Skip to main content

Laboratori di stampa 3D: comincia l'epoca della progettazione di medicine fai-da-te

Posted in

Nuove tecniche nella (tecnologia di) stampa 3D semplificano la produzione di farmaci, consentendo l’home-design e la sintesi di prodotti farmaceutici.

di Nikki Olson1

 

Il lato scientifico

Il professor Lee Cronin (titolare della Cattedra di Chimica presso l'Università di Glasgow) ed il suo team, hanno costruito quello che essi chiamano un "reactionware", ovvero "speciali contenitori per reazioni chimiche fatti di gel polimerico".

Questi contenitori si distinguono da quelli di laboratorio, quali ad esempio i becher, perché, oltre ad essere contenitori per reazioni chimiche, fanno parte essi stessi della reazione. I prodotti chimici sono semplicemente aggiunti al gel polimerico e stampati in 3D sulla matrice. Ad esempio, materiali come il carbonio possono essere stampati su un contenitore-matrice per rendere la camera stessa conduttiva. Camere più sofisticate potrebbero contenere dedali di componenti chimici in sequenza, creando singole unità che fungono da camera di reazione multistadio.

Contenitori sui quali sono state impiantate delle sostanze chimiche per provocare una reazione, sono stati utilizzati a lungo, e su larga scala, nell’ingegneria chimica. La tecnologia di stampa 3D rende queste tecnologie possibili a livello di laboratorio, e consente altrettanto bene agli scienziati di sperimentare con maggiore facilità le tecniche della camera di reazione. Tale sperimentazione, sostiene Cronin, porterà inevitabilmente al perfezionamento dei processi di camera, nonché a nuovi sistemi per poterli utilizzare nella produzione. Inoltre, la tecnologia della camera di reazione permetterà la produzione di composti che precedentemente dovevano necessariamente essere sintetizzati. Ad esempio, Cronin ed il suo team hanno usato “reactionwear” per la sintesi del C21H17BrN2O, composto organico eterociclico precedentemente non registrato.

Cronin scrive: "E', per noi chimici, un nuovo modo di pensare, che ci offre lo specifico controllo sulle reazioni, perché permette il continuo perfezionamento del progetto dei nostri contenitori, secondo la nostra volontà".

 

Fiducia Persa: Giovani e Vecchi Respingono i Due Partiti Politici

Posted in

"Mi trovo in una situazione spiacevole. Avevo predicato per quarant’anni che il tempo per impedire l’avvento di una depressione era durante il boom. Durante il boom, nessuno mi ha ascoltato. Ora la gente si rivolge ancora a me e chiede come possiamo evitare le conseguenze di una politica da cui avevo sempre messo in guardia. Devo assistere alle dichiarazioni dei capi dei governi di tutti i paesi industriali dell’occidente che promettono alla loro gente di smorzare l’inflazione e preservare la piena occupazione. Ma so che non possono farlo. Ho anche paura che i tentativi di rinviare l’inevitabile crisi con un nuovo percorso inflazionistico possano avere temporaneamente successo e rendere il crollo finale ancora peggiore."

-- F.A. Hayek

 

di Gary North1

 

ARBEIT MACHT FREI

Posted in

Nella locandina: Ingresso del campo di concentramento di Theresienstadt

 

Cosa c'e' ancora da dire sul primo maggio?

Senza andare per derive demenziali sulla corrispondenza della data con rituali pagani assortiti, e' chiaro come le classi dominanti - come sempre da qualche secolo a questa parte - ci avessero preparato un teatrino in cui le due facce della medesima medaglia (l'industrialismo) avevano connotazioni falsamente antagoniste. 

L'aspetto piu' subdolo del teatrino era proprio il canovaccio "antagonista", nel quale i sottoposti trattavano la loro schiavitu' come bene supremo. 

