, And the next it’s rolling over me . –        Rush, Neil Peart, Far Cry .

Setting

Revelation 16:14 They are demonic spirits that perform signs, and they go out to the kings of the whole world, to gather them for the battle on the great day of God Almighty. 15 “Look, I come like a thief! Blessed is the one who stays awake and remains clothed, so as not to go naked and be shamefully exposed.” 16 Then they gathered the kings together to the place that in Hebrew is called Armageddon.

I have no idea how to interpret anything associated with Christian (or any other) eschatology.  Neither do you.  But the color is beautiful.  And the setting is the Middle East.

(CNN) The United States launched a military strike Thursday on a Syrian government target in response to their chemical weapons attack that killed dozens of civilians earlier in the week.

On President Donald Trump’s orders, US warships launched 59 Tomahawk cruise missiles at a Syrian government airbase where the warplanes that carried out the chemical attacks were based, US officials said.

This didn’t take long.  From “My attitude toward Syria and Assad has changed very much,” to “bombs away,” it only took a few short moments.

The kings from all corners, from Gog and Magog, are gathering for battle on the plains of Megiddo.

Russia is going to sit back and not react?  Iran?

There is no good outcome to this.

Oakland

What on earth does Oakland have to do with any of this?

On December 2, 2016, at approximately 11:20 p.m. PST, a fire broke out in a warehouse, known as Ghost Ship, that had been converted into an artist collective, including dwelling units, in the Fruitvale neighborhood of Oakland, California….A total of 36 people were killed in the fire, the deadliest in the history of Oakland.

I still haven’t shed any light, have I?

A criminal investigation into the fire was launched by the Alameda County District Attorney’s Office on December 4. An arson investigation was also launched. Oakland Mayor Libby Schaff said charges against anyone found responsible could range from involuntary manslaughter to murder. A report published on February 8, 2017, was inconclusive, noting that investigation was still ongoing and that the electrical system was part of the analysis.

To my knowledge, there is still no conclusion.

In Oakland – US territory, at least the last time I checked – and they still don’t know what caused the fire.

But Trump knew, within hours – half-a-world away – that it was Assad.  And…bombs away.

Now it’s come to this It’s like we’re back in the Dark Ages From the Middle East to the Middle West It’s a world of superstition . Now it’s come to this Wide-eyed armies of the faithful From the Middle East to the Middle West Pray, and pass the ammunition . –        Rush, Neil Peart, “The Way The Wind Blows” .

Superstition.  The voodoo dolls.  But whose voodoo dolls?  Palace intrigue at its finest.

By the way, what happened to Bannon?

Now it’s come to this Hollow speeches of mass deception From the Middle East to the Middle West Like crusaders in a holy alliance .

Mass deception, indeed.

The Trump Voters

It comes down to this: why did they vote for Trump?  Trump voters were mad about something.  What were they mad about?  Certainly the economy.  Likely the left-liberal social justice nonsense (despite the Crown Royal, I will avoid the vulgarities).

Did they vote to stop the wars?  Get out of the Middle East?  What the f*ck does “Make America Great Again” mean?  We already knew that America (meaning the criminal government) could bomb anywhere whenever it wanted to do so.  There is no “again” about this, bombing anywhere and everywhere.  Hillary was perfectly capable of this America.

WWTVD?  What will Trump voters do?  The ball is in their court. The action is up to them.

Is this the Trump you wanted?

Fait Accompli?

We can only go the way the wind blows We can only bow to the here and now Or be broken down blow by blow .

I hope not.  Because the wind is blowing toward Armageddon – in the worst interpretation of the term.

Conclusion

When I wrote my post about the takeover being complete, a thought came to me: a timeline is needed.

I have begun this project: capture headlines and articles about Trump; capture the changes, capture the shifts, capture when the establishment has pushed back and what happened thereafter.   A day by day timeline.  What he is today is a far cry from what people were hoping for when they voted for him.

I know the same thing can be written about Obama.  But Trump is different – not Trump the man, but Trump the idea.  His voters didn’t vote for a man, they voted for an idea – and Trump has fully betrayed the idea.

I have begun this project by going back to his election night victory.  I am currently through early February.  Once I get current, I will post it.

But I will want to go back, before the election; and I have many thoughts to add to the timeline.

If it is true – as I believe – that the Trump election reflected a real inflection point, not for whatever reality Trump presents, but for the reasons people voted for him, then this timeline needs to be captured.

I hope to have the first draft out in three or four days.

Reprinted with permission from Bionic Mosquito.

The post The Way the Wind Blows appeared first on LewRockwell.

Your Bug Barometer

Lew Rockwell Institute - Sab, 08/04/2017 - 06:01

Exceptionally mild winter temperatures across much of the US will lead to a very buggy spring and summer.

The National Pest Management Association (NPMA) released its bi-annual bug barometer – a guide showing expected pest activity throughout the US for the upcoming warmer seasons.

According to the guide, the mild winter temperatures and periodic heavy precipitation or moisture in most areas will lead to an abundance of pests including mosquitoes, ticks, and cockroaches.

Why are the most advertised Gold and Silver coins NOT the best way to invest?

The National Pest Management Association (NPMA) released its bi-annual bug barometer (pictured) – a guide showing expected pest activity throughout the US for the upcoming warmer seasons

’Ticks, mosquitoes, ants and other pests will be out in full force this spring and summer,’ said Dr. Jim Fredericks, chief entomologist and vice president of technical and regulatory affairs for the NPMA.

‘With growing concern over infectious diseases spread by pests such as West Nile virus, Zika virus, Lyme disease and more, diligent prevention and awareness is especially necessary given the high pest populations that are projected for the warmer seasons ahead.’

To make the Bug Barometer, entomologists with the NPMA combined the biological behavior of pests with the examination of previous weather conditions and forecasted weather to predict how pests will impact the country.

Read the Whole Article

The post Your Bug Barometer appeared first on LewRockwell.

Washington Has Crossed Russia’s Red Line

Lew Rockwell Institute - Sab, 08/04/2017 - 06:01

Washington’s military attack on Syria is unambiguously a war crime. It occurred without any UN authorization or even the fake cover of a “coalition of the willing.” Washington’s attack on Syria occurred in advance of an investigation of the alleged event that Washington is trying to use as its justification. Indeed, Washington’s story of Syrian use of chemical weapons is totally implausible. All chemical weapons were removed from Syria by Russia and turned over to the US and its European allies. Syria has no such weapons and has no reason to use them and every reason not to. Moreover, it is none of Washington’s business whatsoever what weapons Syria uses against terrorist forces seeking to overthrow the Syrian government.

Governments in Europe, Canada, Australia, and Japan have not condemned this war crime. Indeed, the UK Foreign Minister has declared the UK’s support. Thus does the West reveal once again its hypocrisy.

Physical Gold & Silver in your IRA. Get the Facts.

As Russia has made clear, the alleged chemical weapons attack has every hallmark of a Washington-orchestrated event in order to launch a US military attack on Syria. As the Russian Defense Ministry explained, the US air attack had to have been planned in advance of the alleged chemical weapon event. The US air strike on Syria requires advanced planning but followed immediately the event used as the excuse.

In other words, it was an orchestrated event.

Gilbert Doctorow says that the idiot Americans drowning in their own hubris have now crossed a Russian red line with consequences to follow.

Insane Washington is driving the world to thermo-nuclear war. And where are the protests?

The post Washington Has Crossed Russia’s Red Line appeared first on LewRockwell.

Bomb the Usual Arabs

Lew Rockwell Institute - Sab, 08/04/2017 - 06:01

It seems that every new US president has to prove his machismo…or make his bones, as wiseguys say…by bombing the usual Arabs.  By now, it’s almost a rite of passage.  The American public loves it.

So we just saw the US launch 59 or 60 $1.5million apiece cruise missiles at a western Syrian airfield to express President Trump’s outrage caused by seeing injured children allegedly caused by a Syrian government toxic gas attack.

But what, Mr. President, about all those Iraqi, Syrian and Afghan babies killed by US B-52 and B-1 heavy bombers?  Or the destruction of the defiant Iraqi city of Fallujah where the US used forbidden white phosphorus that burns right to the bone?

Physical Gold & Silver in your IRA. Get the Facts.

Washington claimed its radar had conclusively identified Syrian warplanes dropping chemical weapons.  This sounds to me to be unlikely.  Where was the US radar? Hundreds of miles away aboard ships? Was the info from Israel or Turkey, both with axes to grind?  Is US radar so sharp that it can tell the difference between a chemical and high explosive bomb at great distance?  Sounds highly fishy to me.

The cruise missile strike was planned well in advance and the missiles programmed accordingly.  This was likely done before the alleged chemical attack.  What a hell of a rude act to launch the attack just before China’s leader, Xi Jinping, sat down to dinner with Trump in Palm Beach.  This was the most important China-US meeting since President Richard Nixon went to meet Chairman Mao in 1972.  What a monumental loss of face for Xi and for China.  He was made to look small and irrelevant.  Was this planned in advance?  Xi should have walked out, gotten onto his plane and returned to China.

Couldn’t Trump have waited till Xi’s visit was over, a mere additional day?   What was so urgent about bombing a Syrian air base?  Do we not think that Russia, China and Iran, all Syria’s ally, will take some negative action?  Trump had actually blasted former President Barack Obama for even thinking about attacking Syria…and now here he goes and does the same thing.

While the new president was showing how tough and decisive he is by bombing the usual Arabs, the US is openly threatening war against North Korea.  Washington’s most urgent objective in the Florida summit was to somehow convince, cajole or coerce China into lowering the boom on irksome North Korea and ending its nuclear programs.

The huge insult to Xi will hardly motivate China to invade North Korea and depose Kim Jong-un.  In fact, North Korea is quite useful for China in spite of its eccentric ways and offers no threat to them.  The DPRK helps protect China’s sensitive northeast region and Manchuria from US/South Korean intervention.  Collapse of the Kim regime would drive millions of starving refugees to China, South Korea and Japan.

Worse, a now threatened US attack on North Korea could cause it to fire nuclear-armed missiles at Japan, South Korea and US bases in Japanese Okinawa and Guam.  Two nuclear warheads would be enough to turn Japan into a vast wasteland.  There are some 88,000 US troops and large numbers of dependents in the region. South Korea’s 20-million people capitol, Seoul, is partly in range of Kim Jong-un’s 170mm heavy guns dug in on the Demilitarized Zone.

An accidental naval or air clash over the South China Sea between the US and China seems inevitable.  The US is making a big fuss over atoll airbases that China has created there, but are these really so different from US Navy aircraft carriers cruising the China Sea?

The US has lost its old strategic superiority over China in the western Pacific. China’s land, air, naval and rocket forces are near parity with those of the US and well advanced in plans to drive the US far from its coasts.  Any clash would see US forces fighting half a world away against home-based Chinese forces.  US military officials are struggling to invent new strategies while cautioning the White House to avoid a fight it could lose.

As if potential wars against China and North Korea are not enough, the US is kicking sand into Russia’s face and beating the war drums over eastern Ukraine and Crimea, two regions utterly unknown to Americans.   There seems collective amnesia that Russia has thousands of nuclear-armed missiles, many pointed at the US.  Anti-Russian hysteria in the US has assumed epidemic proportions and makes the US look silly.

The US is also broadening its little wars in Yemen and Somalia in an effort to dominate the Red Sea.  The hottest new US command is the new Africa Command.

This while being at bayonets drawn with China and Russia.  Amazing strategic stupidity that would make old Bismarck turn in his grave.  Add America’s forgotten, foolish war in Afghanistan and northern Pakistan, and its provocations of Iran.

Trump likely views these issues through the eyes of a businessman, not realizing that Empire has its costs that do not fit on a balance sheet.  Sure, the US pays more for NATO than other members.  NATO is an organ of the US Empire, not a simple partnership.  Ruling the globe costs lots of money.  Even worse, much of it is being borrowed.  Interestingly, America owes more money to Comrade Xi Jin-ping’s China than anyone else.

The post Bomb the Usual Arabs appeared first on LewRockwell.

These People Frighten Me

Lew Rockwell Institute - Sab, 08/04/2017 - 06:01

Most of the things worth remembering during the 2008 presidential debates were uttered by Ron Paul.  But Mike Gravel, the former U.S. senator from Alaska had a moment.  Years earlier in the Senate, Gravel had distinguished himself for his opposition to the Vietnam War and the draft.

Then, in the first Democrat debate of the 2008 cycle, Gravel looked at the candidates posturing their bellicosity on the stage around him, including the now notorious warmongers Barack Obama and Hillary Clinton, and said, “I got to tell you, after standing up with them, some of these people frighten me — they frighten me.”

Gravel was right to be fearful.  And yet the interventionists are always somehow able to pass themselves off as wise and judicious.

