Skip to main content

La musica come arte magica

Posted in

Durante la discussione scaturita dal mio precedente articolo 1 , qualcuno mi ha stimolato ad investigare più a fondo il significato della musica in quanto espressione artistica, opposta a commercio di suoni piu' o meno ipnotici, riempitivo per menti inconsapevolmente vuote di sentimenti ma ricche di spazzatura, contrabbando di idee politiche, esibizionismo da circo e persino umorismo d'accatto.

Da bambino mi avevano imposte lezioni di musica alle quali andavo totalmente controvoglia e a passo lentissimo, tanto che più in là nella mia vita ho sviluppato un'allergia per i fogli musicali, che, lo riconosco, non mi favorisce e che è stata una concausa al mio abbandono della musica nella sua accezione più genuina, quella del musicista: il musicista in un certo senso è la musica, mentre l'ascoltatore è il piu' delle volte un onanista (i più perversi sono quegli idioti senza speranza che vedrei con soddisfazione nel girone infernale più di merda che si possa concepire, quelli che "praticano" la air guitar 2 ) o semplicemente un tale a cui mancano stimoli emozionali e quindi se ne pasce da qualsiasi fonte, anche la più grezza ed insapore, come un assetato nel Deserto Emozionale.  Durante le prime lezioni di musica mi avevano fatto ripetere un milione di volte una specie di catechistmo con relativo "atto di fede" che faceva eco all'indottrinamento cattolico; esso cominciava con: "La musica è un'Arte Bella...", una frase che mi ha sempre fatto scompisciare dalle risate (anche se allora dovevo trattenermi, io ero un bambinetto e il mio insegnante un professore d'orchestra), pensando a come avrebbe potuto essere un'arte brutta.  Quel che si voleva in realtà dire nel manuale della Parrocchia del Pianoforte è che la musica è più bella delle altre arti perchè non ha bisogno di esprimersi tramite manufatti, essendo un'arte concettuale che, al limite, si può sperimentare anche solo col pensiero e che produce onde sonore (qualsiasi cosa esse siano) che sono invisibili, evanescenti e che non esistono senza un organo in grado di recepirle, quale e' il timpano dell'orecchio 3.

  • 1. Il Blues Vive http://ilporticodipinto.it/content/il-blues-vive 
  • 2. Mi hanno detto che l'origine del fenomeno non ha a che vedere con l'idiozia, ma il fenomeno corrente di sicuro
  • 3. Fatemi il favore di non iniziare una discussione su questa affermazione: se volete se ne puo' parlare separatamente

Le impronte digitali diventano digitali

Non che vorremmo stupirci quando parliamo di tecnologia, di quello che da qualche tempo è il futuro a noi così vicino. Secoli addietro per l’uomo della strada, il progresso e le sue tecnologie realizzatesi “chissà come” avevano tempi più dilatati prima che potessero inserirsi nella vita di tutti i giorni. Prima che qualcosa divenisse “cosa di tutti”, più stadi dovevano essere superati.

L’uomo sogna, si sa, e ricordando forse il più grande, quello di volare, pensiamo ad esempio a come quell’idea cominciò ad apparire meno impossibile via via che sotto le nostre mani nuovi congegni, materiali e idee davano sostanza ai progetti, alle ipotesi, alle teorie … ed ecco che la “magia” in qualche modo diventava realtà; magari un’intuizione, magari la ricerca di una vita, qualche volta per sbaglio. 

Il Blues Vive!

Posted in

Vi racconto di una serata passata ad ascoltare blues negli scantinati di un teatro delle isole britanniche e lo faccio, apertamente, per fare un pò di pubblicità ad un paio di artisti che se la meritano.

La serata organizzata dal blues club locale, a giudicare dal volantino del programma, si preannunciava interessante, anche se io prima di acquistare i biglietti non avevo fatto i miei compiti a casa e non avevo dato un'occhiata in rete per vedere chi erano i musicisti che mi apprestavo ad ascoltare: se arrivavano in un posto fuori mano come questo non devono essere conosciuti, pensavo.

