Skip to main content

Aggregatore di feed

US Empire-First Policy Led to a Quagmire of Forever Wars…

Lew Rockwell Institute - Sab, 26/08/2023 - 05:01

When the Cold War officially ended suddenly in 1991 Washington had one more chance to pivot back to the pre-1914 status quo ante. That is, to a national security policy of Fortress America because there was literally no significant military threat left on the planet.

Post-Soviet Russia was an economic basket case that couldn’t even meet its military payroll and was melting down and selling the Red Army’s tanks and artillery for scrap. China was just emerging from the Great Helmsman’s economic, political and cultural depredations and had embraced Deng Xiaoping proclamation that “to get rich is glorious”.

The implications of the Red Army’s fiscal demise and China’s electing the path of export mercantilism and Red Capitalism were profound.

Russia couldn’t invade the American homeland in a million years and China chose the route of flooding America with shoes, sheets, shirts, toys and electronics. So doing, it made the rule of the communist elites in Beijing dependent upon keeping the custom of 4,000 Walmarts in America, not bombing them out of existence.

In a word, god’s original gift to America—the great moats of the Atlantic and Pacific oceans—could have again become the cornerstone of its national security.

After 1991, therefore, there was no nation on the planet that had the remotest capability to mount a conventional military assault on the U.S. homeland; or that would not have bankrupted itself attempting to create the requisite air and sea-based power projection capabilities—a resource drain that would be vastly larger than even the $900 billion the US currently spends on its own global armada.

Indeed, in the post-cold war world the only thing the US needed was a modest conventional capacity to defend the shorelines and North American airspace against any possible rogue assault and a reliable nuclear deterrent against any state foolish enough to attempt nuclear blackmail.

Needless to say, those capacities had already been bought and paid for during the cold war. The triad of minutemen ICBMs, Trident SLBMs (submarines launched nuclear missiles) and long-range stealth bombers currently cost $52 billion annually for operations and maintenance, replacements and upgrades and were more than adequate for the task of nuclear deterrence.

Likewise, conventional defense of the U.S. shoreline and airspace against rogues would not require a fraction of today’s 1.3 million active uniformed force—to say nothing of the 800,000 additional reserves and national guard forces and the 765,000 DOD civilians on top of that.

Rather than funding 2.9 million personnel, the whole job of national security under a homeland-based Fortress America concept could be done with less than 500,000 military and civilian payrollers. At most.

In fact, much of the 475,000 US army could be eliminated and most of the Navy’s carrier strike groups and power projection capabilities could be mothballed. So, too, the Air Force’s homeland defense missions could be accomplished for well less than $100 billion per annum compared to its current $200 billion budget.

Overall, the constant dollar national defense budget was $660 billion (2022 $) when the cold war ended and the Soviet Union subsequently disappeared from the face of the earth in 1991. Had Washington pivoted to a Fortress America national security policy at the time, defense spending could have been downsized to perhaps $500 billion per year (2022 $) or potentially far less.

Instead, Imperial Washington went in the opposite direction and ended up embracing a de facto policy of Empire First. The latter will cost $900 billion during the current year and is heading for $1.2 trillion billion annually a few years down the road.

Empire First—-The Reason For An Extra Half Trillion For Defense

In a word, Empire First easily consumes one-half trillion dollars more in annual budgetary resources than would a Fortress America policy. And that giant barrel of weapons contracts, consulting and support jobs, lobbying booty and Congressional pork explains everything you need to know about why the Swamp is so deep and intractable.

Obviously, it’s also why Imperial Washington has appointed itself global policeman. Functioning as the gendarme of the planet is the only possible justification for the extra $500 billion per year cost of Empire First.

For example, why does the US still deploy 100,000 US forces and their dependents in Japan and Okinawa and 29,000 in South Korea?

These two counties have a combined GDP of nearly $7 trillion—or 235X more than North Korea and they are light-years ahead of the latter in technology and military capability. Also, they don’t go around the world engaging in regime change, thereby spooking fear on the north side of the DMZ.

Accordingly, Japan and South Korea could more than provide for their own national security in a manner they see fit without any help whatsoever from Imperial Washington. That’s especially the case because absent the massive US military threat in the region, North Korea would surely seek a rapprochement and economic help from its neighbors including China.

Indeed, sixty-five years after the unnecessary war in Korea ended, there is only one reason why the Kim family is still in power in Pyongyang and why periodically they have noisily brandished their incipient nuclear weapons and missiles. To wit, it’s because the Empire still occupies the Korean peninsula and surrounds its waters with more lethal firepower than was brought to bear against the industrial might of Nazi Germany during the whole of WWII.

Of course, these massive and costly forces are also justified on the grounds of supporting Washington’s committements to the defense of Taiwan. But that commitment has always been obsolete and unnecessary to America’s homeland security.

The fact is, Chiang Kia-Shek lost the Chinese civil war fair and square in 1949, and there was no reason to perpetuate his rag-tag regime when it retreated to the last square miles of Chinese territory—the island province of Taiwan. The latter had been under control of the Chinese Qing Dynasty for 200 years thru 1895, when it was occupied by the Imperial Japan for 50 years, only to be liberated by Chinese patriots at the end of WWII.

That is to say, once Imperial Japan was expelled from the island the Chinese did not “invade” or occupy or takeover their own country. For crying out loud, Taiwan had been Han for centuries and for better or worse, the communists were now the rulers of China.

Accordingly, Taiwan is separated from the mainland today only because Washington arbitrarily made it a protectorate and ally when the loser of the civil war set up shop in a small remnant of modern China, thereby establishing an artificial nation that, again, had no bearing whatsoever on America’s homeland security.

In any event, the nascent US War Party of the late 1940s decreed otherwise, generating 70 years of tension with the Beijing regime that accomplished nothing except to bolster the case for a big Navy and for maintaining vast policing operations in the Pacific region for no good reason of homeland defense.

That is to say, without Washington’s support for the nationalist regime in Taipei, the island would have been absorbed back into the Chinese polity where it had been for centuries. It would probably now resemble the booming prosperity of Shanghai—-something Wall Street and mainstream US politicians celebrated for years.

Moreover, it’s still not too late. Absent Washington’s arms and threats, the Taiwanese would surely prefer peaceful prosperity as the 24th province of China rather than a catastrophic war against Beijing that they would have no hope of surviving.

By the same token, the alternative—US military intervention to aid Taiwan—would mean WWIII. So what’s the point of Washington’s dangerous policy of “strategic ambiguity” when the long-term outcome is utterly inevitable?

In short, the only sensible policy is for Washington to recant 70-years of folly brought on by the China Lobby and arms manufacturers and green-light a Taiwanese reconciliation with the mainland. Even a few years thereafter Wall Street bankers peddling M&A deals in Taipei wouldn’t know the difference from Shanghai.

And speaking of foolishly frozen history, it is now 78 years since Hitler perished in his bunker. So why does Washington still have 50,000 troops and their dependents stationed in Germany?

Certainly by it own actions Germany does not claim to be militarily imperiled. It’s modest $55 billion defense budget amounts to only 1.3% of GDP, hardly an indication that it fears Russian forces will soon be at the Brandenburg Gate.

Indeed, until Washington conned the Scholz government into joining its idiotic sanctions war against Russia, Germany saw Russia as a vital market for its exports and as a source of supply for natural gas, other natural resources and food stuffs. Besides, with a GDP of $4.2 trillion or more than double Russia’s $2.1 trillion GDP, Germany could more than handle its own defenses if Moscow should ever become foolish enough to threaten it.

From there you get to the even more preposterous case for the Empire’s NATO outposts in eastern Europe. But the history books are absolutely clear that in 1989 George H. W. Bush and his Secretary of State, James Baker, promised Gorbachev that NATO would not be expanded to the east by a “single inch” in return for his acquiescence to German unification.

The Obsolete Folly Of NATO’s Article 5 Mutual Defense Obligations

At the time, NATO had 16 member nations bound by the Article 5 obligation of mutual defense, but when the Soviet Union and the Red Army vanished, there was nothing left to defend against. NATO should have declared victory and dissolved itself. The ex-paratrooper then in the White House, in fact, could have landed at the Ramstein Air Base and announced “mission accomplished!”

Instead, NATO has become a political jackhammer and weapons sales agent for Empire First policies by expanding to 30 nations—many of them on Russia’s doorstep.

Yet if your perception is not distorted by Washington’s self-justifying imperial beer-goggles, the question is obvious. Exactly what is gained for the safety and security of the citizens of Lincoln NE or Springfield MA by obtaining the defense services of the pint-sized militaries of Latvia (6,000), Croatia (14,500), Estonia (6,400), Slovenia (7,300) or Montenegro (1,950)?

Indeed, the whole post-1991 NATO expansion is so preposterous as a matter of national security that its true function as a fig-leaf for Empire First fairly screams out-loud. Not one of these pint-sized nations would matter for US security if they decided to have a cozier relationship with Russia—voluntarily or not so voluntarily.

But the point is, there is no threat to America in eastern Europe unless such as Montenegro, Slovenia, or Latvia were to become Putin’s invasion route to effect the Russian occupation of Germany, France, the Benelux and England.

And that’s just plain silly-ass crazy!

Yet aside from that utterly far-fetched and economically and militarily impossible scenario, there is no reason whatsoever for the US to be in a mutual defense pact with any of the new, and, for that matter, old NATO members.

And that gets us to the patently bogus proxy war on Russia in which the nation of Ukraine is being turned into a demolition derby and its population of both young and older men is being frog-marched into the Russian meat-grinder.

But as we have documented elsewhere this is a civil war in an artificial nation confected by history’s greatest tyrants—Lenin, Stalin and Khrushchev, too. It was never built to last, and most definitely didn’t after the Washington sponsored, funded and instantly recognized Maidan coup of February 2014 deposed its legitimately elected pro-Russian president.

Thereafter, Russia’s actions in recovering its former province of Crimea in March 2014 and coming to the aid of the break-away Russian-speaking republics of the Donbas (eastern Ukraine) in February 2022 did not threaten the security of the American homeland or the peace of the world. Not one bit.

The post-February 2014 conflict in Ukraine is a “territorial”, ethnic and religious dispute over deep differences between Russian-speakers in the east and south of the country and Ukrainian nationalists from the center and west that are rooted in centuries of history.

The resulting carnage, as tragic as it has been, does not prove in the slightest that Russia is an aggressive expansionist that must be thwarted by the Indispensable Nation. To the contrary, Washington’s imperial beer goggles are utterly blind to history and geopolitical logic.

In the first place, the history books make abundantly clear that Sevastopol in Crimea had been the home-port of the Russian Naval Fleet under czars and commissars alike. Crimea had been purchased from the Ottoman’s for good money by Catherine the Great in 1783 and was the site of one of Russia greatest patriotic events—-the defeat of the English invaders in 1854 made famous by Tennyson’s Charge of the Light Brigade.

After 171 years as an integral part of the Russian Motherland and having become more than 80% Russian-speaking, Crimea only technically became part of Ukraine during a Khrushchev inspired shuffle in 1954. And even then, the only reason for this late communist era territorial transfer was to reward Khrushchev’s allies in Kiev for supporting him in the bloody struggle for power after Stalin’s death.

The fact is, only 10% of the Crimean population is Ukrainian speaking. It was the coup on the streets of Kiev in February 2014 by extremist anti-Russian Ukrainian nationalists and proto-fascists that caused the Russian speakers in Crimea to panic and Moscow to become alarmed about the status of its historic naval base, for which it still had a lease running to the 2040s.

In the Moscow sponsored referendum that occurred shortly thereafter, 83% of eligible Crimeans turned out to vote and 97% of those approved cancelling the aforementioned 1954 edict of the Soviet Presidium and rejoining mother Russia. There is absolutely no evidence that the 80% of Crimeans who thus voted to sever their historically short-lived affiliation with Ukraine were threatened or coerced by Moscow.

Indeed, what they actually feared—both in Crimea and in the Donbas where the breakaway Republics were also soon declared—was the anti-Russian edicts coming out of Kiev in the aftermath of the Washington orchestrated overthrow of the legally elected government.

After all, the good folks of what the historical maps designated as Novorussiya (New Russia) populated what had been the industrial breadbasket of the former Soviet Union. The Donbas and the southern rim on the Black Sea had always been an integral part of Russia’s iron, steel, chemical, coal and munitions industries, having been settled, developed and invested by Russians under Czars from Catherine the Great forwards. And in Soviet times many of their grandparents had been put there by Stalin from elsewhere in Russia to reinforce his bloody rule.

By the same token, these Russian settlers and transplants in Novorussiya forever hated the Ukrainian nationalist collaborators from the west, who rampaged though their towns, farms, factories and homes side-by-side with Hitler’s Wehrmacht on the way to Stalingrad.

So the appalling truth of the matter was this: By Washington’s edict the grandsons and granddaughters of Stalin’s industrial army in the Donbas were to be ruled by the grandsons and granddaughters of Hitler’s WWII collaborators in Kiev, whether they liked it or not. Alas, that repudiation of history could not stand.

So we repeat and for good reason: You simply can’t make up $500 billion worth of phony reasons for an Empire First national security policy without going off the deep-end. You have to invent missions, mandates and threats that are just plain stupid (like the proxy war against Russia in the Ukraine) or flat out lies (like Saddam’s alleged WMDs).

Indeed, you must invent, nourish and enforce an entire universal narrative based on completely implausible and invalid propositions, such as the “Indispensable Nation” meme and the claim that global peace and stability depend overwhelmingly on Washington’s leadership.

Yet, is there not a more cruel joke than that?

Was the Washington inflicted carnage and genocide in Vietnam—which resulted in the death of upwards of one million—- a case of “American leadership” and making the world more peaceful or stable?

And after losing this costly, bloody, insensible war to the communists in 1975, how is it that what is still communist Vietnam has become the go-to place to source low-cost manufactured goods needed by tens of thousands of Amazon’s delivery trucks and mass market retail emporiums operating from coast-to-coast in America today?

Likewise, did the two wars against Iraq accomplish anything except destroy the tenuous peace between the Sunni, Shiite and Kurds, thereby opening up the gates of hell and the bloody rampages of ISIS?

Did the billions Washington illegally channeled into the rebel and jihadist forces in Syria do anything except destroy the country, create millions of refugees and encourage the Assad regime to engage in tit-for-tat brutalities, as well as call-in aid from its Iranian, Russian and Hezbollah allies?

Did not the destruction of Qaddafi’s government by American bombers turn Libya into a hell-hole of war-lord based civil war and human abuse and even enslavement?

In a word, Imperial Washington’s over-arching narratives and the instances of its specific interventions alike rest on a threadbare and implausible foundation; and more often than not, they consist of arrogant fabrications and claims that are an insult to the intelligence of anyone paying even loose attention to the facts.

In this context, there is only one way to meaningfully move the needle on both Washington’s hegemonic foreign policy and its giant flow of red budgetary ink. To wit, the American military empire needs be dismantled lock, stock and barrel. Fortunately, a return to the idea of Fortress America and what we have called the Eisenhower Defense Minimum can accomplish exactly that.

When president Eisenhower gave his prescient warning about the military-industrial complex in his 1961 farewell address, the US defense budget stood at $52 billion and it totaled $64 billion when you add in the collateral elements of national security that round out the full fiscal cost of empire. These include the State Department, AID, security assistance, NED, international broadcasting propaganda operations and related items, as well as the deferred cost of military operations reflected in Veterans Administration costs for compensation, health care and other services.

By the end of the cold war in 1991 this comprehensive national security budget had risen to $340 billion, but was not to be denied by the mere fact that the Soviet Union disappeared into the dustbin of history that year. The neocons soon infiltrated both parties and owing to their Forever Wars and hegemony-seeking policies the total had soared to $822 billion by the end of the Obama “peace” candidate’s presidency in 2016.

Yet the uniparty was just getting warmed-up. After being goosed big time by both Trump and Biden, the current estimate for FY 2024 stands at a staggering $1.304 trillion. That is to say, the comprehensive cost of empire now stands at a level 20X higher than what the great peace-oriented general, Dwight D. Eisenhower, believed was adequate to contain the threat posed by the old Soviet Union at the peak of its industrial and military power in 1960.

Yes, 64 years on from Ike’s farewell address there has been a whole lot of inflation, which is embedded in the slightly different NIPA basis for the defense numbers in the chart below. But even when adjusted to the current price level, the defense budget proper stood at just $440 billion in 1960 compared to $900 billion today; and the comprehensive national security budget totaled just $590 billion or only 45% of today’s $1.304 trillion.

National Defense Spending, NIPA Basis 1960 to 2022

As we indicated earlier, the Eisenhower Defense Minimum, rounded to $500 billion in today’s purchasing power, is far more than adequate in a world where America’s homeland security is not threatened by a technological and industrial superpower having even remote parity with the United States and its NATO allies. The combined $45 trillion GDP of the latter is 20X larger than that of Russia and nearly 3X that of China, which is itself a debt-entombed house of cards that would not last a year without its $3.5 trillion of exports to the west.

Stated differently, the old Soviet Union was autarkic but internally brittle and grotesquely inefficient and unsustainable. Red China, by contrast, is far more efficient industrially, but also has $50 trillion of internal and external debts and a thoroughly mercantilist economic model that makes it is utterly dependent on western markets. So its strategic vulnerability is no less conclusive.

At the end of the day, neither Russia nor China have the economic capacity—say $50 trillion of GDP—-or motivation to attack the American homeland with conventional military means. The vast invasionary armada of land and air forces, air and sealift capacity and massive logistics supply pipelines that would be needed to bridge the two ocean moats is virtually beyond rational imagination.

So what ultimately keeps America safe is its nuclear deterrent. As long as that is in tact and effective, there is no conceivable form of nuclear blackmail that could be used to jeopardize the security and liberty of the homeland.

Yet according to CBO’s latest study the current annual cost of the strategic deterrent, as we indicated above, is just $52 billion. This includes $13 billion for the ballistic missile submarine force, $7 billion for the land-based ICBMs and $6 billion for the strategic bomber force. On top of that there is also $13 billion to maintain the nuclear weapons stockpiles, infrastructure and supporting services and $11 billion for strategic nuclear command and control, communications and early warnings systems.

In all, and after allowing for normal inflation and weapons development costs, CBOs 10-year estimate for the strategic nuclear deterrent is just $756 billion. That happens to be only 7.0% of the $10 trillion baseline for the 10-year cost of today’s “Empire First” defense budget and only 5.0% of the $15 trillion national security baseline when you include international operations and veterans.

A return to the Eisenhower Minimum of $500 billion per year for defense proper over the next decade would thus save in excess of $4 trillion over the period. And these cuts would surely be readily extractable from the $9 trillion CBO baseline for defense spending excluding the strategic forces.

As we indicated above, for instance, there would be no need for 11 carrier battle groups including their air-wings, escort and support ships and supporting infrastructure under a Fortress America policy. Those forces are sitting ducks in this day and age anyway, but are only necessary for force projection abroad and wars of invasion and occupation. The American coastline and interior, by contrast, can be protected by land-based air.

Yet according to another CBO study the 10-year baseline cost for the Navy’s 11 carrier battle groups will approach $1 trillion alone. Likewise, the land forces of the US Army will cost $2 trillion and that’s again mainly for the purpose of force projection abroad.

As Senator Taft and his original Fortress America supporters long ago recognized, overwhelming air superiority over the North American continent is what is actually necessary for homeland security. But even that would require only a small part of the current $1.5 trillion 10-year cost of US Air Force operations, which are heavily driven by global force projection capacities.

At the end of the day a $4 trillion reduction in national security spending over the next decade is more than feasible and long overdue. It only requires tossing the Indispensable Nation myth into the dustbin of history where it has belonged all along.

Reprinted with permission from David Stockman’s Contra Corner.

The post US Empire-First Policy Led to a Quagmire of Forever Wars… appeared first on LewRockwell.

Portrait of a Major Media Rebel: A Review of Chadwick Moore’s Tucker

Lew Rockwell Institute - Sab, 26/08/2023 - 05:01

Tucker is Chadwick Moore’s fascinating and highly readable new biography of the most consequential conservative populist media icon since talk radio king Rush Limbaugh. For the last several years on his top-rated FOX TV show, fifty-four-year-old Tucker Carlson has been the leading voice of traditional Americans appalled at the recent leftist establishment assault on their entire culture. Indeed, Moore asserts that Carlson “shared our horror and confusion about what was happening to the country we love and articulated it as no one else could, or dared to.” Yet, despite decrying such disturbing developments, “his fierce independence of mind was always exhilarating. We knew we weren’t alone.” With generous access to Carlson, his wife, and his TV show staff, and considering that the long-time liberal gay author came out as conservative on Carlson’s program, it is not surprising that the book is strongly supportive of its subject.

As compelling as Tucker’s focus on the present-day Carlson is, its attention to his upbringing and youth is the most riveting aspect of his story for all the remarkable revelations that do not remotely fit the stereotype of a son of privilege. More importantly, Moore’s research offers insights to explain Carlson’s core characteristics.

His father was born illegitimate to a 15-year-old who gave him up for adoption not long before the young biological father committed suicide. Though Carlson’s dad became a successful TV news anchor and prominent Reagan administration appointee, Carlson’s mother was an alcoholic, drug-addled hippie who made her disdain for her son quite clear, abandoning him at six never to see him again, and willing him one dollar. The backdrop to this severe emotional abuse was the weirdness of 1970s southern California living next door to The Eagles rock band.

But instead of sentencing him to a lifetime of self-pitying therapy, being so disliked by his mother appears to have inured him to criticism, with Carlson confiding how “the lesson that I internalized from that was you really can’t control how other people feel. And, so, you have to just kind of be happy with who you are.” Being inured to assaults from all but those he loves and respects appears to have made him impervious to the recent attacks hurled at him by so much of the ruling class.

Perhaps another reason why “In a time of pussyfooting evasions, he speaks truths that almost no one else will, and does so in interesting, original, and, yes, often highly provocative ways” is because his father essentially let young Tucker do whatever he wanted, including driving at thirteen and hitchhiking at fourteen. This appears to have made Carlson quite comfortable courting risks that most of us would go to some lengths to avoid, like spending the bulk of his first summer in college tooling around Central America, especially Nicaragua, during that nation’s civil war where he wrote at La Prensa, the main newspaper opposing the communist Sandinista regime.

Making Carlson’s journalistic career and acclaimed TV monologues all the more noteworthy is that he is severely dyslexic, frequently skipped class growing up, and was largely a D student right up to when he dropped out of college. Tucker should have revealed how Carlson overcame his learning disability to become such a devoted reader and successful writer.

For someone who would so upset both establishment Democrats and Republicans, it is instructive that Carlson was never a conformist, preferring instead to be a largely self-educated iconoclast following his own “different drummer,” a la Thoreau. So, when his buddies pledged a fraternity, Carlson declined. Similarly, his top writing influence is quite possibly liberal, drug-loving Hunter S. Thompson. Nor will the conservative icon once famous for his bow ties use deodorant or wear socks, and his favorite musical group is the Grateful Dead.

Not surprisingly, Carlson left a quite a chemical trail of his own. He was a two-pack-a-day smoker until breaking into TV and becoming a nicotine gum-user ever since, with an occasional cigar. When young, he was rejected by the CIA because of its drug test, and he was a “functional alcoholic” who drank his way through college and had liquor for breakfast before becoming a teetotaler at 33.

Throughout his life, he has remained his father’s son by being an inveterate risk-taker, becoming a conservative, and pursuing a career in political journalism. Nevertheless, having grown used to dining with major politicians as a boy, Carlson has never been in awe of them. To the contrary, he is bored by most famous folks who he sees as entitled, dismissing them with the observation that “Most people get to a certain point of notoriety where they think, being with me is inherently entertainment enough. Wrong!”

But Carlson has wholesale contempt for the political class he covers, pronouncing how:

There are 435 members of the House of Representatives…. And some of them are fine, but overwhelmingly they are hollow people who are in the business because they yearn for the affirmation of strangers, which is inherently sick. Who cares what strangers think of you? You should care what the people around you think of you, and you should do your best to treat them well. It’s a basic life rule, but they ignore it. That’s why they’re politicians, because they’re screwed up people.

Carlson’s worldview can be tough to define. Broadly conservative for generally wanting less government and despising “the nanny state,” he nevertheless rejects what he sees as too much faith in the free market, especially when convinced it harms families. Though not known to be for enormous defense budgets or U.S. military interventionism, he strongly rejects libertarian legalization views since “everyone on drugs … is the trend in American life I hate most.” He also sides with cultural conservatives in his loathing of big business which he condemns as far too woke, greedy, and wanting to restrict our speech and even despiritualize us.

Carlson’s political watershed was going to Iraq in 2003 in the wake of our invasion where he saw first-hand the follies of neoconservatism which transformed him into a major foe of the war and the entire U.S. foreign policy establishment. In disgust, he would conclude “The neocons were just liberals with guns, the most destructive kind.”

Though Moore does not try to synthesize his subject’s complicated political philosophy, perhaps it could best be characterized as conservatarian populism with a deep suspicion of anything big, especially government, business, academia, and the news media which Carlson contends are all in cahoots to destroy the people’s “spirit.” As Carlson sees it:

There has never been a more destructive alignment than the one we currently see  between big business and the kind of radical theoretical Left in the universities. Companies … take … whatever ugly, stupid, poisonous concept is emerging from the universities, and they’ll defang it and incorporate it into ad campaigns, and then they’ll continue to pay a much lower tax rate than you do, and nobody says anything.

Of President Trump, Carlson exclaims “I love Trump” personally because “To have dinner with Trump is one of the great joys in the world” since he is “an incredibly amusing, charming, dynamic person.” He also admires how “No one has been more insightful about American foreign policy than Trump.” But Carlson bemoans that “he was a completely ineffectual president. He couldn’t manage my household…. I don’t think he understands politics that well.”

With Carlson, certain core values supersede ideology. For example, he is acutely sensitive to hypocrisy and loves pointing it out, as when he notes how “The party of diversity [the Democrats] is strongly, overwhelmingly, led by people who prefer all-white neighborhoods for themselves and their families.” He also agrees with Andrew Breitbart and Greg Gutfeld that culture trumps politics. In this vein, he is a full-throated foe of the feminist assault on masculinity which he believes has devastated young men.

As for who Carlson respects and befriends, the main determinants are demonstrating courage, consistency, honesty, and loyalty. Ideology appears to play no role. Otherwise, how to explain that the three public media figures he may esteem the most personally are liberal Democrats James Carville, Bill Press, and Rachel Maddow.

Increasingly religious, Carlson holds that politics and work should be far in the back seat compared to faith and family, even declaring that “your work actually doesn’t mean very much, in the end.” Having grown up in such an atypical home, he always craved creating a close family and by all accounts has. For such a leading news media figure, it is remarkable that he not only lacks a social media account but does not even own a TV.