They are anything but.

Myths, Misunderstandings and Outright lies about owning Gold. Are you at risk?

When Barack Obama announced in 2012 that Assad’s use of chemical weapons in Syria would be a red line for (more overt) U.S. military intervention, the truly wise and sophisticated – basically anyone with a passing familiarity with the history of forged documents, secret provocations, false flag events, and other phony war pretexts – knew for a certainty that a chemical weapons event would soon follow.

There are just too many players in the field that want the U.S. – then and now — to do their fighting for them.  And so, it wasn’t long before a sarin gas attack occurred, one that was purportedly launched by Assad on Syrian rebels.

Fortunately, there is still the occasional serious journalist, standing out like a grown up among the State’s scribbling children.  Among the adults is investigative reporter Seymour Hersh.  By 2014 Hersh had discovered that the Syrian sarin incident the year before was the work of Turkey (with the help of the Saudis), manipulating events in Syria to draw the U.S. into fighting its regional opponents for it.  For those who hadn’t swallowed the Iraq war kool-aid, it called to mind the hidden motives in which documents were forged to create a pretext for that debacle.

Hersh found that the U.S. intelligence community began having doubts about Syria’s role in the sarin attack almost immediately.  One source explained that “Turkish leadership had expressed ‘the need to do something that would precipitate a US military response.”

Now it’s Trumps turn and, rather than worldly and wise, it seems he can be played as easily as Bush and Obama.  Within days of the U.S. having abandoned its goal of driving Assad out and with victory finally within his grasp, Assad is suddenly this week supposed to have squandered it all and invited U.S. regime change anew by unleashing a chemical weapons attack on civilians near Idlib.

It doesn’t sound realistic, but even before the evidence was in Trump took the bait.

“These heinous actions by the Assad regime cannot be tolerated,” said the President.  Trump said that Obama had missed the opportunity to deal with Assad after the 2013 event and that “I now have responsibility, and I will have that responsibility and carry it very proudly.”

Is this the same Donald Trump who repeatedly urged Obama to stay out of Syria?  In 2013 he tweeted, ” We should stay the hell out of Syria, the “rebels” are just as bad as the current regime. WHAT WILL WE GET FOR OUR LIVES AND $ BILLIONS? ZERO.”

Unfortunately, Syria is only the half of it.   While taking personal responsibility for Syria, Trump took the opportunity to proclaim his responsibility for North Korea.  Trump and his team are cooking up something there, too.

If you want to see something really scary, keep your eyes on President Trump barrelling to catastrophe.  It’s like watching an approaching train wreck.  You want to avert your eyes from the spectacle, but the horror of it cries to be witnessed.

It is astonishing that people like Bush, Obama and Trump can be played so easily.

These geniuses really frighten me.

This poor country.

The post These People Frighten Me appeared first on LewRockwell.

Exposing the Party of Lincoln

Lew Rockwell Institute - Sab, 08/04/2017 - 06:01

Dr. Wilson has written an excellent book that every Republican and Independent should read. He exposes the true Republican Party of Lincoln and Bush. However, hopefully, Trump will change the Republican Party from an establishment party to a grass-root party, which the establishment disdain.

Myths, Misunderstandings and Outright lies about owning Gold. Are you at risk?

The Republic Party, the Stupid Party, is not what Democratic Party, the Evil Party, or even -rank-and-file Republicans believe it is. The Republic Party is a void reflection of the Democratic Party — only worse. Dr. Wilson illustrates the major difference between the two parties as follows: “Democrats. Someone thinks that the purpose of government is to provide welfare for bureaucrats, minority groups, and rich people. Republican. Someone thinks that the purpose of government is to provide welfare for rich people, bureaucrats, and minority groups.” Unlike the Democratic Party, which really does represents its voters, the Republican Party does not. “It only represents itself.”

As Wilson explains, the Republican Party is not a conservative party, and its national leaders are not conservatives. Moreover, although Southerners have, for the most part, supported the Republican Party since the late 1960s, the Republican Party is the antipathy of the South. After all, it is the party of Lincoln: big government, government-business partnership, Wall Street (Wall Street also controls the Democratic Party), and centralized banking. Unlike the Democratic Party, which has principles, the Republican Party has none. Its primary objective is to get candidates elected — hence, the long string of campaign slogans and dull, mediocre, noncommittal candidates. To paraphrase President Nixon, Republicans give conservatives the rhetoric and liberal the action. That is, the typical Republican, especially at the national level, speaks like a conservative, but votes and acts like a liberal or progressive. Furthermore, the Republican Party is not an opposition party. It is “a self-serving, principles organization” that “is merely a device maintained by the ruling elite to absorb and neuter discontent — a somewhat prettified carbon copy of the dominant party.”

Dr. Wilson writes with whit. If you are not self-delusional, Wilson will make you chuckle as he has a knack for expressing the truth in a humorous way.

Reprinted from Amazon.com.

The post Exposing the Party of Lincoln appeared first on LewRockwell.

Imprenditoria & burocrazia

Freedonia - Ven, 07/04/2017 - 10:03




di Francesco Simoncelli


Nel corso della storia, gli individui hanno potuto scambiare i frutti del proprio lavoro in due modi: attraverso i mezzi economici e attraverso i mezzi politici. Questa definizione deriva dagli studi del sociologo Franz Oppenheimer, il quale ci ricorda che gli individui, usando i mezzi economici, entrano in contatto per scambiare beni o servizi in modo pacifico. Il mezzo economico, infatti, prevede che le parti in causa siano d’accordo volontariamente nello scambiare gli oggetti che possiedono. Parallelamente ai mezzi economici esistono i mezzi politici, ossia quegli scambi in cui una parte in causa costringe un’altra a compiere uno scambio. Così, le interazioni tra gli individui non sono più volontarie, bensì spinte attraverso la forza. Questo meccanismo, sebbene possa sembrare vantaggioso per la parte in causa che opera la violenza, in realtà è auto-distruttivo, poiché indebolisce progressivamente la rete di scambi presente in un’economia di mercato e distorce il tessuto economico, impedendo lo svolgimento di quegli scambi in accordo con le forze di mercato.

Esiste un’organizzazione che coercitivamente sottrae risorse agli individui che le producono. Leggiamo, ad esempio, la definizione d’imposta: «L’imposta è un tipo di tributo, ossia una delle voci d’entrata del bilancio dello Stato, costituita da un prelievo coattivo di ricchezza dal cittadino contribuente non connesso a una specifica prestazione dello Stato o degli altri enti pubblici per servizi resi al cittadino, e destinata alla copertura della spesa pubblica».

Essendo l’apparato statale un’entità che non è in grado d’imbastire un sistema produttivo in accordo con le forze di mercato, esso è costretto a depredare quella parte di popolazione che dona linfa vitale alla produzione. Lo stato è rappresentato da una ristretta cerchia di persone che, per mantenere in vita il loro sistema di privilegi, ricorrono ai mezzi politici per succhiare la ricchezza di chi commercia attraverso i mezzi economici. Per mascherare questa realtà, lo stato si circonda di presunti «esperti del settore» che, accreditati dal sistema statale stesso, fungono da giustificatori delle sue azioni. Elaborano quindi sistemi matematici e quanto di più lontano dall’essenza dell’economia stessa per fornire allo Stato quella patina di benevolenza necessaria per permettere alle sue azioni d’andare avanti.

Un esempio di ciò lo troviamo negli Stati Uniti verso la fine della seconda guerra mondiale. Durante quel periodo, l’economia keynesiana aveva conosciuto il proprio boom e s’era premurata d’applaudire ai controlli dei prezzi attuati dal governo Roosevelt. Paul Samuelson, l’economista che propagandò il pensiero di Keynes nelle università di tutto il mondo grazie al suo libro di testo Economis, disse che la smobilitazione del personale militare e l’annullamento dei controlli dei prezzi (insieme alla riduzione del disavanzo pubblico) avrebbero generato il più grande periodo di disoccupazione e sbilanciamento industriale che l’economia americana avesse mai affrontato.

Così come per le sue profezie sull’URSS, Samuelson aveva torto. Il taglio della spesa pubblica, la sburocratizzazione e la diminuzione delle imposte permisero all’economia americana di riprendersi dalla sbornia post-depressione. Oggi ci ritroviamo ad affrontare la stessa retorica. Invece d’una diminuzione della spesa pubblica e della pressione fiscale, assistiamo ad una continua vessazione del ceto medio, che sta cedendo sotto i colpi inferti dalla necessità dello stato di restare a galla. Gli errori accumulati dalla sua progressiva preponderanza nei mercati mondiali l’hanno costretto a cacciare nelle casse quanti più finanziamenti possibile, così da poter continuare a operare.

Quindi, spese e tasse continueranno ad aumentare. Sempre più persone stanno lasciando l’Italia per cercare fortuna altrove. Votano coi piedi — uno dei tanti modi con cui le forze di mercato emergono prorompenti nonostante le manipolazioni centrali. Questo è il messaggio: perché darsi la pena di produrre in un paese dove i ¾ di quel che si crea vengono saccheggiati da chi sfrutta i mezzi politici per acquisire ricchezza?

È inutile che speriate in una diminuzione di spesa, tasse e burocrazia. È impossibile che accada. Innanzitutto, perché finora in Europa non è stato aggiustato nulla. In secondo luogo, lo stato stesso rappresenta un investimento improduttivo. Come ben descritto in Planning for Freedom di Ludwig von Mises, esso ha bisogno di controllare porzioni crescenti del mercato al fine di garantire la propria sopravvivenza. Passo dopo passo, ci s’avvicina ad un’economia di comando, dove ogni prezzo e ogni informazione finiscono per esser controllati dai pianificatori centrali. L’insostenibilità di lungo termine di quest’assetto è palese. La storia ci ha fornito un esempio: il crollo del muro di Berlino e il suicidio del partito comunista in Russia. Sebbene negli anni passati fosse ancora possibile ammortizzare gli squilibri causati dalle interferenze statali grazie a una forte presenza delle forze di mercato, oggi il crescendo di manipolazioni ha raggiunto picchi assurdi, rendendo l’apparato statale un esempio di TBTF per chi lo gestisce.

Esso rappresenta privilegi. Esso rappresenta pasti gratis. Non verrà lasciato morire tanto facilmente. Perciò la retorica delle tasse andrà avanti: «Le tasse sono troppo alte, ma è giusto pagarle». Questo non è «liberismo». È statalismo soft. È una giustificazione per quell’atto che vede un burocrate bussare alla vostra porta e puntarvi una pistola alla testa intimandovi di sganciar denaro in nome d’un presunto «bene comune». Voi non siete capaci di spendere i vostri soldi dove volete; solo lo stato lo sa. Solo lo stato sa che cos’è meglio per voi. Se viene diminuita la spesa pubblica e voi mantenete più soldi nel portafoglio, e li spendete dove volete o li risparmiate, vi viene detto che questo è «recessivo».

Come scrisse l’economista William Hutt in The Theory of Idle Resources, i capitali non sono mai «inattivi», né quelli umani né quelli materiali. Solo gli imprenditori sono in grado di prevedere, in base alle informazioni che essi carpiscono dall’ambiente economico, come e quando investire le risorse. È attraverso la loro creatività e il loro precedente risparmio che è possibile generare lavoro e prosperità. I pianificatori centrali possono solo tirare a indovinare dove impiegare le risorse che essi concentrano coattivamente nelle proprie mani; ma le spenderanno quasi sempre in privilegi e finanziamenti sbagliati. Infatti, essi considerano le risorse estorte come un modo per fare lavorare le persone — se sia lavoro produttivo o no non li tange. Qualora abbiano bisogno di ulteriori risorse, possono prenderle con la forza. Il concetto stesso di «diritto di proprietà» cozza coi loro progetti, e perciò sventolano il feticcio della «cura alla disoccupazione» per giustificare il loro atto riprovevole.

Sebbene si possa protrarre nel tempo una situazione simile, essa non è mai priva di conseguenze. Le imposte d’ogni tipo scoraggiano la produzione. Gli individui sono consci del fatto che ciò che essi producono è un’estensione della loro volontà. Gli individui producono per soddisfare i propri desideri e, se si trovano in un ambiente dove una parte significativa di ciò che creano viene sottratta loro con la violenza — coi mezzi politici — allora limiteranno la produzione fino a quel punto in cui potranno godere appieno delle proprie creazioni. Perché darsi la pena di produrre quell’euro in più di ricchezza, quando arriva lo stato che, con pistole e distintivi, la depreda? In un determinato ambiente economico, ogni imprenditore deve prendere in considerazione, nel calcolo imprenditoriale, il peso che ricoprono tasse e balzelli vari. In Italia, ad esempio, questo peso è diventato asfissiante.

