Skip to main content

blog di Dusty

Paulo Coelho: piratate i miei libri!

Posted in

Coelho1 è uno scrittore di fama mondiale con più di 130 milioni di copie vendute.

Recentemente sul suo blog2 ha voluto affrontare il discorso della proposta americana SOPA e più in generale il tema della pirateria. Una sua frase ha fatto il giro del web "Pirati del mondo, unitevi e piratate tutto quello che ho scritto!".

Questa presa di posizione inusuale tra gli autori e detentori di "proprietà intellettuale" di successo è molto interessante e meritevole di essere letta.

Quella che segue è la traduzione dell'intervento sul suo blog.

 

Quello che penso del S.O.P.A.

di Paulo Coelho

 

Verificare l'oro della Federal Reserve

Posted in

Come ben sappiamo il prezzo dell'oro è un fattore estremamente importante per capire da che parte sta andando l'economia e di conseguenza le banche centrali cercando di mantenere il più possibile sotto controllo il suo andamento, perlopiù riuscendoci, usando ogni tipo di trucco.

In un mondo (economico) totalmente telematico come il nostro dove gran parte dei controlli sono demandati ai controllati stessi infatti è piuttosto facile barare, come ben sanno alcune organizzazioni che si occupano di cercare di svelare tali trucchi.1

In questo scenario sarebbe particolarmente importante riuscire a verificare da vicino come si sta muovendo e come si è mossa la Federal Reserve.

 

Verificare l'oro della Federal Reserve

di Gary North2

Estratto pubblico del GEAB n.57, pubblicato il 23 Gennaio 2012

Posted in

Grazie all'instancabile Franco possiamo pubblicare la traduzione del GEAB 57, appena rilasciata pubblicamente.

 

Fine 2012 – Il neo-protezionismo si afferma come nuovo paradigma del commercio mondiale

 

A causa dell'economia globale1 ri-caduta simultaneamente in recessione, e dei principali eventi politici riguardanti le principali economie del mondo2, ci aspettiamo un forte aumento del protezionismo a partire dalla fine del 2012. Nella sua fase iniziale si presenterà essenzialmente sotto forma di varie barriere non tariffarie, più discrete dei tradizionali dazi doganali, ma sarà causa, nei fatti, del più importante cambiamento nel commercio mondiale, a partire dalla firma del GATT nel 1947 (Accordo Generale sulle Tariffe Doganali e sul Commercio, il predecessore del WTO).

 

  • 1. Le recenti stime di tutti gli organismi di controllo dell'economia mondiale puntano nella stessa direzione, vale a dire una forte revisione al ribasso delle stime di crescita, fatte appena pochi mesi fa per la seconda metà del 2011 e per il 2012. Il rimbalzo delle crisi finanziarie occidentali (nel contesto esplosivo dell’incontrollato debito pubblico), Eurolandia che lentamente partorisce la sua governance economica, la completa paralisi politica negli Stati Uniti nel contesto del ritorno della recessione ... creano una situazione davvero drammatica per il commercio internazionale. Fonte: Le Monde, 2011/09/12, Financial Times, 2011/09/01, CNBC, 2011/08/26
  • 2. Le elezioni presidenziali e/o parlamentari negli Stati Uniti, in Francia, in Spagna, in Italia, probabilmente in Germania (vedi GEAB N . 49), in  Russia, ed un cambio di leadership politica in Cina.

Sopa & Pipa, Il Blackout di Mercoledì: è giunta l'ora

Posted in

In USA un deputato ha proposto un disegno di legge chiamato SOPA1 che avrebbe dato un potere molto forte ai (più grossi) detentori di copyright, dandogli la possibilità di chiudere molti siti della rete costringendo ISP e motori di ricerca come Google di eliminare il sito in questione.