Being anchored to family and close friends has surely been a godsend to Carlson in light of what Moore paints as the mercilessly intolerant, cut throat world of News, Inc. In fact, within two days of making his first appearance on Carlson’s FOX program, the biographer was fired from his editor-at-large jobs at The Advocate and Out, perhaps America’s top gay publications. How revealing when Carlson points out that he continues to have “one friend who’s a personality at CNN,” yet “I can’t say this person’s name because it’ll wreck this person’s career.”

Though Carlson has never broken a friendship over politics, many liberals have done so with him. Perhaps most disappointing was when Never Trumper P.J. O’Rourke, whose writing likely affected Carlson more than anyone but Hunter S. Thompson, grew distant. Thankfully, they had lunch soon before O’Rourke died and Carlson devoted a moving TV monologue to him as an obituary. On why Carlson separates politics from friendship, he asserts that “I have a religion, I don’t need a new one. But for a lot of people, on the left, it is their religion and this is a holy war, and they can’t be friends with unbelievers.”

As to why FOX canceled Carlson’s long-running, top-rated show, its host concedes he has powerful enemies and speculates that “if you don’t have a really obvious team with power behind you, you get crushed, and that’s probably what happened. But I don’t know.”

Tucker offers no predictions on its subject’s future, content instead to mine his past and present, both professional and personal. In each area, Carlson comes off as thoroughly unpretentious, fun, and beloved by family and the folks who work with him.

Though impressive, the book has a few disappointments. Too often the narrative jumps back and forth in time because it cannot decide if it is a biography or an examination of its subject’s current life. It should have expanded on all the dramatic biographical details that created today’s influential media figure. A descriptive heading for each chapter would have helped as well.

Also regrettable are all the writing errors, including missing words, ending sentences with a preposition, a subject-verb disagreement, and at least one split infinitive. Though not containing as many writing mistakes as books I reviewed this year by Kat Timpf and Greg Gutfeld, is it really hard for big publishers to find exacting editors?

The definitively detailed and analytically authoritative biography of Tucker Carlson has yet to be written. But Chadwick Moore’s Tucker is a very respectable first effort for painting a penetrating portrait of its subject and the environment which shaped him, as well as the one in which he operates today.

The post Portrait of a Major Media Rebel: A Review of Chadwick Moore’s Tucker appeared first on LewRockwell.

Ukraine Will ‘Capitulate Unconditionally’ – Scott Ritter

Lew Rockwell Institute - Sab, 26/08/2023 - 05:01

The conflict between Russia and Ukraine will conclude with Kiev’s unconditional surrender, according to Scott Ritter, a former US intelligence officer and UN weapons inspector.

On Wednesday, Ukrainian President Vladimir Zelensky claimed in a post on X (formerly Twitter) that “Ukraine does not trade its territories, because we do not trade our people.”

The message was dedicated to the Third Crimea Platform Summit, where Ukraine discussed ways of “de-occupying” the peninsula, which reunited with Russia in 2014 following a referendum triggered by the US-backed Maidan coup in Kiev earlier that year.

Replying to Zelensky’s post, Ritter wrote that “it was NATO that suggested a trade. Russia isn’t trading anything.”

The former US intelligence officer was apparently referring to remarks by NATO Secretary General Jens Stoltenberg’s chief of staff, Stian Jenssen, who said in mid-August that Ukraine could “give up territory [to Russia], and get NATO membership in return.” According to Jenssen, this idea was actively being discussed within the US-led military bloc.

Jenssen later apologized for his remarks, saying they were “a mistake.”

The suggestion caused outrage in Kiev, with presidential aide Mikhail Podoliak branding it “ridiculous.” Such a move would amount to “deliberately choosing the defeat of democracy… and passing the war on to other generations,” he claimed.

The head of the Ukrainian National Security Council, Aleksey Danilov, reiterated that Kiev would never negotiate with Russian President Vladimir Putin, insisting that “Russia must be destroyed like a modern-day Carthage.”

Ritter insisted that Moscow is “dealing with reality” when it comes to the conflict with Kiev, including “where Russian boots will be when Ukraine capitulates unconditionally.”

“Think Tokyo Bay, September 2, 1945. That’s your future. Enjoy,” he wrote, addressing Zelensky.

Pro-hint, Mr. President:

It was NATO that suggested a trade.

Russia isn’t trading anything.

They are dealing with reality. Like where Russian boots will be when Ukraine capitulates unconditionally.

Think Tokyo Bay, September 2, 1945.

That’s your future.

Enjoy. pic.twitter.com/w1lawQizMc

— Scott Ritter (@RealScottRitter) August 23, 2023

On that date, representatives of the Japanese Empire signed an unconditional surrender to the Allies aboard the USS Missouri, ending the country’s participation in World War II.

In line with the deal, Japan agreed to the loss of all its territories outside of its home islands, complete disarmament, Allied occupation of the country, and tribunals to bring war criminals to justice.

On Wednesday, Zelensky admitted that the Ukrainian counteroffensive against Russian forces, which began in early June, was proving “very difficult.” However, he also claimed that the operation was moving “slowly, but in the right direction.”

Earlier this week, the Washington Post reported that the Ukrainian campaign is showing “signs of stalling.” The newspaper warned that “the inability to demonstrate decisive success on the battlefield [by Kiev’s forces] is stoking fears that the conflict is becoming a stalemate and international support could erode.”

President Putin claimed on Wednesday that it was “astonishing” to see how little the authorities in Kiev cared about Ukrainian soldiers. “They are throwing [them] on our minefields, under our artillery fire, acting as if they are not their own citizens at all,” the Russian leader said.

According to Moscow’s estimates, Ukraine has failed to make any significant gains since the launch of its counteroffensive, but has lost more than 43,000 troops and nearly 5,000 pieces of heavy equipment. Kiev has so far claimed the capture of several villages, but these appear to be some distance from Russia’s main defensive lines.

This originally appeared on RT News.

The post Ukraine Will ‘Capitulate Unconditionally’ – Scott Ritter appeared first on LewRockwell.

The Meaningless, Destructive Minimum Wage

Lew Rockwell Institute - Sab, 26/08/2023 - 05:01

The New York Times has just published an article on the minimum wage that is a major embarrassment to liberals/progressives. Mind you, that was clearly not the Times’ intent, but that is certainly the effect of the article. 

The article states that the federal minimum wage of $7.25 per hour has largely become meaningless. That’s because “even most teenagers are earning twice that.” 

What? That’s impossible! Haven’t liberals/progressives told us for decades that without a minimum wage, greedy, rapacious, capitalist employers would drive wages down to mere subsistence levels? 

If that’s true, then what’s up with those wages that employers are paying teenagers that are twice what the law requires them to pay? If the liberals/progressives are right, wouldn’t employers be paying teenagers $7.25 per hour or, in the absence of the minimum wage, just a few dollars per hour?

The Times writes:

Under New Hampshire law, Janette Desmond can pay the employees who scoop ice cream and cut fudge at her Portsmouth sweet shop as little as $7.25 an hour.

But with the state unemployment rate under 2 percent, the dynamics of supply and demand trump the minimum wage: At Ms. Desmond’s store, teenagers working their first summer jobs earn at least $14 an hour.

“I could take a billboard out on I-95 saying we’re hiring, $7.25 an hour,” Ms. Desmond said. “You know who would apply? Nobody. You couldn’t hire anybody at $7.25 an hour.”

So, there you have it — total embarrassment for the liberal/progressive advocates of the minimum wage. 

So, what explains this phenomenon? Is it because liberals/progressives have been wrong all these decades about the greedy, self-interested sentiments of employers? Could it be that American employers have actually been benevolent, good, caring advocates of the poor, needy, and disadvantaged? Could it be that they are paying twice the minimum wage as a voluntary donation just to help out teenagers?

Actually not. The reason that those employers are paying twice the mandated minimum is because of market conditions. Labor is scarce and demand for labor is high. And business is booming.

In other words, employers need workers, and there is not a big supply of workers. When that happens, wage rates are bid up through the competition between employers for workers. It’s the natural economic law of supply and demand that drives wages upward, not the artificial man-made law of a minimum-wage mandate.

In fact, the Times’ article actually points this out: “The red-hot labor market of the past two years has led to rapid pay increases, particularly in retail, hospitality and other low-wage industries. It has also rendered the minimum wage increasingly meaningless.”

The problem, however, is that the minimum wage is not entirely meaningless. It actually can still be very destructive. 

That’s because of the economic principle of subjective value. Even in a red-hot labor market, where wages are soaring, there exists the possibility that employers will subjectively place a value of only, say, $5 per hour on a particular worker. The $7.25 minimum wage prevents employers from hiring that worker. He is forced to remain unemployed, which means he goes on welfare or into the drug trade. The principle becomes more pronounced if the minimum wage is set higher, such as $15 per hour, as liberals/progressives advocate.

Among the best things Americans could ever do is repeal the minimum wage, not only because it has become increasingly meaningless but also because it remains potentially destructive to workers whose labor is valued in the marketplace at less than the governmentally set minimum.

Reprinted with permission from The Future of Freedom Foundation.

The post The Meaningless, Destructive Minimum Wage appeared first on LewRockwell.

Campaign Photo

Lew Rockwell Institute - Sab, 26/08/2023 - 05:01

“Georgia could determine who is our next president. A TEAM of lawyers needs to watch them count every single vote. They can start in Fulton County where we are having water leaks.” — Fulton County DA Fani Willis, Nov. 4, 2020

What to make of this mugshot? Serious as a heart attack? I’d hate to be you on that fateful day? Table turner? Energy shift? Game on? Daddy’s in da house? Good career move? You can run but you can’t hide? Please, Br’er Fox, don’t fling me in that-there briar patch…!

Good luck trying this case, DA Fani Willis. And by all means roll the TV cameras in the courtroom. You are about to supplant the Scopes trial of 1925 as the most notoriously ridiculous piece of legal work in US history. That one, over in Tennessee, was called “the Monkey Trial” when a high school teacher named John Scopes was charged with teaching the theory of evolution in his biology class. It got the national news spotlight for the duration. The state enlisted three-time Democratic presidential nominee Williams Jennings Bryan as a special prosecutor. Poor Bryan, famously sweating in the southern July heat, was made a fool of by Chicago lawyer for the defense Clarence Darrow. Bryan died of a stroke days after the conclusion of the trial. It also killed what remained of his reputation.

This week, DA Willis staged the circus parade of bookings, forcing the large cast of indictees — most of them attorneys for Mr. Trump — to submit to the finger-printing and mugshot ceremony in the county jail, in case any of them had thoughts of decamping to Uruguay. The cable news peanut gallery went berserk with glee at the humiliation of election denial celebrities Rudy Giuliani, Sidney Powell especially. On Thursday, attorney Kenneth Chesebro, who advised Georgia GOP officials on the process of assembling alternate electors in the case of election fraud under Georgia law, demanded a speedy trial.

Under Georgia’s speedy trial law, Mr. Chesebro’s trial would have to take place this fall. (Such are the guiles of the law.) The Atlanta Journal-Constitution newspaper called it, “an aggressive filing.” Ms. Willis had hoped to try all 19 defendants together during the 2024 presidential primary season, to support her RICO charges. Meanwhile, three other defendants, including former White House Chief of Staff Mark Meadows, filed to have their cases removed to the federal court, in so far as the actions they are accused of taking happened while they worked in the service of the US government. Mr. Meadows is accused of seeking by email to get the phone number of a Pennsylvania election official.

Ms. Willis’s case hinges on a number of novel propositions. First, that it is somehow against the law to object to the outcome of an election. And second, that the process for relief in such a case, as provided in Georgia’s election contest law and the US Electoral Count Act of 1887, does not apply to Mr. Trump and his lawyers. Anyone who intends to challenge the outcome must necessarily assemble a panel of alternate electors if state officials cannot certify the election properly and in good faith. Ms. Willis refers to these erroneously as “fake electors.” Mr. Trump and his co-defendants will necessarily have to present evidence that the Georgia presidential election of 2020 was not certified properly or in good faith.

Will the defendants be allowed to present evidence of serious irregularities in the 2020 Georgia election results? If not, would that not be grounds for dismissal. So far, Democrats in charge of the machinery of law all over the country have skated on mere assertions that the 2020 election was fair. In Georgia, none of the principals involved in the dispute have been subject to cross-examination, the best instrument for truth-finding in the American legal system. Georgia Governor Brian Kemp and Sec’y of State Brad Raffensperger may not be so hot for an airing of what actually went on Nov 3, 2020 and the days after, especially the validity of over 100,000 mail-in ballots in a state where “Joe Biden’s” margin of victory was a mere 11,799 votes.

Mr. Trump seems to be thriving under the tribulation of four court cases brought against him as he runs for election in 2024. Each new set of charges boosts his poll numbers. It helps him hugely that the cases are transparently idiotic and mendacious. If he is initially convicted in any of them, he can still run for president and be elected, even if he’s jailed — as Eugene Debs did in 1920 getting 913,693 votes running on the Socialist Party from the Atlanta Federal Penitentiary, where he was jailed under the 1917 Espionage Act for speaking out against America’s entry into the First World War.

The Party of Chaos is running scared. Everybody knows that “Joe Biden” can’t possibly run for another term and yet the public debate is so grotesquely disabled that nobody will talk about it. Most particularly, they will not talk about who might take his place. All they are really demonstrating with this barrage of prosecutions against their chief adversary is how broken, craven, and degenerate the party is, and what a menace it is, as they like to say, to our democracy.

Reprinted with permission from Kunstler.com.

The post Campaign Photo appeared first on LewRockwell.

No End to the Neocon Lies About a Victorious Ukraine

Lew Rockwell Institute - Sab, 26/08/2023 - 05:01

So, I guess we’re expected to now believe the war in Ukraine is over, mostly because the USG and its corporate lie factory media insist Ukrainians are cowards not interested in throwing away their lives for actor-comedian-cum-president Zelenskyy and an oligarch-controlled Nazi-Mafia state, the most corrupt country in Europe.

But wait. TIME has spun a new hopeful fantasy on Ukraine. “The situation in Ukraine still favors Kyiv despite the limited progress made in the counteroffensive so far,” according to the neocon Frederick Kagan, Karolina Hird, a “Russian analyst” at the neocon-infested Institute for the Study of War (or, more accurately, for the promotion of endless war), and Kateryna Stepanenko, also an ISW “analyst” pushing for war with Russia, never mind Russia’s preponderance of thermonuclear weapons and advanced military hardware.

Kagan, of course, is lying, either that or he is dumb as a fence pole. For the neocons, in control of foreign policy since the W. Bush administration (and incubated during the Reagan regime), endless war, chewing up millions of lives, and trillions of “thin air” dollars, is Job One for a corporate-government “partnership” (also defined as corporatism, or fascism) and its billionaire “stakeholders” vacationing in space.

There is no end to the lies. “Vladimir Putin’s brutal military assault on sovereign neighbour continues in face of heavy losses and near-unanimous international condemnation,” fibs the Independent.

In fact, the “Global South,” Africa and South America, have not condemned Russia. They understand this conflict is about showing the USG corporate neoliberal hegemon it no longer calls the shots.

Never mentioned is the fact the USG neocons (led by the reprehensible Vicky Nuland at the USG State Department) overthrew the elected government of Ukraine in 2014, thus delivering the state into the hands of psychotic Russian-hating neo-Nazis.

Moreover, these corporate war narrative pushers rarely if ever mention that Zelenskyy was elected to serve as the titular head of Ukraine on the promise of negotiating peace with Russia, an agenda widely supported by the Ukrainian people (who, of course, are irrelevant). The true rulers, of course, are the neo-Nazis and the oligarchs ignored by the war propaganda media.

It is claimed neo-Nazi thugs threatened the multi-millionaire Zelenskyy with an unpleasant death if he didn’t sign off on bombing grandmothers and grade school kids in the Donbas.

Zelenskyy would, of course, prefer not to return to his hometown of Kryvyi Rih, but rather retreat with tail tucked to Rishpen, Israel, where he bought an eight million dollar villa. The corporate fascist media, of course, say they have “fact-checked” this claim and it is untrue. It says the same thing about his Florida mansion. We are instead told the Man in Green lives in a small room.

For a moment there, it looked like the corporate war propaganda media, led by The New York Times, admitted an indisputable truth—Ukraine’s vaunted “counter-offensive” has failed miserably.

It chewed up thousands of additional hapless Ukrainian men, those unable to immigrate or hide out in basements, fearful of neo-Nazi “recruiters” comparable to impressment gangs working as slavers for the Royal Navy back in the day.

For Tony Blinken, Jake Sullivan, and Victoria Nuland, this is perfectly legitimate. After all, they have pledged to support murderous ultranationalist neo-Nazis to the end, even if it means the last Ukrainian must be fed into the Russian meat grinder.

In this way, Blackrock and JPMorgan will have a clean slate—never mind the landmines and depleted uranium—to build back better as a “big Israel,” as Zelenskyy put it. Ukraine will emulate the zionists and impose its own apartheid on ethnic Russians, the same as the Israeli state does to Palestinians.

This is little more than a pipe dream, however, as Russia will not allow a rump state of Ukraine to arm its citizens (those who have not fled) like murderous racist settlers in Israel.

Earlier today, out doing chores, I saw a lawn sign declaring “Slava Ukraini!” In other words, thumbs up for Russophobic neo-Nazis and (1.) the indiscriminate shelling of ethnic Russians, (2.) the brutal incineration of “separatists” in Mariupol, (3.) a death list, posted on the Myrotvorets website, listing hundreds of journalists and those opposed to the neo-Nazi regime in Kyiv (the website is into necrophilia, displaying the dead bodies of Russian soldiers above the fold), and (4.) the obvious fact Ukraine is incapable of defeating Russia.

Read the Whole Article

The post No End to the Neocon Lies About a Victorious Ukraine appeared first on LewRockwell.

The Anthrax Attacks and the Patriot Act

Lew Rockwell Institute - Sab, 26/08/2023 - 05:01

The USA PATRIOT Act (Uniting and Strengthening America by Providing Appropriate Tools Required to Intercept and Obstruct Terrorism Act of 2001) was a landmark piece of legislation passed in the wake of the 9/11 attacks. It granted significant new powers to both domestic law enforcement and international intelligence agencies. The goal of the legislation was to bolster efforts to detect and deter terrorism, but it sparked significant concerns about the potential erosion of civil liberties.

Some of the core aspects of the PATRIOT act that drew criticism from civil liberties advocates included:

  • Section 215 – Tangible Things: Often referred to as the “business records” provision, this section allowed the FBI to order any person or entity to hand over “any tangible things” so long as the FBI specifies that the order is “for an authorised investigation… to protect against international terrorism or clandestine intelligence activities.”
  • Section 206 – Roving Wiretaps: This section authorised the use of roving wiretaps, which means that if a suspect changes communication devices (like switching phones), the surveillance order would still apply.
  • Section 213 – Sneak and Peek Warrants: This section allowed law enforcement to execute search warrants without immediately notifying the subject of the search.
  • Section 216 – Pen Register and Trap and Trace: This section expanded the use of these devices to capture the sending and receiving addresses of email and web browsing history.
  • Section 505 – National Security Letters (NSLs): This allowed the FBI to order the disclosure of customer records held by banks, internet service providers, telephone companies, and others. These came with a gag order, preventing the recipient from disclosing the NSL.
  • Material Support Provisions: These made it a crime to provide “material support” to terrorist organisations. However, the definition of “material support” was seen as quite broad.
  • Expansion of FISA (Foreign Intelligence Surveillance Act) Powers: The PATRIOT Act made changes to FISA, reducing the standards required to surveil foreign persons. The Act expanded the definition of “agent of a foreign power” to possibly include U.S. citizens.

Furthermore, it reopened the bioweapons arms race.

All very interesting but I’m sure you know all about the PATRIOT Act. So did I. However, what I didn’t realise was its connection to the anthrax attacks after 9/11 until I watched the recent RFK Jr interview with Tucker Carlson.

In fact, Tucker didn’t know about the link either and when RFK Jr told him, it took him aback and he replied with “wait, wait, wait, wait, wait…really”!?”

So I decided to have a look to see if RFK Jr was correct…and he was, so the timeline of RFK Jr’s revelation is below.

As we all know the attacks on the World Trade Center (& don’t forget building no. 7) and the Pentagon occurred on September 11, 2001.

Within days of the attacks, a legislative proposal aimed at enhancing the powers of US law enforcement agencies was already in the works. Attorney General John Ashcroft, with the Bush Administration, played a primary role in drafting the initial version of the bill.

The initial draft of the PATRIOT Act, which was presented to Congress, granted broad powers with limited oversight.

Read the Whole Article

The post The Anthrax Attacks and the Patriot Act appeared first on LewRockwell.

How To Spot Bulls*t Arguments

Lew Rockwell Institute - Sab, 26/08/2023 - 05:01

In last week’s post, How to sharpen your bullsh*t detection skills, I covered the nine tools that the legendary American astronomer, cosmologist, astrophysicist, astrobiologist, author and science communicator, Carl Sagan, considered essential to any thinking person’s ‘baloney detection kit’.

When I published that post, it appeared that the official COVID narrative had collapsed under the weight of its own ridiculous self-contradictions. But wouldn’t you know it, now fear-mongering is ramping up over a new scariant of SARS-CoV-2, “nicknamed by scientists on social media as Pirola” – maybe they should get off social media and do some real work. And consequently, your baloney detection muscles are going to be getting a good workout as the next wave of COVID propaganda thunders in.

In the same chapter of his 1995 book The Demon-Haunted World: Science as a candle in the dark“The Fine Art of Baloney Detection”, Sagan also summarised the 20 most common and perilous logical fallacies that we must be alert to whenever anyone is trying to persuade us of anything – whether it’s a religious leader trying to persuade us to accept their theology, a salesperson trying to talk us into a purchase, or a public figure pitching us a policy.

Logical fallacies are errors or gaps in the reasoning process that invalidate an argument. Everyday conversation abounds with logical fallacies, because very few people have been formally trained in logic, and therefore they don’t recognise the errors in their own reasoning processes.

Fortunately, the consequences of being taken in by a person who is innocently employing logical fallacies in their argumentation are rarely dire. For instance, if your friend convinces you that she has won her last three races because she was wearing a particular hat, and you decide to wear her ‘lucky hat’ when running your next race, not much can go wrong.

But it’s a completely different story when people in positions of power are employing logical fallacies to persuade others to believe or do things that have a real impact on their lives.

In ancient Greece, a group of teachers who became known as Sophists taught the art of convincing rhetoric. The sophists intentionally deployed logical fallacies in their elaborate arguments, in order to persuade others of the point of view they were espousing. The Sophists were frequently hired by those who were in, or wished to be in, positions of power because they would happily take any side of an argument – for a fee.

In this post, I’ll be covering the first ten of the twenty logical fallacies that Carl Sagan identified as the most common, with some illustrative examples from the COVID-19 debacle:

1. Ad hominem

Latin for ‘to the man’, an ad hominem argument attacks the arguer, instead of disputing the argument itself.

The use of the term ‘conspiracy theorist’ to dismiss anyone who raises concerns about any aspect of the global response to COVID-19 is an example of the ad hominem fallacy. Calling anyone who has questions about the safety and efficacy of the COVID vaccines (including, ludicrously, those injured by them) an ‘antivaxxer’ is another.

Ad hominem is used both to derail the person who is being attacked, by forcing them to defend themselves rather than pursue their argument; and to distract the audience’s attention from the substance of the argument so that they don’t ask the questions they really should be asking, in order to understand the substance of the argument.

2. Argument from authority (argumentum ab auctoritate)

The admonition to ‘trust the experts’ is a prime example of this rampant logical fallacy. Australians might remember former Prime Minister Scott Morrison’s airy dismissal of valid concerns about the safety and efficacy of COVID-19 injections with this classic of the genre: “The best medical professionals in the world have signed off on these vaccines so you can be confident.” Wow, that didn’t age well.

Every person occupying a position of power or authority should be expected to demonstrate their competence and worthiness to occupy that position by presenting cogent, evidence-based arguments for their decisions and policies.

To allow yourself to be persuaded by anyone who presents themselves, or is presented by others, as an ‘authority’ without insisting that they demonstrate their expertise – preferably in a forum in which it can be challenged by others with expertise on the subject – is to be taken in by the logical fallacy of argument from authority.

3. Argument from adverse consequences (argumentum ad consequentiam)

This type of logical fallacy is based on another logical fallacy – an appeal to emotion – and is essentially an argument that a belief is either true or false based on whether the belief leads to desirable or undesirable consequences.

An example of the argument from adverse consequences is the insistence by many public health ‘authorities’ that infection with SARS-CoV-2 presents a grave danger to all people, including children, athletes and healthy adults. Accepting the alternative argument – that susceptibility to developing COVID-19 is largely attributable to age and health status – might lead to discrimination against elderly people and those who are metabolically unhealthy (obese, diabetic, or suffering from cardiovascular disease).

However, facts are facts. It is never acceptable to obfuscate facts because they might cause people to doubt the dominant narrative or hold views that you wish they wouldn’t.

4. Appeal to ignorance (argumentum ad ignorantiam)

This fallacy is based on the assumption that a statement must be true if it cannot be proven false, or false if it cannot be proven true.

This logical fallacy is frequently employed to dismiss health concerns that arise after a person has received a drug or injection.

When a medical treatment, such as COVID-19 injections that employ never-before-utilised technologies, is administered to millions of people of widely varying ages, health statuses and ethnicities, adverse effects that did not appear in the clinical trials (which were conducted primarily on relatively young, healthy people of majority race) are virtually guaranteed to occur 1.

Dismissing these adverse events as ‘coincidences’ because they did not appear in the clinical trials, is an example of the appeal to ignorance. Absence of evidence of a causal relationship between the adverse event and the treatment is not evidence of absence of this relationship.

It’s not the responsibility of the person who suffered the adverse health consequence to prove that it was due to the treatment, because this person – not having access to the data available, or potentially available, to the purveyor of the treatment – is in no position to furnish proof.

Read the Whole Article

The post How To Spot Bulls*t Arguments appeared first on LewRockwell.

U.S. Doubles Uranium Imports From Russia

Lew Rockwell Institute - Sab, 26/08/2023 - 05:01

The United States’ uranium purchases from Russia have doubled since last year. The U.S. bought 416 tons of uranium from Russia in the first half of the year, more than double the amount for the same period in 2022 and the highest level since 2005.

Considering the U.S. rulers’ continual demonization of Russia, this seems strange to say the least. RIA Novosti reported on the uranium purchases Thursday, citing data from the U.S. statistical service.  Russia is supplying the U.S. only with enriched uranium, a critical component for civil nuclear power generation, according to a report by RT. 

RIA calculations show that Washington’s rulers paid $696.5 million for uranium deliveries from Russia, marking the highest value since 2002. Over the first half of the year, the cost of supplies increased by 2.5 times, and Russia’s share of American imports increased by 13 percentage points to 32%.

Germany and Canada were also in the top five uranium suppliers to the U.S. market, accounting for 13% and 11% of imports respectively. According to a recent New York Times report, roughly a third of enriched uranium used in the US is imported from Russia. GHS Climate, a clean-energy consulting company, states that one out of every 20 American homes and businesses was powered by Russian uranium last year.