Petizione per portare il dibattito sulle LENR alla Sapienza

Posted in

La presente petizione viene contemporaneamente lanciata sul blog 22 passi d'amore e dintorni sul forum EnergeticAmbiente, sui siti NEXUS, Disinformazione e Per il Bene Comune, sui siti beneFacta, Il Democratico, LuogoComune ed Il portico dipinto. Siete tutti invitati a diffonderla quanto più possibile attraverso i canali a vostra disposizione. Grazie.

Chiediamo che il dibattito sulle LENR entri alla Sapienza di Roma

 

Viviamo anni che suscitano apprensione ed entusiasmo insieme. Dopo essere stati portati sull'orlo del baratro dal modello di sviluppo – tecnologico, economico e politico – del XIX-XX secolo, un nuovo Rinascimento è ora alle porte. In ogni branca della Scienza si succedono scoperte che rivoluzionano la nostra immagine del mondo. Nuovi modelli e paradigmi avanzano a passi da gigante.
Allo stesso tempo inerzia e vecchie logiche rallentano il dibattito sulle nuove idee.

L'Analisi Costi-Benefici – un Altro Meme Discutibile

Posted in

I Regolatori degli Stati Uniti sono "Paralizzati" da Azioni Legali sui Costi-Benefici, Dice Chilton [...] Le banche di Wall Street stanno usando la minaccia di azioni legali per evitare che i regolatori scrivano leggi imposte tramite il Dodd-Frank Act, ha dichiarato Bart Chilton, un Democratico della US Commodity Futures Trading Commission. "Alcune autorità di regolamentazione vivono nella paura costante e sono praticamente paralizzate dalla minaccia" che dovranno affrontare azioni legali "spurie" le quali avranno nel loro contenuto il fatto che i costi/benefici delle loro regole non erano stati adeguatamente considerati, ha detto Chilton in un discorso preparato per la conferenza Trade Tech 2012 di oggi a New York. "E' un imbastardimento della condotta e l'utilizzo dell'analisi costi-benefici nella regolamentazione normativa."

– Bloomberg

GEAB 60: Il futuro degli USA - 2012-2016: un paese insolvente ed ingovernabile

Posted in

estratto pubblico del GEAB n.60 (16 Dicembre 2011)1

L'ultimo estratto pubblico del GEAB fa alcune analisi interessanti e delle proposte che di interessante hanno molto meno in quanto fondamentalmente si contraddicono e pare che non concepiscano la possibilità di tornare a ciò che la costituzione si auspica, che purtroppo è ben diverso da quello che sostiene con i fatti (e non con le parole) il Tea Party (con l'esclusione ovviamente di Ron Paul e del suo seguito).

Ma leggere queste analisi è sempre interessante ed utile, ed un buon esercizio per l'obiettività smiley

 

In questo numero offriamo le nostre anticipazioni sul futuro degli Stati Uniti per il periodo 2012-2016.
Ricordiamo che fin dal 2006, in occasione del primo GEAB, abbiamo detto che la crisi sistemica globale caratterizzerà la fine del mondo post-1945 per come noi lo conosciamo, e che segnerà il crollo del pilastro americano, su cui questo ordine mondiale è riposato per quasi sette decenni. A partire dal 2006, avevamo individuato il periodo 2011-2013 come quello in cui il "Muro del Dollaro", su cui siede il potere degli Stati Uniti, sarebbe crollato. L’Estate del 2011, con il taglio del rating degli Stati Uniti effettuato da S&P, ha segnato una svolta storica ed ha confermato che l'"impossibile"2 era in effetti sul punto di avverarsi. Pertanto, oggi, ci appare indispensabile fornire ai nostri lettori una visione chiara, anticipatrice di ciò che attende il "pilastro del mondo prima della crisi”, nel momento in cui questa è passata nella fase di massima velocità, nell'Estate del 2011.3