La pianificazione centrale è cieca. Non vede che la sua sopravvivenza è controbilanciata da una desertificazione della produzione. È così che funzionano le forze di mercato: l’anomalia viene spinta fuori dal sistema. Più essa si dimena per sopravvivere, più le forze di mercato intensificano la propria azione per purificare l’ambiente economico dalla sua esistenza. È la produzione, non la spesa, a creare prosperità. L’apparato statale è incapace di produrre, perché non sa operare un calcolo economico: quindi deve prendere altrove (distruggendo lavori) e spendere laddove ritiene arbitrariamente più proficuo. Questo modo d’agire erode il bacino delle risorse reali, perché impedendo la nascita d’attività in accordo con le forze di mercato si toglie vigore al suddetto bacino. Il consumo prevale sulla produzione, e ogni tassa sui risparmi reali scoraggia l’accumulo di capitale.



L'IMPRENDITORIA CORRE, LA BUROCRAZIA RINCORRE

Nel suo libro del 1944, Bureaucracy, Ludwig von Mises tracciava la differenza netta tra la burocrazia che poteva prosperare da quanto toglieva ai produttori reali, e la classe imprenditoriale che poteva prosperare impegnandosi in un commercio proficuo con i clienti. La burocrazia può permettersi di sbagliare visto che la sua sopravvivenza è slegata dai giudizi del mercato, mentre l'imprenditore è legato ai giudizi del mercato perché da essi dipende la redditività della sua attività. I consumatori sono i re in un'economia di mercato, mentre sono spodestati dal loro trono in un'economia irrigidita da un tessuto burocratico crescente.

La burocrazia, infatti, oltre che attraverso le tasse, cerca di ampliare la propria sfera d'influenza a scapito delle altre agenzie burocratiche. Come? Sottraendo i fondi agli altri dipartimenti. Questo significa più clientelismo. Questo significa più scartoffie da compilare per quei contribuenti che si vedranno aumentare i legacci burocratici intorno alla loro vita. L'ampliamento della burocrazia segue la Legge di Parkinson: all'aumentare del tempo speso per conformarsi ai suoi dettami, aumenta il potere della burocrazia.

Essa, infatti, cercherà sempre un compromesso con i pesci grandi. Nessun burocrate vuole trovarsi nella condizione di combattere contro uno stuolo di avvocati che potrebbero rendergli la vita difficile. Meglio i pesci piccoli. Non si dimenano più di tanto ed è possibile pescarli con una certa facilità. Se poi ci mettiamo che è possibile "ucciderli" senza creare tanto clamore, abbiamo di fronte una macchina assassina e parassitaria che cerca solamente di perpetrare sé stessa senza riguardo alcuno per la vita umana.

L'unico parametro di cui si preoccupa la burocrazia è il consenso. Maggiore è il consenso e la fiducia nei suoi mezzi, maggiore sarà la sua onnipotenza. Non dovendo soddisfare i desideri degli individui, essa si rivolge al lavaggio del cervello per ottenere consensi. In questo modo, nonostante tutto ciò che si suppone debba rappresentare un compito essenziale svolto da un'agenzia presumibilmente super-partes, finisce per essere un buco nero che risucchia risorse economiche scarse. Il tutto con l'assoluzione della maggior parte delle persone che afferma, in modo scriteriato, come una maggiorazione di fondi e potere possa rendere l'apparato burocratico efficiente e profittevole. Cattedrali nel deserto, infrastrutture pericolanti, furti, raggiri, umiliazioni, ingiustizie, non bastano affinché i contribuenti stacchino la spina. Ogni nuovo sopruso non solo sembra passare quasi inosservato, ma addirittura viene giustificato.

La vera vittoria della burocrazia è quella di riuscire a mettere l'uno contro gli altri gli attori di mercato. Fomentare il caos tra di loro, creare il dubbio, spargere zizzania, in modo che possa emergere come cavaliere senza macchia e proporre rimedi a problemi che essa stessa ha creato. Non avrebbe altro modo per affermare la sua esistenza. Ecco perché esiste la cosiddetta "scuola dell'obbligo". Fortunatamente non tutti coloro che passano attraverso questo tritacarne ne escono devastati dal punto di vista dei principi di libertà politica ed economica. Pensate, ad esempio, al caso di quel ragazzino che vendeva merende a scuola. Senza lasciarsi incantare dalla propaganda socialista/statalista spacciata nelle aule scolastiche, questo giovane imprenditore ha dato prova di come funziona davvero il mercato: soddisfare i bisogni altrui al prezzo migliore.

Qual è questo prezzo migliore? Quello al quale domanda e offerta s'intersecano. Ma se esistono questi due parametri, allora vuol dire che gli individui nella scuola erano interessati alla merce venduta dal giovane imprenditore torinese. Chi veniva leso? Per caso si trattava di estorsione? Le transazioni avvenivano pacificamente ed ognuna della parti riteneva d'averci guadagnato. Man mano che la domanda aumentava, l'offerta veniva diversificata e con essa la sofisticazione del prodotto chiamava prezzi più alti. In questo modo, oltre a farsi un'idea quanto più precisa dei gusti dei compagni di scuola, s'impegnava ad anticiparli ed azzeccare in modo preciso quale tipo di offerta presentare in modo da aumentare i profitti. Parte di questi, poi, venivano investiti di nuovo nell'acquisto di ulteriore offerta.

Non solo. Questo ragazzino aveva anche appreso il principio base che regola i mercati finanziari: comprare basso, vendere alto. Ma soprattutto aveva compreso qual è il principio da seguire se si vuole avere successo dal punto di vista imprenditoriale: il consumatore è il re in un'economia di mercato.

Potreste pensare che il dirigente scolastico abbia elogiato la sua condotta. E invece no, poiché il preside ha sospeso il ragazzo e l'ha attaccato poiché avente infranto le regole. Non sorprende se i grandi imprenditori della storia, come Steve Jobs e Bill Gates, abbiano abbandonato gli studi e poi siano stati in gradi di fare fortuna. Non solo, ma il ragazzo è stato anche multato. Questo per dire che senza le autorizzazioni ed i legacci posti dall'alto da un'autorità burocratica, non è possibile esprimere il proprio potenziale; a quanto pare esistono persone "più capaci" che possono discernere quali attività sono legittime e quali no. La cosa davvero esilarante, e sciocca allo stesso tempo, è che il preside della scuola del giovane imprenditore ha parlato di una "questione sanitaria". E quando i compagni di banco si scambiano vettovaglie? In realtà si tratta della solita solfa socialista/statalista che condanna il profitto imprenditoriale e preferisce sommergere di critiche ed insulti quegli individui che tentano di emergere rispetto alla massa grazie alle loro idee imprenditoriali.

Nonostante la scuola tenti di bloccare la vocazione imprenditoriale dei futuri imprenditori e lo stato cerchi di controllare capillarmente la società, entrambe queste forze non fanno altro che rincorrere un mondo in costante evoluzione. Ovvero, quando la pianificazione centrale crede d'aver messo una toppa ad una falla nel suo sistema di controllo, ne appaiono altre due. Questo processo è esponenziale. Perché? Perché il libero mercato è dinamismo, mentre lo stato ed i suoi lacchè hanno una visione statica delle cose. Imprimono nella testa un momento preciso del mercato e cercano d'imporlo a tutti i costi per quanto tempo sia possibile.

Alla fine devono desistere pena la mancanza di risorse e un ritardo rispetto al resto del mondo. Ciò significherebbe la fine degli investimenti esteri. Non solo, ma una continua fuga di risorse umane sarà inevitabile. Ancora ci sono opportunità affinché l'Italia, nel caso particolare, possa emanciparsi dagli arcaismi socialisti che ne hanno caratterizzato la nascita, però deve abbracciare il libero mercato perché quest'ultimo è la soluzione non il problema.



L'EPITAFFIO DELLO STATO: IL SISTEMA POSTALE

Per molte persone, anche tra coloro facenti presumibilmente parte del movimento libertario, questo esito pare un'utopia. Ritengono che lo stato abbia talmente pervaso la vita degli individui che sia legato indissolubilmente alla società. Non è così. Lo stato parassita la società, non aiuta affatto il progresso e l'avanzamento del benessere e della vita. Sebbene possa avere il consenso di una gran parte degli individui, la sua nascita è stata circoscritta ad una ristretta cerchia di persone. È un costrutto nato dalla pianificazione, non da un ordine spontaneo imbastito dalla scelta volontaria degli attori di mercato. Il furto e la violenza sono state le caratteristiche che ne hanno connotato la sopravvivenza, e questo a scapito della produzione di ricchezza reale da parte degli attori di mercato.

Come diceva George Orwell: "È una costante lotta riuscire a notare ciò che c'è sotto il proprio naso."

Infatti piano piano sta cadendo in mille pezzi la storiella dello "stato buono" grazie al quale possiamo godere di tutte le meraviglie del mondo a costo zero. Fino a poco tempo fa, la maggior parte delle persone inorridiva alla vista di un settore privato che chiedeva un compenso in denaro per effettuare determinate prestazioni sanitarie. Ora scopriamo che Milton Friedman aveva ragione quando diceva: "Non esiste qualcosa come un pasto gratis." L'unico problema è che il settore privato calcola i propri interessi in base alle esigenze e alla soddisfazione dei clienti; lo stato, invece, calcola i propri interessi in base agli sprechi. Perché? Perché come documentò Ludwig von Mises nel suo libro del 1920, Economic Calculation in the Socialist Commonwealth, l'apparato statale è incapace ad operare un calcolo economico in accordo con le forze di mercato.

Procede alla cieca, consumando progressivamente il bacino della ricchezza reale della società. Con l'arrivo del periodo delle vacche magre a causa di errori economici precedenti, cerca di sopravvivere parassitando ancora di più il tessuto produttivo. Ma ogni tassa che approva, è un chiodo in più nella sua stessa bara.

Pensate agli ultimi festeggiamenti a Roma per rinnovare i trattati con cui è stata approvata la nascita dell'UE. Questa baracconata è l'ennesima evidenza di come il progetto europeo abbia imboccato il viale del tramonto. Chi festeggiava, in realtà? Dov'era il supporto della popolazione a questa banda di burocrati presumibilmente onniscienti? I pianificatori centrali credono di riuscire a mantenere unito qualcosa che è stato creato a tavolino cercando d'ingabbiare le scelte degli individui in una selva sempre più fitta di regolamentazione. La Brexit è stato lo smacco più potente che potesse subire questa appendice del NWO, e non basteranno i vertici su vertici, nonché buffonate come quella svoltasi a Roma il 25 marzo scorso, a tenere unita una serie di paesi completamente diversi. I fuochi d'artificio torneranno a luglio quando scadrà l'ultima tranche di prestiti concessi alla Grecia.

Pensate al sistema postale. Sin dalla Cina medievale, il sistema postale è servito per spiare e sapere dove fossero le persone. Così come per le strade, lo stato ha fatto in modo di raggiungere ogni angolo della società in modo da imporre il suo sistema tributario. Fino a quarant'anni fa il sistema postale statale sembrava un moloch impossibile da fermare, sembrava una lotta contro i mulini a vento; oggi, invece, quasi nessuno vi presta più attenzione. Si è sgretolato progressivamente sotto i nostri occhi, senza che ce ne accorgessimo. Come è potuto succedere? Eppure nessuno ha pianificato nulla.

Ed è proprio questo il bello del libero mercato che si riflette nelle scelte dei singoli attori di mercato. È questa sua imprevidibilità che fa impazzire i pianificatori centrali e li sottopone a rincorrere affannosamente l'evoluzione della società. Ormai il sistema postale è diventato una reliquia di un'epoca passata, è marginale alle nostre vite. Perché? Perché l'abbiamo aggirato attraverso la tecnologia. Il mondo digitale e le innumerevoli scelte dei singoli attori di mercato hanno abbattuto un pachiderma presumibilmente invincibile. È solamente un'appendice dispendiosa dello stato, ecco perché si è cercato di vendere la parte concernente la consegna/invio di posta e trattenere in mani pubbliche quella bancaria e assicurativa. La IPO era solamente un trucco d'ingegneria finanziaria per raccogliere fondi tra i creduloni, infatti il titolo non è andato da nessuna parte sin dal suo debutto nell'ottobre 2015.

Voglio dire, chi sanno di mente può credere ad un istituto il cui sottostante è un mucchio di cartaccia obbligazionaria dello stato italiano? Alla fine andrà in default per tutti quei settori dell'economia che ha invaso e si porterà dietro il risparmio di quegli italiani tanto stupidi d'aver creduto alle promesse di una manciata di burocrati. Ci sarà bisogno del Grande Default per comprenderlo platealmente, ma nel frattempo gli avanzamenti tecnologici nel settore privato rappresenteranno l'epitaffio sulla tomba dello stato. Milioni di burocrati regolano le nostre vite, ma sono pochissimi i servizi che forniscono dai quali siamo dipendenti. Questo significa che durante il Grande Default saremo in grado di eliminare tutte quelle agenzie statali superflue e non saremo sottoposti ad un dolore economico insopportabile per la loro dipartita.