Nearly half of the world’s enriched uranium is produced in Russia, and U.S. efforts to reduce its reliance on imports from the country have so far failed. American enrichment plants were shut down after the Cold War as it was significantly cheaper for importers to buy Russian uranium. Currently, only two US facilities – one in Ohio and the other in New Mexico – are licensed to produce high-grade nuclear fuel. -RT

Back in January, The Washington Post reported that if sanctions are imposed on Rosatom, Russia’s civilian nuclear firm, it could cut off exports of uranium to the U.S. and European nuclear industry.  U.S. reliance on Russian nuclear fuel is substantial, but American companies have some options if Rosatom is hit with sanctions.

It looks like the U.S. is always trying to work around the rules it creates.

Reprinted with permission from SHTFplan.

The post U.S. Doubles Uranium Imports From Russia appeared first on LewRockwell.

Why Was a Barricade Blocking The Only Paved Road Out of Lahaina?

Lew Rockwell Institute - Sab, 26/08/2023 - 05:01

Just when you think that this story can’t get any worse, somehow it does.  It is being reported that the wildfires that we just witnessed in Maui were the deadliest wildfires in the entire history of the United States, and according to Moody’s Analytics they caused somewhere between four and six billion dollars in economic damage.  But if authorities had responded more competently, the outcome could have been much different.  In fact, the fire that ultimately completely destroyed Lahaina could have been controlled if fire crews had not “left the scene even though the fire was still burning”

Maui locals have questioned why the blaze which developed into deadly wildfires that swept across the island was left unattended by firefighters hours before it spread.

A fire broke out on the outskirts of Lahaina at around 6.30am on Tuesday, August 8 and was declared ‘100 percent contained’ several hours later. Fire crews then left the scene even though the fire was still burning within the containment area.

But within a few hours, there was a ‘flareup’ which quickly spiraled out of control and fire crews who responded again were unable to extinguish it.

Once the fire came roaring back to life, hundreds of lives could have been saved if authorities had not put up a barricade that blocked the only paved road out of Lahaina

As flames tore through a West Maui neighborhood, car after car of fleeing residents headed for the only paved road out of town in a desperate race for safety.

And car after car was turned back toward the rapidly spreading wildfire by a barricade blocking access to Highway 30.

Have you seen photos of the lines of vehicles that were destroyed by fire right in the middle of the road?

Large numbers of people were trying to get out of Lahaina, and the only paved road out of the community became a death trap because so many vehicles got crammed behind the barricade.

But those that decided to disregard the barricade and drive around it ended up saving themselves

One family swerved around the barricade and was safe in a nearby town 48 minutes later, another drove their 4-wheel-drive car down a dirt road to escape. One man took a dirt road uphill, climbing above the fire and watching as Lahaina burned. He later picked his way through the flames, smoke and rubble to pull survivors to safety.

But dozens of others found themselves caught in a hellscape, their cars jammed together on a narrow road, surrounded by flames on three sides and the rocky ocean waves on the fourth. Some died in their cars, while others tried to run for safety.

We are being told that the barricade had been put up to prevent people from driving over any power lines that may have been knocked over.

But when all of those people were desperately trying to get out, why wasn’t the barricade taken down?

Hopefully we can get an answer to that question.

We are also being told that “safety” was the reason why the warning sirens were never used, and Hawaii Governor Josh Green is still attempting to defend that decision

In speaking to Face the Nation, Green reiterated this, saying that the sirens, which also were not fully functional, are used for tsunamis. “Do I wish those sirens went off? Of course I do,” he said. “And I think that the answer that the emergency administrator for Maui, who’s resigned, was, of course utterly unsatisfactory to the world. But it is the case that that we’ve historically not used those kinds of warnings for fires.”

water official also delayed releasing more water to help firefighters battle the blaze, waiting five hours to approve a request to divert more water. He felt it necessary to consult with a local farmer on the impact of water diversion prior to releasing it. M. Kaleo Manuel resigned from his position as the deputy director of the Hawaii Commission on Water Resource Management, and was transferred to a different position in government.

The politicians are going to try to cover their rear ends, but nothing is going to bring back all of the people that have been killed.

So many children were at home all alone because the schools were closed, and many of them never even knew that the fires were coming until it was too late…

“The kids just don’t have a filter. So their son ran up and was just telling our son, you know, ‘This kid is dead. This kid is dead.’ And it’s like, all my son’s friends that they come to our house every day,” he said. “And their parents were at work, and they were home alone. And nobody had a warning. Nobody, nobody, nobody knew.”

The true death toll may never be known.

Authorities are doing their best to identify victims, but in some cases entire corpses may have been “cremated by the intense heat”

Many of those killed in Maui’s wildfires may never be properly identified because the devastating heat has made it so difficult to obtain DNA from remains, officials have warned.

The grim task has also been made harder because so few relatives of the missing have provided DNA samples to compare with the victims, leading authorities to plead for more people to come forward.

Officials said that they have been unable to obtain a usable DNA sample from 25 percent of the remains found so far. Fire experts say it’s possible some bodies were cremated by the intense heat, potentially leaving no bones left to identify through sampling.

Joe Biden finally took a break from his vacationing to visit Hawaii.

When a top official makes a trip like this, it is supposed to be a comfort to the people.

But instead, local residents were horrified when Biden decided to make a joke about how hot the ground was

President Biden jokes about how hot the ground is in Maui after a fire ripped through, killing hundreds.

“You guys catch the boots out here? That’s a hot ground, man,” he joked.

Despite media reports of roughly 100 deaths from the fires, locals estimate that at least 480 people were killed.

“I know there are at least 480 dead here in Maui and I don’t understand why they’re [the authorities] not saying that,” said one local.

Biden is truly an embarrassment to this nation.

Many Americans wish that he would resign, but then we would end up with Kamala Harris in the White House.

We have such weak leadership at all levels of government at this point, and it is just a matter of time before more major disasters hit this nation.

When a major disaster strikes, please use common sense.

Because if you mindlessly follow government instructions, you could end up like those that were burned alive in their own vehicles in Lahaina.

Reprinted with permission from End of the American Dream.

The post Why Was a Barricade Blocking The Only Paved Road Out of Lahaina? appeared first on LewRockwell.

Endocrinologist Heather Patisaul: EPA & FDA Complicit w/ Industry in Poisoning American Public

Lew Rockwell Institute - Sab, 26/08/2023 - 05:01

“It is now becoming evident that the effects of EDC exposure are not necessarily limited to the exposed individual.  Many of these compounds are now recognized to have transgenerational effects and in some cases the effects within subsequent generations are more profound than those seen in the first generation.”—Heather B. Patisaul and Heather B. Adewale, “Long-term effects of environmental endocrine disruptors on reproductive physiology and behavior,” Frontiers in Behavioral Neuroscience  

Related Posts, Oscillations : (1) Americans at Risk: EPA Must Test Chemicals for Endocrine Disruption & Label Products; (2) U.S. Endocrine Disruptor Screening Program’s Yet-To-Be-Tested-Chemicals List; (3) ‘Evidence-Based Actions Policy’ Paper Addresses Endocrine-Disrupting Chemicals Catastrophe

It’s going to take Heather Patisaul’s kind of unfettered courage by Americans nationwide to snap EPA and FDA out of their comfort zone with industry and rein-in endocrine-disrupting chemicals (EDCs) poisoning the country.  Patisaul, a neuroendocrinologist, accuses the EPA and FDA of cherry picking data, among other sins.  She is one of the most respected voices on the hazards of EDCs, particularly with regard to understanding “sex-specific mechanisms by which chemical exposures affect brain development and behavior.”

Heather Patisaul is currently Associate Dean for Research at North Carolina State University’s College of Sciences as well as a professor of biology at NCSU.

In 2016, Patisaul chaired Gordon Research Council’s conference on EDCs, and in 2020, chaired the Endocrine Society’s advocacy and outreach committee.

Patisaul is author with Scott M. Belcher of the book, Endocrine Disruptors, Brain, and Behavior. She is also one of the authors of the Endocrine Society’s 2020 EDC Guide. Patisaul has published more than 100 scientific papers.

Heather Patisaul’s academic base in North Carolina and before that at Georgia’s Emory University (PhD) and the University of Florida (BS, zoology)  have required some serious protection from the sun.  As one fair-skin blonde to another, Patisaul told me she relies on a mineral (as opposed to chemical) sunscreen, which blocks UV rays.  So it’s just nanoparticles entering the skin that you have to worry about, she joked. Our conversation follows.

Suzan Mazur:  Does the US government essentially leave it up to industry to police itself regarding harmful chemicals, endocrine-disrupting and otherwise?

Heather Patisaul:  Essentially, yes.

Suzan Mazur:  Since the Food and Drug Administration (FDA) has no mandate to test for or to label America’s food regarding toxic chemicals or endocrine-disrupting chemicals (EDCs), and the Environmental Protection Agency (EPA) has not been testing and labeling products contaminated with EDCs either—can we assume that Americans are being poisoned because of government failure to regulate?

Heather Patisaul:  Yes.

Suzan Mazur:  Would you explain the EPA’s high-throughput approach to identifying EDCs in lieu of animal testing?

Heather Patisaul:  Toxicology testing for regulatory purposes was originally whole animal testing.  And there are still statutes and laws that require animal data so whole animal testing remains super important. As an endocrinologist I find these tests particularly valuable because in the endocrine system one organ influences another organ.

The ovary is a classic example. The ovary makes hormones like estrogens, which then circulate through the body, traveling to the uterus, mammary glands, and to lots of other organs. However, there’s been a  push to move away from animal testing for ethical and other reasons.  High-throughput testing strategies [relying on data] are being devised that are meant to be faster, safer, easier, and avoid using whole animals. But it’s a bit of a Wild West and not all of them work well.

That’s how the EPA has been spending its time on EDCs. It’s trying to develop some of these assays with a pretty high failure rate. Meanwhile, we’re not seeing EPA in any hurry to use the mountain of data already available in the literature to regulate EDCs.

Suzan Mazur:  A lot of the data EPA would be using in its high-throughput approach would be coming from industry that created the chemicals.  Is that right?

Heather Patisaul:  That’s my worry.  A lot of the assay development and a lot of the information and data is coming from industry.  We call that “grey data.” Because the EPA can see it, but a scientist like me and the public—we can’t see it.  We don’t know how it’s being evaluated. That’s true for some whole animal work as well.

From some of the data that’s come out through the Freedom of Information Act and other means, it’s clear that industry is really good at saying nothing is toxic.  If you believe that, then industry has never produced a toxic chemical. Since we know that’s completely false, we have a big problem, where our regulatory system is heavily reliant on industry data and there is an obvious financial conflict of interest.

Suzan Mazur: What are the differences between the US & EU approaches to dealing with the EDC catastrophe?

Heather Patisaul: The biggest difference is that Europe—its program is called REACH—takes what’s called a hazard-based approach.  That means:  I have a chemical, chemical X and I’m going to test it for toxicity.

Suzan Mazur:  Europe is testing animals?

Heather Patisaul:   Yes, Europe is mostly doing animal testing but it is also pushing to develop non-animal tests.  That’s good, we want a whole variety of tests.  So for Europe, if a chemical turns out to be hazardous enough, the regulatory process starts.

In the US it’s different.  Determining if a chemical is endocrine-disrupting or has a toxic effect is step 1.  That’s called identifying the hazard.  Step 2 is where EPA tries to determine what the public’s exposure is.  OK, chemical X is toxic—how much are people exposed to chemical X?  Step 3 is risk assessment.  EPA says, OK chemical X is toxic, but public exposure to chemical X is low—so we’re not going to regulate it. The problem with that is, as soon as EPA makes that determination, the exposure level changes and it usually goes up and up quickly.

We’ve seen that with flame retardants.  And we’ve definitely seen that with perfluorinated chemicals where exposure is so dynamic. We’re going to be stuck with those for literally centuries because they’re so persistent.

You may have low exposure to a chemical and then its use goes up.  And two years later, there is really high public exposure to that chemical. That’s how in the US we can end up with higher exposures than in other countries to some chemicals—and really toxic chemicals that are still on the market.

Read the Whole Article

The post Endocrinologist Heather Patisaul: EPA & FDA Complicit w/ Industry in Poisoning American Public appeared first on LewRockwell.

CDC Now Refusing New Covid Vaccine Adverse Event Reports in Its V-Safe Program

Lew Rockwell Institute - Sab, 26/08/2023 - 05:01

Note from Justin: In a shocking turn of events, it seems that the Centers for Disease Control and Prevention (CDC) has quietly stopped collecting adverse event reports on their V-safe website. This website, which was actively gathering safety data for COVID-19 vaccines, abruptly stopped collecting data on June 30, 2023, leaving many to wonder why. The CDC now directs users to the FDA’s VAERS website for adverse event reporting, even though they had previously dismissed VAERS as “passive” and “unverified.” This decision raises troubling questions about the safety of mRNA Covid-19 injections and why the CDC would choose to stop monitoring adverse events for such a new and potentially risky technology.

The Centers for Disease Control and Prevention (CDC) V-safe website quietly stopped collecting adverse event reports with no reason or explanation. The V-safe website simply states: “Thank you for your participation. Data collection for COVID-19 vaccines concluded on June 30, 2023.” If you go there today, V-safe directs users to the FDA’s VAERS website for adverse event reporting, even though officials continually derided VAERS as “passive” and “unverified.”

VAERS and V-safe are mutually exclusive safety collection databases operated by the FDA and CDC, respectively. VAERS is an older way of collecting safety data where one can fill out a form online, or manually, or by calling a toll-free number, whereas V-safe is a device “app” which requires online registration. Both VAERS and V-safe collect personal information, lot numbers, dates and associated information, but V-safe was an active collection system geared towards a younger app-using demographic.

Here is the last report before deletion.

Does this mean that the CDC believes that the mRNA Covid-19 injections are so safe, there is no need to monitor adverse event reports any longer? What is the argument against continued monitoring, especially since the V-safe website was already up and paid for?

While CDC’s V-safe was stealthily and abruptly turned off, refusing to accept new safety reports, to this very day the CDC continues to urge everyone ages 6 months and older to stay up to date with COVID-19 vaccines and boosters.

As a drug safety expert, I personally can’t cite another example of any agency or manufacturer halting collection of safety data. It seems even worse because mRNA technology is relatively new with long-term manifestations unknown. On top of this, both manufacturers and the FDA refuse to share the list of ingredients, such as lipid nanoparticles, which could affect individuals differently and take a long time to manifest clinically.

Read the WHole Article

The post CDC Now Refusing New Covid Vaccine Adverse Event Reports in Its V-Safe Program appeared first on LewRockwell.

Alla ricerca del denaro digitale

Freedonia - Ven, 25/08/2023 - 10:03

 

 

di Alex Gladstein

Un giorno d'estate dell'agosto 2008, Adam Back ricevette un'e-mail da Satoshi Nakamoto.

Era la prima volta che Nakamoto contattava qualcuno per un nuovo progetto che l'anonimo programmatore, o gruppo di programmatori, chiamava Bitcoin. L'e-mail descriveva un progetto per quello che un gruppo di sostenitori della privacy noto, come cypherpunk, considerava il Santo Graal: denaro digitale decentralizzato.

A metà degli anni 2000 i crittografi avevano cercato per decenni di creare una forma digitale di denaro con tutte le sue caratteristiche di bene al portatore e le garanzie di privacy. Con i progressi della crittografia a chiave pubblica negli anni '70 e le firme cieche negli anni '80, il cosiddetto "e-cash" era diventato meno un sogno di fantascienza letto in libri come Snowcrash o Cryptonomicon e più una possibile realtà.

La resistenza alla censura era un obiettivo chiave del denaro digitale e mirava a esserlo per andare oltre la portata di stati e società. Ma i primi progetti soffrivano di un difetto inevitabile: la centralizzazione. Non importava quanta matematica all'avanguardia venisse inserita in questi sistemi, alla fine facevano ancora affidamento su amministratori che potevano bloccare determinati pagamenti o gonfiarne l'offerta.

Alla fine degli anni '90 e all'inizio degli anni 2000 vennero fatti ulteriori progressi, ognuno dei quali rappresentava un passo in avanti fondamentale. Ma prima del 2008, un fastidioso enigma informatico impediva la creazione di un sistema monetario decentralizzato: il problema dei generali bizantini.

Immaginate di essere un comandante militare centinaia di anni fa durante l'Impero Ottomano che cerca d'invadere Bisanzio. Il vostro esercito ha una dozzina di generali, tutti distaccati in luoghi diversi. Come si coordina un attacco a sorpresa alla città in un determinato momento? E se delle spie sfondassero i vostri ranghi e dicessero ad alcuni dei vostri generali di attaccare prima o di resistere? L'intero piano potrebbe andare storto.

La metafora si traduce in informatica: come possono gli individui che non sono fisicamente tra loro raggiungere il consenso senza un coordinatore centrale?

Per decenni questo è stato un grosso ostacolo per una forma di denaro digitale decentralizzata. Se due parti non riuscivano a concordare con precisione lo stato di un libro mastro, gli utenti non potevano sapere quali transazioni erano valide e il sistema non poteva impedire la doppia spesa; di conseguenza tutti i prototipi di e-cash necessitavano di un amministratore.

La soluzione arrivò venerdì 31 ottobre 2008 sotto forma di un misterioso post su un'oscura mailing list, quando Nakamoto condivise un white paper, o concept note, in cui si parlava di Bitcoin. L'oggetto era Bitcoin P2P e-cash paper e l'autore scriveva: “Ho lavorato a un nuovo sistema di denaro digitale completamente peer-to-peer senza terze parti di fiducia”.

L'e-mail di Satoshi Nakamoto in cui annunciava Bitcoin (Fonte)

Per risolvere il problema dei generali bizantini ed emettere denaro digitale senza un coordinatore centrale, Nakamoto propose che il libro mastro venisse mantenuto nelle mani di migliaia d'individui in tutto il mondo. Ogni partecipante avrebbe conservato una copia indipendente, storica e in continuo aggiornamento di tutte le transazioni che Nakamoto originariamente chiamava timechain. Se un partecipante avesse tentato d'imbrogliare ed effettuare una "doppia spesa", tutti gli altri l'avrebbero saputo e rifiutato quella transazione.

Dopo aver sollevato stupore e obiezioni con il white paper, Nakamoto incorporò alcuni feedback finali e, pochi mesi dopo, il 9 gennaio 2009, lanciò la prima versione del software Bitcoin.

Oggi ogni Bitcoin vale più di $29.000 e vanta un totale di transazioni giornaliere superiore al PIL giornaliero della maggior parte dei Paesi del mondo e una capitalizzazione di mercato totale di oltre $1000 miliardi. La creazione di Nakamoto è utilizzata da oltre 100 milioni di persone in quasi tutti i Paesi del mondo ed è stata adottata da Wall Street, Silicon Valley, politici e persino stati-nazione.

Ma all'inizio Nakamoto aveva bisogno di aiuto e la prima persona a cui si rivolse per assistenza fu Adam Back.


I. LA NASCITA DEI CYPHERPUNK

Back era uno dei cypherpunk, studenti d'informatica e sistemi distribuiti negli anni '80 e '90 che volevano preservare i diritti umani come il diritto di associarsi e il diritto di comunicare privatamente nel regno digitale. Questi attivisti sapevano che tecnologie come Internet alla fine avrebbero dato un enorme potere agli stati e credevano che la crittografia potesse essere la migliore difesa per l'individuo.

I cypherpunk originali: Tim May, Eric Hughes e John Gilmore (Fonte)

All'inizio degli anni '90 gli stati si resero conto di essere seduti su un tesoro crescente di dati personali dei loro cittadini. Le informazioni venivano spesso raccolte per motivi innocui: ad esempio, il vostro provider di servizi Internet (ISP) potrebbe raccogliere un indirizzo postale e un numero di telefono per scopi di fatturazione, ma poi consegnare queste informazioni identificative insieme alla vostra attività web alle forze dell'ordine senza un mandato.

La raccolta e l'analisi di questo tipo di dati ha generato l'era della sorveglianza digitale e delle intercettazioni, che, due decenni dopo, ha portato all'intricata e incostituzionale guerra al terrorismo, trapelata al pubblico grazie all'informatore della NSA Edward Snowden .

Nel suo libro del 1983, The Rise Of The Computer State, il giornalista del New York Times David Burnham scrisse che l'automazione computerizzata avrebbe portato a un livello di sorveglianza senza precedenti. Scrisse anche che, in risposta, i cittadini avrebbero dovuto chiedere protezione legale. I cypherpunk, dall'altra parte, pensavano che la risposta non fosse fare pressioni sullo stato affinché approvasse una politica migliore, ma piuttosto inventare e utilizzare una tecnologia che lo stato non poteva fermare.

I cypherpunk hanno sfruttato la crittografia per innescare il cambiamento sociale. L'idea era semplice: i dissidenti politici di tutto il mondo potevano riunirsi online e lavorare insieme sotto pseudonimo per sfidare il potere statale. La loro chiamata alle armi era: "I cypherpunk scrivono codice informatico".

Un tempo dominio esclusivo delle forze armate e delle agenzie di spionaggio, la crittografia era stata introdotta nel mondo pubblico negli anni '70 grazie ad accademici come Ralph Merkle, Whitfield Diffie e Martin Hellman. Alla Stanford University, nel maggio 1975, questo trio ebbe un momento di eureka: capirono come due persone potessero scambiare messaggi privati online senza doversi fidare di una terza parte.

Un anno dopo Diffie e Hellman pubblicarono, New Directions In Cryptography, un'opera fondamentale che delineava questo sistema di messaggistica privato e che sarebbe diventato la chiave per sconfiggere la sorveglianza. Il documento descriveva come i cittadini potessero crittografare e inviare messaggi digitali senza timore di stati o aziende ficcanaso:

In un sistema crittografico a chiave pubblica, la cifratura e la decifrazione sono governate da chiavi distinte, E e D, in modo tale che il calcolo di D da E sia computazionalmente irrealizzabile (ad esempio, richiedendo 10100 istruzioni). La chiave di cifratura E può essere divulgata [in una directory] senza compromettere la chiave di decifrazione D. Ciò consente a qualsiasi utente del sistema d'inviare un messaggio cifrato a qualsiasi altro utente in modo tale che solo il destinatario previsto sia in grado di decifrarlo.

In termini semplici, Alice può avere una chiave pubblica che pubblica online. Se Bob desidera inviare un messaggio privato ad Alice, può cercare la sua chiave pubblica e utilizzarla per crittografare il messaggio. Solo lei può decifrare il messaggio e leggere il testo. Se una terza parte, Carol, non ha la chiave privata (es. password) del messaggio, non può leggerne il contenuto. Questa semplice innovazione ha cambiato l'intero equilibrio del potere informativo degli individui rispetto agli stati.

Quando il documento di Diffie e Hellman fu pubblicato, il governo degli Stati Uniti, attraverso la NSA, cercò d'impedirne la diffusione, avvertendoli della potenziale illegalità cui si stavano esponendo. Ma dopo che gli attivisti ne stamparono copie cartacee e le distribuirono in tutto il Paese, i federali fecero marcia indietro.

Nel 1977 Diffie, Hellman e Merkle avrebbero depositato il brevetto statunitense numero 4200770 per la "crittografia a chiave pubblica", un'invenzione che ha gettato le basi per strumenti di posta elettronica e messaggistica come Pretty Good Privacy (PGP) e l'odierna app mobile Signal.

Fu la fine del controllo dello stato sulla crittografia e l'inizio della rivoluzione cypherpunk.


II. “THE LIST”

La parola "cypherpunk" non è apparsa nell'Oxford English Dictionary fino al 2006, ma la comunità iniziò a riunirsi molto prima.

Nel 1992, un anno dopo il rilascio pubblico del world wide web, il primo dipendente di Sun Microsystems, John Gilmore, l'attivista per la privacy Eric Hughes e l'ex-ingegnere Intel, Timothy May, iniziarono a incontrarsi a San Francisco per discutere di come la crittografia potesse essere utilizzata per preservare la libertà. Nello stesso anno inaugurarono la Cypherpunks Mailing List (o "The List" in breve), dove sarebbero state sviluppate le idee alla base di Bitcoin e infine pubblicate da Nakamoto 16 anni dopo.

L'e-mail di Eric Hughes che annuncia The List (Fonte)

Su "The List" i cypherpunk come May scrivevano di come le monarchie nel tardo Medioevo furono sconvolte dall'invenzione della stampa, la quale democratizzò l'accesso alle informazioni. Discutevano di come la creazione di un Internet aperto e della crittografia potesse democratizzare la tecnologia della privacy e interrompere la tendenza apparentemente inevitabile verso uno stato di sorveglianza globale.

Come molti cypherpunk, l'istruzione universitaria di Back era in informatica, ma, casualmente, studiò prima economia tra i 16 e i 18 anni e successivamente aggiunse un dottorato di ricerca nei sistemi distribuiti. Se qualcuno è stato adeguatamente istruito per diventare un giorno uno scienziato di Bitcoin, quello è stato Back.

Mentre studiava informatica a Londra nei primi anni '90, apprese che uno dei suoi amici stava lavorando per velocizzare i computer in modo da eseguire tecniche di crittografia più veloci. Tramite il suo amico, Back venne a conoscenza della crittografia a chiave pubblica inventata 15 anni prima da Diffie e Hellman.

Back pensava che si trattasse di un cambiamento storico nel rapporto tra stati e individui: i cittadini avrebbero potuto comunicare elettronicamente in un modo che nessuno stato potesse decifrare i loro messaggi. Decise di saperne di più e la sua curiosità alla fine lo portò su "The List".

Durante la metà degli anni '90 Back era un assiduo partecipante a "The List", che al suo apice era popolato da dozzine di nuovi messaggi ogni giorno. Back a volte era il contributore più attivo, dipendente dalle conversazioni all'avanguardia dell'epoca.

Rimase colpito dal modo in cui i cypherpunk volevano cambiare la società utilizzando il codice informatico e quindi creare pacificamente sistemi che non potessero essere fermati. Nel 1993 Hughes scrisse il saggio breve del movimento: A Cypherpunk's Manifesto.

La privacy è necessaria per una società aperta nell'era elettronica. La privacy non è segretezza. Una questione privata è qualcosa che non si vuole che il mondo intero sappia, ma una questione segreta è qualcosa che non si vuole che nessuno sappia. La privacy è il potere di rivelarsi selettivamente al mondo [...].

[...] Non possiamo aspettarci che stati, corporazioni o altre grandi organizzazioni anonime ci garantiscano la privacy per loro beneficenza. Dobbiamo difendere la nostra privacy se ci aspettiamo di averne. Dobbiamo unirci e creare sistemi che consentano transazioni anonime. Le persone hanno difeso la propria privacy per secoli con sussurri, oscurità, buste chiuse, porte chiuse, strette di mano segrete e corrieri. Le tecnologie del passato non consentivano una forte privacy, ma le tecnologie elettroniche sì.