Come spesso accade queste proposte vengono fatte da membri del governo che agiscono per le potenti lobby dell'industria, e non hanno nessuna relazione con la volontà popolare. Un gran numero di siti web anche molto popolari come wikipedia si sono mossi chiudendo i servizi ed esponendo invece una pagina di informazioni per sensibilizzare il pubblico e far sentire la propria voce nei confronti dei propri rappresentanti politici in modo da bloccare l'iter legislativo di questa pericolosissima proposta di legge.

di Jeffrey Tucker per  The Daily Reckoning 2

GEAB N. 61 - Crisi sistemica globale - 2012: La grande oscillazione geopolitica mondiale

Posted in

Informazione Scorretta ha purtroppo chiuso ma il buon Franco è sempre operativo, ringraziandolo quindi per il lavoro svolto pubblico il risultato della sua ultima fatica :-)

 

Questo numero del GEAB segna il sesto anno da quando il team di LEAP/E2020 condivide con abbonati e lettori le sue anticipazioni mensili riguardo l'evoluzione della crisi sistemica globale. E per la prima volta, in questo numero di Gennaio (che presenta una sintesi delle nostre previsioni per l'anno a venire), anticipiamo che questo non sarà un anno che si tradurrà soltanto nel peggioramento della crisi mondiale, ma sarà anche caratterizzato dalla nascita dei primi elementi costruttivi del "mondo post-crisi", per usare l'espressione di Franck Biancheri, nel suo libro «The World Crisis: The Path to the World Afterwards».

Secondo LEAP/E2020, il 2012 sarà l'anno della grande oscillazione geopolitica mondiale: un fenomeno che porterà senza alcun dubbio  gravi difficoltà alla maggior parte del pianeta, ma che permetterà l'emersione di condizioni geopolitiche favorevoli al miglioramento della situazione negli anni a venire. Contrariamente agli anni precedenti, il 2012 non sarà un anno "sprecato", ovvero bloccato nel "mondo pre-crisi" per mancanza d’audacia, d’iniziativa e di fantasia da parte dei leaders mondiali, mancanze che hanno inoltre generato l’evidente passività dei popoli fin dall'inizio della crisi.

Dott.ssa Terry Wahls: Come ho sconfitto la Sclerosi Multipla

Che l'alimentazione sia importante per rimanere in buona salute è una cosa ormai nota anche nell'ambiente medico ed ha dato via ad una scienza relativamente recente di nome nutrigenomica1. Ma che un drastico cambio alimentare potesse portare a dei risultati curativi così stupefacenti, è sicuramente meno noto.

Alla dott.ssa Terry Wahls, persona sportiva che come tante altre conduceva una vita normale, una decina d'anni fa fu diagnosticata la Sclerosi Multipla2, una malattia cronico degenerativa che colpisce il sistema nervoso centrale che generalmente non porta alla morte ma conduce ad una progressiva disabilità molto grave.

Nonostante non esistano cure, e grazie anche all'ambiente che la Dott.ssa Wahls, come medico, conosceva, è stata ricoverata nelle cliniche più moderne, visitata dagli specialisti migliori, ed ha potuto assumere i medicinali più innovativi e promettenti.

Tutto ciò ha portato ad un piccolo rallentamento del declino clinico ma purtroppo la malattia nel frattempo era transizionata allo stadio secondario progressivo, costringendola su di una sedia a rotelle.

Terry non si è però persa d'animo, ed avendo visto che su pubmed3 erano disponibili molte ricerche che potevano essere correlate alla sua patologia ha deciso di rimboccarsi le maniche ed approfondire la sua conoscenza della materia. Internet è stata per lei la più grande risorsa.

Pubblicità anti-Fed censurata dalle maggiori TV americane

Posted in

Sembrerebbe che in TV possa andare in onda di tutto compresi gli spot che parlano del poco noto crollo del WTC7, ma se si tratta invece di criticare le politiche inflazionarie della Federal Reserve la musica cambia...

 

di Jerome R. Corsi

Due brevi spot televisivi creati da una azienda americana specializzata in monete d'oro ed argento non sono stati accettati come pubblicità legittima dai maggiori network televisi americani, compresi Fox News Channel e Fox Business Network, probabilmente per motivi politici.