Perché Israel Kirzner merita il premio Nobel

Von Mises Italia - Ven, 07/04/2017 - 08:36

Nell’autunno del 2014 hanno iniziato a circolare le voci secondo le quali il professor Israel Meir Kirzner (classe 1930 economista, rabbino britannico naturalizzato statunitense ed esponente della scuola austriaca), insieme a William Baumol (classe 1922, economista statunitense, professore alla New York University e alla Princeton University), erano possibili candidati per il premio Nobel. La fonte del rumor era la Thomson-Reuters la società di database scientifico – e alla base della voce erano i modelli di citazione. Anche se è un database diverso, ma solo per facilità di ricerca ai lettori di questo saggio, in modo che possano verificare la presenza di se stessi, una ricerca su Google Scholar sarà sufficiente a fornire una certa prospettiva sull’impatto scientifico in fase di registrazione da Baumol e Kirzner. I rilevanti contributi di Baumol sono i seguenti:

  • “Entrepreneurship: Productive, Unproductive, and Destructive.” Journal of Political Economy 98(5) 1990: 893-921 con 4.641 citazioni;

  • Contestable Markets and The Theory of Industry Structure. New York: Harcourt Brace Jovanovich, 1982 (coauthored with John C. Panzar, and Robert D. Willig) con 6.454 citazioni;
  • “Contestable Markets: An Uprising in the Theory of Industry Structure.” The American Economic Review 72(1) 1982: 1-15 con 2.455 citazioni;
  • “Entrepreneurship in Economic Theory.” The American Economic Review 58(2) 1968: 64-71 con 1.581 citazioni.

I contributi rilevanti di Kirzner dovrebbero includere:

  • Competition and Entrepreneurship. Chicago: University of Chicago Press, 1973 con 7.550 citazioni;

  • “Entrepreneurial Discovery and the Competitive Market Process: An Austrian Approach.” Journal of Economic Literature 35(1) 1997: 60-85 con 3.273 citazioni;

  • Perception, Opportunity, and Profit: Studies in the Theory of Entrepreneurship. Chicago: University of Chicago Press, 1979 con 2.604 citazioni. (1)

Confronta questi numeri con i precedenti premi Nobel, come F.A. Hayek, il cui “l’uso della conoscenza nella società” ha raccolto 13.935 citazioni e opere come La via della schiavitù e la costituzione della libertà, che sono stati citati più di 8.000 volte ciascuno. Al famoso “Il ruolo della politica monetaria” di Milton Friedman poco più di 7.000 citazioni e la sua Storia monetaria degli Stati Uniti (coautore con Anna Schwartz – 1915-2012 economista americana al National Bureau of Economic Research di New York City) appena sotto le 8.000. Di James Buchanan (1919-2013 economista statunitense) Il Calcolo del consenso (coautore con Gordon Tullock – 1922-2014 economista) è stato citato più di 10.000 volte, ma il suo saggio seguente più citato è: “La teoria economica dei clubs” che ha raccolto poco più di 3.800 citazioni.

Quindi le voci non erano incredibili sulla base dei criteri della Thomson-Reuters. E Baumol e Kirzner erano già stati riconosciuti in Svezia con il Premio Internazionale per l’Imprenditorialità e la Ricerca sulle piccole imprese e per il loro lavoro nel campo dell’imprenditoria. Così, ancora una volta, le voci erano (sono) plausibili, anche se, naturalmente, improbabili – soprattutto per quanto riguarda Kirzner, dato il suo status di outsider. Ahimè, né Baumol né Kirzner hanno ricevuto la telefonata quel giorno dell’ottobre nel 2014.

Ho intenzione di utilizzare questa occasione per fornire alcuni motivi per chiedere di avere, e speriamo, ricevere quel riconoscimento da parte della Svezia, in particolare perché i contributi di Israel Kirzner alla nostra comprensione del comportamento concorrenziale, della struttura industriale e del processo del mercato imprenditoriale dovrebbero essere riconosciuti. Vorrei anche dimostrare che il lavoro di Kirzner fornisce una piattaforma per la ricerca futura alla teoria dei prezzi ed al sistema di mercato più in generale. (2)

L’aspetto dei contributi che voglio sottolineare sono le intuizioni di Kirzner sulla naturale rivalità del comportamento concorrenziale e del processo di mercato. Egli ha sollevato le questioni fondamentali per l’analisi della teoria del mercato ed il funzionamento del sistema dei prezzi, che è alla base stessa della scienza economica. I suoi scritti sul comportamento economico, in tutta la loro varietà e complessità, esplorano l’ambiente istituzionale che consente una economia di mercato per realizzare i vantaggi reciproci dal commercio, per ritrovare continuamente i guadagni da innovazione, per produrre un sistema caratterizzato dalla crescita economica e per la creazione di ricchezza.

L’interesse personale e la Mano Invisibile

La scienza economica fin dalla sua nascita si compone di due affermazioni che devono essere conciliate l’uno con con l’altra: il postulato dell’interesse personale e la spiegazione della mano invisibile. Da Adam Smith in avanti molti hanno spiegato il rapporto del collassare, uno sull’altro, attraverso i rigorosi presupposti cognitivi e postulando un ambiente privo di attrito o hanno cercato di dimostrare l’impossibilità di far quadrare queste due affermazioni a causa di carenze cognitive o di una varietà di attriti supposti.

Così i dibattiti di economia politica sul ruolo del governo nell’economia tendevano, dopo la Seconda Guerra Mondiale, ad accendere ad un assioma dei mercati perfetti o la dimostrazione di deviazioni da quella ideale a causa di mercati imperfetti. Kirzner, fin dall’inizio della sua carriera, ha dovuto affrontare obiezioni alle spiegazioni della mano invisibile associate a domande riguardanti la razionalità umana, l’esistenza del potere del monopolio, la pervasività delle esternalità ed ad una varietà di deviazioni dal libro di testo ideale della concorrenza perfetta.

In due modi gli economisti hanno risposto alle critiche del funzionamento dell’economia di mercato: in primo luogo, la chiarezza concettuale, in cui il teorico insiste sull’illustrare le condizioni di base su cui si stanno facendo affermazioni sulla mano invisibile e dimostrando che le critiche si basavano su fondamenta sbagliate; in secondo luogo, dalla dimostrazione che le deviazioni dalla nozione dal manuale ideale della concorrenza perfetta, non necessariamente, impediscono al sistema dei prezzi, di fare il proprio lavoro, di coordinare l’attività produttiva di alcuni i modelli di consumo con degli altri e la spiegazione della teoria della mano invisibile del mercato risulta dalla ricerca del proprio interesse all’interno di un certo insieme di condizioni istituzionali. Tali condizioni istituzionali sono stabilite dalle leggi di proprietà e di contratto che sono fissate e applicate e che costituiranno il quadro in cui ha luogo l’interazione economica.

Nel lavoro di Kirzner esamineremo entrambe queste risposte alle critiche del mercato. In realtà ha intitolato un saggio relativamente tardi nella sua carriera “I limiti del mercato: il reale e l’immaginato” (1994). La chiarezza concettuale percorre un lungo cammino per correggere un libero pensiero legato alla razionalità umana, all’esternalità, al potere del monopolio, ecc. ed alla forza dei processi di mercato per fornire l’incentivo agli operatori economici di adeguare continuamente il loro comportamento e di adattarsi al mutare delle circostanze per gran parte del rimanente. Lontano dal ribadire una teoria del ricostruito mercato-perfetto, questo approccio Kirzneriano costringe l’analista a guardare con attenzione alle proprietà dinamiche del sistema in quanto è in continua evoluzione verso una soluzione ed il ruolo essenziale è svolto nel quadro della strutturazione del contesto economico.

L’“inefficienza” di oggi è l’opportunità di profitto di domani per l’individuo che è in grado di agire alla situazione e di spostare il sistema in una direzione meno “errata” di prima. E se l’attuale decisore critica e non fa il necessario aggiustamento, un altro lo farà per lui, le risorse saranno reindirizzate, ed un modello di scambio e di produzione emergerà meglio coordinato dai piani dei partecipanti al mercato. Il lavoro di Kirzner volge la nostra attenzione teorica lontano dagli esercizi di ottimizzazione contro il vincolo dei dati e verso gli attori umani attenti e creativi che scoprono continuamente strade per realizzare profitti dal commercio e guadagni dalla innovazione.

Kirzner e Mises

Ludwig von Mises ha stimolato la ricerca intellettuale di Kirzner. Nato in Inghilterra il 13 febbraio 1930, Kirzner e la sua famiglia si trasferirono in Sud Africa nel 1940. Nel 1947 ha frequentato l’Università di Città del Capo, ma poi si trasferì negli Stati Uniti alla fine dell’anno accademico. Dopo la laurea al Brooklyn College, nel 1954, Kirzner decise di conseguire la laurea in economia aziendale, con indirizzo in ragioneria, presso la New York University e nel 1955 ha conseguito il Master in Business Adomistradion. Mentre completava il corso per l’MBA, Kirzner ha cercato un corso più impegnativo, per sua scelta, così ha guardato nell’elenco della facoltà i professori che avevano pubblicato molti libri ed erano stati premiati con prestigiosi riconoscimenti. Capitò sul nome di Ludwig von Mises. Lui ha raccontato la sua storia innumerevoli volte; i compagni e gli amministratori lo avvertirono di non frequentare quel corso perché dicevano che Mises era vecchio e non più al passo con i tempi.

Ma Kirzner frequentò, comunque, il corso che ha cambiato la sua vita. Nello stesso semestre stava seguendo la teoria dei prezzi, utilizzando La teoria del prezzo di Stigler (1952) e imparando a distinguere fra la scelta entro i vincoli e la logica della concorrenza perfetta; nel seminario di Mises stava leggendo l’Azione umana (Human Action), portando a conoscenza l’agonia umana del processo decisionale in mezzo a un mare di incertezze e che il mercato non era un luogo o una cosa, ma un processo. Le idee di Mises lo incuriosivano e conciliando ciò che stava imparando da Stigler con quello che stava apprendendo da Mises hanno scatenato la sua immaginazione intellettuale. E’ cambiato il suo percorso: dalla carriera di contabile professionista a quella di economista accademico. In un primo momento Mises, che ha riconosciuto il potenziale di Kirzner, gli raccomanda di andare alla Johns Hopkins University e lavorare con il più giovane, il più professionale ed inserito tra gli economisti accademici contemporanei: Fritz Machlup (1902-1983 economista austriaco). Mises ha persino organizzato una borsa di studio per Kirzner. Ma Kirzner ha scelto di rimanere, fino alla fine, alla New York University sotto la direzione di Mises ed il suo dottorato di ricerca in economia è stato premiato nel 1957. In quel periodo ha ricevuto la nomina a professore di economia alla New York University e ha insegnato fino al suo pensionamento nel 2000.

Il primo libro di Kirzner è stato: Il punto di vista economico (1960), sviluppato dal suo dottorato di ricerca come tesi di laurea. Bettina Bien Greaves (classe 1917), della Fondazione per l’Educazione Economica, ha frequentato regolarmente il seminario di Mises alla New York University e ha preso accurati appunti nel corso degli anni. Un aspetto di quelle note erano le idee di ricerca che Mises avrebbe tirato fuori dal corso. La prima idea del genere la annotò il 9 novembre 1950 ed era: “Hai bisogno di un libro sull’evoluzione dell’economia, come scienza della ricchezza, ad una scienza dell’azione umana”. (3) Questo argomento è quello che Kirzner ha analizzato nella sua tesi e nel libro successivo. Il punto di vista economico attentamente e meticolosamente annotato nello sviluppo del pensiero economico, concentrandosi sul significato che gli economisti hanno annoverato nel loro soggetto: dai classici (scienza della ricchezza) ai moderni (scienza dell’azione umana). Il capitolo chiave del libro cerca di elaborare lo sviluppo della prasseologia di Mises.

L’importanza della prasseologia di Mises

Kirzner sostiene tutti i contributi unici di Mises nei vari campi della teoria economica, perché sono il risultato di uno sviluppo coerente della prospettiva prasseologica sulla natura della scienza economica. “Se la teoria economica, come la scienza dell’azione umana, è diventata un sistema per mano di Mises, essa è così perché la sua comprensione, del suo carattere prasseologico, impone le sue proposizioni in una logica epistemologica che di per sé crea questa unità ordinata” (Kirzner, il punto di vista economico, p. 160).