Noi Cypherpunk ci dedichiamo alla costruzione di sistemi anonimi. Difendiamo la nostra privacy con la crittografia, con i sistemi di inoltro anonimi, con le firme digitali e con la moneta elettronica.

I cypherpunk scrivono codice informatico. Sappiamo che qualcuno deve scrivere software per difendere la privacy e poiché non possiamo ottenerla a meno che non lo facciamo tutti, lo scriveremo [...]. Il nostro codice informatico è gratuito per tutti, in tutto il mondo. Non ci interessa molto se non approvate il software che scriviamo. Sappiamo che non può essere distrutto e che un sistema ampiamente distribuito non può essere chiuso.

Questo tipo di pensiero, pensava Back, era ciò che avrebbe cambiato nell'effettivo la società. Certo, si poteva ancora fare pressione politica o votare, ma in questo modo la società sarebbe cambiata lentamente, restando sempre un passo indietro rispetto alla linea di politica dello stato.

L'altro modo, la strategia preferita di Back, era un cambiamento audace e senza autorizzazioni attraverso l'invenzione di nuove tecnologie. Se si voleva un cambiamento, pensava, bisognava realizzarlo.


III. LE “CRYPTO WAR”

I nemici originali dei cypherpunk erano gli stati che cercavano d'impedire ai cittadini di utilizzare la crittografia. Back e i suoi amici pensavano che la privacy fosse un diritto umano; dall'altra parte gli stati-nazione erano pietrificati dal fatto che i cittadini potessero creare codice informatico con cui sfuggire alla supervisione e al controllo.

Le autorità raddoppiarrono gli sforzi sui vecchi standard militari, i quali classificavano la crittografia come munizioni insieme a jet da combattimento e portaerei, e cercarono di vietare l'esportazione di software crittografico per ucciderne l'uso a livello mondiale. L'obiettivo era spaventare le persone qualora avessero usato la tecnologia della privacy. Il conflitto divenne noto come "Crypto War" e Back era un soldato in prima linea.

Back sapeva che gli effetti generali di un tale divieto avrebbero portato molte persone negli Stati Uniti a trasferirsi all'estero e costringere grandi quantità d'informazioni sensibili a rimanere non crittografate. L'amministrazione Clinton non guardava avanti, ma solo a ciò che le stava di fronte e il suo più grande obiettivo era uno scienziato informatico di nome Phil Zimmerman, il quale nel 1991 aveva rilasciato il primo sistema di messaggistica segreto a livello di consumatore, chiamato Pretty Good Privacy, o "PGP" abbreviato.

Cypherpunk history - Wired Magazine issue #2 May 1993, Crypto Rebels.

Gilmore, May, Hughes, Zimmerman, Chaum's "anonymous digital money".

"Cypherpunks write code. Crypto Anarchy is inevitable. It's already happening"

READ: https://t.co/J5FnbfvSqw

Photos: an internet premier. pic.twitter.com/GcXbvn6fNe

— FRANCIS ☣️ BULLBITCOIN.COM (@francispouliot_) September 29, 2018

PGP era un modo semplice affinché due persone potessero comunicare privatamente utilizzando i PC e il nuovo world wide web. Prometteva di democratizzare la crittografia a milioni di persone e di porre fine al controllo decennale dello stato sulla messaggistica privata.

Come volto del progetto, Zimmerman fu attaccato da aziende e stati. Nel 1977 tre scienziati del Massachusetts Institute of Technology (MIT) di nome Rivest, Shamir e Adelman, implementarono le idee di Diffie e Hellman in un algoritmo chiamato RSA. Il MIT successivamente rilasciò una licenza per il brevetto a un uomo d'affari di nome Jim Bidzos e alla sua azienda, RSA Data Security.

I cypherpunk erano a disagio con un toolkit talmente importante controllato da una singola entità, con un singolo punto di errore, ma per tutti gli anni '80, le licenze e la paura di essere citati in giudizio avevano impedito il rilascio di nuovi programmi basati sul codice informatico.

In un primo momento Zimmerman chiese a Bidzos una licenza gratuita per il software, ma gli venne negata. In segno di sfida Zimmerman rilasciò PGP come "guerilla freeware", diffondendolo attraverso floppy disk e bache virtuali su Internet. Un giovane cypherpunk di nome Hal Finney, che in seguito avrebbe svolto un ruolo importante nella storia di Bitcoin, si unì a Zimmerman, contribuendo a portare avanti il progetto. Un lungo articolo su WIRED del 1994 accolse la sfacciata uscita di PGP da parte di Zimmerman come un “attacco preventivo contro un futuro orwelliano”.

Bidzos definì Zimmerman un ladro e organizzò una campagna per fermare la diffusione di PGP. Zimmerman alla fine ottenne l'aiuto di Christopher Allen e del suo team di Consensus Development per pubblicare una nuova versione di PGP, la quale sfruttava il codice che Bidzos aveva rilasciato gratuitamente, disinnescando la minaccia aziendale.

Ma alla fine il governo federale decise di indagare su Zimmerman per aver esportato "munizioni" ai sensi dell'Arms Control Export Act. In sua difesa Zimmerman sostenne che stava semplicemente attuando i suoi diritti di libertà di parola del Primo Emendamento condividendo codice open source.

A quel tempo l'amministrazione Clinton sosteneva che gli americani non avessero il diritto di crittografare e spinse affinché la legislazione costringesse le aziende a installare backdoor ("chip clipper") nelle loro apparecchiature in modo che lo stato potesse avere una "porta sul retro sempre aperta" nei confronti di qualsiasi messaggio crittografato. Guidati da funzionari della Casa Bianca e membri del Congresso come Joe Biden, suddetta amministrazione sostenne che la crittografia avrebbe dato potere a criminali, pedofili e terroristi.

I cypherpunk si mobilitarono per sostenere Zimmerman, il quale divenne una cause célèbre. Sostenevano che le leggi anti-crittografia erano incompatibili con le tradizioni statunitensi di libertà di parola. Gli attivisti iniziarono a stampare il codice sorgente di PGP nei libri e a spedirli all'estero. Tramite la pubblicazione del codice in forma stampata, Zimmerman e altri teorizzarono di poter aggirare legalmente le restrizioni anti-munizioni. I destinatari avrebbero scannerizzato il codice e lo avrebbero eseguito, tutto per dimostrare il punto: non potete fermarci.

Back scrisse brevi parti di codice sorgente che qualsiasi programmatore avrebbe potuto trasformare in un toolkit per la privacy completamente funzionale. Alcuni attivisti si tatuarono frammenti di questo codice. Back iniziò a vendere magliette con il codice sul davanti e un pezzo della Carta dei diritti degli Stati Uniti con "VOID" stampato sul retro.

La maglietta "crypto" di Adam Back (Fonte)

Gli attivisti infine inviarono un libro contenente il controverso codice all'Office of Munitions Control del governo degli Stati Uniti, chiedendo se potesse condividerlo all'estero. Non ebbero mai risposta. I cypherpunk immaginavano che la Casa Bianca non avrebbe mai vietato i libri e, alla fine, avevano ragione.

Nel 1996 il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ritirò le accuse contro Zimmerman. La pressione a costringere le aziende a utilizzare i "clipper chips" diminuì e i giudici federali sostennero che la crittografia era un diritto protetto dal Primo Emendamento. Gli standard anti-crittografia vennero ribaltati e la messaggistica crittografata divenne una parte fondamentale del Web aperto e dell'e-commerce. PGP divenne “il software di crittografia per posta elettronica più utilizzato al mondo”.

Oggi aziende e app che vanno da Amazon a WhatsApp e a Facebook si affidano alla crittografia per proteggere pagamenti e messaggi. Miliardi di persone ne beneficiano e il codice informatico ha cambiato il mondo.

Back è modesto e ha detto che è difficile dire se il suo attivismo in particolare abbia fatto la differenza, ma di certo la lotta che i cypherpunk hanno organizzato è stata una delle ragioni principali per cui il governo degli Stati Uniti ha perso le "Crypto War". Le autorità hanno cercato di fermare il codice informatico e non ci sono riuscite.

Questa realizzazione si sarebbe profilata nella mente di Back 15 anni dopo, nell'estate del 2008, mentre elaborava la prima e-mail di Nakamoto.


IV. DA DIGICASH A BIT GOLD

Come disse lo storico dell'informatica, Steven Levy, nel 1993: lo strumento crittografico definitivo sarebbe il "denaro digitale anonimo". Infatti dopo aver vinto la battaglia per le comunicazioni private, la sfida successiva per i cypherpunk è stata quella di creare una forma di denaro digitale.

Alcuni cypherpunk erano cripto-anarchici, profondamente scettici nei confronti dello stato. Altri credevano che fosse possibile riformare le democrazie per preservare i diritti individuali. Non importa da che parte si schierassero, molti consideravano il denaro digitale il Santo Graal del movimento cypherpunk.

Negli anni '80 e '90 vennero compiuti passi importanti nella giusta direzione, sia dal punto di vista culturale che tecnico. Da un punto di vista culturale, autori di fantascienza come Neal Stephenson catturarono l'immaginazione degli scienziati informatici di tutto il mondo con rappresentazioni di società future — dove il denaro era sparito — e diversi tipi di monete elettroniche digitali erano diventate la valuta quotidiana. In un momento in cui le carte di credito e i pagamenti digitali erano già in crescita, c'era una nostalgia per la privacy implicita nell'effettuare un pagamento in contanti, dove il commerciante non conosce, memorizza o vende alcuna informazione sul cliente.

Sul fronte tecnico uno studioso di crittografia dell'Università della California, Berkeley, di nome David Chaum, prese l'idea della crittografia a chiave pubblica e iniziò ad applicarla al denaro.

L'inventore di eCash David Chaum (Fonte)

All'inizio degli anni '80, Chaum inventò le cosiddette firme cieche, un'innovazione cruciale nell'evoluzione della capacità di provare la proprietà di un dato senza rivelarne la provenienza. Nel 1985 pubblicò Security Without Identification: Transaction Systems To Make Big Brother Obsolete, un documento preveggente che esplorava come la crescita dello stato di sorveglianza potesse essere rallentata attraverso pagamenti digitali privati.

Pochi anni dopo, nel 1989, Chaum e i suoi amici si trasferirono ad Amsterdam, applicarono la teoria alla pratica e lanciarono DigiCash. La società mirava a consentire agli utenti di convertire valute e dollari europei in token di denaro digitale. I crediti bancari potevano essere trasformati in "eCash" e inviati ad amici al di fuori del sistema bancario. Si poteva conservare la nuova valuta sul proprio PC, ad esempio, o incassarla in denaro fisico. La forte crittografia del software rese impossibile per le autorità tracciare il flusso di denaro.

In un articolo del 1994 su DigiCash al suo massimo splendore, Chaum affermò che l'obiettivo era quello di “catapultare il nostro sistema monetario nel XXI secolo [...], mandando in frantumi le previsioni orwelliane di una distopia da Grande Fratello e sostituendole con un mondo in cui la facilità delle transazioni elettroniche si combina con l'eleganza dell'anonimato del pagamento in contanti”.

Back ha detto che i cypherpunk come lui erano inizialmente entusiasti di eCash. Impediva agli osservatori esterni di sapere chi aveva inviato quanto a chi; e i token assomigliavano a denaro contante tanto quanto erano strumenti al portatore controllati dagli utenti.

La filosofia personale di Chaum risuonava anche con i cypherpunk. Nel 1992 scrisse che l'umanità era a un punto di svolta, dove “in una direzione si trova un esame e un controllo senza precedenti della vita delle persone; nell'altro garantire la parità tra individui e organizzazioni. La forma della società nel prossimo secolo può dipendere da quale approccio predominerà”.

DigiCash, tuttavia, non riuscì a ottenere il giusto finanziamento e più tardi in quel decennio andò in bancarotta. Per Back e altri questa rappresentò una grande lezione: il denaro digitale doveva essere decentralizzato, senza un singolo punto di errore.

Back aveva personalmente fatto di tutto per preservare la privacy nella società. Una volta gestiva un servizio di "mixmaster" per aiutare le persone a mantenere private le proprie comunicazioni. Accettava la posta in arrivo e la inoltrava in un modo non rintracciabile. Per rendere difficile capire che stava gestendo il servizio, Back noleggiò un server da un amico in Svizzera e per pagarlo, da Londra, avrebbe spedito contanti fisici. Alla fine la polizia federale svizzera si presentò nell'ufficio del suo amico e il giorno dopo Back spense il suo "mixer". Ma il sogno del denaro digitale continuava a ronzare nella sua testa.

La moneta digitale centralizzata era un fallimento a livello operativo: rientrare nell'ambito della normativa statale o andare in bancarotta, à la DigiCash. Ma la sua più grande vulnerabilità era l'emissione monetaria dettata da una terza parte di fiducia.

Il 28 marzo 1997, dopo anni di riflessione e sperimentazione, Back inventò e annunciò Hashcash, un concetto anti-spam successivamente citato nel white paper di Nakamoto e che si sarebbe rivelato fondamentale per il mining di Bitcoin. Hashcash alla fine avrebbe consentito la "Prova di lavoro" finanziaria: una valuta che necessitava del dispendio di energia affinché si potessero produrre nuove unità monetarie, rendendo così il denaro più solido ed equo.

Storicamente gli stati hanno spesso abusato dei loro monopoli sull'emissione di denaro. Esempi tragici includono l'antica Roma, la Germania di Weimar, l'Ungheria sovietica, i Balcani negli anni '90, lo Zimbabwe di Mugabe e gli 1,3 miliardi di persone che oggi vivono con un'inflazione a doppia, tripla o quadrupla cifra, dal Sudan al Venezuela.

In questo contesto il cypherpunk Robert Hettinga scrisse nel 1998 che denaro digitale adeguatamente decentralizzato avrebbe significato che l'economia non doveva più essere "l'ancella della politica"; non dovevano più essere emesse nuove quantità di nuovo denaro con il clic di un pulsante.

Una vulnerabilità di Hashcash era che se qualcuno cercava di progettare una valuta con il suo meccanismo anti-spam, gli utenti con computer più veloci potevano comunque causare iperinflazione. Un decennio dopo Nakamoto avrebbe risolto questo problema con un'innovazione chiave in Bitcoin chiamata "algoritmo di difficoltà", in cui la rete avrebbe reimpostato la difficoltà del conio delle coin ogni due settimane in base alla quantità totale di energia spesa dagli utenti sulla rete.

Nel 1998 l'ingegnere informatico Wei Dai pubblicò il suo concetto di b-money: era “un sistema di pagamento elettronico anonimo e distribuito” e proponeva uno “schema per un gruppo di pseudoanonimi digitali non rintracciabili affinché si possano a vicenda e per far rispettare i contratti tra di loro senza aiuto esterno”.

Dai venne ispirato dal lavoro di Back con Hashcash, incorporando la Prova di lavoro nei progetti di b-money. Sebbene il sistema fosse limitato, si rivelò anche poco pratico; Dai lasciò una serie di scritti che facevano eco a Hughes, Back e altri.

Nel febbraio 1995 Dai inviò un'e-mail a "The List", sostenendo la tecnologia, non la regolamentazione, come salvatrice dei diritti digitali individuali:

Non c'è mai stato uno stato che prima o poi non abbia cercato di ridurre la libertà dei suoi sudditi e di ottenere un maggiore controllo su di loro, e probabilmente non ce ne sarà mai uno. Pertanto, invece di cercare di convincere il nostro attuale stato a non provarci, svilupperemo la tecnologia [...] che renderà impossibile il successo dello stato.

Gli sforzi per influenzare lo stato (ad esempio, lobbismo e propaganda) sono importanti solo nella misura in cui ritardano il suo tentativo di repressione abbastanza a lungo da consentire alla tecnologia di maturare e diventare ampiamente utilizzata.

Ma anche se non credete che quanto sopra sia vero, pensatela in questo modo: se avete una certa quantità di tempo da spendere per promuovere la causa di una maggiore privacy personale (o libertà, o criptoanarchia, o qualsiasi altra cosa), potete farlo meglio usando il tempo per conoscere la crittografia e sviluppare gli strumenti per proteggere la privacy o convincendo lo stato a non invadere la vostra privacy?

Quello stesso anno, nel 1998, un crittografo americano di nome Nick Szabo propose bit gold. Basandosi sulle idee di altri cypherpunk, Szabo propose una struttura finanziaria parallela il cui i token avrebbero avuto una propria proposta di valore, separata dal dollaro o dall'euro. Avendo lavorato in DigiCash e avendo visto le vulnerabilità di una zecca centralizzata, pensava che l'oro fosse una risorsa utile da provare a replicare nello spazio digitale.

Bit gold è stato importante perché collegava le idee di riforma monetaria e denaro sano/onesto al movimento cypherpunk. Cercava di rendere digitale la caratteristica del "costo dimostrabile" dell'oro. Una collana d'oro, ad esempio, dimostra che il proprietario ha speso molto tempo, energia e risorse per estrarre quell'oro dal terreno e trasformarlo in gioielli, o ha pagato un sacco di soldi per acquistarla. Szabo voleva portare online il "costo dimostrabile". Bit gold non è mai stato implementato, ma ha continuato a ispirare i cypherpunk.

Gli anni successivi hanno visto l'ascesa dell'e-commerce, la bolla delle dot-com e poi l'emergere delle mega corporazioni di Internet odierne. Fu un periodo impegnativo ed esplosivo per l'online, ma per cinque anni non ci fu alcun progresso significativo nel campo del denaro digitale. Ciò indica il fatto che in primo luogo non c'erano molte persone che lavoravano a questa idea e, in secondo luogo, far funzionare tutto era straordinariamente impegnativo.

Nel 2004 l'ex-collaboratore di PGP Finney annunciò una Prova di lavoro riutilizzabile, o "RPOW": questa sarebbe stata la successiva grande innovazione nel percorso verso Bitcoin.

La RPOW prendeva l'idea di bit gold e aggiungeva una rete di server open source per verificare le transazioni. Si poteva allegare un po' d'oro a un'e-mail, ad esempio, e il destinatario avrebbe potuto acquistare un bene al portatore con un costo dimostrabile.

Sebbene Finney avesse lanciato la RPOW in modo centralizzato sul proprio server, aveva in programma di decentralizzarne l'architettura. Questi sono stati tutti passaggi chiave che hanno condotto alla nascita di Bitcoin, ma alcuni altri pezzi del puzzle dovevano ancora essere messi al loro posto.


V. “RUNNING BITCOIN”

Nel 1999 Back terminò il suo dottorato di ricerca sui sistemi distribuiti e iniziò a lavorare in Canada per una società chiamata Zero Knowledge Systems. Lì contribuì a costruire il Freedom Network, uno strumento che permetteva alle persone di navigare sul web in privato. Back e i suoi colleghi utilizzavano le cosiddette "prove a conoscenza zero" (basate sulle firme cieche di Chaum) per crittografare le comunicazioni su questa rete e vendevano l'accesso al servizio.

Back, a quanto pare, era anche in anticipo sui tempi su questa innovazione chiave. Nel 2002 gli informatici avevano migliorato il modello di Zero Knowledge System adottando un progetto di navigazione web privato del governo degli Stati Uniti chiamato "onion routing" open source. Lo chiamarono Tor Network e ispirò l'era delle reti private virtuali (VPN). Rimane oggi il gold standard per la navigazione web privata.

All'inizio e alla metà degli anni 2000 Back terminò il suo lavoro presso Zero Knowledge Systems e venne reclutato da Microsoft per un breve periodo come ricercatore sulla sicurezza informatica, quindi entrò a far parte di una nuova startup che produceva software di collaborazione crittografato peer-to-peer. Ciononostante Back continuava ancora a pensare all'idea del denaro digitale.

Quando l'e-mail di Nakamoto arrivò nell'agosto 2008, Back era incuriosito. La lesse attentamente e rispose suggerendo a Nakamoto di esaminare altri sistemi di denaro digitale, incluso b-money di Dai.

Il 31 ottobre 2008 Nakamoto pubblicò il white paper di Bitcoin su "The List". La prima frase prometteva il sogno che tanti avevano inseguito: “Una versione puramente peer-to-peer del contante elettronico consentirebbe d'inviare pagamenti online direttamente da una parte all'altra senza passare attraverso un istituto finanziario”. Hashcash di Back, b-money di Dai e precedenti ricerche sulla crittografia erano state tutte citate.

Come ha scritto lo storico del contante digitale Aaron van Wirdum: “Con Bitcoin, Hashcash ha preso due piccioni con una fava: ha risolto il problema della doppia spesa in modo decentralizzato, fornendo al contempo un trucco per mettere in circolazione nuove coin senza un emittente centralizzato”. Ha notato che Hashcash non è stato il primo sistema di ecash, ma un sistema did enaro digitale decentralizzato “sarebbe stato impossibile senza di esso”.

Il 9 gennaio 2009 Nakamoto inaugurò la prima versione del software Bitcoin. Finney fu uno dei primi a scaricare il programma e sperimentarlo, poiché era entusiasta che qualcuno avesse continuato il suo lavoro con la RPOW.

Il 10 gennaio Finney pubblicò il famoso tweet: “Running Bitcoin”. La rivoluzione pacifica era iniziata.

Running bitcoin

— halfin (@halfin) January 11, 2009


VI. IL “GENESIS BLOCK”

Nel febbraio 2009 Nakamoto riassunse le idee alla base di Bitcoin su un forum della comunità tecnologica peer-to-peer:

Prima della crittografia avanzata, gli utenti dovevano fare affidamento sulla protezione tramite password per mantenere private le proprie informazioni. La privacy poteva sempre essere ignorata dall'amministratore in base al suo giudizio soppesante il principio della privacy rispetto ad altre preoccupazioni, o per volere dei suoi superiori. Poi è arrivata la crittografia avanzata e la fiducia non era più richiesta. I dati potevano essere protetti in un modo fisicamente impossibile affinché altri potessero accedervi, non importava per quale motivo, non importava quanto fosse valida la scusa, non importava quale.

Era ora che avessimo la stessa cosa per il denaro. Con la valuta elettronica basata su prove crittografiche, senza la necessità di affidarsi a un intermediario di terze parti, il denaro può essere sicuro e le transazioni validate. Uno degli elementi costitutivi di un tale sistema sono le firme digitali. Una moneta digitale contiene la chiave pubblica del suo proprietario. Per trasferirla, il proprietario firma la moneta insieme alla chiave pubblica del proprietario successivo. Chiunque può controllare le firme per verificare la catena di proprietà. Funziona bene per garantire la proprietà, ma lascia irrisolto un grosso problema: la doppia spesa. Qualsiasi proprietario potrebbe provare a spendere nuovamente una moneta già spesa firmandola verso un altro proprietario. La solita soluzione è che un'azienda fidata con un database centrale vigili sulla doppia spesa, ma così torneremmo al solito modello di fiducia. Nella sua posizione centrale, l'azienda può scavalcare gli utenti [...].

La soluzione di Bitcoin è utilizzare una rete peer-to-peer per verificare la doppia spesa [...]. Il risultato è un sistema distribuito senza un singolo punto di errore. Gli utenti detengono le chiavi crittografiche del proprio denaro e effettuano transazioni tra di loro, con l'aiuto della rete P2P affinché vigili sulla doppia spesa.

Nakamoto aveva studiato Diffie, Chaum, Back, Dai, Szabo e Finney e aveva forgiato una forma di denaro digitale decentralizzato.

La chiave di volta, in retrospettiva, era combinare la capacità di effettuare transazioni private al di fuori del sistema bancario con la capacità di detenere un bene che non poteva essere svalutato tramite interferenze politiche.

Quest'ultima caratteristica non era al primo posto per i cypherpunk prima della fine degli anni '90. Szabo ci aveva sicuramente mirato con Bit gold e altri, ispirati da economisti Austriaci come Fredrich Hayek e Murray Rothbard, avevano discusso a lungo di togliere la creazione di denaro dalle mani dello stato. Tuttavia i cypherpunk avevano dato la priorità alla privacy rispetto alla politica monetaria nelle prime visioni riguardanti il denaro digitale.

L'ambivalenza nei confronti della politica monetaria mostrata dai sostenitori della privacy è ancora evidente oggi. Molti gruppi per le libertà civili di sinistra che hanno protetto i diritti digitali americani negli ultimi due decenni hanno ignorato o sono stati apertamente ostili nei confronti di Bitcoin. Il limite di 21 milioni di coin, la scarsità e le qualità del "denaro sano/onesto" si sono rivelate fondamentali per raggiungere la privacy attraverso il denaro digitale. Tuttavia la maggior parte dei gruppi di difesa dei diritti digitali non hanno riconosciuto né celebrato il ruolo che la Prova di lavoro e una politica monetaria immutabile possono svolgere nella protezione dei diritti umani.

Per sottolineare l'importanza primaria della scarsità e dell'emissione monetaria prevedibile nella creazione di denaro digitale, Nakamoto rilasciò Bitcoin non dopo l'ennesimo scandalo incentrato sulla sorveglianza statale, bensì sulla scia della crisi finanziaria mondiale e dei conseguenti esperimenti di folle stampa di denaro del 2007 e 2008.

Il primo input nella blockchain di Bitcoin è noto come Genesis Block ed è un grido di battaglia politico. Proprio nel suo codice c'è un messaggio su cui vale la pena riflettere: “The Times / 03 Jan / 2009 Chancellor on brink of second bailout for banks”.

Genesis Block di Bitcoin: Cancelliere dello scacchiere sull'orlo di un secondo salvataggio bancario (Fonte)

Il messaggio fa riferimento a un titolo del Times di Londra, che descrive come il governo britannico fosse in procinto di salvare un settore privato in fallimento aumentando entrambi i lati del suo bilancio. Ciò faceva parte di un movimento mondiale più ampio in cui le banche centrali creavano liquidità dal nulla per le banche commerciali e in cambio acquisivano asset, dai titoli garantiti da ipoteca al debito societario e sovrano. Nel Regno Unito la Banca d'Inghilterra stava stampando denaro per cercare di salvare l'economia.

La dichiarazione di Nakamoto nel Genesis Block era una sfida all'azzardo morale creato dalla Banca d'Inghilterra, la quale funge da prestatore di ultima istanza per le società britanniche che seguono linee di politica sconsiderate e rischiano la bancarotta.

Il londinese medio è quello che ne paga il prezzo durante una recessione, mentre l'élite di Canary Wharf trova modi per proteggere la propria ricchezza. Nessun banchiere britannico sarebbe finito in prigione durante la Grande Crisi Finanziaria, ma milioni di cittadini britannici nella classe medio-bassa ne hanno sofferto. Bitcoin era più di un semplice denaro digitale, era un'alternativa al sistema bancario centrale.