"Distrazioni" e cortometraggi

Posted in

Il Divertissement inteso da Blaise Pascal, indagava il divertimento non propriamente inteso come momento di gioco goliardico, come momento di Festa, anche quello del "lasciarsi andare", bensì lo criticava negativamente come fosse (e forse lo è) una fuga elegante da ciò che crucialmente dovrebbe riguardarci; dalle nostre paure, debolezze e condizioni. Insomma un alibi, un modo per distrarci e illuderci o peggio, illudere. 

La Cultura non è dalla vostra parte.

Posted in

Nella locandina: la circoncisione. Ovvero: la cultura desensibilizza l'istinto.

La Cultura non è dalla vostra parte 1

A questo punto vorrei introdurre, per chi non lo conoscesse, un pensatore geniale ed intrattenitore filosofico di massimo livello, anche se non si è mai curato di essere inserito in una qualsiasi casella accademica che non fosse quella (abbastanza inventata su misura e molto vaga, come piaceva a lui) di Etno-Botanico 2.  Ora impazza su internet (in particolare su YouTube) e le sue conferenze sono postumamente diventate popolarissime. Ho qui di seguito tradotto un piccolo stralcio di una sua conferenza  tenuta a Denver nell'Aprile del 1999, un anno prima della sua prematura scomparsa.

  • 1. Ho avuto una grande difficoltà nel tradurre questa semplice frase in un modo che ne preservasse l'originale significato.  Nei paesi anglofoni, quando vi ammoniscono che qualcuno non è vostro amico (not your friend)  vogliono dirvi che è qualcuno di cui dovreste diffidare. Tradotto letteralmente (la cultura non è vostra amica), in italiano fa supporre che specularmente voi non siate amici della cultura, quindi ignoranti, che non è il significato qui voluto. L'ostacolo più grande alla comprensione fra le varie lingue sono i "falsi amici"
  • 2. http://it.wikipedia.org/wiki/Etnobotanica 

Willie Lynch: ovvero La Perpetua Riproduzione Automatica ed Indipendente del Bestiame Umano

Posted in

Da qualche giorno sono stupito dal numero di uomini che conosco che sono completamente soggiogati dai loro capi, governi e soprattutto dalle donne, che rendono loro, con l'aiuto degli altri loro aguzzini, la loro vita un inferno. Sono anche stupito che dopo essere stati depredati di tutti i loro averi, insultati, tenuti in scacco con la Spada di Damocle dell'accusa di violenza domestica, o sessuale o addirittura peggio, prendano tutto sommato la cosa con calma e filosofia, perché così sono le cose. Il fatto che ciò non sia vero è palese, le cose non devono per forza essere così, e neanche lo sono state solo un paio di generazioni addietro, ma l'amnesia deve essere la caratteristica peculiare della nostra cultura moderna.

Mi sono trovato pure a riflettere sulle famiglie totalmente rovinate che mi circondano e sulla vita facile che gli emissari del Governo hanno oggi, appoggiati da Big Pharma e dai Media, nel dettare tutti i comportamenti all'interno dei gruppi sociali sotto la minaccia dell'isolamento totale, della galera ed in ultimo dell'esecuzione tramite proiettili di cecchini addestrati a colpire gente che non reagisce bene alle angherie dei normalizzatori, specie se la normalità che propugnano è quella dello spettacolo da baraccone.

In ultimo ho notato che in un paese quale l'Italia, invaso da immigrati che fanno i lavori che non ci sono più ed in cui la vita sociale, culturale e produttiva stanno venendo velocemente annientate, i temi trainanti del dibattito parlamentare riguardano soprattutto le minoranze più minute e arbitrariamente scelte, che non influiscono affatto nell'amministrazione e nella produzione della nazione. D'apprima ho creduto che fosse solo un effetto "fumogeno" per distrarre il popolo dagli accordi nei quali esso viene comprato e venduto al mercato del bestiame, ma sono ora più portato a pensare che questi accadimenti siano invece funzionali al suddetto mercato del bestiame umano ed al suo mantenimento corretto.