L’economia, come il ramo più sviluppato della prasseologia, deve iniziare con la riflessione sull’essenza dell’azione umana. “Lo scopo non è qualcosa che deve essere semplicemente ‘preso in considerazione’: esso fornisce l’unica base del concetto di azione umana” (ibid., p. 165) … I teoremi dell’economia, vale a dire, i concetti di utilità marginale, di costo dell’opportunità ed il principio della domanda e dell’offerta, sono tutti derivati dalla riflessione sulla finalità dell’azione umana. La teoria economica non rappresenta un insieme di ipotesi verificabili, ma piuttosto un insieme di strumenti concettuali che ci aiutano nella lettura del mondo empirico.

Ciò che rende unico delle scienze umane, in contrasto con le scienze fisiche, è che il punto essenziale del fenomeno, oggetto dello studio, sono gli scopi umani ed i programmi. Come studente di Mises, Fritz Machlup una volta ha posto la seguente domanda: “Se il soggetto potesse parlare, cosa direbbe?” Lo scienziato umano può attribuire il risultato ai fenomeni in discussione. In realtà egli deve assegnare lo scopo umano se vuole rendere tali fenomeni oggetto di indagine intelligibile. Possiamo capire che i pezzi di metallo e la carta cambiano la funzione alle mani, come il “denaro”, è causa delle finalità e dei piani che noi attribuiamo alle parti negoziali. Lo scienziato umano può e, anzi deve, basarsi sulla conoscenza delle tipizzazioni ideali di altri esseri umani.

Siamo in grado di capire il comportamento mirato dell’“altro”, perché noi stessi siamo umani. Questa conoscenza, denominata “conoscenza dal di dentro”, è unica per le scienze umane ed è stato un disastro totale cercare di eliminare il ricorso ad essa importando i metodi delle scienze naturali e delle scienze sociali per creare la “fisica sociale”. Gli scienziati hanno dimenticato che, mentre era opportuno eliminare l’antropomorfismo dallo studio della natura, sarebbe del tutto indesiderabile eliminare l’uomo, con i suoi scopi ed i suoi progetti, dallo studio dei fenomeni umani. Un tale esercizio comporta risultati nel “meccano-morfismo” delle scienze umane (dottrina in cui l’universo è completamente spiegabile in termini meccanicistici), vale a dire, attribuendo un comportamento meccanico ai soggetti umani creativi. In una situazione del genere si finisce per parlare del comportamento economico dei robot, non degli uomini. Ma questo è esattamente quello che è successo nel dopoguerra, quando l’“economia” è stata studiata come un meccanismo astratto in contrasto con l’arena in corso dove fuori si gioca l’impegno degli individui per migliorare la loro condizione.

Il processo di mercato ed il costante cambiamento

Come sottolineato da Mises, F.A. Hayek, Kirzner ed anche da James Buchanan, nel suo più famoso saggio “Cosa dovrebbero fare gli economisti? ” (1964), l’economia non ha alcuna teleologia in quanto tale, ma gli attori all’interno dell’economia, in effetti, hanno le loro teleologie individuali. E’ fondamentale per comprendere la natura dell’economia di mercato, dal momento che una diversità di obiettivi e di programmi sono perseguiti e soddisfatti da altri; potenziali conflitti sono riconciliati attraverso lo scambio e nuovi modi di perseguire e soddisfare sono costantemente scoperti da imprenditori creativi ed attenti. L’economia non ha un unico fine; non ha uno “scopo”. E’ invece solo un “mezzo-correlato”, un “nesso di scambi volontari”. Il mercato è sempre in sviluppo, sempre in evoluzione verso una soluzione e non in nello stato finale di rilassamento.

In misura considerevole, questo è quello che voleva dire Mises quando ha detto che il mercato non è un luogo o una cosa, ma un processo. E ciò che anima questo continuo processo di scambio e di produzione è l’intenzionale protagonista umano – con tutti le sue debolezze e le sue paure, così come la sua immaginazione ed il coraggio di progettare l’inesplorato. L’attore Misesiano non è né un animale puramente reattivo, né una macchina calcolatrice fredda, ma invece è tipicamente un protagonista umano, che ha obiettivi e che cerca di utilizzare in modo creativo, con i mezzi a disposizione, di conquistare questi obiettivi in un mondo di incertezza e di ignoranza ed è in grado di apprendere, attraverso il tempo, i passi falsi precedenti e le svolte sbagliate.

Il cambiamento è un tema costante negli scritti di Mises – i cambiamenti dei gusti, della tecnologia e della disponibilità delle risorse. L’aspetto meraviglioso del sistema dei prezzi è la sua capacità di assorbire il cambiamento: il ruolo guida dei prezzi relativi, il richiamo del puro profitto e la disciplina della perdita per reindirizzare i responsabili delle decisioni economiche, così che i loro piani di produzione e le loro richieste di consumo irretite dalla nuova realtà. E’ importante sottolineare che questo processo è in corso, o come Mises mise scrive nell’originale saggio del 1920, “Il calcolo economico nel Commonwealth socialista”, il sistema dei prezzi fornisce una guida in mezzo alla “massa sconcertante di prodotti intermedi e la potenzialità di produzione” (1975 [1920]: 103) e consente ai decisori economici di negoziare l’incessante “faticare e sgobbare” (lavorare sodo) (1975 [1920]: 106) dell’adeguamento costante del mercato e dell’adattamento al mutare delle circostanze.

Kirzner nel documento del 1967, “La metodologica dell’individualismo, l’equilibrio di mercato ed il processo di mercato”, persegue le implicazioni del senso di Hayek sull’esito dei problemi economici, come conseguenza del mutare delle circostanze. Come Kirzner dice: “Questo è il carattere fondamentale del processo di mercato messo in moto con l’esistenza di una situazione di disequilibrio. L’elemento cruciale è la scoperta dell’errore e la conseguente riconsiderazione, da parte degli operatori, della vera alternativa ora apertasi. Il processo di mercato procede per comunicare la conoscenza. Il presupposto importantissimo è che gli uomini imparano dalle loro esperienze di mercato “(il corsivo è originale, 1967: 795). Questa è una descrizione che può prima essere vista nel suo articolo “l’azione razionale e la teoria economica” nel Journal of Political Economy del 1962, ma in seguito più completamente sviluppato nel suo Competition & Entrepreneurship (1973). La sua insistenza in ognuna di queste opere è il decisore umano, che è più della pura massimizzazione dell’omo-economicus, ma una creatura homo-agens più aperta e quindi l’imprenditore creativo ed attento agisce sulle lacune del sistema che si riflettono nello stato di disequilibrio delle cose.

Kirzner ne: La teoria del mercato ed il sistema dei prezzi, afferma: “Abbiamo visto che se un mercato non è in equilibrio questo deve essere il rilevante risultato di impreparazione da parte degli operatori di informazioni sul mercato. Il processo di mercato, come sempre, svolge le sue funzioni incidendo su quelli che prendono decisioni, quegli articoli essenziali di conoscenza che sono sufficienti per guidarli a prendere decisioni come se possedessero la completa conoscenza alla base dei fatti”. (tratto dall’originale, 2011 [1962 ]: 240)

Kirzner Nel significato del processo di mercato, delineerebbe l’importante distinzione tra le variabili sottostanti del mercato (i gusti, la tecnologia e la disponibilità di risorse) e le variabili indotte del mercato (prezzi e utili/perdite contabili) e ha spiegato come il processo di mercato possa essere descritto come l’attività continua che deriva da individui su entrambi i versanti del mercato e che cercano di soddisfare i loro programmi per l’ottimizzazione (1992: 42). Quando i piani di produzione, di cui alcuni perfettamente a coda di rondine (che collimano), con i piani dei consumi degli altri e le variabili indotte e sottostanti sono coerenti tra loro. Se non esiste coerenza reciproca, avremo la continua attività economica perché sarà nell’interesse delle parti di proseguire nella ricerca di una situazione migliore di quanto non si stia attualmente realizzando.

I segnali di profitto e l’imprenditorialità

I prezzi relativi ci guidano nel processo decisionale; i profitti ci invogliano nelle nostre decisioni e le perdite puniscono le nostre decisioni. Questo è il modo in cui il sistema dei prezzi imprime su di noi gli elementi essenziali della richiesta di conoscenza per il coordinamento del programma. O, come Kirzner vorrebbe riassumere il senso nel Entrepreneurial Discovery and the Competitive Market Process” (La scoperta imprenditoriale ed il processo del mercato competitivo ndt): “Il processo imprenditoriale è così messo in moto ed è un processo che tende verso una migliore conoscenza reciproca tra i partecipanti al mercato. Il richiamo di puro profitto in questo modo imposta il processo attraverso il quale, il profitto puro, tende ad essere concorrente. La maggiore conoscenza reciproca, tramite il processo di rilevamento imprenditoriale, è la fonte della proprietà equilibrativa del mercato” (Kirzner 1997: 72).

Il contributo teorico di Kirzner offre una risposta ad una delle domande critiche della teoria economica pura – il percorso convergente all’equilibrio, guidato dalle variazioni di prezzo – un problema fastidioso e riconosciuto da Kenneth Arrow (1921-2017 economista, vincitore, assieme a John Hicks, del Nobel per l’economia nel 1972) nel suo saggio del 1959 sulla teoria dell’ aggiustamento dei prezzi, di Franklin Fisher nel Disequilibrium Foundations of Equilibrium Economics (1983) (I fondamenti del disquilibrio e dell’equilibrio in economia) e più recentemente da Avinash Dixit (classe 1944, economista) in Microeconomia: a Very Short Introduction, dove si afferma l’idea di base di analisi dell’offerta e domanda in un equilibrio di mercato: “il problema di questa risposta è che nella logica delle curve della domanda e dell’offerta ogni consumatore e produttore risponde al prezzo dominante, che è al di fuori del controllo di uno di essi. Allora, chi regola, verso l’equilibrio, il prezzo?” (2014: 51)

Kirzner risponde: è l’attenzione dell’imprenditore creativo che agisce sulle lacune dei prezzi e dei costi per realizzare i guadagni dal commercio e gli utili dalla innovazione, che regolano il comportamento del mercato dei partecipanti per coordinare i programmi di produzione con le richieste dei consumi. Il processo di mercato presenta questa tendenza per perseguire i guadagni dal commercio (efficienza di scambio), cercando di utilizzare le tecnologie meno costose nella produzione (efficienza produttiva) e soddisfare le esigenze dei consumatori (l’efficienza del prodotto-mix), ma non è così in modo da pre-conciliare tutti i programmi prima di rivelare un prezzo ed una grandezza vettoriale per liberare tutti i mercati, come in un modello walrasiano, irriducibile dall’equilibrio competitivo generale. Piuttosto lo fa attraverso il continuo processo di scambio e di produzione guidata da aggiustamenti dei prezzi relativi, il richiamo di puro profitto e la punizione della perdita, che conciliano i piani diversi, e spesso divergenti degli attori economici attraverso il processo del mercato stesso.

I mercati scendono sempre a breve dall‘idea astratta di allocazione “efficiente” (o l’ ottimo di Pareto ndt), ma il mercato stesso è adattivo efficiente ed in costante segnalazione per avvertire gli imprenditori di quali modifiche devono essere effettuate e premiare coloro che correttamente le regolano e penalizzare quelli che non lo fanno. I mercati possono ”fallire”, ma la risposta migliore è quella di consentire al mercato di fissare il “fallimento”. Gli sforzi per risolvere i guasti da parte degli attori esterni, al processo in corso di adeguamento del mercato e dell’adattamento, saranno senza aiuto da parte del sistema dei prezzi e, per definizione, la struttura di incentivi che forniscono i diritti di proprietà, la presenza di guida che i prezzi relativi offrono ed il processo di selezione reso possibile effettuata dal calcolo dei profitti e delle perdite.

Di conseguenza, le autorità di regolamentazione devono affrontare alcuni pericoli, come Kirzner ha sottolineato nel suo saggio: “I pericoli del regolamento” (1985 [1979]) correndo il rischio di generare modelli perversi di scambio e di produzione, dai principali imprenditori, in scoperte superflue, piuttosto che in scoperte che meglio coordinino i programmi degli attori economici e, in primo luogo, migliorino i conflitti che originariamente hanno motivato il desiderio di regolamentazione. L’interventismo non è solo controproducente, dal punto di vista dei suoi sostenitori, ma produce anche conseguenze involontarie e indesiderabili in tutto il sistema economico.