Nakamoto non aveva una grande opinione del modello in cui burocrati aumentavano il debito per salvare economie sempre più finanziarizzate:

Il problema principale con la valuta fiat è tutta la fiducia necessaria per farla funzionare. Ci si deve fidare della banca centrale affinché non svaluti la valuta, ma la storia delle valute fiat è piena di violazioni di quella fiducia. Ci si deve fidare delle banche affinché detengano il nostro denaro e lo trasferiscano elettronicamente, ma lo prestano generando ondate di bolle del credito con una minima frazione in riserva.

Nakamoto lanciò la rete Bitcoin come concorrente delle banche centrali, offrendo l'automazione della politica monetaria ed eliminando le fumose stanze sul retro in cui gruppi ristretti d'individui prendevano decisioni per tutti gli altri riguardo soprattutto il campo monetario.


VII. UNA MERAVIGLIA INGEGNERISTICA

Inizialmente Back rimase colpito da Bitcoin. Lesse un rapporto tecnico che Finney aveva pubblicato all'inizio del 2009 e si rese conto che Nakamoto aveva risolto molti dei problemi che in precedenza avevano impedito la creazione di un'effettiva forma di denaro digitale. Ciò che forse lo impressionò di più , e rese il progetto Bitcoin più forte di qualsiasi altro avesse mai visto, fu che all'inizio del 2011 Nakamoto scomparve per sempre.

Nel 2009 e nel 2010 Nakamoto pubblicò aggiornamenti, discusse di modifiche e miglioramenti a Bitcoin e condivise le proprie opinioni sul futuro della rete, principalmente su un forum online chiamato Bitcointalk. Poi, un giorno, è scomaprso e da allora non se ne è più saputo nulla.

A quel tempo Bitcoin era ancora un progetto in fasce e Nakamoto era ancora un punto centrale di fallimento. Alla fine del 2010 agiva ancora come un "dittatore benevolo", ma facendosi da parte — e rinunciando a una vita di fama, fortuna e premi — rese impossibile per gli stati di poter danneggiare la rete arrestandolo o manipolandolo.

Prima di sparire, Nakamoto scrisse:

Molte persone liquidano automaticamente il denaro digitale come una causa persa data la lunga scia di aziende che hanno fallito sin dagli anni '90. Spero sia ovvio che fosse solo la natura centralizzata di quei sistemi ad averli condannati al fallimento. Penso che questa sia la prima volta che proviamo un sistema decentralizzato e non basato sulla fiducia.

Back era d'accordo. Oltre ad essere colpito dal modo in cui Nakamoto rivelò Bitcoin e poi è scomparso, fu particolarmente incuriosito dalla politica monetaria di Bitcoin, programmata per emettere una quantità sempre minore di coin ogni anno fino al 2130, quando anche l'ultimo bitcoin sarebbe stato emesso. Il numero totale di coin è stato scolpito nella pietra a poco meno di 21 milioni.

Ogni quattro anni i nuovi bitcoin emessi come ricompensa per il mining di un nuovo blocco vengono dimezzati, in un evento ora celebrato come "halving".

L'emissione prevedibile di Bitcoin (Fonte)

Quando Nakamoto minava all'inizio del 2009, la ricompensa era di 50 bitcoin. Scese a 25 nel 2012, 12,5 nel 2016 e 6,25 nell'aprile 2020. Alla fine del 2021 erano stati minati quasi 19 milioni di bitcoin ed entro il 2035 il 99% di tutti i bitcoin sarà distribuito.

Il resto sarà distribuito nel secolo successivo, come incentivo duraturo per i miner che però nel tempo dovranno passare a trarre profitto dalle commissioni di transazione.

Già nel 2009 Nakamoto, Finney e altri ipotizzarono che la politica monetaria "hard-capped" di Bitcoin con un limite a 21 milioni l'avrebbe reso estremamente prezioso se un giorno fosse decollato.

Oltre all'innovativa politica monetaria, Back pensava che anche il cosiddetto "algoritmo di difficoltà" fosse un significativo passo avanti. Questo trucco risolse una preoccupazione che egli aveva inizialmente avuto per Hashcash, dove gli utenti con computer più veloci potevano sopraffare il sistema. In Bitcoin, Nakamoto impedì che ciò accadesse programmando la rete per ripristinare la difficoltà richiesta ogni due settimane, in base a quanto tempo aveva richiesto il mining nelle due settimane precedenti.

Se il mercato fosse crollato o si fosse verificato un evento catastrofico (ad esempio, quando il Partito Comunista Cinese cacciò metà dei miner di Bitcoin nel maggio 2021) e la quantità totale globale di energia spesa per minare Bitcoin ("hashrate") fosse diminuita, ci sarebbe voluto più tempo del normale per minare i blocchi.

Tuttavia, con l'algoritmo di difficoltà, la rete si sarebbe riequilibrata in breve tempo e avrebbe semplificato il mining. Al contrario se l'hashrate fosse aumentato, nel caso in cui fosse stato inventato un dispositivo più efficiente e i miner avessero minato i blocchi troppo velocemente, l'algoritmo di difficoltà avrebbe compensato presto la situazione. Questa caratteristica apparentemente semplice ha dato a Bitcoin la resilienza e lo ha aiutato a sopravvivere a massicce turbolenze stagionali nel mining, precipitosi crolli dei prezzi e minacce normative. Oggi l'infrastruttura di mining di Bitcoin è più decentralizzata che mai.

Queste innovazioni fecero pensare a Back che Bitcoin potesse avere successo laddove altri tentativi avevano fallito. Tuttavia rimaneva un problema evidente: Bitcoin non era molto privato.


VIII. IL PROBLEMA DELLA PRIVACY SU BITCOIN

Per i cypherpunk la privacy era un obiettivo chiave. Le precedenti iterazioni riguardo il denaro digitale, come DigiCash, avevano ceduto al compromesso per raggiungere la privacy sacrificando il decentramento. Potrebbe esserci un'immensa privacy in questi sistemi, ma gli utenti dovevano fidarsi di una Zecca ed erano a rischio di censura e svalutazione.

Nel creare un'alternativa, Nakamoto è stato costretto a fare affidamento su un sistema di registro aperto, in cui chiunque poteva visualizzare pubblicamente tutte le transazioni. Era l'unico modo per garantire la verificabilità, ma sacrificava la privacy. Back pensa ancora che questa sia stata la giusta decisione ingegneristica.

C'era stato molto lavoro nell'area delle valute digitali private da DigiCash in poi. Nel 1999 venne pubblicato un documento intitolato Auditable Anonymous Electronic Cash, la cui idea era utilizzare prove a conoscenza zero. Più di un decennio dopo il documento Zerocoin venne pubblicato come ottimizzazione di questo concetto, ma per cercare di ottenere una privacy perfetta anche questi sistemi hanno ceduto ai compromessi.

La matematica richiesta per queste transazioni anonime era così complicata che rendeva ogni transazione molto grande e ogni spesa richiedeva molto tempo. Uno dei motivi per cui Bitcoin funziona bene oggi è che la transazione media è di appena un paio di centinaia di byte. Chiunque può eseguire con poco un nodo completo a casa e tenere traccia della cronologia di Bitcoin e delle transazioni in entrata, mantenendo il potere sul sistema nelle mani degli utenti. Il sistema non si basa su pochi supercomputer; i normali computer possono archiviare la blockchain di Bitcoin e trasmettere i dati delle transazioni perché il loro utilizzo è ridotto al minimo.

Se Nakamoto avesse utilizzato un modello di tipo Zerocoin, ogni transazione sarebbe stata superiore a 100 kilobyte, il libro mastro sarebbe diventato enorme e solo una manciata di persone con attrezzature specializzate per datacenter avrebbe potuto eseguire un nodo completo, introducendo la possibilità di collusione, censura, o anche un piccolo gruppo di persone che decidono di aumentare l'offerta monetaria oltre i 21 milioni. Come afferma il mantra della comunità Bitcoin: "Non fidatevi e verificate".

Back ha detto che, in retrospettiva, è contento di non aver menzionato il documento del 1999 a Nakamoto nelle sue e-mail. La creazione di denaro digitale decentralizzato era la parte più cruciale: la privacy, pensava, poteva essere programmata in un secondo momento.

Nel 2013 Back decise che Bitcoin aveva dimostrato una stabilità sufficiente per essere la base per il denaro digitale. Si rese conto che poteva offrire la sua esperienza in crittografia applicata per contribuire a renderlo più privato. In quel periodo Back iniziò a passare 12 ore al giorno a leggere di Bitcoin. Ha detto che perse la cognizione del tempo, mangiava a malapena e dormiva a malapena; era ossessionato.

Quell'anno Back suggerì alcune idee chiave alla comunità degli sviluppatori Bitcoin su canali come IRC e Bitcointalk, tra cuicambiare il tipo di firma digitale che Bitcoin utilizzava da ECDSA a Schnorr. Nakamoto non utilizzò Schnorr nel design originale, nonostante offrisse maggiore flessibilità e privacy per gli utenti, perché esisteva brevetto su di essa. Ma quel brevetto è scaduto.

Oggi il suggerimento di Back è stato implementato poiché le firme Schnorr sono state aggiunte alla rete Bitcoin come parte dell'aggiornamento Taproot. Una volta attivato Taproot e utilizzato su larga scala, la maggior parte dei tipi di wallet e transazioni sembrerà uguale agli osservatori (inclusi gli stati), contribuendo a combattere la macchina della sorveglianza.


IX. TRANSAZIONI RISERVATE

La più grande visione di Back per Bitcoin era qualcosa chiamata Transazioni riservate. Attualmente un utente espone la quantità di bitcoin che invia a ogni transazione e ciò consente la verificabilità del sistema — chiunque esegua il software Bitcoin può garantire che ci sia solo un certo numero di coin — ma consente anche la sorveglianza sulla blockchain.

Se uno stato può associare un indirizzo Bitcoin a un'identità nel mondo reale, può seguirne i fondi. Le transazioni riservate nasconderebbero l'importo della transazione, rendendo la sorveglianza molto più difficile o forse addirittura impossibile se utilizzate insieme a tecniche come CoinJoin.

Nel 2013 Back parlò con una manciata di sviluppatori — i "Bitcoin Wizard", come li chiama lui — e si rese conto che sarebbe stato estremamente difficile implementare le transazioni riservate, poiché la comunità aveva comprensibilmente dato la priorità alla sicurezza e alla verificabilità rispetto alla privacy.

Back si rese anche conto che Bitcoin non era molto modulare, il che significa che non si poteva sperimentare con le transazioni private all'interno del sistema, quindi contribuì a elaborare l'idea di un nuovo tipo di banco di prova sperimentale per la tecnologia Bitcoin, in modo da poter testare nuove idee senza danneggiare la rete.

Back capì subito che questo avrebbe rappresentato un sacco di lavoro: avrebbe dovuto creare librerie software, integrare wallet, ottenere la compatibilità con gli exchange e creare un'interfaccia user-friendly. Back raccolse $21 milioni nella Silicon Valley per provare a costruire un'azienda e realizzare tutto questo.

Con il finanziamento iniziale, Back collaborò con il noto sviluppatore di Bitcoin Core, Greg Maxwell, e l'investitore Austin Hill per lanciare Blockstream, che oggi è una delle più grandi società di Bitcoin al mondo. Back è CEO e persegue progetti come Blockstream Satellite, il quale consente agli utenti Bitcoin di tutto il mondo di utilizzare la rete senza bisogno di accesso a Internet.

Nel 2015 Back e Maxwell rilasciarono una versione "testnet" di Bitcoin che avevano immaginato e l'hanno chiamata Elements. Poi procedettero ad abilitare le transazioni riservate su questa sidechain — ora chiamata Liquid — dove oggi centinaia di milioni di dollari sono saldati privatamente.

Gli utenti di Bitcoin hanno combattuto quella che è nota come la "Blocksize War" tra il 2015 e il 2017 per mantenere la dimensione dei blocchi ragionevolmente limitata (è aumentata fino a un nuovo massimo teorico di 4 megabyte) e mantenere il potere nelle mani degli individui, quindi qualsiasi piano per aumentarne significativamente le dimensioni in futuro potrebbe incontrare una forte resistenza.

Back pensa ancora che sia possibile ottimizzare il codice e ottenere transazioni riservate abbastanza piccole da poter essere implementate su Bitcoin. Mancano ancora diversi anni, nella migliore delle ipotesi, all'aggiunta, ma Back continua la sua ricerca.

Per ora gli utenti di Bitcoin possono migliorare la loro privacy attraverso tecniche come CoinJoin, CoinSwap e utilizzando tecnologie di secondo livello come Lightning Network, o sidechain come Mercury o Liquid.

In particolare Lightning, un'altra area in cui il team di Back investe molto attraverso il lavoro su c-lightning, aiuta gli utenti a spendere bitcoin in modo più economico, rapido e privato. Attraverso innovazioni come questa, Bitcoin funge da tecnologia di risparmio resistente alla censura e alla svalutazione per decine di milioni di persone in tutto il mondo e sta diventando più user- friendly per le transazioni quotidiane.

Nel futuro prossimo Bitcoin potrebbe benissimo realizzare la visione cypherpunk del denaro digitale, con tutti gli aspetti di privacy del contante e tutta la capacità di riserva di valore dell'oro. Questa potrebbe rivelarsi una delle missioni più importanti del prossimo secolo, poiché gli stati sperimentano e iniziano a introdurre le valute digitali delle banche centrali (CBDC).

Le CBDC mirano a sostituire la cartamoneta con crediti elettronici che possono essere facilmente sorvegliati, confiscati, tassati automaticamente e svalutati tramite tassi d'interesse negativi. Aprono la strada all'ingegneria sociale, incentivano la censura e il deplatforming e impongono una data di scadenza sul denaro.

Ma se la visione del denaro digitale incarnata da Bitcoin potrà essere pienamente realizzata, allora, usando le parole di Nakamoto, “possiamo vincere un'importante battaglia nella corsa agli armamenti e conquistare un nuovo territorio di libertà per diversi anni”.

Questo è il sogno cypherpunk e Adam Back è concentrato nel realizzarlo.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli: https://www.francescosimoncelli.com/


Supporta Francesco Simoncelli's Freedonia lasciando una “mancia” in satoshi di bitcoin scannerizzando il QR seguente.

https://opentip.io/freedonia


In che modo Starlink cambia il mining di Bitcoin e ne migliora il decentramento

Freedonia - Gio, 24/08/2023 - 10:05

 

 

da Bitcoin Magazine

COME SI PUÒ INCENTIVARE LA DECENTRALIZZAZIONE DEL MINING

Sono trascorsi più di due anni dall'inizio della grande migrazione del mining di Bitcoin, quando la rete ha registrato una riduzione dell'hashrate di oltre il 60% a causa dell'attacco del Partito Comunista Cinese. Le conseguenze del divieto di mining decretato dalla Cina hanno visto gli Stati Uniti assorbire una parte consistente dell'hashrate che si trovava nella Cina continentale. L'hashrate si è quindi ripreso e ha raggiunto nuovamente i massimi storici. Nessuna sorpresa riguardo la resilienza di Bitcoin, tuttavia ci si può chiedere come si possa favorire il decentramento della rete e del mining per limitare l'impatto di attacchi simili su Bitcoin.


LA MANCANZA DI ACCESSO A INTERNET È UNA CRITICITÀ IN LOCALITÀ REMOTE

Anche se il mining è un'attività diffusa in tutto il mondo, i miner si riversano in determinati luoghi spinti principalmente dai costi energetici. Come spiegato da Nic Carter, l'energia è un fenomeno locale. I siti di produzione di energia ad alta concentrazione sono tipicamente situati in aree remote: Quebec, Canada e Sichuan, Cina, sono ottimi esempi. Lì la capacità idroelettrica disponibile supera la domanda di elettricità e, poiché l'energia non è un bene facilmente trasportabile, i produttori con capacità in eccesso si ritrovano a desiderare acquirenti alternativi o a rassegnarsi a sprecarla. In sostanza, questo è il motivo per cui l'energia sprecata è l'amore platonico dei miner. Sotto forma di un offerente neutrale rispetto alla giurisdizione, i miner di bitcoin possono essere acquirenti di ultima istanza per monetizzare l'energia sprecata.

Per quanto possa sembrare facile a dirsi, in pratica cercare di attingere a siti a basso costo e ricchi di energia spesso implica dover eseguire operazioni di mining su larga scala e, quando si parla di località remote, la connettività Internet può essere un altro problema. Per una mining farm multimilionaria l'accesso a un servizio satellitare Internet aziendale non sarà un grosso problema, poiché l'entità dei loro ricavi farebbe apparire tali costi di connettività minimi nei conti economici. Al contrario, questo lascia fuori dall'equazione la probabilità che la persona media viva vicino a luoghi con energia sprecata.


IN CHE MODO STARLINK CONSENTIREBBE IL MINING REMOTO DI BITCOIN

La connessione individuale a Internet ha raggiunto il 60% della popolazione mondiale. Ciò implica che ora ci sono meno di 3 miliardi di persone "non connesse" a Internet, con la maggior parte di queste persone che si trova nell'Asia meridionale/orientale e in Africa.

Anche migliorare la qualità e l'affidamento della connettività delle persone è una questione irrisolta, ma qui entra in scena Starlink. Guidato da SpaceX, Starlink mira a fornire Internet a banda larga ad alta velocità e bassa latenza in località remote e rurali in tutto il mondo. Sfruttando l'esperienza di SpaceX nella costruzione di razzi e veicoli spaziali, la loro missione è quella d'implementare il sistema Internet a banda larga più avanzato al mondo.

I costi hardware per configurare un punto di accesso Starlink si aggirano intorno ai $600 oltre ai $100 al mese per il servizio. Anche se la spesa può essere considerata elevata per la persona media, immaginare come questo possa avere un impatto su Bitcoin fa emergere teorie interessanti.


IN CHE MODO IL MINING DI BITCOIN IN LOCALITÀ REMOTE POTREBBE ACCELERARE L'IPERBITCOINIZZAZIONE

Immaginare miner che sovvenzionano i costi di Starlink nelle aree rurali al fine di attingere all'energia sprecata potrebbe non essere così lontano dalla realtà, se pensiamo che esiste un miner che alimenta le serre nei Paesi Bassi. Se la generazione di calore disperso viene sovvenzionata per coltivare prodotti e far sbocciare fiori in un unico luogo, lo stesso potrebbe valere per l'abilitazione di servizi basati su Internet in aree non connesse in cambio di bitcoin minati.

È altrettanto interessante il modo in cui tutto ciò potrebbe ridurre la centralizzazione della rete da parte dei provider di servizi Internet (ISP). Come riportato nell'articolo del DARPA, Are Blockchains Decentralized?: “Per almeno gli ultimi cinque anni il 60% di tutto il traffico Bitcoin ha attraversato solo tre ISP”. Inoltre: “A luglio 2021 circa la metà di tutti i nodi Bitcoin pubblici operava da indirizzi IP in AS tedeschi, francesi e statunitensi; i primi quattro dei quali sono provider di hosting (Hetzner, OVH, Digital Ocean e Amazon AWS)”.

D'altra parte gli approcci basati sulla comunità sembrano proliferare all'interno dell'ecosistema Bitcoin affinché si possa ridurre la centralizzazione. Con progetti come Fedimint che cercano di accelerare il decentramento della custodia e le configurazioni di home mining che stanno riscuotendo interesse negli ultimi anni, ci si potrebbe chiedere: "Starlink è sulla buona strada per diventare uno dei fattori cruciali per l'adozione di Bitcoin e il decentramento della rete?"

Staremo a vedere.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli: https://www.francescosimoncelli.com/


Supporta Francesco Simoncelli's Freedonia lasciando una “mancia” in satoshi di bitcoin scannerizzando il QR seguente.

https://opentip.io/freedonia


La stagflazione persistente dell'America

Freedonia - Mer, 23/08/2023 - 10:10

Le conseguenze della ZIRP, ovvero la politica dei tassi a zero. Sebbene l'accoppiata Bernanke/Yellen fosse consapevole del danno che stavano arrecando alla nazione con i vari giri di QE e la deformazione della struttura del capitale negli USA tramite l'azzeramento dei tassi e la mal ponderazione del rischio, la pezza che sta cercando di metterci Powell deve pur sempre fare i conti con anni e anni di manipolazioni, distorsioni e devastazioni. E questo, inutile ricordarlo, è un caos alimentato dalla cricca di Davos. Ma al di là di ciò, il dolore economico che stanno affrontando, e dovranno affrontare, gli USA è equivalente al tempo in cui sono state mandate avanti le deformazioni di mercato attraverso l'interventismo delle banche centrali. È un labile equilibrio quello del cosiddetto "atterraggio morbido" che sta percorrendo Powell, perché si scontra non solo con l'economia americana ma anche con la cultura. Lo stile di vita americano, infatti, è ormai fondato sul credito, fui finanziamenti e rifinanziamenti. Non avere più accesso a questo tipo di rubinetto rappresenta uno shock culturale non indifferente per l'americano medio. Inutile dire che questa mentalità "credit-driven" rispetto a una "saving-driven" è stata alimentata dalla comparsa del denaro fiat. Il termometro di quanto sia esplosiva questa situazione è dato da due fattori: il costo raggiunto dai tassi/rate dei mutui e dal ritardo/default sulle rate da pagare. La stretta creditizia che si prospetta è di diversi ordini superiore a quella vista del 2008 e il turbinio di eventi che ci sta portando a essa sta risucchiando un numero maggiore di strati della società americana che in precedenza non erano stati toccati nella crisi della Lehman. Questa è la portata del dolore economico che si prospetta all'orizzonte affinché vengano riassociate l'economia di Wall Street con quella di Main Street. Ciononostante almeno gli USA hanno una speranza, una possibilità di salvarsi, l'UE e l'euro invece no.

____________________________________________________________________________________


di David Stockman

Ecco una pistola fumante di grosso calibro. La serie BEA per il reddito personale reale meno i pagamenti dei trasferimenti sociali è un proxy piuttosto utile per stimare la produzione del mercato privato prima dell'impatto degli assegni sociali e delle distorsioni di Washington causate dallo stato sociale. Dopotutto il reddito da lavoro – salari, stipendi, premi, profitti, interessi e dividendi – è il pagamento ai fattori di produzione per ciò che creano.

La tendenza a lungo termine è decisamente inclinata verso il basso. Dal picco pre-lockdown nel febbraio 2020, infatti, il tasso di crescita è rallentato a solo il 17% rispetto alla media pre-2000.

Crescita annua del reddito personale reale meno pagamenti dei trasferimenti sociali:

• da febbraio 1960 a febbraio 2000: +3,62%;

• da febbraio 2000 a febbraio 2020: +2,08%;

• da febbraio 2020 a maggio 2023: +0,61%.

Non ci vuole un genio per spiegare questa triste tendenza: l'economia statunitense è gravata dal debito ed è anche a corto di manodopera, piena di speculazioni improduttive e ingegneria finanziaria e affamata di investimenti produttivi. Nel loro insieme, queste forze maligne sono state più che sufficienti a rallentare la crescita sottostante dell'economia statunitense.

A dire il vero, il governo federale riporta una crescita del PIL reale leggermente superiore rispetto alla tiepida cifra dello 0,61% mostrata sopra. Durante il periodo equivalente di 3,25 anni tra il quarto trimestre del 2019 e il primo trimestre del 2023, la crescita annua del PIL reale è stata dell'1,61%. Non è niente di entusiasmante, ma è considerevolmente migliore della miseria che i produttori privati ​​hanno prodotto e guadagnato dal picco pre-Covid.

La differenza, ovviamente, è dovuta alle meraviglie della contabilità del PIL: enormi pagamenti dei trasferimenti sociali dai produttori ai non produttori e massicce spese e prestiti federali monetizzati tramite la stampante monetaria della FED danno origine a PIL aggiuntivo in senso contabile.

Purtroppo tassare pesantemente i produttori oggi e minacciare tasse ancora maggiori per il servizio del debito pubblico non è una fonte di crescita sostenibile. Si rubano risorse economiche dal futuro.

A scanso di equivoci, si consideri il grafico qui sotto: mostra che tra il quarto trimestre del 2019 e il primo trimestre del 2023 il debito pubblico (linea blu) è aumentato di $8.260 miliardi, una cifra pari a 1,70 volte i $4.820 miliardi del PIL nominale (linea marrone).

Inutile dire che non avete bisogno di una calcolatrice, o persino di un pallottoliere, per proiettare dove ciò porterebbe: dopo soli 12 anni a questi ritmi di crescita, il debito pubblico sarà di $100.000 miliardi rispetto a soli $52.000 miliardi di PIL, anche se il servizio del debito continuasse a ritmo serrato.

Infatti non riusciamo a vedere come il costo medio ponderato del debito possa essere mantenuto anche solo al 6% in uno scenario in cui la stampante della FED rimane inattiva a causa dell'inflazione dei prezzi. Vale a dire, al ritmo di crescita del debito pubblico negli ultimi 3,25 anni, l'interesse sul debito pubblico raggiungerebbe probabilmente i $6.000 miliardi all'anno nel prossimo decennio o giù di lì, una cifra approssimativamente uguale al livello totale delle attuali spese federali.

In breve, molto prima che fossero trascorsi 12 anni, il sistema andrebbe in tilt. Anche la tiepida crescita del PIL reale registrata dal 4° trimestre del 2019 non può in alcun modo sostenere un debito federale che sta letteralmente esplodendo verso l'alto a un tasso composto.

Variazione del debito pubblico rispetto al PIL, dal quarto trimestre 2019 al primo trimestre 2023

Indubbiamente i soliti sospetti, o apologeti del disastro fiscale di Washington, consiglieranno di non preoccuparsi: la FED stamperà i soldi, se necessario.

Non così in fretta. La FED si è fatta strada in un angolo infernale: nello stesso periodo di 3,25 anni in cui il debito pubblico è esploso di $8.260 miliardi, il bilancio della FED è salito di $4.450 miliardi. Ciò significa che oltre il 55% di questi aumenti nel debito pubblico sono stati monetizzati dalla banca centrale.

Inutile dire che la FED è ora impegnata in una campagna di restringimento del proprio bilancio – $95 miliardi al mese – che ha ancora miglia e miglia da percorrere. Nonostante le disperate speranze di Wall Street, negli anni a venire non ci sarà un'inversione di marcia, anche se l'economia statunitense dovesse sprofondare in una prolungata stagflazione.

E questo significa, a sua volta, che i deficit annuali da $2-3.000 miliardi previsti fino alla fine di questo decennio dovranno necessariamente essere finanziati dai mercati obbligazionari, non dalla stampa di denaro. Di conseguenza il rendimento medio ponderato del debito federale sta salendo inesorabilmente, perché la legge della domanda e dell'offerta non è stata abrogata.

Bilancio della Federal Reserve, dal quarto trimestre del 2019 al primo trimestre del 2023

In mancanza di dubbi, ecco l'attuale tasso di una metrica quanto più reale dell'inflazione dei prezzi: l'IPC 16% trimmed mean. L'inflazione è ancora al 5%, il che significa che la FED non sarà in grado di riprendere la sua campagna di acquisto di obbligazioni in tempi brevi.