Perciò mi sono ricordato di uno scritto letto quando ero giovane 1 e l'ho tradotto.

L'ultimo film e il Dracula incompreso

Posted in

Quando, ormai famosissimo, il cineasta italo americano Francis Ford Coppola volle realizzare il suo Dracula, proprio come fece per Il Padrino (in originale insieme al nome di Mario Puzo), tenne a sottolineare al pubblico tutto, anche per questa Produzione, la paternità dell'opera. Quella di Bram Stoker.

Forse non tutti sanno che il romanzo gotico Dracula è scritto sotto forma di stralci di diari e scambi epistolari avvenuti (sempre secondo il romazo) tra i protagonisti della più che nota vicenda di paura; che vede rivelare al mondo l'oscuro personaggio del realmente esitito Mister Vlad III, trasfigurato da Stoker nel Conte tra i più famosi dell'immaginario fantastico. Lettere, diari, ma anche telegrammi che, tutti insieme, formano il corpus immaginario di quello che è probabilmente il romanzo del terrore par excellence di tutti i tempi.

Genesi 1, ovvero la Creazione del Mondo Occidentale

Posted in

Genesi 1, per via della molteplicità dei suoi temi e delle sue idee, è il capitolo più denso della Bibbia ed anche la narrazione più influente nella storia della letteratura umana, avendo dato forma alla visione del mondo della nostra società globale moderna.

Genesi 1 introduce l'idea nuova ed originale del tempo come sequenza lineare: a differenza di tutte le altre storie della Creazione, con le sua prime due parole "In Principio" stabilisce un punto d'inizio del tempo che sarà seguito da una successione causale e lineare di eventi.

La Creazione (o il riempire il mondo) possiede una narrativa che si sviluppa attraverso un lasso di tempo preciso e limitato a sei giorni.  A differenza di moltri altri racconti, il tempo non è circolare, ma bensì lineare, come una cronaca di eventi che si succedano gli uni agli altri.

Introduce anche le tre più fondamentali differenze, che costituiscono la peculiarità della visione del mondo Giudeo-Cristiano-Islamico:

  1. Dio, il Creatore, è diverso, una entità individuale separata dall'Universo che egli ha creato;
  2. L'intera Creazione è creata singolarmente in tempi differenziati e tutte le creature sono quindi differenti non solo dal loro creatore ma sostanzialmente anche differenti le une dalle altre;
  3. "Cosa Buona" è un concetto insito nell'atto della creazione ed è chiaramente diverso dal suo opposto ("Ci siano luci nel firmamento del cielo[...] E Dio vide che era cosa buona")

Genesis 1, or the Creation of Western World

Genesis 1, due to the multiplicity of themes and ideas, is the denser chapter in the Bible and it is also the most influential story in the history of human literature, having shaped the world view of our global modern society.

Genesis 1 introduces the novel and original idea of time as a linear sequence: differently from all other creation stories, with its first three words ‘In the Beginning’establishes a beginning point in time that is to be followed by a causal and linear succession of events.

Creation (or the “filling” of the world) has a narrative that develops trough a definite and limited time of six days. Differently for many other creation accounts, time is not circular but linear, as in a chronicle of subsequent events.

It introduces also the three most fundamental differences that constitute the peculiarity of the Judeo-Christian-Islamic worldview:

  1. God, the creator, is different, a separated individual entity, from the universe that he had created;
  2. the whole of creation is created singularly in different times and all creatures are therefore not only different from the creator but indeed also different from each other;
  3. good” is the concept inset at the very act of the creation and it is arguably different from its opposite (‘[...] and God saw that the light was good.’) 1.
  • 1. The Bible NRSV, Oxford University Press, Oxford, 1995, Genesis, 1.4

M5S: Paperinik a Sud di Paperino

Posted in

Nella Locandina: chi tira le fila del movimento co-co-dè.

Il recentissimo articolo di Dusty 1, con il fumetto del Grande Carl Barks, introduce e critica una parte importante della campagna propagandistica del M5S.

La Storia tradotta da Dusty è deliziosa nella sua chiarezza e semplicità.