  • 1. The future of the USA 2012-2016 part4: http://www.leap2020.eu/The-future-of-the-USA-2012-2016-Part-4-Five-strat...
  • 2. Ricordiamo che solo un anno fa sembrava  una cosa da pazzi prevedere un tale taglio. Gli esperti finanziari, i media specializzati, e gli altri esperti del "futuro inteso come immagine speculare del passato", consideravano tutto ciò una cosa impossibile, oppure forse possibile, ma solo dopo cinque o dieci anni, se la situazione finanziaria del paese avesse continuato a deteriorarsi.
  • 3. Tale esigenza è tanto più elevata perché i media ed i settori finanziari sono completamente parassitati dal "richiamo" della "crisi dell'euro" destinata, come abbiamo sottolineato negli ultimi due anni, a nascondere la gravità della situazione nel cuore del sistema finanziario globale, vale a dire Wall Street e la City. Il Clamoroso fallimento di David Cameron a Bruxelles, la settimana scorsa, mostra per inciso il panico che regna nel cuore della finanza anglosassone.

GEAB 64 - Francia 2012-2014: Il grande terremoto repubblicano ed il suo impatto internazionale

Posted in

Annuncio pubblico del GEAB N°64, 16 Aprile, 2012

Metodologia dell’anticipazione politica -- Saper decifrare i tentativi in atto per il controllo della narrazione collettiva

Partendo dall'invasione dell'Iraq da parte degli Stati Uniti, nel 2003, continuando con l’attacco anglosassone contro l'Euro nel 2010/2011, con quello alla Libia nel 2011, con il tentativo, all’inizio del 2012, di far rieleggere Nicolas Sarkozy, e poi con il possibile attacco  Israelo-Americano contro l'Iran, ... questi ultimi anni ci hanno fatto vedere l’impressionante rimonta di ciò che in precedenza era stato chiamato "agitprop" (sul lato sovietico), o "psy-ops" (sul lato degli Stati Uniti)

 

La follia immobiliare canadese, una ripetizione degli errori degli Stati Uniti -- Verso un calo dei prezzi del 15% : ​25% a partire dal 2013

Con quest’anticipazione sull'evoluzione del mercato immobiliare-residenziale canadese, dimostriamo che le politiche economiche "miracolose" non sono altro che un miraggio basato sull’eccessivo indebitamento privato, che in questo caso ha creato una gigantesca bolla immobiliare, in procinto di scoppiare.

 

Raccomandazioni strategiche ed operative

  • Dollari Australiani e Neozelandesi: due valute che stanno cambiando campo.
  • Fiscalità: Comincia il grande attacco.
  • Borse/Economia USA: La (ri) caduta ha davvero avuto inizio.
  • Immobili residenziali candesi: attenzione al crollo in corso.
  • Hedge funds della City/Speculazione contro l'Euro: i politici stanno preparando un improvviso contro-attacco.

 

Il GlobalEurometre - Risultati ed analisi

Con il 74% degli intervistati (contro il 71% di Marzo) che si aspettano una grande caduta del Dollaro per i prossimi mesi, assistiamo alla continua crescita dei pareri negativi sul futuro della moneta degli Stati Uniti.

 

Il superpotere ombra

Posted in

Scordatevi della Cina: con un totale di 10.000 miliardi di Dollari, il mercato nero rappresenta, a livello mondiale, la  più grande e crescente economia -- e ne costituisce il suo futuro.

Di Robert Neuwirth1

Dotato del solo telefono cellulare, e della promessa di denaro da parte dello zio, David Obi ha fatto qualcosa che il governo nigeriano ha cercato di fare per decenni: ha capito come portare l'energia elettrica alle masse, nel paese più popoloso dell'Africa.

Non era una questione di tecnologia. David non è un inventore o un ingegnere, le sue intuizioni nei riguardi dei problemi elettrici del paese non avevano niente a che vedere con le fantasie sul fotovoltaico, o sulle turbine per sfruttare l'Harmattan2, o su qualsiasi altra fonte alternativa di energia. Al contrario, a 7.000 miglia da casa, ed utilizzando una lingua che a malapena riusciva a parlare, ha fatto quello che i commercianti fanno da sempre: un affare. Ha stretto un contratto con una ditta cinese vicino a Guangzhou per produrre piccoli generatori diesel con il marchio dello zio, Aakoo, e li ha spediti a casa, in Nigeria, dove l’energia elettrica è spesso scarsa. L’affare di David, iniziato quattro anni fa, non era enorme -- ma gli ha permesso di realizzare un buon utile, e lo ha messo in una posizione di rilievo per il successo che ha avuto come mercante trans-nazionale. Come quasi tutte le transazioni tra commercianti nigeriani e produttori cinesi, essa era anche sub rosa 3, al di sotto del radar, al di fuori della vista o del controllo del governo, una parte dell’alternativo universo economico costituito dal “Sistema D”.