Variazione su base annua dell'IPC 16% trimmed mean, dal 2012 al 2023

Inoltre se i $25.000 miliardi di nuovi disavanzi pubblici stimati nel prossimo decennio non saranno finanziati dalla stampante monetaria, dovranno essere assorbiti dal risparmio privato.

Tanti auguri! I risparmi delle famiglie e delle imprese sono appassiti e gli enti governativi hanno già assorbito ciò che resta. L'unico modo per liberare i mercati, quindi, è attraverso l'aumento dei rendimenti e lo spiazzamento degli investimenti privati.

Risparmio nazionale netto in percentuale del reddito nazionale, dal 1948 al 2023

La politica economica del cosiddetto “Unipartito” è stata un fallimento abissale. È servita solamente a sistemare potenti collegi elettorali che hanno conquistato il controllo della politica: Wall Street per i Repubblicani, collegi elettorali per la spesa interna per i Democratici e il complesso militare/industriale/intelligence per entrambi.

La linea di fondo non mente: la crescita economica reale durante il regime unipartitico è stata in media del 2,0% annuo, nonostante un'ondata di stimoli monetari e fiscali che non era mai stata nemmeno immaginata prima. Tuttavia il ritmo della crescita economica dal 2016 è solo una frazione della media del 5,0% durante l'era Kennedy-Johnson e del 3,5% durante quella di Ronald Reagan.

E, sì, queste cifre sono confronti più che equi perché i risultati durante l'era Trump/Biden sono ancora molto sopravvalutati. Ciò è dovuto al fatto che c'è ancora una recessione da sperimentare.

Quindi nei sei trimestri imminenti prima della crescita negativa del PIL e/o della stagflazione, l'Unipartito avrà raggiunto otto anni di crescita economica più debole sin dalla seconda guerra mondiale. E di gran lunga inferiore rispetto alla crescita media del 3,2% per tutti i presidenti – buoni, cattivi e indifferenti – durante i sette decenni tra il 1947 e il 2016.

La causa del problema non è un misterio: l'Unipartito di Washington è diventato dipendente dai prestiti e dalla stampante monetaria. Insieme Trump e Biden hanno aumentato il debito nazionale di quasi $13.000 miliardi: il 40% di tutto il denaro che è stato preso in prestito da tutti i presidenti sin dai tempi di George Washington.

Allo stesso modo la storia della stampa di denaro della FED è in realtà peggiore e nessuno dei due presidenti sopraccitati ha pronunciato nemmeno una parola sullo tsunami del credito fiat fuoriuscito dall'Eccles Building. Di conseguenza durante gli ultimi sei anni e mezzo di governo unipartitico, il bilancio della FED si è gonfiato di $4.000 miliardi; il 48% di tutto il denaro che è mai stato stampato dalla FED da quando ha aperto i battenti nell'autunno del 1914.

Inutile dire che tutta questa bolgia di prestiti e stampa di denaro ha colpito la classe media americana proprio nel plesso solare economico. Da dicembre 2016 l'IPC 16% trimmed mean è aumentato del 24%. Ma dove fa davvero male a Main Street è al supermercato, con i prezzi in aumento del 27%, e alla pompa di benzina/utenze, con i prezzi dell'energia più alti del 37%.

In termini di budget familiare quotidiano, i prezzi di cibo ed energia sono aumentati di più negli ultimi 6 anni rispetto ai 12 anni precedenti. A causa di tutta questa inflazione cumulativa, le retribuzioni orarie medie reali sono aumentate appena del 3,5% da dicembre 2016.

Salario orario medio aggiustato all'inflazione, da dicembre 2016 a giugno 2023

Inutile dire che la stagnazione sopra descritta dei redditi dei lavoratori statunitensi non si applica alla ricchezza dello 0,1% più ricco delle famiglie americane. Durante lo stesso periodo di sei anni e mezzo, il patrimonio netto aggiustato all'inflazione delle 130.000 famiglie in cima alla scala economica ha guadagnato il 30%, o quasi dieci volte di più rispetto ai guadagni salariali reali medi.

Vale a dire, lo sfrenato baccanale di stimoli condotto dall'unipartito di Washington ha inondato i ricchi tramite l'inflazione dei prezzi degli asset, seppellito le generazioni future sotto debiti pubblici indicibili e ha lasciato la stragrande maggioranza dell'elettorato a lottare per mantenere il proprio tenore di vita di fronte all'inflazione dei prezzi più virulenta degli ultimi quarant'anni.

Patrimonio netto aggiustato all'inflazione dello 0,1% più ricco delle famiglie statunitensi, dal 2016 al 2022

Ovviamente il tempo di abbandonare l'economia inflazionistica e iniqua dell'Unipartito è passato da tempo. Eppure queste nefaste linee di politica sono radicate nel fatto che entrambe le parti sono state catturate da potenti gruppi d'interesse che non hanno intenzione di separarsi dalla spesa, dai prestiti e dagli stimoli fiscali che hanno favorito l'attuale caos economico.

Inutile dire che Robert F. Kennedy Jr. è probabilmente l'unico candidato del 2024 che ha sia la capacità di pensare in modo indipendente sia di agire con coraggio in opposizione al consenso unipartitico. Esiste una piattaforma economica che potrebbe plausibilmente abbracciare e che rappresenterebbe una rottura decisiva con lo status quo, ma che avrebbe anche una remota possibilità di essere abbracciata da uno storico democratico Kennedy, che deve rimanere un valido contendente nelle primarie democratiche — con tutti i vincoli politici che ciò implica — se la sua candidatura deve fare la differenza?

Beh, è ​​un compito arduo: un cambiamento radicale nella politica economica nazionale e un progetto pieno d'idealismo accademico.

Ecco, quindi, una serie di solide riforme su questioni economiche fondamentali e che hanno una risonanza politica con le verità storiche dei due partiti e col buon senso. I requisiti del programma politico del nostro candidato ideale sono riassunti di seguito.

Ripristino dello schema Carter Glass per le banche centrali:  la FED è prigioniera sia degli spendaccioni di Wall Street che di Washington perché tenta erroneamente di manipolare l'economia di Main Street attraverso tassi d'interesse artificialmente bassi e sostegno dei prezzi di borsa. La soluzione è far uscire la FED da Wall Street giorno per giorno, eliminando le cosiddette "operazioni di mercato aperto" e tornando allo schema del suo autore originale, il deputato Carter Glass, che in seguito fu il coautore del Glass-Steagall Act.

• Glass era un sostenitore dell'economia di Main Street e del denaro sano/onesto; non voleva che la FED accumulasse e monetizzasse il debito pubblico e insistette affinché la banca centrale operasse attraverso finestre di sconto basate sul mercato presso 12 banche regionali, operando il più lontano possibile dall'influenza di Wall Street.

• Lo scopo essenziale della banca centrale secondo Glass era quello di mantenere liquido il sistema bancario commerciale mediante l'attualizzazione (anticipo di contante) a fronte di prestiti bancari commerciali coperti da scorte finite e crediti. Fondamentalmente la FED non era autorizzata a impostare i tassi d'interesse a livelli arbitrari stabiliti da un piccolo politburo monetario, ma doveva addebitare tassi d'interesse basati sul mercato più di uno spread di penalità per il privilegio di utilizzare la finestra di sconto.

• Lo schema immaginato da Glass e dai suoi colleghi non poteva generare bolle finanziarie o inflazione per Main Street. Questo perché poteva emettere solo credito (cioè stampare denaro) basato su beni già prodotti, mantenendo così automaticamente l'equilibrio tra domanda e offerta, e il credito bancario che creava doveva essere convertibile in monete d'oro su richiesta.

Ripristino dei principi della politica fiscale del presidente Eisenhower. Ike credeva che i bilanci dovessero essere equilibrati nel lungo periodo e che le richieste del complesso militare-industriale dovessero essere drasticamente ridotte. Ridusse quindi la spesa per la difesa in termini reali di quasi il 40% durante i suoi primi anni in carica e insistette sul fatto che i tagli alle tasse proposti dai repubblicani dovessero essere coperti da un'azione legislativa per tagliare la spesa o sostituire in altro modo le entrate perse. I deficit erano in media solo dello 0,4% circa del PIL durante il suo mandato, il livello più basso per qualsiasi presidente nella storia moderna.

Adozione di un modello supply side per il XXI secolo. L'America sta soffrendo di "stagflazione", in parte a causa di una grave carenza di manodopera derivante dai dati demografici sottostanti. Di conseguenza la forza lavoro dei genitori nati in America si ridurrà per molti decenni a venire, il che significa che un programma "Guest Worker" su larga scala è essenziale per sostenere il 50% della crescita economica che è stata storicamente attribuibile all'aumento dell'offerta di lavoro.

• L'aumento dell'offerta di manodopera e dei beni/servizi prodotti aiuterà a liquidare definitivamente l'attuale ondata di inflazione, ma si potrebbe ottenere ulteriore aiuto eliminando i dazi sulle merci dalla Cina e altrove. Gran parte della tassa sulle importazioni da $75 miliardi all'anno su tali beni si trasforma in prezzi più alti nei mercati a causa dello stimolo della domanda e delle riserve di liquidità delle famiglie accumulate durante i lockdown.

Smantellare l'impero americano e riportare il bilancio della difesa allo standard Eisenhower del 1960. Quando nel suo discorso di addio del 1961 mise in guardia contro l'influenza ingiustificata del complesso militare-industriale, il presidente Eisenhower affermò anche che il budget per la difesa allora esistente era del tutto adeguato a salvaguardare la sicurezza della patria americana al culmine della potenza industriale e militare della vecchia Unione Sovietica. In dollari odierni lo “standard Eisenhower” per la difesa ammonterebbe a $500 miliardi, o appena il 55% dei $900 miliardi attualmente spesi.

• Non ci sono minacce lontanamente equivalenti all'Impero Sovietico degli anni '60 nel mondo di oggi, quindi il budget per la difesa potrebbe essere tranquillamente ridotto a $500 miliardi all'anno evitando le Guerre Infinite di Washington, portando a casa il vasto apparato militare sparso per il mondo e riparando in una difesa della patria come sostenuto sia da Joe Kennedy che da Robert Taft nei primi giorni della guerra fredda. Ridurre il budget della difesa allo "standard Eisenhower" farebbe risparmiare oltre $4.000 miliardi nel prossimo decennio.

Ripristinare l'equilibrio fiscale attraverso un "piano trimestrale" a lungo termine per il prossimo decennio. Se non si fa nulla per l'enorme deficit strutturale di Washington, il debito pubblico aggiunto secondo le ultime (ottimistiche) proiezioni del CBO ammonterà a $20.000 miliardi nel prossimo decennio (oltre ai $33.000 miliardi che già abbiamo). Ma questo torrente d'inchiostro rosso, che seppellirebbe le generazioni future in debiti impossibili da ripagare e farebbe salire i tassi d'interesse, potrebbe essere ridotto del 75% accoppiando i $4.000 miliardi di tagli alla difesa con $4.000 miliardi di riduzioni della spesa interna, maggiori entrate e interessi passivi ridotti. La spesa interna richiesta e gli aumenti delle entrate ammonterebbero ciascuno ad appena il 7% delle cifre di riferimento per ciascun componente e i $4.000 miliardi di risparmi per interessi fluirebbero automaticamente dai primi tre "trimestri".

• Inoltre il taglio della spesa interna del 7% verrebbe ottenuto attraverso la verifica dei mezzi di sussistenza e la devoluzione di alcune funzioni federali ai livelli di governo statali e locali.

Raggiungere la maggior parte dei $4.000 miliardi sopraccitati attraverso una modesta tassa sulla speculazione e sul trading di Wall Street. Il patrimonio netto dell'1% più ricco delle famiglie è stato gonfiato di oltre $30.000 miliardi sin dalla Grande Crisi Finanziaria, in gran parte a causa dell'inflazione dei prezzi degli asset finanziari alimentata dalla FED. Il recupero di appena un decimo di questi guadagni illeciti in un decennio non sarebbe né ingiusto né un deterrente per il rilancio degli investimenti americani, delle imprese e di una solida crescita economica.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli: https://www.francescosimoncelli.com/


Supporta Francesco Simoncelli's Freedonia lasciando una “mancia” in satoshi di bitcoin scannerizzando il QR seguente.

https://opentip.io/freedonia


Stato e controllo dell'inquinamento: storia di un fallimento

Freedonia - Mar, 22/08/2023 - 10:10

 

 

di Timothy D. Terrell

In oltre venticinque anni di insegnamento agli studenti universitari, ho sentito innumerevoli volte lo stesso ritornello: il libero mercato ha molti problemi che tocca allo stato risolvere. Infatti gli studenti si aspettano che stato "intervenga" così spesso che i mercati occupano un ruolo periferico nel loro sistema economico idealizzato. Anche gli studenti con una predilezione ideologica verso il libero mercato saranno pronti a sostenere che alcuni problemi, come l'inquinamento, richiedono un'ampia regolamentazione statale e probabilmente un'abbondante spesa pubblica.

Ciò non sorprende affatto, dato che gli studenti universitari sono stati bombardati da racconti di soluzioni statali a problemi sociali da parte di mezzi d'informazione, insegnanti e genitori. Quando sentono parlare di "fallimento del mercato" nella loro prima lezione di economia, non ci vuole molto affinché si convincano che il libero mercato sia nel migliore dei casi impraticabile e nel peggiore una debole motivazione per lo sfruttamento capitalista. I libri di testo di economia più venduti a livello universitario fanno poco per contrastare queste percezioni e la maggior parte dei professori non si discosterà molto da tali testi.

La maggior parte dei libri di testo sui principi della microeconomia e della microeconomia intermedia dedica almeno un capitolo al fallimento del mercato, il quale include tipicamente il "potere di mercato" (si pensi al monopolio), la fornitura inadeguata di "beni pubblici" (beni che il settore privato presumibilmente non produrrà a sufficienza perché incapace di far pagare gli utenti) e le "esternalità" (gli effetti collaterali non intenzionali dell'attività umana sugli astanti, come l'inquinamento). Mentre i libri di testo di solito contengono qualche riconoscimento del fatto che gli stati non sono all'altezza dei modelli di efficienza idealizzati, è raro che venga dedicato spazio proporzionale al "fallimento dello stato" ed è facile per gli studenti concludere che l'intervento statale è la risposta alle carenze quasi onnipresenti dei mercati.


Gli apologeti della regolamentazione ambientale

I problemi con la teoria del monopolio e gli errori del pensiero mainstream sui beni pubblici sono stati affrontati altrove. Nella mia esperienza, le esternalità, in genere i problemi ambientali, si sono rivelate una delle sfide più difficili per gli studenti che cercano di comprendere i mercati e lo stato. I problemi di inquinamento non richiedono l'intervento dello stato?

Tipicamente la sezione sulle esternalità contiene alcuni diagrammi che mostrano la differenza tra costi (o benefici) privati ​​e costi (o benefici) sociali. Il diagramma delle esternalità negative di solito è simile al Grafico 1, con il costo privato marginale (MPC), il costo sociale marginale (MSC) e il beneficio privato marginale (MPB). Gli studenti sono quindi indirizzati ad osservare la differenza tra la quantità ottimale di output (Q*) del bene che si traduce nell'esternalità negativa e la quantità di output prodotta nel mercato (QM). Qualsiasi produzione eccedente Q* aggiunge più costi che benefici, creando una perdita netta denominata "perdita secca". La presenza di questa perdita secca è ritenuta una prova del fallimento del mercato e gli autori normalmente procedono a valutare vari modi in cui lo stato può spingere il mercato verso Q*.

Grafico 1: la differenza tra costi e benefici nella quantità di output risultante in esternalità negative

Walter Block ha sostenuto che ci sono problemi con il consueto trattamento delle esternalità come fallimento del mercato. Se il destinatario dell'inquinamento non è in grado d'essere indennizato dai danni o ottenere un'ingiunzione da un tribunale — il rimedio tipico prima della metà del diciannovesimo secolo circa — allora non si tratta di un fallimento del mercato, ma del fallimento dello stato nel difendere i diritti di proprietà. Una volta diligenti nella protezione dei diritti di proprietà, i tribunali iniziarono a indebolire queste protezioni a metà del 1800. Un esempio è il caso del 1866, Ryan v. New York Central Railroad Co. (35 NY 210), in cui una ferrovia non era ritenuta responsabile per la perdita di una casa che era stata incendiata dalle scintille della vicina legnaia della ferrovia, bruciata per negligenza della compagnia. La protezione del tribunale mostrò la sua forza solo molto tempo dopo. Come sottolineò Jonathan Adler riguardo un famoso caso del 1913 a New York, Whalen v. Union Bag and Paper Co. (208 NY 1): “La più alta corte dello stato ha confermato un'ingiunzione che chiudeva una cartiera da $1 milione che impiega diverse centinaia di lavoratori al fine di proteggere i diritti ripariali di un singolo agricoltore”.

Poiché la legge emanata dai tribunali per risolvere i conflitti su problemi come l'inquinamento è stata sempre considerata inadeguata per affrontare le esternalità, gli interventi dello stato hanno generalmente assunto tre forme:

  1. regolamentazione di comando e controllo;
  2. tasse sulle emissioni;
  3. sistemi cap-and-trade (permessi scambiabili).

La regolamentazione di comando e controllo è impopolare presso molti economisti a causa della sua tendenza a richiedere riduzioni delle emissioni in modi poco flessibili e quindi più costosi. È anche particolarmente suscettibile al "capitalismo clientelare", poiché i lobbisti del settore possono spingere le burocrazie normative a imporre tecnologie che tengano fuori i concorrenti. Molto più attraenti per gli economisti sono le tasse sulle emissioni e i permessi scambiabili.

Le tasse sulle emissioni (a volte chiamate tasse pigouviane dal nome dell'economista di Cambridge Arthur Cecil Pigou, uno studente di Alfred Marshall) hanno guadagnato nuova attenzione come parte della politica climatica. Negli ultimi anni sono apparse numerose proposte per una tassa federale sull'anidride carbonica, incluso il "Green New Deal", e anche alcuni che affermano di essere libertari le hanno spalleggiate. I sistemi di permessi scambiabili sono in uso negli Stati Uniti da decenni, in particolare con l'Acid Rain Program dell'Environmental Protection Agency che ha iniziato a mettere all'asta i permessi sull'anidride solforosa nel 1993. I sistemi di permessi scambiabili suscitano un certo fascino nei confronti degli economisti favorevoli al mercato perché, dopo tutto, vengono scambiati in un mercato. Peccato però che sia un finto mercato, dato che l'offerta dei permessi viene dettata dai regolatori.

La maggior parte degli economisti sembra favorire l'una o l'altra di queste linee di politica, tuttavia sia le tasse sulle emissioni che i sistemi di permessi scambiabili soffrono di problemi critici.


Il problema del calcolo dell'inquinamento

In primo luogo, lo stato non ha modo di determinare i costi causati dall'inquinamento, né ai fini dell'imposizione di una tassa né per la creazione di un limite alle emissioni. Facendo riferimento al diagramma nel Grafico 1, non c'è modo di trovare MSC, il che significa che lo stato non può sapere a quanto fissare la tassa e un sistema di permessi scambiabili non avrà informazioni utili su quanti permessi dovrebbero essere creati.

Questo problema di calcolo è stato a lungo trattato e James Buchanan lo spiegò in Cost and Choice:

Si consideri, in primo luogo, la determinazione dell'importo dell'imposta correttiva da imporre. Tale importo dovrebbe essere pari ai costi esterni che altri oltre al decisore devono sostenere in conseguenza della decisione. Questi costi sono sostenuti da persone che possono valutare le proprie perdite di utilità risultanti. [...] Per stimare l'entità dell'imposta correttiva, tuttavia, è necessario porre alcune misurazioni oggettive su questi costi esterni. Ma l'analista non ha punti di riferimento con cui poter proporre stime plausibili. Poiché le persone che sopportano questi “costi” – quelle che sono esternamente interessate – non partecipano alla scelta che genera i “costi”, non c'è modo di determinare, anche indirettamente, il valore che attribuiscono alla perdita di utilità che potrebbe essere evitato.

Come afferma succintamente Art Carden: “Le informazioni necessarie per sapere se una particolare normativa 'funziona' non esistono, e la differenza fondamentale tra aziende e stati è che le aziende [...] hanno test di mercato affinché possano prendere le loro decisioni. Gli stati no”.

Tuttavia economisti e policymaker continuano a fingere che le informazioni necessarie siano alla loro portata, o che tale criticità possa essere tranquillamente ignorata. William Baumol, scrivendo sulla prestigiosa American Economic Review nel 1972, ammise i problemi d'informazione nelle tasse pigouviane:

Nonostante la validità, in linea di principio, dell'approccio agevolativo della tradizione pigouviana, in pratica esso soffre di serie criticità. Dato che non sappiamo come stimare l'entità dei costi sociali, non abbiamo nemmeno i dati necessari per attuare le proposte pigouviane di agevolazioni fiscali. Ad esempio, una parte molto consistente del costo dell'inquinamento è psichico; e anche se sapessimo valutare il costo psichico di un individuo, abbiamo poche speranze di affrontare effetti così diffusi sulla popolazione.

In seguito osserò anche: “Non sappiamo come calcolare le tasse e i sussidi richiesti e non sappiamo come approssimarli per tentativi ed errori”.

Sfortunatamente Baumol ignorò questi problemi e propose di agire “sulla base di una serie di standard minimi di accettabilità”, in modo da trovare “un livello massimo di un dato inquinante che fosse considerato soddisfacente”. Ovviamente stava nascondendo il problema dell'informazione (quanto è "accettabile" o "soddisfacente"?) sotto il tappeto, cosa che ammise anche. “Ma”, sosteneva Baumol, “se ci lasciamo paralizzare dai consigli di perfezione, potremmo avere più motivi per rammaricarci”. In altre parole, è meglio fare qualcosa per ridurre l'inquinamento piuttosto che non imporre alcun limite. Baumol, e coloro che ancora oggi propugnano tasse sulle emissioni o permessi scambiabili, non riescono a vedere che anche all'interno del loro quadro analitico problematico, è facilmente possibile sovrastimare MSC e quindi "correggerlo eccessivamente" con tasse troppo alte o limiti di emissione troppo bassi, aumentando (invece di diminuire) la dimensione del triangolo di perdita secca (si veda il Grafico 2). Inoltre non riescono ad apprezzare l'efficacia della legge sulla responsabilità civile e sul fastidio nella prevenzione delle violazioni ambientali. Murray Rothbard ci ricordò il valore di questo approccio decentralizzato e basato sui tribunali (la common law) nel suo saggio del 1982: Law, Property Rights, and Air Pollution.

Grafico 2: Gli effetti sulla quantità di produzione di sovraimposte sulle esternalità negative


(In)giustizia ambientale

La seconda grande criticità è che né le tasse sulle emissioni né i permessi scambiabili hanno un modo chiaro per risarcire le vittime dell'inquinamento per le perdite che continuano a subire. Le multe, o i proventi delle aste sui permessi, vanno allo stato, non a chi sta subendo l'inquinamento. Infatti tutto l'apparato del diritto ambientale autoritario che si è sviluppato nel corso degli anni, che si tratti di comando e controllo o di qualche altro tipo di regolamentazione, non è riuscito a proteggere i diritti di proprietà dei vicini di chi inquina. Obbligare uno scrubber su una centrale elettrica a carbone, o tassare l'anidride solforosa, non fa nulla per compensare qualcuno che potrebbe ancora essere influenzato negativamente dalle emissioni rimanenti. Inoltre se i permessi di emissione nell'ambito di sistemi di permessi scambiabili vengono scambiati tra inquinatori in aree diverse, le emissioni si sposteranno dai vicini di un inquinatore a quelli di un altro senza alcuna compensazione per questi ultimi. La giustizia richiederebbe che l'impresa acquisisca i permessi per aumentare il risarcimento ai suoi vicini proporzionalmente all'aumento dell'inquinamento che emetterà, mentre l'impresa che li vende dovrebbe ridurlo ai suoi vicini. Quindi se i diritti di proprietà sono protetti, l'impresa che acquisisce i permessi verrebbe pagata dall'impresa che li vende, poiché l'acquirente accetta l'onere di risarcire i suoi vicini. Tuttavia i sistemi di permessi di emissione scambiabili producono l'opposto: l'impresa che acquisisce i permessi paga l'impresa che li vende. I guadagni per alcuni attori e le perdite per altri sono considerati irrilevanti.

Ciò presenta problemi etici significativi, sebbene la maggior parte degli economisti sembri disposta a ignorarli e perseguire il punto sfuggente della cosiddetta "efficienza sociale". Come scrisse Murray Rothbard in Law, Property Rights, and Air Pollution: “Anche se il concetto di efficienza sociale fosse significativo, non risponde alle domande sul perché l'efficienza dovrebbe essere la considerazione prevalente nello stabilire i principi giuridici, o perché le esternalità dovrebbe essere interiorizzate al di sopra di ogni altra considerazione”. Alla stessa conclusione sono giunti Robert McGee e Walter Block: i permessi di emissione scambiabili, nonostante alcuni vantaggi in termini di efficienza rispetto alla regolamentazione di comando e controllo, “comportano una violazione fondamentale e pervasiva dei diritti di proprietà” e questa forma di "socialismo di mercato" dovrebbe essere sostituita con la common law che invece li tutela rigorosamente.


A chi interessa l'efficienza?

Anche se mettiamo da parte il problema dell'informazione e il problema etico, non è chiaro perché dovremmo aspettarci che lo stato persegua il risultato più efficiente. I politici e le burocrazie hanno i propri obiettivi: in genere i politici vogliono essere eletti e i burocrati vogliono budget più ampi con cui giocare. Di fronte alla pressione implacabile dei gruppi di pressione che non si preoccupano particolarmente dell'efficienza economica complessiva, i politici ignoreranno volentieri qualsiasi cosa i professori di economia abbiano detto sul costo sociale marginale; le organizzazioni ambientaliste non saranno inclini a smettere di chiedere tagli alle emissioni anche quando Q* — anche se sapessimo di cosa si tratta — verrà raggiunto; i produttori di gas naturale vorranno tasse sull'anidride carbonica tanto alte da svantaggiare i loro concorrenti, ma non abbastanza alte da spingere i servizi elettrici verso l'energia nucleare. In un tale ambiente di gruppi d'interesse in competizione, il risultato Q* da manuale si manifesterebbe solo in rari casi.

Faremmo bene, quindi, a scartare le teorie "basate sull'efficienza" che impongono richieste d'informazioni impossibili e che si basano sull'altruismo da parte dei policymaker. Come hanno sottolineato Ed Stringham e Mark White, seguendo Murray Rothbard:

Le teorie utilitaristiche in generale soffrono di questi problemi di calcolo, ma le teorie deontologiche, come i sistemi etici basati sui diritti, no. In tali teorie le decisioni giuridiche verrebbero prese sulla base di nozioni di giustizia piuttosto che di efficienza, e i giudici non dovrebbero affrontare il non invidiabile compito di calcolare le conseguenze economiche, in tutti i possibili stati del mondo, in tutte le loro possibili azioni.