I video, della ditta Swiss America Trading Corp, con sede a Phoenix, rappresentano il presidente degli stati uniti Obama ed il direttore della Fed Ben Bernanke sotto forma di cartoni animati che intraprendono politiche inflazionarie stampando moneta a pieno ritmo per cercare di risvegliare un'economia sofferente.

Singer Pat Boone, da più di 15 anni uno dei portavoce di Swiss America, compare nelle pubblicità sotto forma di annunciatore che consiglia di investire in oro i propri risparmi per divendersi da una inflazione galoppante.

Il direttore di Swiss America, Craig Smith, ha detto che il loro intento non era quello di fare dichiarazioni politiche.
L'obiettivo, secondo Smith, era di "utilizzare un approccio umoristico nei confronti di un attuale ed importante problema economico, così da pubblicizzare l'azienda e promuovere un libro di recente pubblicazione".

Assieme Fox News e Fox Business, i due spot sono stati rigettati anche da NBC, MSNBC, CNBC, ABC, CBS, CNN/HLN e Discovery Channel.

Comcast, nel non accettare lo spot, ha riferito a Swiss America che "non soddisfa i nostri standard riguardo ai simboli pubblici".

La politica di Comcast riguardo i simboli pubblici specifica che "l'uso di nomi o personaggi simili al presidente degli Stati Uniti e/o simboli presidenziali per appoggiare iniziative commerciali deve essere autorizzata dalla Casa Bianca".

Fox News ha fatto sapere che "cerchiamo di evitare la rappresentazione di figure pubbliche".

CNN/HLN ha detto a Swiss America che gli spot pubblicitari "non erano appropriati per l'attuale panorama politico".

"La reazione delle reti televise mi ha scioccato", ha detto Smith. "Rifiutare uno spot non perchè è inaccurato o fuorviante ma perchè viene visto come una dichiarazione politica che le reti televisive cercano di evitare è una minaccia al primo emendamento".

Nessun banchiere verrà dimenticato -- by Ry Cooder

Posted in

Bitcoin, decentralizzazione, ed equilibrio di Nash

di Vitalik Buterin1

Gli storici della tecnologia si riferiranno a Bitcoin per lungo tempo come una innovazione fondamentale all'interno della tecnologia di Internet. E' il primo sistema di denaro elettronico distribuito che impedisce di spendere la stessa moneta più volte, un problema che fino a poco tempo fa sembrava essere inerentemente impossibile da risolvere. E' infatti inerente nella natura dei dati digitali poter essere copiati, ed per questo motivo che le multinazionali di music, film e libri da decenni cercano, con scarsissimo successo, di evitare che le opere che vendono possano essere copiate. Ogni schema di protezione che implementano viene alla fine forzato e reso nullo. Bitcoin ha veramente la possibilità di diventare la migliore moneta mondiale del web e capovolgere l'attuale sistema finanziario. Ma anche se Bitcoin fallisse in questo intento, i concetti che implementa sono in sè stessi rivoluzionari.

Lew Rockell: L'Euro e l'Europa sono stati un errore

Posted in

Lew Rockwell intervistato da una testata giornalistica di ampia visibilità non capita tutti i giorni.

E di conseguenza non capita tutti giorni di ascoltare in televisione quello che l'intervistatrice si sente rispondere, chiedendo un opinione riguardo i problemi economici Greci laugh

 

Ringrazio Johnny per il grande aiuto nella sottotitolatura.

 

Fiat money: perchè lo Stato richiede il controllo del danaro

Posted in

Solo la comprensione del vero meccanismo di creazione del denaro dal nulla da parte dello Stato (con la banca centrale) può spiegare al maggior numero di persone possibile le reali cause della crisi economica.

E questo è ancora più importante in un momento storico come quello attuale, in cui comincia a sfogarsi la (giusta) rabbia dovuta alla crisi economica.