Paperone è sempre stato un personaggio con un approccio assolutamente folle verso il denaro, approccio che è una allegoria ed una critica all'approccio che alcuni magnati che erano vivi e vegeti quando Carl Barks scriveva le sue fantastiche storie di paperi avevano verso la ricchezza.  Carl Barks, che era dotato di una grandissima cultura, sapeva bene però che la questione era più complessa e che se si voleva rendere le storie veramente pungenti e che rispecchiassero la realtà, bisognava che le macchiette della dirigenza plutocratica che allora erano al comando degli Stati Uniti avessero un minimo di spessore e non fossero stupide, perché, questi personaggi, nella loro pazzia, sapevano destreggiarsi benissimo, anche se sarebbero stati rimpiazzati da lì a brevissimo da un sistema molto più difficile da prendere ad ispirazione per qualsivoglia ironia.

Paperone ci spiega l'economia

Posted in

Una delle tesi dei cosiddetti "signoraggisti", movimento che ispira la riforma monetaria proposta dal M5S, è quella secondo la quale idealmente lo Stato dovrebbe battere moneta in modo da poterne creare quanta necessaria per evitare di indebitarsi con altri soggetti.

Strettamente collegato a questo argomento, tra i propositi del M5S c'è anche quello di fornire un "reddito di cittadinanza" a tutti gli italiani (suppositamente tra coloro in qualche modo definiti poveri), in modo che sia possibile vivere in maniera dignitosa ed affrancarsi finalmente dalle pene lavorative.

La prima domanda che si dovrebbe fare ad una proposta del genere sarebbe quella relativa all'importo del reddito: del resto se tale reddito ci permettesse di vivere dignitosamente, perchè non aumentarlo in modo da vivere ancora meglio, e magari nel lusso? Sarebbe una ovvia conseguenza.

Ci si potrebbe poi chiedere a che pro continuare a lavorare, se smettendo, e quindi diventando "bisognosi" si potrebbe avere accesso al reddito senza dover fare nulla.

Evidentemente semplici domandi basilari di questo tipo, che tutti noi dovremmo anche esserci fatti fin da bambini, non passano per la mente dei politici, ma del resto la loro priorità è quella di guadagnare il favore degli elettori in modo da fargli apporre l'apposita crocetta quando chiamati ad esprimere il loro altissimo dovere civico, per il resto... si vedrà, la retorica viene sempre in aiuto quando si tratta di trovare qualcuno o qualcos'altro a cui addossare le colpe.

Molti anni fa la cultura economica era sicuramente diversa e persino un fumetto come Topolino aveva affrontato l'argomento: ne proponiamo la versione tradotta ai nostri lettori.

 

PARTY POPPER!

Posted in

Nella notte tra il dieci e l'undici di novembre del 1619, durante la Guerra dei Trent'anni1, stazionava a  Neuburg sul Danubio, in Baviera, non lontano dalla citta' di Ulm, riposandosi dopo la battaglia di Praga, parte dell'esercito della Lega Cattolica2

Alcune delle truppe, provenienti da ogni parte d'Europa, erano state prestate dal Principe d'Orange al Duca Massimiliano di Baviera, il padrone di casa.  Tra questi vi era un giovane matematico francese che si era arruolato perche' riteneva che la maggior parte dei suoi coetanei che sceglievano la vita militare, essendo degli scansafatiche leggendari, lo facessero perche' la vita militare probabilmente lasciava un sacco di tempo libero, che era esattamente cio' di cui lui aveva bisogno per i suoi studi.

Cripto-Anarchia ed Imprenditoria Libertaria – Capitolo 2: La Crittografia a Chiave Pubblica

Articoli scritti da Daniel Krawisz, tratti dal The Mises Circle1

 

Crittografia a Chiave Simmetrica

La crittografia a chiave pubblica è il più grande strumento di libertà mai concepito. La sua scoperta è rivoluzionaria. Prima di questa, tutta la crittografia era solo hacking. E' stata sviluppata nel 1973 da Ellis, Cocks e Williamson del CGHQ nel Regno Unito, ma questo lavoro non è stato classificato fino al 1997. È stata sviluppata in maniera indipendente nel 1976 da Rivest, Shamir e Adleman del MIT. Il loro lavoro è stato pubblicato, anche se protetto da un brevetto fino al 2000. Infine è diventata di libero utilizzo.