Ci sono altri problemi con le tasse sulle emissioni e gli schemi dei permessi scambiabili oltre ai molti che ho menzionato in questo articolo. Ad esempio, Bob Murphy ha dimostrato che anche una carbon tax “neutrale rispetto alle entrate” è “probabile [...] che imponga una perdita secca maggiore, compensando parte dei potenziali benefici ambientali”. Inoltre le proposte per una tale tassa — che nell'effettivo è una patrimoniale — sono piene di affermazioni fuorvianti e sarebbe distruttiva per la crescita economica. Inoltre dato che molte di queste proposte hanno lo scopo di prevenire danni che potrebbero teoricamente verificarsi in un lontano futuro, possiamo sapere ancora meno sulle capacità e sulle priorità dei nostri remoti discendenti, e i costi potrebbero ancora gravare sulle generazioni future prima che si possano materializzare i presunti benefici.

Lo stato non può realizzare un miglioramento, rispetto ai risultati del libero mercato, con le tasse sulle emissioni e i permessi scambiabili sulle emissioni, anzi potrebbe facilmente peggiorare le cose. Come abbiamo visto, lo stato non ha le informazioni di cui avrebbe bisogno per identificare quale livello d'inquinamento è efficiente per un'intera società, e comunque i funzionari statali non hanno gli incentivi per essere particolarmente interessati all'efficienza. Affrontare le ricadute ambientali sulla base dei diritti, piuttosto che di un'incoerente “efficienza sociale”, è una posizione più difendibile, sia sul piano pratico che etico. Un rinnovato apprezzamento per la libertà e la common law farebbero molto per recuperare le tutele dei diritti di proprietà e ridurre i problemi dell'inquinamento.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli: https://www.francescosimoncelli.com/


Supporta Francesco Simoncelli's Freedonia lasciando una “mancia” in satoshi di bitcoin scannerizzando il QR seguente.

https://opentip.io/freedonia


Se viviamo mentendo, sceglieremo politici menzogneri

Freedonia - Lun, 21/08/2023 - 10:02

 

 

di Barry Brownstein

Di recente il caporedattore dell'AIER, James Harrigan, mi ha posto una domanda retorica: “Quando è stata l'ultima volta che un politico di qualsiasi schieramento ha usato la frase 'sacro onore' con una faccia seria?” Jefferson, ha sottolineato Harrigan, non “tirò fuori dal cilindro la Dichiarazione”, ma la infusa di quella che era la “mentalità americana dell'epoca”. Nel suo saggio del 4 luglio, The Harmonizing Sentiments of the Day, Harrigan ha così concluso: “Quindi ci rimane una domanda importante da porci: quali sono quei sentimenti armonizzanti dei nostri tempi?”

Un tempo estranei alla "mentalità americana", il disonore e l'inganno sono essenziali per "armonizzare i sentimenti" nelle società totalitarie. In una società controllata dalla forza, mentire è uno stile di vita per il governo e i suoi cittadini, i quali si armonizzano intorno a queste due caratteristiche per sopravvivere.

Il giorno prima di essere esiliato dall'Unione Sovietica Aleksandr Solzhenitsyn pubblicò il suo famoso saggio, Live Not By Lies. La dottrina marxista, secondo cui lo stato può determinare il nostro essere, non sarà mai vera, spiegò Solzhenitsyn, ma la sua fallacia può essere mantenuta in vita dalle bugie dei cittadini. Viviamo di bugie, spiegò Solzhenitsyn, quando

abbiamo interiorizzato bene le lezioni inculcateci dallo stato; siamo sempre contenti e a nostro agio con la sua premessa: non possiamo sfuggire all'ambiente che ci circonda, alle condizioni sociali; esse ci modellano, "l'essere determina la coscienza". Cosa possiamo farci? Non possiamo farci nulla.

“Non possiamo farci nulla” è una bugia. La vera verità che Solzhenitsyn scrisse è: “Possiamo farci – eccome! – Anche se ci confortiamo e mentiamo a noi stessi che non è così. Non sono 'loro' i colpevoli di tutto, ma noi, solo noi!”

Quello che possiamo farci, sosteneva Solzhenitsyn, è: “Non sostenere mai consapevolmente le bugie!”. Espose la cura per superare il sentimento totalitario armonizzante dell'inganno:

Quando le persone rinunciano alle bugie, esse cessano di esistere. Come i parassiti, [le bugie] possono sopravvivere solo se attaccate a una persona.

Non siamo chiamati a scendere in piazza e gridare la verità, a dire ad alta voce ciò che pensiamo: questo fa paura, non siamo pronti. Ma rifiutiamoci almeno di dire ciò che non pensiamo!

Václav Havel era un dissidente, drammaturgo e il primo presidente della Cecoslovacchia dopo il comunismo. Havel fece eco a Solzhenitsyn quando scrisse:

La coscienza precede l'essere, e non viceversa, come invece affermano i marxisti. Per questo motivo la salvezza di questo mondo non risiede in nessun altro luogo se non nel cuore umano, nell'umana capacità di riflettere, nell'umana modestia e nell'umana responsabilità. Senza una rivoluzione nella sfera della coscienza umana, nulla cambierà in meglio.

“La coscienza precede l'essere” significa che otteniamo il governo che meritiamo; non possiamo più fingere di essere vittime del mondo che vediamo.

Quando scegliamo di vivere in un mondo interiore governato dal nostro autoinganno, otteniamo un governo che governa con l'inganno e soffoca i punti di vista alternativi. Nella mentalità americana di oggi, il sentimento di armonizzazione prevalente si avvicina pericolosamente alla normalizzazione dell'inganno totalitario?

Durante la crisi sanitaria, in particolare nei primi giorni della pandemia, la popolazione era spaventata. Molti hanno preferito aderire al programma ed evitare la responsabilità delle loro decisioni sanitarie, spesso difficili. Non volevano accettare che fosse una fantasia credere che esistesse sempre una via d'uscita facile. Eppure la vita è disordinata; ci sono poche risposte valide per tutti. Non volendo tollerare l'ambiguità insita nella vita, hanno rinunciato volontariamente alla loro libertà. Chiedevano un governo che mentisse e li ingannasse.

Flussi di propaganda orchestrata e odiosa sono stati diretti contro coloro che hanno fatto scelte sanitarie diverse. Questi attacchi implacabili erano progettati per fomentare una popolazione agitata, facilmente indotta a sostenere gli attacchi alle libertà costituzionalmente garantite. Il risultato era prevedibile. Come scrisse Aldous Huxley: “Il modo più sicuro per organizzare una crociata a favore di una buona causa è promettere alle persone che avranno la possibilità di maltrattare qualcuno. Essere in grado di distruggere con buona coscienza, essere in grado di comportarsi male e definire "indignazione retta e corretta" il proprio comportamento deprecabile: questo è il massimo del lusso psicologico, il più delizioso dei piaceri morali”. La cosiddetta indignazione retta e corretta è un altro sentimento prevalente nella mentalità americana dei nostri tempi.

Durante il COVID abbiamo visto che molti non volevano decidere da soli cosa fosse vero. La disinformazione è arrivata addirittura a inglobare quelle verità che però erano in disaccordo con l'ortodossia ufficiale. Solo il 30% degli americani concordava che la "disinformazione" sui vaccini COVID fosse un discorso protetto costituzionalmente. Perché il 70% delle menti americane non si preoccupava della violazione dei diritti costituzionali fondamentali? Erano vittime di un governo ingannevole, o il loro autoinganno ha creato un governo bugiardo e prepotente?

A luglio il giudice federale Terry Doughty ha emesso un'ingiunzione preliminare che vieta all'amministrazione Biden di costringere i social media a censurare i post o bannare le persone. Ha stabilito: “Ogni cittadino degli Stati Uniti ha il diritto di decidere da solo cosa è vero e cosa è falso. Il governo [...] non ha il diritto di determinare la verità”.

Ha poi aggiunto: “Uno degli scopi della libertà di parola è consentire la discussione su vari argomenti in modo che la popolazione possa prendere decisioni informate [...]. Senza un libero dibattito su questi temi [vaccini, mascherine, chiusure, ecc.], ogni persona non è in grado di prendere per sé stessa la giusta decisione in merito alla propria salute” (Si veda anche, How AIER Helped to Hobble Fauci's Ministry of Truth).

Il dottor Aaron Kheriaty è stato uno dei querelanti a cui il giudice Doughty ha dato ragione. Kheriaty ha detto: “La caratteristica comune a tutti i sistemi totalitari è il divieto di porsi domande: ogni regime totalitario prima monopolizza ciò che conta come razionalità e determina quali domande è permesso porre”.

Kheriaty ha ragione a metà: non ci era permesso porre domande perché molti non volevano sentire risposte inquietanti.

Convivere con le bugie non riguarda solo i vaccini. Non si devono porre domande nemmeno sul tema della transizione dei bambini, tramite interventi medici, verso un'altra identità di genere. In alcuni circoli le persone preferiscono avere la certezza che queste procedure mediche chirurgiche e ormonali possano inequivocabilmente salvare vite umane.

Nemmeno il tema dell'economia verde (sovvenzionata) può essere messa in discussione. Bisogna fare qualcosa per il clima è diventato un ritornello comune. Viene negata la verità che i problemi non possono essere risolti dai pianificatori centrali, bensì da individui liberi di cooperare con altri nel corso di un processo sociale spontaneo.

Di esempi come quelli già presentati ce ne sarebbero altri, ma come la neve che si deposita a terra quando smettete di scuotere un globo di neve, la sanità mentale ritorna in una mente che si impegna a ridurre la propria agitazione. Le persone ingannevoli chiedono un governo che susciti un'agitazione costante attraverso "emergenze" e "crisi", assicurandosi che le loro menti non si fermino mai per riflettere e venire a patti con il loro autoinganno.

Immaginate un mondo con una censura al 100%. In realtà non è necessario immaginarlo, basta solo studiare la storia. Nelle sue memorie il ministro degli armamenti di Hitler, Albert Speer, scrisse: “In circostanze normali le persone che voltano le spalle alla realtà sono presto messe a posto dalla derisione e dalle critiche di coloro che le circondano”. Nelle società totalitarie non esiste un dispositivo di correzione del genere. Invece, continuò Speer, “ogni autoinganno viene moltiplicato come in una sala di specchi deformanti, diventando un'immagine ripetutamente confermata di un fantastico mondo onirico che non ha più alcuna relazione con il cupo mondo esterno”.

Se abbiamo voltato le spalle alla realtà, nessuno e nessun evento viene a salvarci. Possiamo temporaneamente rinunciare alla nostra libertà con le nostre stesse bugie, ma come disse Solzhenitsyn: “Se vogliamo smettere di partecipare quotidianamente a un inganno, la prima cosa da fare è smettere di lamentarsi che qualcuno non ci lascia respirare — la colpa è nostra!”.

Nel 2024, quando ci ritroveremo dei bugiardi tra le nostre scelte politiche, è perché noi il popolo non abbiamo imparato che perdiamo la nostra libertà quando mentiamo e chiediamo bugie. La verità può metterci a disagio, ma è questa che preserva la libertà.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli: https://www.francescosimoncelli.com/


Supporta Francesco Simoncelli's Freedonia lasciando una “mancia” in satoshi di bitcoin scannerizzando il QR seguente.

https://opentip.io/freedonia


L'inflazione (dei prezzi) tornerà

Freedonia - Ven, 18/08/2023 - 10:03

 

 

di Alasdair Macleod

È un errore aspettarsi che l'inflazione continui a scendere: tutti i valori del mercato finanziario negli Stati Uniti e altrove si basano su questa speranza.

L'equivoco è presumere che la recessione ampiamente attesa porterà a ulteriori cali dell'inflazione dei prezzi al consumo e che quindi i tassi d'interesse e i rendimenti obbligazionari scenderanno. Queste speranze si basano sul rifiuto della Legge di Say, la quale sottolinea che non esiste qualcosa come un eccesso generalizzato, a differenza di quello che disse Keynes, perché i disoccupati smettono semplicemente di produrre.

Un altro punto è che le banche sono sempre più spaventate dal rischio di prestito, il quale sta portando a una stretta creditizia. Ciò solleva la domanda: come possono i tassi d'interesse scendere quando c'è una crescente carenza di credito?

L'attuale configurazione economica per gli Stati Uniti, l'Eurozona e il Regno Unito è destinata a far aumentare il credito delle banche centrali in sostituzione di quello delle banche commerciali, cosa che indebolirà le valute fiat. Inoltre i requisiti di finanziamento degli stati aumenteranno in un momento in cui i flussi degli investimenti transfrontalieri sono minacciati da mercati finanziari al ribasso.

La tempistica di una nuova valuta BRICS coperta dall'oro e la determinazione della Cina a consolidare la sfera d'influenza dei BRICS e dell'Organizzazione per la cooperazione di Shanghai hanno il potenziale per offrire alternative ai flussi di capitale in fuga dalle finanze al collasso dell'alleanza occidentale.

Stiamo soprattutto assistendo alla morte della valuta fiat, perché è sempre più difficile vedere come potrà sopravvivere l'attuale sistema monetario fiat.


Fallacie comuni

Le azioni e le obbligazioni sono prezzate nell'aspettativa che l'inflazione dei prezzi al consumo scenda e che i tassi d'interesse inizino a scendere in un futuro non troppo lontano. Questa è la ragione alla base di una curva dei rendimenti negativa, con i rendimenti dei decennali inferiori a quelli dei biennali. E il grafico qui sotto mostra che questa disparità è la più alta dagli anni '80.

Una curva dei rendimenti negativa è anche associata a una recessione e il grafico conferma che le curve dei rendimenti negative sono effettivamente seguite da recessioni, ma il tasso d'inflazione dei prezzi dovrà rimanere contenuto perché le aspettative di tassi bassi a lungo termine devono essere confermate dagli eventi. Infatti l'apparente successo della politica monetaria nel periodo coperto dal grafico, ovvero l'assenza di un'inflazione persistente, ha contribuito alla convinzione diffusa che le politiche monetarie ufficiali funzionino.

Ma è corretta la scommessa dei mercati finanziari secondo cui questo ciclo del credito si conformerà a quelli degli ultimi quarant'anni e che una curva dei rendimenti negativa ci dice che con il calo della domanda dei consumatori, l'inflazione dei prezzi si ridurrà e i tassi d'interesse a breve termine scenderanno? Questa è l'essenza della convinzione che i rendimenti obbligazionari lungo la curva dei rendimenti si normalizzeranno nella parte a sinistra e che il mercato rialzista nelle azioni rimarrà intatto.

Attenendoci al grafico, possiamo notare che a -1% il rendimento negativo sulla curva supera di gran lunga quello delle occasioni precedenti, il che deve far sorgere la preoccupazione che per una volta il passato non sia una guida per il futuro. Forse la recessione prevista sarà considerevolmente peggiore di qualsiasi cosa a memoria d'uomo; forse l'estremità lunga della curva dei rendimenti è mal valutata, essendo troppo bassa. In quest'ultimo caso, come sosterrà questo saggio, le prospettive per i valori degli asset finanziari sono estremamente scarse.

Illustrati di seguito ci sono i grafici dei rendimenti delle obbligazioni a 10 anni in tutto il mondo e danno poco conforto.

Qualsiasi analista descriverebbe questi grafici come forti mercati rialzisti, intenti a consolidarsi prima di salire di nuovo. Nei casi di Germania e Regno Unito, la forma del consolidamento è immensamente rialzista. Stiamo, ovviamente, discutendo dei rendimenti obbligazionari, il che significa che i prezzi delle obbligazioni sono destinati a ribassi sostanziali; e se i prezzi delle obbligazioni scendono, anche i valori delle azioni scenderanno. Sulla base dell'esperienza degli ultimi quarant'anni, questo è l'opposto di ciò che viene prezzato dai mercati finanziari.

Che ne seguirà una recessione è sicuro ed è il ciclo del credito bancario a renderla tale, con l'offerta di denaro che non cresce o addirittura si contrae in modo allarmante in alcune giurisdizioni. E i neo-keynesiani che costituiscono la maggior parte dell'establishment e delle comunità degli investitori credono che le recessioni siano causate da un calo della domanda che poi porta a un eccesso di prodotti invenduti. Pertanto credono anche che una recessione attenuerà sempre l'inflazione e, guardando al futuro, ci si può aspettare che i mercati scontino il calo dell'inflazione in previsione di una recessione.

I keynesiani furono confusi dagli eventi degli anni '70, quando la recessione fu accompagnata dall'inflazione. Avevano difficoltà a spiegare questo fenomeno, credendo che l'inflazione dei prezzi fosse solo il risultato della sovrastimolazione di un'economia. Avevano scartato la Legge di Say, la quale sottolineava che non poteva esserci qualcosa come un eccesso generalizzato perché la produzione diminuiva con l'occupazione. Hanno anche cancellato dalle loro menti le condizioni di ogni grande inflazione delle valute fiat, ignorando il fatto che se il PIL fosse stato inventata primo, il PIL nominale della Germania sarebbe salito fuori scala nel 1918-1923. E che il deflatore dell'inflazione avrebbe persino dimostrato che l'economia era notevolmente sana in termini reali durante l'intero episodio del crollo del marco tedesco, nonostante impoverì la stragrande maggioranza della popolazione.

Un ulteriore problema è nell'approccio dei monetaristi, i quali raramente, se non mai, hanno fatto disntinzione tra credito e denaro. Certo, i primi avvertimenti di una recessione nelle economie sono venuti dai monetaristi che hanno indicato il rallentamento della crescita monetaria nelle statistiche monetarie generali. Avevano ragione nell'assumere una correlazione tra il PIL e la crescita dell'offerta monetaria in senso lato, ma sono caduti nella trappola di credere che le autorità dovessero gestire la politica economica alla luce dei cambiamenti nella quantità di denaro. In altre parole, sono diventati loro stessi statalisti, voltando le spalle alla capacità del libero mercato di determinare la domanda di credito.

Senza dubbio i monetaristi di oggi affermerebbero di essere pragmatici nel contesto del sistema attuale, ma non possono avere due piedi in una staffa. In ogni caso, le loro affermazioni sulla relazione tra offerta di denaro e prezzi reggono solo in un contesto limitato, come illustra il seguente enigma. Supponiamo che la Nazione A abbia un'economia di una certa dimensione, misurata dai volumi di produzione invece che dai totali del credito rappresentati dal PIL. Supponiamo inoltre che la Nazione B, utilizzando le stesse unità monetarie e con la stessa quantità di risorse umane, abbia un'economia grande il doppio in termini di volumi prodotti. Quale sarà la differenza nel potere d'acquisto delle loro unità monetarie comuni?

La prima cosa da notare è che, a parità di altre condizioni, ci sarà una sostanziale espansione del credito per finanziare la produzione extra. In altre parole, a parità di popolazione, l'offerta di denaro potrebbe essere approssimativamente doppia nella Nazione B rispetto alla Nazione A, ma questo non significa che i prezzi saranno più alti nella Nazione B. È più probabile che saranno più bassi nella Nazione B rispetto a Nazione A a causa dei maggiori volumi di produzione che traggono beneficio dalle economie di scala, dagli investimenti in una produzione più efficiente e dalla maggiore concorrenza.

Da ciò possiamo dedurre una semplice regola che disciplina il rapporto monetario: fintanto che viene fornito credito per il miglioramento del commercio, non si tradurrà in inflazione dei prezzi. Se, nell'esempio precedente, le Nazioni A e B fossero la stessa nazione in condizioni diverse, raddoppiare la quantità di credito non comporterebbe aumenti simili dei prezzi. E il potere d'acquisto del circolante è determinato dai mercati, non dalla sua quantità.

C'è un'ulteriore distinzione da fare, in questo caso tra credito coperto da denaro sano/onesto e credito rappresentato dalla valuta fiat. Il denaro sano/onesto è quella forma di denaro universalmente accettata senza rischio di controparte: l'oro. In un saggio precedente ho mostrato che l'espansione del credito bancario (che costituisce oltre il 90% del circolante) può avere un effetto ciclico di breve termine, mentre la distruzione più permanente del suo potere d'acquisto deriva dallo stato che aumenta la quantità di banconote e depositi bancari commerciali nel bilancio della sua banca centrale. L'esempio in cui l'espansione del credito del sistema bancario centrale è strettamente controllata, mentre i depositi delle banche commerciali sono determinati da fattori di mercato, è illustrato nel seguente grafico della Gran Bretagna e del suo gold standard durato oltre nove decenni:

Possiamo vedere come l'emissione delle banconote era stabile, mentre il credito delle banche commerciali si espandeva. Le crisi del 1847, 1857 e 1866, che portarono a sospensioni temporanee del Bank Charter Act del 1844, si riflettono in particolare nelle fluttuazioni dei prezzi all'ingrosso, ma la natura autocorrettiva dei mercati a livello di prezzi generali ha praticamente assicurato un'assenza di variazioni nette nei due indici dei prezzi per più di sessant'anni.

Le perturbazioni nei prezzi dovute al ciclo del credito bancario diminuirono nel tempo. Indubbiamente gran parte di ciò fu dovuto ai miglioramenti nel sistema bancario, ma c'era un altro fattore in gioco: col tempo la fiducia della popolazione crebbe affinché il governo inglese mantenesse il gold standard, facendo quindi scendere le variazioni cicliche del potere d'acquisto della valuta. In altre parole, invece della teoria quantitativa della moneta che determina la relazione tra le variazioni della quantità di denaro e dei prezzi, sono i suoi utilizzatori ad avere l'ultima parola.

In un sistema di credito coperto dall'oro, il risparmio è una proposta più allettante. Mentre il credito bancario si ampliò nel corso di quel secolo, anche i risparmi crebbero: secondo la statistica della Bank of England, nel 1830 il risparmio rappresentava il 5,3% del PIL; nel 1844, al momento del Bank Charter Act, era salito al 14%; nel 1890 raggiunse un massimo del 22,5%. La proporzione tra consumi presenti e consumi posticipati ha un'influenza regolatrice sul livello generale dei prezzi.

In un sistema monetario fiat, vale oggi quello che valeva durante il gold standard britannico quando parliamo di risparmi. In Giappone e Cina c'è un'elevata propensione al risparmio e ciò significa che l'espansione del credito bancario alimenta solo in parte la domanda dei consumatori. E ciò che i consumatori risparmiano va a sostenere gli investimenti nella produzione, cosa che tende ad abbassare i prezzi, compensando così le pressioni al rialzo dei prezzi al consumo dovute alla maggiore spesa dei consumatori.

Il punto dietro le valute fiat, che ci hanno accompagnato durante gli ultimi 53 anni, è che offre agli stati una fonte di finanziamento in più gonfiandone la quantità. In questola valuta fiat è fondamentalmente diversa dal denaro sano/onesto che invece impone una rigida disciplina monetaria. E gli stati che hanno scoraggiato il risparmio, sia tassandolo sia incoraggiando la spesa dei consumatori, hanno fatto salire i prezzi al consumo e indebolito la valuta stessa.

La teoria del credito attribuisce quindi l'inflazione non ciclica/persistente all'espansione monetaria della banca centrale, ed entrambi sono associati a un'eccessiva spesa pubblica che porta a deficit di bilancio. Per la maggior parte economie avanzate, una crisi mondiale porta a minori entrate fiscali e maggiori costi per lo stato sociale. Di conseguenza i deficit di bilancio salgono, indebolendo le valute fiat. E una valuta fiat indebolita si riflette in prezzi al consumo più elevati. L'attuale calma nell'indice dei prezzi al consumo è solo temporanea.


La manipolazione dei tassi d'interesse da parte dello stato è fallimentare

I mercati sono schiavi delle politiche monetarie delle banche centrali, incentrate sulla manipolazione dei tassi d'interesse. E nonostante il recente fallimento di queste politiche, gli economisti e gli investitori credono ancora che il controllo dei banchieri centrali sia preferibile ai tassi fissati dal libero mercato. Ma non c'è un esempio più chiaro di fallimento di quello esposto dagli eventi attuali. La soppressione dei tassi d'interesse a zero e al di sotto ha contribuito in misura non trascurabile al pasticcio in cui si trovano oggi le banche centrali. Malgrado ciò i critici incolpano l'incompetenza delle singole banche centrali senza comprendere l'impossibilità di una gestione ufficiale dei tassi d'interesse affinché possa migliorare i risultati economici.

Il pensiero di gruppo che pervade i circoli delle banche centrali nega qualsiasi rivalutazione del rapporto tra tassi d'interesse e prezzi. L'idea che i primi riflettano la preferenza temporale, il rischio di controparte e una valutazione del cambiamento del potere d'acquisto di una valuta non è minimamente presa in considerazione, presumibilmente perché la comprensione di questi fattori escluderebbe le prospettive di un qualsiasi ruolo ufficiale nell'impostazione dei tassi. E per il mercato azionario quotato nella valuta di riserva del mondo, ignorare la relazione tra il potere d'acquisto del dollaro e i tassi d'interesse lo sta portando verso il disastro.

Gli stranieri, che al margine determinano il potere d'acquisto del dollaro, sono i primi a diventare venditori. Posseggono dollari e asset denominati in dollari per un ammontare di $32.000 miliardi, ben al di sopra del PIL degli Stati Uniti. Non solo ci sono i BRICS+ che vogliono ridurre la dipendenza dal dollaro, rendendone la proprietà meno rilevante per le nazioni coinvolte, ma se le aspettative di un calo dei tassi d'interesse si rivelassero errate, ci sarà sicuramente una sostanziale liquidazione estera degli asset finanziari statunitensi man mano che le perdite aumenteranno nei portafogli. Inoltre, con $6.000 miliardi dei suddetti $32.000 miliardi totali in depositi bancari, è probabile che un mercato ribassista guidato dalle prospettive evanescenti di un calo dei tassi d'interesse, e anche dalla prospettiva di una contrazione del credito delle banche commerciali, minerà il mercato dei cambi del dollaro.

Il primo problema che le autorità statunitensi dovranno affrontare sarà il calo della domanda estera di dollari e di debito denominato in dollari. Tra i principali detentori stranieri di debito del Tesoro statunitense, pari a $7.581 miliardi ad aprile, la più grande liquidazione negli ultimi anni è effettuata dalla Cina, come mostra il grafico qui sotto.

Ma in caso di necessità, riciclando dollari attraverso i centri finanziari come Isole Cayman, Lussemburgo, Londra e Dublino, i mancati acquisti da parte della Cina e dalla tribù BRICS sarà probabilmente compensato. La Cina e altri potrebbero persino trovarsi di fronte a un Tesoro degli Stati Uniti che rifiuta di accettare trasferimenti di proprietà delle obbligazioni, ma con il rischio che questa mossa gli si ritorcerebbe contro.