Il dinamismo di mercato ed i monopoli

Il lavoro di Kirzner è fondamentale per comprendere le dinamiche del mercato di oggi, come lo era quando gli economisti hanno studiato la prima struttura industriale ed il comportamento concorrenziale. Se si guarda alla struttura del mercato emergente che ha seguito Internet, potrebbe certamente riconoscere la posizione dominante, sul mercato, di Amazon, Apple e Netflix, ma si potrebbe anche avere riconosciuto il grande livello di soddisfazione dei consumatori cointeressati a queste imprese. Nonostante la loro quota di mercato dominante, queste aziende forniscono beni e servizi di qualità a prezzi bassi. E non vi è alcuna aspettativa che queste aziende continueranno ad adoperarsi per fornire prodotti di alta qualità al prezzo più basso. Questo perché si trovano a competere in un mercato contendibile (teoria di William J. Baumol del 1982 ndt).

Prendiamo in considerazione la guerra dei classici browser di una decina di anni fa, Netscape contro Microsoft Internet Explorer. Come può una società monopolistica comportarsi così se il suo prodotto può essere utilizzato per scaricare liberamente i prodotti della concorrenza? Il modello di libro di testo standard della concorrenza perfetta ed il paradigma struttura-condotta-performance, in economia industriale, è costruito su quel modello da manuale, come punto di riferimento, e semplicemente non è in grado di fornire una spiegazione pura per il mercato Internet. I leader di mercato si perdono per strada a meno che essi non continuino ad andare avanti più velocemente per soddisfare ulteriormente le preferenze dei consumatori.

E questo non è solo per il mercato Internet. Si tratta di ogni mercato, una volta che si esamina da vicino il funzionamento storico dei mercati. Questo è come funzionano i mercati, come inteso da Carl Menger, Eugen von Böhm-Bawerk, Mises, Hayek e Kirzner, e penso che si potrebbe sostenere che in modo efficace fu compreso da Smith, Say ed anche Mill. Non è la dimensione delle imprese che conta di più per valutare l’esistenza del potere di monopolio, ma che contano sono le condizioni legali di ingresso. Forse, è importante sottolineare, ancora una volta, la chiarezza concettuale e la robustezza delle risposte alle richieste di fallimento del mercato sulla base del potere di monopolio.

Per quanto riguarda la chiarezza concettuale, in particolare nella tradizione austriaca rappresentata da Murray Rothbard, si sostiene che il potere di monopolio è una conseguenza di un contributo pubblico o di un privilegio. Tuttavia è vero che questa affermazione è la risposta alla robustezza-dei-mercati e potrebbe dimostrare che una società di grandi dimensioni può crescere e possedere una significativa posizione dominante sul mercato in qualsiasi momento, ma proprio perché si trova di fronte della minaccia (reale o immaginaria) dei concorrenti , sarà costretta a comportarsi in modo competitivo, piuttosto che come previsto dal modello di monopolio, se vuole avere qualche speranza di mantenere la sua posizione dominante sul mercato. Le due specie di risposte, ancora una volta, possono andare d’accordo, ma sono distinte. La teoria imprenditoriale del processo di mercato competitivo, di Kirzner, fa impiegare entrambe, ma sottolinea la robustezza del processo di mercato.

E, come riconosciuto dagli economisti classici, come Frank Knight (1885-1972 economista) e Joseph Schumpeter (1883-1950 economista), l’attore centrale nella gestione di questo processo di cambiamento delle circostanze e dell’adattamento a nuove opportunità è: l’imprenditore. La funzione centrale dell’imprenditore è quella di agire sulle opportunità finora non riconosciute per guadagno reciproco – se quelli sono disponibili in forma di opportunità di arbitraggio o di innovazioni tecnologiche che riducono i costi di produzione e di distribuzione o la scoperta di nuovi prodotti in grado di soddisfare la domanda dei consumatori. E’ l’azione imprenditoriale che mette in moto il processo del mercato competitivo e che si traduce negli adattamenti e negli adeguamenti al mutare delle condizioni, in modo che si ottiene il coordinamento complesso di piani economici, si crea ricchezza e si perpetua il progresso economico.

Conclusione

Per queste ragioni, e altro ancora, credo che Kirzner (insieme a Baumol, di cui ho accennato e a Harold Demsetz, che non ho incontrato) abbia fatto più di ogni altro economista moderno vivente per migliorare la nostra comprensione del comportamento concorrenziale e del funzionamento del sistema dei prezzi in una economia di mercato e merita quindi una seria considerazione per il premio Nobel per l’economia. Kirzner ha fornito le sfide fondamentali per l’ortodossia prevalente della concorrenza perfetta, da manuale, e le sue implicazioni non solo per la teoria economica, ma anche per la politica economica.

Il suo lavoro permette di comprendere, in profondità, la natura di come i mercati competitivi per coordinare i piani dei diversi attori economici e delle organizzazioni. Il ruolo fondamentale dei diritti di proprietà degli incentivi da strutturazione, dei prezzi relativi che guidano le decisioni della produzione e del consumo e dei profitti e perdite contabili, come vitali per il processo di calcolo economico, negli affari economici, hanno un posto centrale nel suo lavoro. Così il lavoro di Kirzner fornisce una base economica per la nostra indagine sul sistema politico ed economico più adatto per una società di individui liberi e responsabili.

Note finali

  • (1) I contributi di Kirzner si trovano principalmente nella teoria economica corretta e non nel più vasto campo dell’economia politica e della filosofia sociale. Eppure, come spiegherò in conclusione, le intuizioni di Kirzner sul comportamento competitivo, struttura industriale ed il processo di mercato imprenditoriale hanno implicazioni per la politica economica di una società di individui liberi e responsabili. Questo ha portato Liberty Fund a pubblicare le sue opere complete in 10 volumi, e ho il privilegio, insieme al mio collega Frederic Sautet (classe 1968, economista francese), di servire come l’editor (redattore editoriale) di questi volumi. Fino ad oggi, sono stati pubblicati sei volumi su dieci ed il settimo volume è attualmente in produzione. Pubblicato nel momento in cui scriviamo: Il punto di vista economico (2009 [1960]) come Le opere complete di Israel M. Kirzner,

  • vol. 1; Teoria del mercato e il sistema dei prezzi (2011 [1963]) come Le opere complete di Israel M. Kirzner,

  • vol. 2; Saggi su capitale e interessi (2012 [1967]) come Le opere complete di Israel M. Kirzner,

  • vol. 3; Concorrenza e imprenditorialità (2013 [1973]) come Le opere complete di Israel M. Kirzner,

  • vol. 4; Il soggettivismo austriaco e l’emergere della teoria dell’imprenditorialità (2015) come Le opere complete di Israel M. Kirzner,

  • vol. 5; e Discovery, Capitalismo, e giustizia distributiva (2016 [1989]) come

  • vol. 6. Le opere complete di Israel M. Kirzner.

Ulteriori quattro volumi sono previsti nei prossimi anni per completare il set di 10 volumi. La mia speranza è che questo saggio stimolerà gli studenti di economia e di politica economica per approfittare di questa iniziativa della Liberty Fund ed apprezzare il contributo di Kirzner a livello metodologico, analitico e ideologico.

(2) Il mio obiettivo è quello di Kirzner, ma per una panoramica e la mia valutazione dei contributi di Baumol alla teoria economica e alla economia politica vedasi il mio saggio con Ennio Piano (Laureato. MBA, con dottorato preso il Dipartimento di Economia alla George Mason University), “Imprenditorialità produttiva ed improduttiva di Baumol dopo 25 anni”, Journal of Entrepreneurship and Public Policy , 5 (2) 2016: 130-44.

(3) Cfr “Argomenti ricerca ha suggerito di Mises, 1950-1968”

The post Perché Israel Kirzner merita il premio Nobel appeared first on Ludwig von Mises Italia.

Come i tassi d'interesse influenzano la preferenza temporale — e viceversa

Freedonia - Gio, 06/04/2017 - 10:07




di Frank Shostak


Secondo gli scritti di Carl Menger e Ludwig von Mises, la forza motrice dietro la determinazione del tasso d'interesse è rappresentata dalle preferenze temporali degli individui.

Come regola generale, le persone assegnano un valore più elevato ai beni presenti rispetto ai beni futuri. Ciò significa che i beni presenti sono valutati ad un premio rispetto ai beni futuri.

Questo deriva dal fatto che un creditore, o un investitore, debbano cedere alcuni benefici nel presente. Quindi l'essenza del fenomeno dell'interesse è il costo che deve sobbarcarsi un creditore o un investitore.

Su questo tema Mises scrisse:

Ciò che viene abbandonato è chiamato prezzo pagato per il raggiungimento del fine perseguito. Il valore del prezzo pagato si chiama costo. I costi sono pari al valore attribuito alla soddisfazione cui si deve rinunciare per raggiungere lo scopo desiderato.[1]
Secondo Carl Menger:

Nella misura in cui il mantenimento della nostra vita dipende dalla soddisfazione dei nostri bisogni, garantire la soddisfazione dei bisogni precedenti deve necessariamente precedere l'attenzione a quelli successivi. E anche se non si trattasse direttamente della nostra vita, ma semplicemente del nostro continuo benessere (soprattutto la nostra salute), il raggiungimento del benessere in un periodo più vicino è, di regola, un prerequisito per arrivare poi ad un benessere in un periodo successivo. [...] Tutta l'esperienza c'insegna che un godimento nel presente, o uno nel futuro prossimo, appare più importante di uno di uguale intensità in un momento più remoto nel futuro.
Allo stesso modo, secondo Mises:

A parità di condizioni, viene preferita la soddisfazione di un bisogno nel futuro più vicino rispetto ad una in un futuro più lontano. I beni presenti sono più preziosi rispetto ai beni futuri.[2]
Un individuo che ha risorse sufficienti solo per tenersi in vita è improbabile che presterà o investirà i suoi pochi mezzi.

Il costo del credito, o dell'investimento, è probabile che sia molto alto — potrebbe anche costargli la vita se dovesse considerare il prestito dei suoi mezzi. Pertanto in questa condizione è improbabile che possa concedere un prestito, o effettuare un investimento, anche se gli venisse offerto un tasso d'interesse molto alto.

Una volta che la sua ricchezza inizia ad espandersi, il costo del credito, o dell'investimento, inizia a diminuire. L'allocazione di una parte della sua ricchezza verso il prestito, o l'investimento, indebolirà in misura minore la sua vita ed il suo benessere.

Da questo possiamo dedurre, ceteris paribus, che tutto ciò che porta ad un ampliamento della ricchezza reale degli individui dà luogo ad una diminuzione del tasso d'interesse, vale a dire, l'abbassamento del premio dei beni presenti rispetto ai beni futuri.

Al contrario, i fattori che indeboliscono l'espansione della ricchezza reale portano ad un tasso d'interesse alto.



Preferenza temporale e domanda/offerta di moneta

In un'economia monetaria, le preferenze temporali degli individui si materializzano attraverso l'offerta e la domanda di moneta.

L'abbassamento delle preferenze temporali (per esempio, abbassamento del premio dei beni presenti rispetto ai beni futuri a causa dell'espansione della ricchezza reale) si manifesterà in un maggior desiderio di prestare ed investire denaro, con conseguente abbassamento della domanda di moneta.

Ciò significa che per un determinato stock di moneta ci sarà un aumento dell'offerta in eccesso di moneta.

Per sbarazzarsi di suddetto eccesso la gente, ceteris paribus, inizia a comprare vari asset, facendone aumentare i prezzi ed abbassandone i rendimenti. Pertanto l'aumento del bacino della ricchezza reale sarà associato ad un abbassamento della struttura dei tassi.

Il contrario accadrà nel caso in cui la ricchezza reale diminuirà. Le persone saranno meno ansiose di prestare ed investire, aumentando così la loro domanda di moneta rispetto alla situazione precedente.

Questo, per una data offerta di moneta, riduce il denaro in eccesso. Di conseguenza, ceteris paribus, questo abbassa la domanda di asset e quindi i loro prezzi, nonché aumenta i loro rendimenti.



L'intervento delle banche centrali

Cosa accadrà ai tassi d'interesse a seguito di un aumento dell'offerta di moneta? Un aumento dell'offerta di moneta, ceteris paribus, significa che quegli individui il cui stock di moneta è aumentato sono ora molto più ricchi. Quindi questo mette in moto una maggiore volontà di investire e prestare denaro.

L'aumento dei prestiti e degli investimenti significa un abbassamento della domanda di moneta da parte dei creditori e degli investitori. Di conseguenza un aumento dell'offerta di moneta, accoppiata ad un calo della domanda di moneta, aumenta l'offerta in eccesso di moneta, cosa che a sua volta fa aumentare i prezzi degli asset e ne abbassa i rendimenti.

Col passare del tempo, l'aumento dell'inflazione dei prezzi comincia ad indebolire il benessere degli individui e questo porta ad un aumento generale delle preferenze temporali. Ciò riduce la tendenza degli individui ad investire e prestare denaro (cioè, fa aumentare la domanda di moneta ed abbassa il tasso di crescita dell'offerta in eccesso di moneta), spingendo in su i tassi d'interesse.