Per capirla, però, sarà necessario andare oltre le basi della crittografia a chiave simmetrica, che è il tipo di crittografia con cui abbiamo intuitivamente familiarità (il tipo che è esistito fin dall'antichità). Una volta che vengono compresi i limiti della crittografia a chiave simmetrica, allora crittografia a chiave pubblica vi sembrerà una magia.2

Iniziamo a pensare ad una semplice cifra di sostituzione. Ciò significa che il messaggio è una stringa di testo e la cifratura consiste nel sostituire ogni lettera con una diversa. Ad esempio, riuscite a risolvere il seguente codice?

JHBYEUXRBLPDWJXOBELNEHNTBFYDJHBWDCYUWJWLNUUWZBDJXLYERWRJRWEIBBCWEGJHBWDOYEBXWEJHBWDYSECYLIBJRUXRNEMBDRCYYEBD

Possiamo notare due cose. In primo luogo, questo algoritmo è insicuro. Indipendentemente da come siano sostituite le lettere, sarebbe facile da decifrare, soprattutto con un computer. Abbiamo bisogno di qualcosa di molto più complicato per creare un messaggio che sia abbastanza segreto. Ancora più importante, essere a conoscenza della sequenza di sostituzione delle lettere è sufficiente sia per decrittografare che per cifrare un messaggio. E', infatti, impossibile sapere come crittografare un messaggio senza conoscere simultaneamente il modo per decodificarlo.

Il vero valore di Bitcoin

di Patrick Murck1

Mi viene chiesto spesso quanto vale un bitcoin in quel preciso momento, riferendosi al prezzo in moneta fiat con cui viene valutato, e io solitamente rispondo che non lo so e non m’interessa. Il reale valore del Bitcoin inteso come sistema, e quindi di una singola unità o frazione della stessa, è attualmente inquantificabile. Generalmente questo scatena scetticismo, come se il mio fosse un gioco di parole.

E forse lo è, in qualche misura.

Ma non è semplice come rispondere “91,92 USD.” Il reale valore dei bitcoin non è la somma con cui 1 BTC può essere acquistato oggi, bensì il futuro valore combinato di due capitali intellettuali: la composizione della comunità bitcoin e l’utilità del suo scopo.

La prima parte è facile da capire. Il Bitcoin è l’accumulo del talento, del duro lavoro e della costante dedizione delle persone che sviluppano e mantengono il protocollo Bitcoin, fanno impresa intorno al protocollo Bitcoin, i commercianti e i consumatori che usano il protocollo Bitcoin nella vita di tutti i giorni, e coloro che lo proteggono e lo promuovono.

Più persone entrano a far parte della comunità bitcoin, più il valore del sistema aumenta.

La seconda parte richiede un’immersione un po' più profonda in ciò che il bitcoin è in realtà (indizio: non è una moneta virtuale).

Roberto Quaglia ed il Babbo Natale del Male

Posted in

Vi  propongo il video di una conferenza di Roberto Quaglia 1, a quanto ne so il primo italiano che scrisse un libro sul Grande Disastro di New York del 20012 (nel 2003 uscì un suo saggio sull'argomento sulla ormai famosa raccolta Tutto Quello che Sai è Falso 3 e nel 2006 il libro completo  Il Mito dell'11 Settembre e l'Opzione Dottor Stranamore 4, tradotto anche in inglese e rumeno).  Il libro, nonostante le annose discussioni e polemiche sull'argomento è tuttora fruibilissimo:  la sua decisione di non occuparsi di minuzie tecniche che lo avrebbero portato a impegolarsi in eterne discussioni – le quali hanno in effetti frammentato l'attenzione del pubblico dal quadro d'insieme dei fatti - fu chiaramente profetica.

Condividi contenuti