Probabilmente non avrete mai sentito parlare del “Sistema D4. E nemmeno io, fino a quando non ho cominciato a visitare i mercati di strada, ed i bazar non autorizzati di tutto il mondo.

Non Prendete la Febbre della Ripresa

Posted in

Il mercato mondiale ormai è allo sbando. E' una parodia di se stesso.1 Ma ci sono ancora alcuni che si domandano, "perché non può andare avanti?" Risposta: "Se qualcosa non può più andare avanti, tenderà a fermarsi." Col passare del tempo, sempre più persone si stanno rendendo conto che questa economia immersa nel welfare state Keynesiano e nel denaro fiat è insostenibile. Non può andare avanti. Oltre all'Europa, lo stanno scoprendo altre nazioni. Lo sta scoprendo la Cina,2 con una crisi finanziaria che va man mano intensificandosi. I banchieri centrali, infatti, avevano creato insieme ai pianificatori centrali un'economia fasulla3 basata sull'inflazione nei prezzi.  Lo sta scoprendo l'India.4 Lo sta ri-scoprendo l'Argentina.5 Ora divertiamoci a scoprire cosa succede negli USA.

Ma una cosa è certa: la pianificazione centrale sta fallendo in tutto il mondo. Il problema è solo uno: a che prezzo?

 

di Peter Schiff6

Il collasso globale dell'economia, spiegato

Posted in

 

Questo è il testo dell'animazione:

Sappiamo com'è lo zio Sam. Ha un sacco di debiti a cui far fronte.

Quasi 3.000 miliardi di dollari ogni anno, mentre le entrate sono di 2.200 miliardi l'anno.

Allora fa la cosa che fanno la maggior parte degli Americani: prende in prestito denaro.
Quando lo zio Sam contrae un prestito lo chiama Bond.

I bond possono essere detenuti da banche, investitori e governi esteri.

Lo zio Sam deve promettere di pagare interessi su questi bond, proprio come fate voi quando stipulate un prestito.

Geithner Vuole Sbarazzarsi della Valuta Fisica (Miglior Tracciamento)

Benjamin Franklin viene a volte ricordato per questa frase: "Chi sacrifica la libertà in nome della sicurezza, non merita libertà né sicurezza." E' quello che sta accadendo con questa fantomatica lotta al contante in nome di una "sicurezza superiore". Il controllo si insinua subdolamente e nel campo monetario è assolutamente pericoloso: tutte le transazioni possono essere registrate in un database centrale, poi un analista governativo può catalogarle ed analizzarle ed individuare non solo le entrate di determinate persone ma anche, per esempio, preferenze politiche, acquisti, appartenza a certi gruppi, ecc. Basta un click e vengono congelati carte e conti correnti. Basta un click ed una persona viene mandata sul lastrico. Lo stato, purtroppo, ha tutte le "armi" per rivalersi sui cosiddetti "evasori", e le utilizza1; ma guarda sempre e solo al lato delle entrate. Di ridurre le spese manco a pensarci.2 Quindi, è giusto ridurre il debito ma non attraverso l'inquisizione e la messa al rogo dei cosiddetti "evasori"; è ora che lo stato (fonte primaria di sprechi e spese improduttive) inizi a fare passi indietro tagliando con decisione la spesa e renda meno asfissiante il fisco.

di Gary North3

 

Le Ultime Grida dalla Savana

Posted in

Sento da piu' parti gridolini sommessi di protesta contro l'attuale Governo Italiano.  Gente che vorrebbe raddrizzare la situazione.  Una situazione che era compromessa fino dall'Armistizio e che precipitò non troppo tempo fa.