In un'economia di mercato con una banca centrale, il fattore chiave che indebolisce il ritmo dell'espansione della ricchezza reale è la politica monetaria della banca centrale stessa. È la politica monetaria allentata che indebolisce lo stock di ricchezza reale e il potere d'acquisto della moneta.

Possiamo quindi concludere che un aumento generale dell'inflazione dei prezzi, a causa di un aumento dell'offerta di moneta e un calo della ricchezza reale, è un fattore che mette in moto un aumento generale dei tassi d'interesse. Una discesa generale dell'inflazione dei prezzi, in risposta ad una diminuzione dell'offerta di moneta ed un aumento della ricchezza reale, sono fattori che mettono in moto un calo generalizzato dei tassi d'interesse.

Inoltre un aumento della dinamica di crescita dell'offerta di moneta mette in moto un calo temporaneo dei tassi d'interesse. Invece una diminuzione del ritmo di crescita dell'offerta di moneta mette in moto un temporaneo aumento dei tassi d'interesse.

Si noti ancora una volta che i cambiamenti nell'offerta in eccesso di moneta mimano l'interazione tra i cambiamenti tra domanda/offerta di moneta.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli: http://francescosimoncelli.blogspot.it/


_________________________________________________________________________________

Note

[1] Ludwig von Mises, “Human Action” Contemporary Books, 3rd revised edition p 97.

[2] Ludwig von Mises, Human Action, 3rd revised edition, p 483-484.

_________________________________________________________________________________


Il crash economico sarà violento

Freedonia - Mer, 05/04/2017 - 10:02




di David Stockman


È quasi impossibile esagerare riguardo il livello di mania sgangherata nei mercati azionari, ciononostante i robo-trader proprio non riescono a lasciarla andare.

Sembrano dei dodicenni che stanno imparando ad andare in bicicletta e dicono di riuscirci senza mani e ad occhi chiusi!

Peggio ancora, questi temerari sono stati spalleggiati dalla FED e da altre banche centrali... come se andare alla cieca sia ormai considerato completamente sicuro. Dopo tutto, possiamo contare almeno su 60 "ribassi" sin dal marzo 2009 che più e più volte si sono trasformati in rialzi.

Complessivamente l'indice S&P 500 ora si attesta al 3.4X dei suoi minimi post-crisi, dopo aver generato un rendimento annuo del 18% (compresi i dividendi) per quasi otto anni consecutivi.

A dire il vero, in un mercato libero ed onesto tutto ciò equivarrebbe ad una luce rossa lampeggiante, avvertendo che guadagni eccezionalmente alti per un periodo prolungato necessitano nel futuro prossimo di una regressione verso la media.

Ma abbiamo un mercato medicato dalla banca centrale, non uno libero o onesto, quindi i fondamentali economici non contano. Invece al margine il mercato azionario è guidato dal momentum, dalla liquidità della banca centrale e dalla presunzione dei trader che non mancherà mai.

Gli acquirenti durante i ribassi hanno dato libero sfogo alla propria indole ed hanno portato su il mercato del 45% senza un motivo plausibile o sostenibile. Il ritmo della crescita economica si sta sgonfiando, la produttività è scesa e gli utili aziendali sono calati per quasi otto trimestri.

Anche le banche centrali stesse ammettono che i tassi d'interesse sono destinati a normalizzarsi alla fine. Il loro esperimento radicale degli ultimi nove anni, tassi d'interesse a zero (ZIRP) e repressione dei rendimenti dei titoli obbligazionari, è stato progettato per forzare i tassi d'interesse ai minimi temporaneamente innaturali e quindi stimolare l'economia.

Il canale della trasmissione della politica monetaria, di conseguenza, avrebbe dovuto spingere temporaneamente l'espansione del PIL e la crescita degli utili. Ciò non è accaduto, naturalmente, perché il quantitative easing (QE) non è mai uscito al di fuori dei canyon di Wall Street. Non ha fatto niente per Main Street.

In tal modo la FED ha distrutto una determinazione onesta dei prezzi e quindi il mercato non ha alcun meccanismo di frenata o di correzione. Andrà alla deriva trainato dallo slancio "comprare durante i ribassi" finché non sbatterà violentemente contro uno scoglio.

Detto in modo diverso, questa è la mutazione di mercato più pericolosa che sia mai stata confezionata dalla politica statale.

Ha distrutto il commercio nei due sensi, i venditori short e gli altri meccanismi di disciplina del libero mercato. Ciò che resta sono robo-trader che tutti insieme acquistano durante i ribassi, ma saranno anche lesti a vendere durante il prossimo crash economico.

Quindi l'apparente Rally degli Sciocchi durante il post-elezioni — il mitologico Stimolo di Trump — è già morto a Capitol Hill.

Secondo lo Speaker Ryan, non ci sarà alcuna riforma fiscale fino a quando non si troverà una soluzione per l'Obamacare, ma anche Trump ora dice che questa storia si potrà prolungare fino al prossimo anno.

Allo stesso modo, qualsiasi riforma fiscale delle imprese che non avrà luogo sarà compensata dal deficit, quindi la pressione fiscale effettiva sulle imprese non cambierà di molto.

Vale a dire, il tasso effettivo di oggi è di circa il 23% in generale e del 15% per le grandi aziende nell'indice S&P 500. Una riforma neutrale alimentata dal deficit lascerà il tasso medio effettivo dove si trova, anche se il tasso statutario si ridurrà a circa il 20%.

Pertanto non ci sarà alcuna crescita proveniente dalla riforma fiscale delle imprese.

E non credete alle mie parole. Ecco cosa ha detto uno dei campioni della responsabilità fiscale nel GOP, Tom Cole (R., Okla.).

Inoltre non c'è la minima possibilità che uno stimolo fiscale venga approvato, questo perché una fetta significativa dei conservatori in entrambe le camere è contro di esso e Trump non ha alcuna possibilità di formare una coalizione con spendaccioni democratici.

Questo perché il co-presidente, Steve Bannon, non capisce che la campagna anti-immigrati della Casa Bianca è mal vista dal fronte democratico. Dopo tutto, i democratici sono diventati il "partito santuario" della politica contemporanea, cioè le due parti non uniranno le forze.

Ciò che arriverà presto, invece, è la madre di tutte le crisi — l'eruzione della disfunzione della beltway che alla fine demolirà l'idea che Trump sia un bene per l'economia e per il mercato azionario.

Il tetto del debito è stato raggiunto il 15 marzo ed il Dipartimento del Tesoro USA ha un bilancio che è sceso da circa $450 miliardi a soli $304 miliardi venerdì scorso.

A meno che questa situazione non venga invertita presto, questo significa che il Tesoro USA rimarrà a corto di denaro entro il 4 luglio. Dopo di che si scatenerà l'inferno.

Washington ha arrancato per anni, ma la virtù del Grande Sfasciatore è che i suoi tweet, le sue incongruenze e la sua imprevedibilità garantiscono che il sistema arriverà ad uno shutdown.

Di conseguenza la prima metà dell'anno se ne andrà tra battaglie riguardo gli appuntamenti di gabinetto, la nomina di Gorsuch, le manovre interminabili sul divieto di viaggiare e la battaglia sull'abrogazione/sostituzione dell'Obamacare.

Poi la seconda metà del 2017 degenererà in una battaglia non-stop sul tetto del debito e proseguirà con risoluzioni per l'anno fiscale 2018. Le fragili maggioranze del GOP saranno troppo malconce e fratturate dalle battaglie intestine per coagularsi intorno ad una risoluzione di bilancio decennale che incarni i $10,000 miliardi di deficit incrementale già integrati nella linea di base del CBO — oltre a migliaia di miliardi di più per la difesa, i veterani, il controllo del confine, il Muro del Messico, spese per infrastrutture e sgravi fiscali.

Non succederà mai. Non c'è una maggioranza nel GOP per tale risoluzione.

In breve, è solo una questione di tempo prima che i robo-trader inizino a ri-programmarsi dopo la scomparsa del Grande Stimolo di Trump.

Quando ciò accadrà, il mercato azionario non sarà un bel vedere. L'indice S&P 500 ha raggiunto il più alto rapporto utili/prezzi nella storia, ma scenderà in caduta libera quando otto anni di acquisti durante i ribassi alla fine si sfalderanno.

Ma ecco il punto...

La missione del Derviscio Danzante nello Studio Ovale è quella di far scoppiare la "grande, grassa e brutta bolla" gonfiata da 30 anni di esplosione del debito e stampa di denaro sconsiderata.

È un compito che Trump concluderà alla grande.

Saluti,


[*] traduzione di Francesco Simoncelli: http://francescosimoncelli.blogspot.it/


Carta da prestazione occasionale

Von Mises Italia - Mer, 05/04/2017 - 08:26

Correva l’anno 2017 ed il Governo italiano, nel mese di marzo, abolì i voucher, in vista anche di un referendum che si doveva tenere nel mese di maggio dello stesso anno. La motivazione fu quella di non dividere il popolo italiano (?). Le scuse sono sempre di rigore. Certo politici, sindacati, aziende, privati, ma anche utilizzatori si trovarono concordi nell’“eccesso” di utilizzo dei voucher e non sempre in modo ortodosso. L’abolizione creò però un vuoto e ritornò imperante il LAVORO NERO (con tutte le conseguenze che conosciamo). Poi le cose cambiarono ed un bel giorno venne presentato un nuovo tipo di pagamento la:

CARTA DA PRESTAZIONE OCCASIONALE.

Di cosa si trattava? Era semplicemente una carta (di plastica) che si acquistava al Banco Posta, in banca o nelle tabaccherie e veniva rilasciata ad aziende, enti, privati ecc. I fruitori erano come sempre persone alla ricerca di un lavoro temporaneo “pagato” e che li mettesse in grado di poter soddisfare i bisogni più immediati. In pratica sostituiva i voucher. Come funzionava? Più o meno con le stesse modalità del voucher e come diceva il mio Professore di Ragioneria: “CAPITO IL CONCETTO CAPITO TUTTO!”. Ed ecco cosa sfornarono le nuove menti in relazione alla carta di ci sopra:

Ogni CARTA DA PRESTAZIONE OCCASIONALE può avere un valore di:

10, 20, 50, 100, 200 o 500 euro.

Considerando i vari tagli dettero un anche delle disposizioni:

al lavoratore il 75%:

all’ INAIL 7%, per l’assicurazione contro gli infortuni;

all’INPS 13%, destinati alla Gestione Separata contributi previdenziali:

al concessionario 5%.


Per l’acquisto della CARTA DA PRESTAZIONE OCCASIONALE occorreva aggiungere un importo all’erario.

10% scadenza 7 gg.

20% “ 30 “

30% “ 90 “

35% “ 120 “

… … … …

così facendo era possibile dare una datazione ai tempi di utilizzo.

Per far capire come funzionava fecero questo esempio:

“da tempo un amico che lavorava presso un’impresa edile era senza lavoro. Ora, essendo primavera era il momento giusto per dare una rinfrescata alla casa. Feci fare alcuni preventivi, ma non rientravano nel mio budget. Allora che fare? Mi misi d’accordo con il mio amico per pitturare l’appartamento. Io compro il colore e tu ci metti il resto. Tempo concordato 5 giorni. Prezzo € 500,00 tutto compreso. Con una stretta di mano siglammo l’accordo. Mi recai dal mio tabaccaio sotto casa e acquistai con € 550,00 una CARTA DA PRESTAZIONE OCCASIONALE. Diedi al tabaccaio la mia tessera sanitaria e l’importo. Il giorno dopo, quando il mio amico “pittore” si presentò a casa con gli attrezzi attivai la CARTA DA PRESTAZIONE OCCASIONALE. Alcuni giorni dopo, terminato il lavoro, il mio amico pittore si presentò al Banco Posta per la riscossione e per pagare alcune bollette. Fine della storia e dell’esempio”.

Che cosa ci ha insegnato questo racconto?

  1. Gli importi possono essere i più vari.

  2. I due soggetti acquirente e fruitore sono “tracciabili” e l’ente erogante, la carta, può controllare se è solo un fatto occasionale o se rientra in una assunzione mascherata.

  3. Il fruitore in caso di incidente è assicurato.

  4. Il fruitore ha i contributi previdenziali versati, anche se io non sono un’azienda.

  5. Gli Istituti previdenziali (INPS e INAIL) sono coinvolti.

  6. L’Erario ha introiti certi nel momento della emissione della CARTA DA PRESTAZIONE OCCASIONALE.

  7. Scadenza certa.

  8. Non c’è il LAVORO NERO (o se c’è è parziale), tutto è verificabile.

Non esiste la perfezione nelle cose, ma il buon senso può essere utilizzato per farne buon uso. Il periodo della carta durerà, probabilmente, sino a quando la pluriennale GRANDE RECESSIONE passerà.

