Skip to main content

Stato

Cure Impopolari per la Disoccupazione e la Depressione Economica

Posted in

Il cretino ci riprova spacciando per l'ennesima volta la sua brodaglia Keynesiana1 come panacea:

«[...] Nessuno pensa che un'economia che opera in qualche modo vicino alla piena occupazione possa inflazionare per ottenere una maggiore produzione. Ma in condizioni di depressione - che è ciò che abbiamo ora - l'inflazione è una cosa molto positiva.»

Che sta facendo il nostro "supereroe" in questa puntata? Sta tentando di stabilire un compromesso tra inflazione e disoccupazione, usando la curva di Phillips per difendere la sua posizione. Un'idiozia ormai smontata da decadi2. Ma lui vuole solo "un pò" di inflazione (la dosiamo col contagocce o cambiamo paniere a fantasia?), tanto per accelerare ed intensificare la vita di miseria che ci toccherà affrontare. Ma guai a parlargli di Zimbabwe o Weimar, sareste degli sciroccati. Non gli basta un aumento nell'inflazione dei prezzi di circa 8.3% in tre anni3? Ah no, in realtà siamo in "deflazione". Buzzword Bingo!

 

di Bill Bonner4
 

Cieca Obbedienza allo Stato: Le Pecore Sono Ora Pronte al Macello!

Uno stato totalitario davvero efficiente sarebbe quello in cui l'onnipotente esecutivo dei capi politici e il loro esercito di manager controllano una popolazione di schiavi che non deve essere costretta, perché ama la sua servitù. Farla innamorare è il compito assegnato, negli stati totalitari oggi, ai ministeri della propaganda, i direttori di giornali e gli insegnanti .... I più grandi trionfi della propaganda sono stati compiuti, non facendo qualcosa, ma astenendosi dal farlo. Grande è la verità, ma ancora più grande, da un punto di vista pratico, è il silenzio sulla verità.

~ Aldous Huxley

 

di Gary D. Barnett1

La storia della vostra schiavitù

Hayek parlava della Road to Serfdom, questo video spiega come tale via sia accuratamente preparata per la maggior parte del bestiame umano sin dal suo primo vagito:

 

Bitcoin, Bittorrent ed il Red Flag Act del 1865

Un post del blog "The monetary future"1 fornisce un'eccellente sommario del perché potrebbe essere controproducente cercare riconoscimento legale per Bitcoin. E' stato scritto da un utente anonimo in risposta ad un articolo pubblicato su TorrentFreak, ma non è chiaro perché il commento non appare nella sezione dei commenti dell'articolo.

Il Trionfo della Tecnologia sulla Pianificazione del Governo

"La storia: essa è il luogo privilegiato per la conoscenza dell’uomo. La storia è diversa dalla natura, perché al contrario di essa non si riproduce in modo sempre uguale. Essa è opera dell’uomo e per questo nella storia c’è il progresso verso una sempre maggiore perfezione. Questo è il cardine della filosofia della storia: il progresso come meta a cui inarrestabilmente tende il genere umano." Anne Robert Jacques Turgot

 

Perchè Votare?

Esatto, il tam tam mediatico è iniziato da mesi ormai e la frase che rimbomba nel cervello e nella grancassa della propaganda è: "Votate! Non importa per chi, basta che votiate". Ovvero: "Siete delle pecore, noi vogliamo che voi siate delle pecore! Ebbene pascolate ora e lasciate al padrone il compito di accudire la fattoria". Non fa una grinza. Bisogna capire che il voto non è "azione", è la sua antitesi. E' un mero esercizio di "giudizio". Essendo privato dell'azione l'elettore non riesce a capire la profondità della sua scelta; da qui, secondo me, il detto "il minore dei due mali" è venuto alla ribalta. Se una cosa è male io decido di non scegliere, poichè qualsiasi cosa, anche in minor entità, nuocerà alla mia "salute". Invece l'esercizio di delega è solo un giudizio: "per me questo è leggermente meno male di quell'altro, perchè..."; ma sarà il candidato a compiere le azioni, non l'elettore stesso.

 

di Mark Brandly1

[Un file audio MP3 di questo articolo, narrato da Steven Ng, è disponibile per il download.]

Condividi contenuti