Ma è troppo tardi.

Il danno è stata già fatto e, di fatto, l'Italia ha perso la pochissima autonomia che aveva quando si il PCI propose Cossiga nel Luglio 1979 e quel vecchio chiaccherone del Presidente lo invitò a presentarsi con un governo.
Al tempo la gente non era ancora così ammaestrata e non tutti erano contenti.  Da allora cominciò di fatto la svendita delle industrie italiane e la migrazione del lavoro dall'Italia all'estero.
I traditori Comunisti (che in un paese appena normale avrebbero dovuti essere confinati) collaborarono e si arricchirono con le Coop Rosse a cui fu affidata l'opera di smantellamento dell'impianto industriale del paese.  Le assunzioni furono bloccate alla FIAT per "terrorismo" e le Coop funsero da ammortizzatore, per aiutare le consegne in un periodo in cui serviva ancora mano d'opera, ma non si voleva assumere, sapendo che iniziava lo smantellamento.

MAP n.5 (completo)

Posted in

Europe2020, l'organizzazione che si occupa di produrre e pubblicare le analisi geopolitiche del GEAB, produce anche un periodico chiamato Magazine d'Anticipation Politique (Giornale d'Anticipazione Politica), o MAP.

L'ultima edizione del MAP, la numero 5, Include diversi articoli sui temi più disparati: dal problema nucleare dell'Iran alla recensione di alcuni libri di fantascienza.

E' disponibile normalmente solo in Inglese e Francese, ma per la prima volta, grazie all'instancabile lavoro di traduzione di Franco, è disponibile anche la versione italiana che potete trovare a questo indirizzo1.

Non ci resta che augurarvi buona lettura smiley

 

Critiche alla FED da parte di un suo ex economista, ospite di Stossel in TV

Non ci finisce mai di stupire, ed in questa trasmissione Stossel si chiede come mai diamo per scontato che sia necessario un ente centrale che monopolizzi la moneta, parlandone proprio con un ex impiegato della Fed, David Barker.

"Sappiamo che la pianificazione centrale è un fallimento e che la concorrenza normalmente migliora la qualità, quindi perchè per la moneta dovrebbe essere diverso?"

La domanda è ovviamente una delle più importanti, e può essere utile questa riflessione di Ron Paul in proposito:

"Rispristinare la concorrenza nelle valute consentirà agli Americani di scegliere una valuta che si adatta alle loro esigenze, piuttosto che alle esigenze del governo. La prospettiva degli Americani che si allontanano dal dollaro verso valute alternative fornirà l'impulso necessario al governo degli Stati Uniti per riprendere il controllo del dollaro e fermare la sua spirale discendente. Ripristinare la solidità del dollaro rimuoverà la capacità del governo ed il relativo incentivo ad inflazionare la valuta, e ci impedirà di lanciare guerre incostituzionali che pesano gravemente sulla nostra economia. Con una moneta sana, ognuno sta meglio, non solo quelli che controllano il sistema monetario."

 

 

La Storia della Buonanotte dello Zio Gary: "Perché il Congresso Ha Inventato Conti IRA Fiscalmente Differiti"

Posted in

di Gary North1

Spero che vi siate rimboccati le coperte. Abituatevi alla sensazione di avere le coperte rimboccate. Non vi sentite più al sicuro ora? Sistematevi. Vi racconterò una storia.

C'erano una volta, due Senatori degli Stati Uniti. Uno era un Democratico. L'altro era un Repubblicano.

Erano molto preoccupati. Anche qest'anno dovevano vedersela col deficit del governo. Ovviamente, ogni anno tornava a bussare alle loro porte. Ma stava diventando un problema. Stava rendendo più difficile prendere in prestito denaro. I creditori volevano la prova che il governo avrebbe potuto pagare i suoi conti senza affrontare i troll cattivi chiamati bond vigilantes2.

Dovevano trovare il modo di ottenere più entrate.

Condividi contenuti