Infatti, se come avviene in tutti i media mainstream, ci si concentra sui sintomi e si evita di affrontare le cause, il risultato sarà quello di chiedere  (e provvidenzialmente ottenere) provvedimenti che peggioreranno la situazione invece di migliorarla, come avvenuto nei primi del '900 quando a seguito delle problematiche dovute alla pratica della riserva frazionaria da parte delle banche, invece di vietare questo fraudolento comportamento è stata istituita la Federal Reserve come soluzione.

Questo video affronta in maniera semplice ed immediata la problematica della creazione del denaro dal nulla, spiegando chi è che ne beneficia realmente. Si spiega come non sia la classe dei lavoratori ma al contrario quella dei più ricchi, che possono così arricchirsi sempre più, aumentando il divario con i più poveri.

Segue un articolo1 particolarmente in tema, di Hans-Hermann Hoppe.

 

 

Pianificazione e delirio di onnipotenza

Posted in

In questo talk a TED, Tim Harford ci parla di un argomento particolarmente interessante: quello della pianificazione, o meglio, della convinzione da parte di alcune persone (tipicamente della classe dirigente) di voler e poter prevedere come risolvere ogni tipo di problematica in maniera centralizzata senza lasciare spazio alla creatività distribuita.

 

 

Oro, denaro indipendente

"Ho infine determinato che il punto cruciale era scegliere se avere guerra o pace"

-- Murray Rothbard

 

Sta finalmente cominciando a diventare conoscenza comune il fatto che convertire i propri risparmi in oro è un buon modo per evitare che vengano mangiati dall'inflazione, ma le proprietà dell'oro non si fermano certo qui.

Se infatti l'oro venisse usato correntemente come moneta al posto del denaro "fiat" (cioè creato dal nulla) imposto per legge, le conseguenze sarebbero molteplici, e tutte positive per la maggioranza delle persone.

Una delle più rilevanti sarebbe che non sarebbe più facile come adesso finanziare le guerre che in maniera così disinvolta vengono combattute dai cosiddetti "paesi civilizzati" in giro per il mondo, e che tanti danni e sofferenze causano, anche se queste ultime vengono di solito taciute o descritte come inevitabili danni collaterali necessari per esportare la nostra grande democrazia nel resto del mondo.

Kevin Slavin: Come gli algoritmi modellano il nostro mondo

Al giorno d'oggi una gran parte delle operazioni ripetitive è gestita da speciali algoritmi per computer, in particolare nel mondo della finanza1, dove riuscire a trovare il momento in cui comprare e vendere titoli può fare la differenza tra la ricchezza ed il fallimento.

Ma a volte si può perdere il controllo e possono succedere cose strane come avvenuto ad esempio con un certo libro su Amazon2... Kevin racconta alcuni esempi e fa diverse interessanti considerazioni in merito.

 

 

Un'economia deflazionaria è possibile?

Nelle discussioni che riguardano l'uso di una moneta come l'oro ma anche come Bitcoin, una delle domande che viene spesso posta da persone che possiedono anche un background economico è se una moneta deflazionaria può realmente sopravvivere.

E' un discorso interessante. Siamo così abituati a vivere un'economia inflazionaria dove la moneta perde gradualmente il suo valore che abbiamo difficoltà ad immaginare come potrebbe essere un'economia dove una certa quantità di danaro acquista lentamente valore nel tempo man mano che i prezzi calano.

Siccome abbiamo solo vissuto in economie inflazionarie (ed iperinflazionarie), vengono fatte ogni sorta di assunzioni sul perchè una economia deflazionaria non possa funzionare. La più grande obiezione che in genere viene presentata è che nessuno comprerebbe nulla oggi visto che la stessa cosa domani costerebbe meno. E nemmeno allora tale cosa verrebbe comprata in quanto il giorno dopo sarebbe ancora meno costosa. E così via, nessuno comprerebbe mai niente: tutti aspetterebbero indefinitamente che ogni cosa diminuisse di prezzo.

Condividi contenuti