LE CARTE DI CREDITO NON FANNO PARTE DELLA MASSA MONETARIA.

NON E’ POSSIBILE EMETTERE TITOLI CHE IMPLICHINO LA STAMPA DI MONETA, QUEST’ULTIMA E’ RISERVATA ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA.

The post Carta da prestazione occasionale appeared first on Ludwig von Mises Italia.

L’obbligo della felicità

Tra cielo e terra - Mar, 04/04/2017 - 18:57

“soy un perdedor, I’m a loser baby, so why don’t you kill me?”
Beck, Loser

Uno degli assunti fondanti della modernità è che il raggiungimento della felicità rappresenti lo scopo principale dell’uomo sulla terra. Essere felici, “stare bene con se stessi”, realizzarsi, sono gli imperativi del pensiero contemporaneo, tanto radicati e condivisi che pare alquanto bizzarro metterli in discussione. E a buon ragione, dal momento che si tratta di aspirazioni umane naturali, più che comprensibili, ed indubbiamente condivisibili. Quando però questa aspirazione diviene una necessità sociale (“devi essere felice, se non sei felice e realizzato sei un misero perdente“), ecco che dentro l’animo dell’uomo che a tale felicità non riesce a giungere si sviluppano e crescono ulteriori frustrazioni, dalle conseguenze potenzialmente devastanti.   In un’epoca senza riferimenti sacri, dove il benessere personale immediato – qui, su questa terra – è l’unico motivo di vita, se questa felicità viene a mancare, ecco che scompaiono anche i motivi per proseguire un’esistenza che offre solo dolore. Come il signor Kirillov nei Demoni di Dostoevskij lucidamente osserva, viene da chiedersi non il motivo per cui ci siano dei suicidi, ma piuttosto perché siano così pochi. Se la felicità è l’unico scopo, ed è ben lontana dall’essere raggiunta, per quale motivo continuare una esistenza che è solo fonte di sofferenza? E’ una domanda lucida e spietata, ma fondata. La prospettiva cambia invece totalmente se non si considera più la ricerca della felicità come priorità, come unica possibilità che possa dare senso all’esistenza. E qui ci pensa un altro grande scrittore russo a chiarire le cose, dando un nuovo punto di vista, radicalmente anti-moderno. Ecco quanto ebbe a scrivere Lev Tolstoj:   “Ci si può domandare se è ragionevole e morale – questi due termini sono inseparabili – uccidersi. No! Uccidersi è irragionevole, così come tagliare i polloni di una pianta che si vorrebbe estirpare. Essa non morrà, crescerà irregolarmente, ecco tutto. La vita è indistruttibile, al di là del tempo e dello spazio. La morte non può che cambiarne la forma, mettendo fine alla sua manifestazione in questo mondo. Ma rinunciando alla vita in questo mondo, io non so se la forma che essa prenderà altrove, mi sarà più gradita e in secondo luogo io mi privo della possibilità di imparare e di acquisire a profitto del mio io, tutto ciò che avrei potuto apprendere in questo mondo. D’altra parte e soprattutto, il suicidio è irrazionale perché, rinunciando alla vita a causa del disgusto che essa mi provoca, io mostro di avere un concetto errato dello scopo della mia vita, supponendo che serva al mio piacere, mentre essa ha per scopo, da un lato, il mio perfezionamento personale e dall’altro la cooperazione all’opera generale che si compie nel mondo.   Ed è per questo che il suicidio è immorale. All’uomo che si uccide, la vita era stata data con la possibilità di vivere fino alla sua morte naturale, a condizione di essere utile all’opera generale della vita e lui, dopo aver goduto della vita, finché gli è parsa gradevole, ha rinunciato a metterla al servizio dell’utilità generale, appena gli è divenuta spiacevole; mentre verosimilmente egli cominciava a divenire utile nel preciso istante in cui la sua vita si incupiva, perché ogni lavoro comincia con travaglio “   Dedicato a chi cerca un senso.

Perché le banconote valgono qualcosa?

Freedonia - Mar, 04/04/2017 - 10:09




di Frank Shostak


Perché le banconote nelle tasche dei cittadini valgono qualcosa? Secondo alcuni esperti, le banconote hanno valore perché lo stato dice così. Altri esperti sono del parere che le persone sono disposte ad accettarle come pagamento.

Dire che il valore del denaro dipenda dallo stato o da una sorta di convenzione sociale, significa molto poco. In realtà quello che stanno dicendo gli esperti è che il denaro ha valore perché viene accettato... E perché viene accettato? Perché viene accettato!



La differenza tra il denaro e altri beni

La domanda nei confronti di un bene deriva dal suo beneficio percepito. Per esempio, le persone necessitano di cibo perché esso le nutre. Per quanto riguarda il denaro, la gente non lo usa per il suo uso diretto nei consumi, ma al fine di scambiarlo per altri beni e servizi. Il denaro non è utile in sé, ma perché ha un valore di scambio, ed è scambiabile in termini di altri beni e servizi. Il denaro è richiesto perché il vantaggio che offre è il suo potere d'acquisto (cioè, il suo prezzo).

Affinché qualcosa venga accettato come moneta deve avere un potere d'acquisto pre-esistente, un prezzo. Quindi come fa una cosa che lo stato proclama mezzo di scambio ad acquisire un tale potere d'acquisto — un prezzo?

Sappiamo che la legge della domanda e dell'offerta spiega il prezzo di un bene. Allo stesso modo questa legge dovrebbe spiegare il prezzo del denaro. Ma c'è un problema con questo modo di pensare, dal momento che c'è domanda di moneta perché il denaro ha un potere d'acquisto (cioè, il denaro ha un prezzo). Eppure se la domanda di moneta dipende dal suo prezzo pre-esistente, vale a dire, il potere d'acquisto, come può questo prezzo essere spiegato dalla domanda?

A quanto pare questo ha tutta l'aria d'essere un ragionamento circolare, poiché il potere d'acquisto del denaro si spiega con la domanda di moneta, mentre la domanda di moneta si spiega con il suo potere d'acquisto. Questa circolarità sembra fornire credito al punto di vista secondo cui l'accettazione del denaro è il risultato di un decreto dello stato e di convenzioni sociali.



Mises ci spiega come viene stabilito il valore del denaro

Nei suoi scritti Mises mostrò come viene accettato il denaro.[1] Iniziò la sua analisi facendo notare che la domanda di denaro di oggi è determinata dal potere d'acquisto di ieri. Di conseguenza, per una data offerta di moneta viene stabilito il potere d'acquisto di oggi. La domanda di denaro di ieri è impostata dal potere d'acquisto del giorno precedente.

La stessa procedura si applica ai periodi precedenti.

Regredendo attraverso il tempo, alla fine arriviamo ad un punto in cui il denaro era solo un bene ordinario in cui domanda e offerta ne impostavano il prezzo. La merce ha un valore di scambio in termini di altre merci, vale a dire, il suo valore di scambio è fondato sul baratto. Per dirla in modo semplice, il giorno in cui una merce diventa denaro ha già un potere d'acquisto, o prezzo, in termini di altri beni. Questo potere d'acquisto ci permette d'impostare la domanda di questa merce come denaro.

Questo a sua volta, per una determinata offerta, imposta il potere d'acquisto il giorno in cui una certa merce inizia ad essere denaro. Una volta che viene impostato il prezzo del denaro, esso serve come input per l'impostazione del suo prezzo di domani. Ne consegue che, senza le informazioni di ieri circa il prezzo del denaro, il potere d'acquisto di oggi non può essere impostato.

Per quanto riguarda altri beni e servizi, la storia non è tenuta a verificarne i prezzi attuali. Una domanda per questi beni è basata sui benefici percepiti quando li si consuma. Il vantaggio che il denaro fornisce è che può essere scambiato per beni e servizi. Di conseguenza si ha bisogno di conoscere il potere d'acquisto passato del denaro, al fine di stabilirne la domanda di oggi.

Utilizzando il pensiero di Mises, noto anche come Teorema della Regressione, possiamo dedurre che non è possibile che il denaro possa essere emerso a seguito di un decreto statale o da convenzioni sociali. Il Teorema dimostra che il denaro deve emergere come una merce.

Su questo tema Rothbard scrisse:

Contrariamente ai beni usati direttamente dai consumatori o dai produttori, il denaro deve avere un prezzo pre-esistente su cui fondare una domanda. Ma l'unico modo in cui questo processo può aver luogo, è iniziando con un prodotto utile nel baratto e quindi aggiungere la domanda come mezzo di scambio alla domanda precedente per il suo uso diretto (ad esempio, per l'ornamento nel caso dell'oro). Quindi lo stato non ha alcun ruolo nella creazione del denaro; si può sviluppare solo dai processi di libero mercato.[2]
Ma cosa c'entra tutto ciò che abbiamo detto finora con le banconote di carta? Originariamente la cartamoneta non era considerata denaro, ma semplicemente un sostituto dell'oro. I certificati cartacei rappresentavano crediti nei confronti di oro depositato presso le banche. I titolari dei certificati cartacei potevano convertirli in oro ogni volta che volevano. Poiché le persone ritenevano più conveniente usare i certificati cartacei per lo scambio di beni e servizi, tali certificati sono stati considerati denaro.

Questi certificati hanno acquisito potere d'acquisto, poiché erano considerati in rappresentanza dell'oro. Si noti che, secondo il Teorema della Regressione, una volta che un certificato cartaceo acquisisce un potere d'acquisto può funzionare come denaro indipendentemente dall'oro, dal momento che ora può essere stabilita la sua domanda. Ricordate, la domanda di denaro rappresenta il suo potere d'acquisto.

I certificati cartacei che sono accettati come mezzo di scambio, aprono la strada a pratiche fraudolente. Le banche potrebbero cadere in tentazione ed aumentare i loro profitti prestando certificati scoperti, ovvero senza oro sottostante.

In un'economia di libero mercato, una banca che emette certificati cartacei in eccesso scoprirà rapidamente che il loro valore di scambio scenderà in termini di beni e servizi. Per proteggere il loro potere d'acquisto, è molto probabile che i titolari dei certificati emessi in eccesso li convertano di nuovo in oro. Se tutti dovessero richiedere l'oro indietro nello stesso momento, ciò manderebbe in bancarotta la banca. In un libero mercato, quindi, la minaccia di fallimento dissuaderebbe le banche ad emettere certificati cartacei scoperti.

Lo stato può ignorare la disciplina del libero mercato. Può emettere un decreto che renda legale l'emissione in eccesso di certificati cartacei scoperti. Una volta che le banche non sono obbligate a rimborsare in oro i certificati cartacei, emergono opportunità per grandi profitti perseguendo un'espansione incontrollata dell'offerta di certificati cartacei. L'espansione incontrollata di certificati cartacei aumenta la probabilità d'innescare un aumento galoppante dei prezzi dei beni e dei servizi, cosa che può sfociare in un crash dell'economia di mercato.

Per evitare tale crash, l'offerta di moneta cartacea deve essere gestita: impedire alle varie banche concorrenti di emettere certificati cartacei in eccesso e, quindi, andare in bancarotta. Ciò può essere fatto mediante un monopolio — cioè, una banca centrale — che gestisca l'espansione della cartamoneta.

Per affermare la sua autorità, la banca centrale emette i propri certificati cartacei, i quali sostituiscono i certificati delle varie banche commerciali. Il potere d'acquisto della moneta della banca centrale viene impostato in considerazione del fatto che i vari certificati cartacei, i quali incorporano un potere d'acquisto grazie al loro legame storico con l'oro, vengono scambiati ad un tasso fisso con la moneta della banca centrale. I certificati cartacei della banca centrale sono pienamente supportati dai certificati bancari, i quali posseggono un legame storico con l'oro.

Ne consegue che se i pezzi di carta della banca centrale hanno un potere d'acquisto, è solo grazie al legame storico con l'oro.

Contrariamente al modo di pensare comune, il valore delle banconote cartacee deriva dal loro legame storico con una moneta-merce — l'oro — e non da un decreto statale o da convenzioni sociali. L'euro che usiamo oggi, ad esempio, non sarebbe nato in un contesto di libero mercato. Ciò che ha creato il mercato — denaro coperto dall'oro — lo stato ha dovuto distruggerlo, lasciandoci i soldi di carta il cui valore dipende dalla gestione della banca centrale.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli: http://francescosimoncelli.blogspot.it/


_________________________________________________________________________________

Note

[1] Ludwig von Mises, 1998, L'Azione Umana, Capitolo 17.

[2] Murray N. Rothbard, 1990, What Has Government Done to Our Money?, Cap. 2, "Money in a Free Society," Sezione 3, Scambio Indiretto.

_________________________________________________________________________________


Condividi contenuti