Il problema più grande è la liquidazione del dollaro stesso. Ad aprile gli stranieri possedevano titoli a breve termine, inclusi depositi bancari, conti di deposito e obbligazioni, per un totale di $7.198 miliardi e titoli a lungo termine per un totale di $24.865 miliardi: totale complessivo $32.063 miliardi. Stiamo parlando dell'intero PIL statunitense e tale cifra non include gli eurodollari, che sono crediti denominati in dollari creati tra banche estere e non riflessi nei saldi delle banche corrispondenti. Peggio ancora, i cittadini, le imprese e gli investitori residenti negli Stati Uniti detengono asset e depositi a breve termine in valute estere per l'equivalente di $689 miliardi (dati TIC del Tesoro degli Stati Uniti a marzo), essendo l'unica valuta estera disponibile per assorbire la liquidazione netta in dollari da parte di detentori stranieri di dollari. E praticamente tutti gli investimenti a lungo termine sono sotto forma di ADR, il che significa che la liquidazione di questi investimenti non aumenterà le transazioni in valuta estera (e quindi la domanda di dollari) a meno che non vengano acquistati da stranieri.

La fase di crisi del Dilemma di Triffin si sta rapidamente avvicinando e c'è una fonte di liquidità molto limitata non in dollari sulle borse estere per scongiurarla. Il dollaro ha già violato un'importante linea di supporto nel grafico qui sotto.

Come misura della fiducia estera nel dollaro, il TWI è improvvisamente peggiorato dopo la notizia che verrà discussa una nuova valuta coperta dall'oro al vertice BRICS. E se non è solo il deterioramento del sentimento nei confronti del dollaro, sarà l'aumento dei tassi d'interesse e un mercato ribassista dei titoli che ne accelererà la liquidazione.

È universalmente presupposto nei mercati finanziari mondiali che l'inflazione dei prezzi al consumo diminuirà e che le banche centrali saranno in grado di abbassare i tassi d'interesse. Ma solo questa settimana la Russia ha rifiutato di rinnovare il permesso per le spedizioni di grano da Odessa, dando ulteriore slancio all'inflazione mondiale dei prezzi alimentari. Il calo dell'inflazione è la condizione affinché gli asset finanziari conservino il loro valore e quindi affinché gli stranieri conservino in portafoglio asset denominati in dollari: ma l'aumento dei prezzi dei cereali e l'attuale rinnovato vigore dei prezzi del petrolio indicano che il drago dell'inflazione sta ancora sputando fuoco.

Un ulteriore errore nella speranza che i tassi d'interesse scendano presto è quello di non rendersi conto delle conseguenze delle banche commerciali che limitano l'espansione del credito. È una certezza che il costo degli interessi sul credito salirà: si chiama credit crunch. Questa contrazione del credito bancario, che sta iniziando a essere evidente nelle statistiche bancarie statunitensi, non solo minaccerà il fallimento di molte imprese, gettando così l'economia in una crisi, ma aumenterà i requisiti di finanziamento dello stato a causa di scarse entrate e un aumento delle spese sociali.

Nel frattempo, per la confusione delle aspettative neo-keynesiane, l'inflazione dei prezzi al consumo continuerà a rappresentare un problema, addirittura accelerando nuovamente dopo l'attuale pausa. L'errore qui deriva in parte dalla negazione della Legge di Say e dal non rendersi conto che non può verificarsi un eccesso generalizzato derivante dal calo dei consumi. Un ulteriore errore è quello di non capire che il dollaro fiat continuerà a perdere valore quando misurato in merci, proprio come fece la livrea di John Law dopo il maggio 1720 nonostante i tentativi di contrarne l'emissione. Come le macchie del morbillo, l'inflazione dei prezzi è il sintomo visibile di tutte le valute fiat morenti.

Il punto essenziale è che i mercati stanno assumendo il controllo dei tassi d'interesse, togliendolo dalle mani delle banche centrali. Questo è un ulteriore problema per le autorità statunitensi. Impareranno nel modo più duro che i tassi d'interesse non sono il prezzo del denaro, ma il compenso che gli stranieri richiedono affinché acquistino i loro titoli finanziari. E anche questo presuppone che con la corretta compensazione degli interessi, gli stranieri continueranno a essere detentori passivi piuttosto che utilizzare il credito per scopi migliori come sembrano destinati a fare.

Ora che sta emergendo un'alternativa solida al mantenimento dei saldi di riserva in dollari, se il biglietto verde non vuole subire una grave crisi, la FED dovrà assecondare i mercati e continuare a rialzare i tassi. Senza contare che se le autorità tenteranno di sostenere il dollaro attivando linee di swap, si contrarrà ulteriormente la quantità di credito in dollari in circolazione, peggiorando la stretta creditizia. Ma come scoprì John Law nei mesi successivi al maggio 1720, contrarre credito in una valuta fiat non è detto che la possa salvare. Anche le implicazioni per il deficit del governo degli Stati Uniti e i suoi costi di finanziamento sono terribili.

Il Congressional Budget Office prevede disavanzi di bilancio superiori ai $1.500 miliardi per questo e il prossimo anno fiscale, ciononostante prevede altresì una media di interessi apgati al 2,7%, il che è eccessivamente ottimista.

Gli ultimi due grafici parlano chiaro: trappola del debito e le finanze statunitensi si stanno deteriorando in modo incontrollabile. Inoltre gli Stati Uniti affrontano la prospettiva di una forte contrazione dell'attività economica a causa del rallentamento dei prestiti bancari e dei suoi effetti sui tassi d'interesse. Le entrate fiscali saranno inferiori alle attuali stime del Congressional Budget Office e gli impegni previdenziali obbligatori aumenteranno dal lato della spesa. Di conseguenza l'indebitamento del governo federale accelererà ulteriormente e anche il pagamento degli interessi.

Anche senza una crisi bancaria, la FED si troverà di fronte a una scelta: provare a salvare il dollaro o tentare di salvare le finanze pubbliche. Benvenuti nel Dilemma di John Law.


Il credito bancario è in contrazione

Il credito bancario negli Stati Uniti ha iniziato a contrarsi, come mostra il grafico qui sotto.

Tenendo presente che il costo degli interessi è aumentato per i mutuatari, si trovano ad affrontare crescenti problemi di liquidità, in particolare per coloro la cui crescita delle vendite è stagnante. Una combinazione di costi di input più elevati, problemi persistenti nelle catene di approvvigionamento e costi d'indebitamento più elevati sono destinati a peggiorare ulteriormente le prospettive di espansione del credito bancario, con i banchieri che diventano sempre più preoccupati per la loro esposizione al rischio.

La situazione nell'Eurozona è peggiore, come dimostra il prossimo grafico.

Nella sua indagine sui prestiti bancari, la BCE ha ammesso che “la stretta monetaria cumulata dall'inizio del 2022 è stata sostanziale e i risultati dell'indagine sui prestiti bancari hanno fornito prime indicazioni sul significativo indebolimento delle dinamiche dei prestiti osservate dallo scorso autunno”.

Tuttavia attribuire il calo dei prestiti bancari alla diminuzione della domanda è un errore d'interpretazione comune. In un momento di stagnazione economica, soprattutto se prendiamo in considerazione l'attuale situazione in Germania, le imprese non smettono d'indebitarsi; al contrario, la loro domanda di credito aumenta. L'interpretazione corretta è che le banche stiano ritirando la loro offerta di credito.

La situazione nel Regno Unito è altrettanto allarmante, come mostra il grafico qui sotto.

Negli Stati Uniti, nell'Eurozona e nel Regno Unito i livelli elevati d'indebitamento dei bilanci bancari e il deterioramento delle prospettive economiche e finanziarie sembrano garantire un'ulteriore contrazione del credito bancario. Ma queste sono anche le condizioni che portano ad una crescente domanda di credito per compensare le difficoltà di liquidità dei mutuatari. Inevitabilmente i tassi d'interesse saliranno e saranno accessibili solo a una minoranza d'imprese che saranno abbastanza convincenti da farsi estendere linee di credito. In caso contrario dovranno cercare finanziamenti da altre fonti, come società di private equity, vendita di beni, o ridimensionamento per ridurre i costi.

Durante il resto di quest'anno vedremo la maggior parte delle imprese messe con le spalle al muro. Inoltre le implicazioni per l'occupazione, le entrate fiscali e gli impegni dello stato sociale aumenteranno i disavanzi pubblici al di sopra delle aspettative attuali. E il finanziamento di questi richiederà un'espansione del credito da parte delle banche centrali, a compensazione della contrazione del credito delle banche commerciali.

Il credito delle banche commerciali, che conferisce valore sia ai prestiti che ai depositi, con un piccolo sconto teorico per il rischio di controparte, è saldamente legato al valore del credito delle banche centrali, evidenziato nelle banconote e nelle riserve delle banche commerciali presso le banche centrali stesse. La differenza tra queste due forme di credito bancario è che, a parte le variazioni cicliche, le variazioni del potere d'acquisto derivano interamente dal credito delle banche centrali. Se quest'ultime sono costrette ad espandere la quantità del loro credito per qualsiasi motivo, allora quasi certamente mineranno il potere d'acquisto delle loro valute.


Stime estere nei confronti delle valute

Nel mantenere il potere d'acquisto del dollaro, le autorità statunitensi affrontano un problema insormontabile: le prospettive sull'economia peggiorano a causa delle prospettive sul credito bancario. È probabile che il deficit di bilancio aumenti notevolmente al di sopra delle aspettative ufficiali e con l'incomprensione di cosa rappresentino effettivamente i tassi d'interesse, le implicazioni inflazionistiche del finanziamento del deficit pubblico negli Stati Uniti richiederanno ai detentori stranieri di non liquidare le loro esposizioni.

Per gli stranieri che vendono dollari, le alternative euro, yen o sterlina sono ugualmente poco attraenti, il loro unico aspetto positivo è che il dollaro è posseduto in eccesso dagli stranieri, mentre essi no. L'euro ha il problema aggiuntivo che la BCE e le banche centrali nazionali sono tecnicamente in bancarotta a causa di perdite nascoste sulle obbligazioni nei loro bilanci; e ricapitalizzare l'intero sistema in un momento di crisi del credito bancario, cosa che porta a tassi d'interesse più elevati, è praticamente impossibile. La sterlina può essere paragonata al dollaro di serie B e lo yen offre solo tassi d'interesse negativi, oltre a una banca centrale che necessita anch'essa di ricapitalizzazione.

Ci sono due destinazioni alternative per i flussi di capitali esteri che lasciano suddette valute. Quello ovvio è l'oro fisico, ma forse questa argomentazione avrà maggiore forza quando la nuova valuta di saldo commerciale dei BRICS sarà confermata nel prossimo vertice di Johannesburg. L'opzione meno ovvia è acquistare il renminbi cinese.

Il caso del renminbi è che la Cina abbia piani d'investimento sostanziali in Asia, Africa e America Latina. In collaborazione con la Russia, i due egemoni sono determinati a proteggere sé stessi e i propri interessi dalla perturbazione degli Stati Uniti. Questa è una battaglia che gli Stati Uniti potrebbero aver già perso. Ne sapremo di più dopo il vertice BRICS, ma con la priorità di neutralizzare il dollaro fiat come arma, è probabile che Cina e Russia consolidino la loro posizione di capobanda in un gruppo allargato di nazioni.

Stando così le cose, mentre le economie dell'alleanza occidentale che deve la sua fedeltà all'America stanno sprofondando nell'oblio, le prospettive per i BRICS+ e l'Organizzazione per la cooperazione di Shanghai stanno migliorando. A differenza del momento in cui il presidente Trump riuscì a interrompere i flussi d'investimenti interni attraverso lo Shanghai-Hong Kong Connect, questa volta il presidente Biden può solo vietare ai fondi statunitensi d'investire in Cina. In previsione della domanda d'investimenti interni, la Cina ha ampliato lo schema nel dicembre dello scorso anno in modo da aumentare la gamma di azioni disponibili alla Borsa di Shanghai. Senza dubbio ci saranno ulteriori modifiche a questa struttura.


Le conseguenze per l'oro

Una ripresa dell'inflazione dei prezzi al consumo durante una recessione non si verificava da molto tempo. È durante le recessioni che i disavanzi pubblici aumentano e questa volta il punto di partenza del governo degli Stati Uniti è un deficit di oltre $1.500 miliardi. E come dimostrato in questo articolo, è l'espansione del credito del sistema bancario centrale, non del credito di quello commerciale, che mina i valori delle valute fiat.

Come minimo tornano in mente le condizioni della stagflazione degli anni '70, le quali portarono il prezzo dell'oro da $35 a $850 in meno di dieci anni, anche se il tasso di riferimento americano passò dal 5% a un picco del 19%. I problemi per il dollaro sono condivisi da altre divise fiat, in particolare la sterlina e l'euro. Ma il dollaro è anche posseduto in eccesso dagli stranieri e quasi certamente verrà scaricato, in alcuni casi in cambio di oro.

Potrebbe esserci un ulteriore problema per il dollaro: una nuova valuta di saldo commerciale coperta dall'oro, proposta per essere discussa al vertice BRICS della prossima settimana. È da notare che Sergei Lavrov, ministro degli Esteri russo, ha dichiarato che la Russia ha accumulato miliardi d'inutili rupie indiane come pagamento per le vendite di petrolio, infatti la tolleranza di Russia, Arabia Saudita, Iran e altri esportatori nei confronti di valute minori illiquide è strettamente limitata, quindi l'accettazione di una valuta più sicura è praticamente una certezza.

Di conseguenza le riserve in dollari presso le banche centrali di oltre quaranta nazioni saranno scambiate con oro, una tendenza che è già stata evidente negli ultimi diciotto mesi. È quindi probabile che il prezzo dell'oro salga proprio a causa di fattori economici destinati a destabilizzare le economie dell'America e dei suoi alleati occidentali. E le influenze straniere sposteranno il capitale verso oro, materie prime e opportunità d'investimento offerte dai due egemoni asiatici.

Supponendo che la nuova valuta coperta dall'oro venga introdotta, è destinata ad accelerare uno spostamento di Russia e Cina verso un gold standard tutto loro. Altri seguiranno l'esempio. Solo allora potranno beneficiare appieno di una rivoluzione industriale per la maggior parte delle economie emergenti, mentre il sistema fiat basato sul dollaro verrà distrutto.


La distribuzione mondiale dell'oro

Le linee di politica della Cina riguardo l'oro sin dal 1983 hanno introdotto distorsioni nella distribuzione mondiale delle disponibilità di lingotti. Bloccandone quantità significative, la liquidità disponibile per le nazioni al di fuori dell'asse Cina-Russia è diventata seriamente limitata. Per illustrare il punto, la tabella seguente tenta d'identificare categorie di proprietà sulla base di un'estrapolazione delle scorte estratte, analisi effettuata nel 2012 da James Turk con l'economista Juan Casteñada utilizzando i numeri dell'US Geographical Survey. Un tale lavoro ha sottolineato in modo convincente che non vi era alcun supporto per le stime adottate dal World Gold Council, che rispetto a quelle dei due analisti sopraccitati sovrastimava le scorte estratte di circa 17.000 tonnellate. Di conseguenza credo che nel 2022 la cifra totale fosse di 191.584 tonnellate, non le 208.874 tonnellate ipotizzate dal WGC. Questa differenza è sostanziale.

I seguenti punti riguardanti tale tabella sono a titolo esplicativo:

• La stima di Turk-Casteñada, confrontata con quella del WGC, illustra l'impatto del calcolo finale che secondo questa tabella dovrebbe mostrare un saldo non contabilizzato di 68.535 tonnellate. Esso include le disponibilità statali di oro non dichiarato da parte di Russia e Cina, che potrebbero superare le 40.000 tonnellate, lasciando poco spazio agli investitori privati.

• I gioielli sono per lo più di proprietà di cinesi, indiani e altri cittadini asiatici, che tradizionalmente li usano come mezzo di risparmio tanto quanto ornamenti. Questo spiega la dimensione di tale categoria.

• Le riserve ufficiali delle banche centrali sono raccolte dal World Gold Council, così come le stime per gli ETF riguardanti l'oro. Possiamo presumere che queste cifre riportate siano accurate, ma includono un doppio conteggio.

• La doppia proprietà dell'oro attraverso leasing e prestiti è stata oggetto di una ricerca dettagliata da parte dell'analista Frank Veneroso e presentata a una conferenza a Lima nel 2002. Egli ha concluso che tra le 10.000 e le 15.000 tonnellate di oro delle banche centrali sono state affittate o date in prestito. Ho estrapolato la cifra più bassa, nonostante l'aumento sostanziale delle riserve auree da parte della banche centrali sin dal 2002.

L'ultimo punto in elenco necessita di ulteriori spiegazioni. Secondo le regole di contabilità riguardanti l'oro dettate dall'FMI:

L'oro monetario è oro detenuto da un'autorità monetaria principalmente come elemento delle sue riserve in valuta estera (a volte chiamate anche riserve internazionali). Per qualificarsi come oro monetario, esso deve soddisfare la definizione di oro monetario del Fondo monetario internazionale (FMI) e l'autorità monetaria deve designare l'oro come parte del suo portafoglio di riserve monetarie. L'oro monetario comprende i lingotti d'oro allocati e i conti in oro non allocati con non residenti che danno titolo a richiederne la consegna.

Un conto non allocato significa che una banca centrale consegna oro in leasing o mediante swap a una bullion bank o a un'istituzione come la Banca dei regolamenti internazionali in cambio di un credito di deposito. La bullion bank ascrive il lingotto nel proprio bilancio, quindi la banca centrale ne perde il possesso. Il fatto che l'FMI consenta a una banca centrale di registrare questo credito come oro monetario nonostante ne abbia ceduto il possesso significa che ci sono almeno due proprietari per una data quantità di lingotti. E ciò presuppone solo una ipoteca, quando inr ealtà non ci può essere alcun limite teorico all'uso del lingotto per una catena di transazioni in questo modo.

Sembra ragionevole presumere che l'oro monetario non allocato sia concentrato nelle banche centrali non allineate con gli egemoni asiatici e saldamente nel campo dell'alleanza occidentale. Il totale teorico dei possedimenti di questi ultimi è di circa 26.000 tonnellate, a seconda di quali nazioni sono incluse nella definizione, nel qual caso si può presumere che solo 16.000 tonnellate esistano in forma fisica. La conferma di questa situazione deriva dalla difficoltà con cui la Germania ha cercato di rimpatriare parte dei suoi lingotti detenuti (in custodia) presso la FED di New York.

I principali attori che organizzano questa giostra sono la FED di New York e la Bank of England, che insieme riportano attualmente oro fisico depositato a nome delle banche centrali estere per un totale di 10.874 tonnellate. Dai siti web dei principali detentori non asiatici (Germania, Francia, Italia e Svizzera) sappiamo che 5.066 tonnellate di suddetto totale sono detenute in queste nazioni, ad eccezione della Francia, che immagazzina quasi tutto il suo oro a Parigi. Complessivamente ci sono 5.271 tonnellate di oro nelle proprie giurisdizioni. Ciò lascia 5.808 tonnellate detenute presso la FED di New York e la BoE a nome di altre banche centrali alleate dell'Occidente, cifra che rappresenta la stragrande maggioranza delle loro partecipazioni registrate.

Dopo aver tenuto conto delle 5.271 tonnellate immagazzinate altrove, c'è ancora un divario di circa 10.000 tonnellate tra le 26.000 tonnellate calcolate sopra e le 10.874 tonnellate registrate a New York e Londra. Questo suggerisce che ci sono significanti livelli di oro non allocato coinvolti, calcolati come segue:

Mentre i calcoli nella tabella qui sopra sono lungi dall'essere completi, c'è un divario significativo tra le disponibilità totali di lingotti dichiarate e ciò che è immagazzinato nei due centri principali.

Nella prima tabella abbiamo notato che mancavano 46.898 tonnellate di oro estratto a livello mondiale. Ciò include le disponibilità di lingotti non dichiarati di Cina e Russia, che potrebbero ammontare a oltre 40.000 tonnellate. Questo squilibrio potrebbe essere causato anche da investimenti privati. L'unico modo in cui queste due grandi quantità possono essere sistemate nel saldo di 46.898 è dovuto al doppio conteggio e alle molteplici rehypothecation dell'oro.

Altrimenti i numeri non tornano.

Ciò lascia pochissima liquidità per le nazioni che cercano di sfuggire all'imminente collasso del sistema monetario fiat post-Bretton Woods. Mette anche in discussione la sopravvivenza dell'intero sistema delle bullion bank, a corto di lingotti consegnabili se il mercato tenta di cambiare le sue posizioni.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli: https://www.francescosimoncelli.com/


Supporta Francesco Simoncelli's Freedonia lasciando una “mancia” in satoshi di bitcoin scannerizzando il QR seguente.

https://opentip.io/freedonia


Bitcoin è denaro, le CBDC no

Freedonia - Gio, 17/08/2023 - 10:05

 

 

da Bitcoin Magazine

Le valute digitali delle banche centrali (CBDC) saranno presto operative in vari Paesi ed è importante notare che sono una forma di denaro con programmabilità intrinseca. Le regole possono e saranno stabilite su come queste passività della banca centrale possono essere spese. Nel tempo le CBDC hanno come scopo l'eliminazione del contante e, quindi, dello scambio privato. Sono anche il più "pendio scivoloso" mai visto.

Nelle mani sbagliate, la capacità di programmare il denaro è terrificante e verrà utilizzata per scopi autoritari a vari livelli. Pensate alla Cina, un Paese leader nelle CBDC, che applica il suo sistema distopico di credito sociale direttamente allo yuan digitale: viene permessa la spesa solo per beni e servizi decretati dallo stato, tassi d'interesse che ostacolano coloro mal visti dal Partito Comunista Cinese (PCC) e denaro con date di scadenza che forza la spesa piuttosto che il risparmio.

In poche parole, non si tratta più di denaro; è una leva della banca centrale per influenzare l'ambiente economico e uno strumento di controllo sociale. È un mezzo di scambio di energia che fornisce all'utente pochissime opzioni, il che è altamente indesiderabile e, di fatto, qualcosa di antitetico al concetto stesso di denaro. E questo senza menzionare che le CBDC rappresenteranno semplicemente banconote fiat già in rapido deprezzamento che sottrarranno la forza vitale di chi le usa al fine di finanziare iniziative statali.

Mentre la popolazione mondiale inizia a confrontarsi con queste violazioni fondamentali sia della propria privacy che dei diritti di proprietà, per fortuna avrà la possibilità d'immagazzinare e negoziare la propria energia monetaria utilizzando una forma di denaro internazionale e incorruttibile governato da regole, non governanti: Bitcoin.

Si può progettare una valuta come la si preferisce, ma non si può costringere le persone a valutarla. Il libero mercato è stato storicamente quello che ha cercato e selezionato una valuta desiderabile quando le vecchie hanno fallito. Le persone gravitano istintivamente verso mezzi di scambio più robusti quando si manifestano con una certa insistenza le vulnerabilità o gli abusi di quelli attuali.

L'oro è stato storicamente l'asset monetario di base che le società hanno utilizzato nella maggior parte dei casi. È un metallo facilmente identificabile e durevole che può essere fuso, diviso e ricostituito con perdite praticamente nulle. L'oro è anche relativamente scarso, in quanto la sua estrazione e raffinazione richiede un'immensa prova di lavoro. La sua emissione non è arbitrariamente dettata da un governante o da una figura autoritaria.

Quindi l'oro ha molte caratteristiche che lo rendono una buona forma di denaro: è relativamente divisibile, sebbene abbia certamente i suoi limiti; è abbastanza resistente da trasmettere energia nel tempo; la sua scarsità garantisce che funzioni ragionevolmente bene come riserva di valore.

Tuttavia ha un problema di scalabilità: è difficile da trattare su larga scala e a livello granulare. Sia il trasporto che l'immagazzinamento dell'oro richiedono una notevole capacità di proiezione dell'energia, “in modo da evitare che il ROI [ritorno sull'investimento] riguardo la confisca si dimostri troppo attraente per essere ignorato dal vostro [barbaro] locale”, come ha detto Jason Lowery.

Trasportare monete d'oro in giro per comprare il latte è ingombrante e limita il rendimento dello scambio. Quest'ultimo è la base della civiltà, poiché consente la scalabilità della divisione del lavoro e la specializzazione professionale i quali alimentano una maggiore resa per unità di energia spesa. Questo è il motivo per cui le banconote, che dovrebbero essere convertibili con l'asset sottostante, sono state una tecnologia rivoluzionaria. Le banconote cartacee facilitano la scalabilità e la granularità nello scambio di energia tra esseri umani con un attrito minimo. Questo e il sistema di contabilità a partita doppia della famiglia Medici sono due fulgidi esempi di denaro come tecnologia in continua evoluzione.

È quando l'offerta di queste banconote, o voci contabili in libri mastri privati, ​​viene abusata e/o separata da un asset sottostante che l'offerta monetaria diventa tossica. Nel corso della storia ciò ha portato all'iperinflazione e al crollo della valuta.

Bitcoin è una rete monetaria che è più scarsa dell'oro, con un'offerta massima finita e inalterabile a 21 milioni. È altamente divisibile, immediatamente verificabile e durevole. Il suo programma di emissione per i prossimi 118 anni circa è noto con certezza, dopodiché non ne verranno mai più emessi. Bitcoin ha anche costi di trasporto bassi, o nulli, e non può essere confiscato, nemmeno con la violenza, se conservato correttamente.

È interessante notare che, essendo il primo oggetto digitale legato direttamente al mining e a una prova di lavoro, Bitcoin — la prima e, finora, unica commodity digitale — è in realtà l'oggetto reale più leggero che abbiamo mai scoperto, consentendo transazioni senza autorizzazione quasi alla velocità della luce e senza intermediari. Come ha detto Knut Svanholm, questa assenza di gravità rende tecnicamente bitcoin “l'elemento zero nella tavola periodica”. Lo rende anche l'asset monetario di base per l'era digitale e oltre.

Ancora una volta abbiamo aggiornato i nostri binari di scambio dell'energia umana, ma questa volta in un modo in cui l'interesse personale serve a incoraggiare i diritti di proprietà di tutti gli altri. Attaccando Bitcoin, si cristallizza la sua difesa e si aumenta l'energia potenziale di tutti i suoi utenti in termini reali. Michael Saylor ha detto che Bitcoin è “antifragile” e, in quanto tale, incentiva la cooperazione anziché la coercizione o il tentativo di sovversione. Questa meccanica è una rivelazione chiave che Bitcoin porta avanti, quella che Lowery ha definito “conservazione reciprocamente assicurata”.

Bitcoin rappresenta la speranza per un futuro umano più equo basato sulla nostra costante universale appena scoperta: 21 milioni.

Aggiustate le storture del denaro e aggiusterete il mondo.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli: https://www.francescosimoncelli.com/


Supporta Francesco Simoncelli's Freedonia lasciando una “mancia” in satoshi di bitcoin scannerizzando il QR seguente.

https://opentip.io/freedonia


Confutare la fallacia dei monopoli naturali

Freedonia - Mer, 16/08/2023 - 10:08

 

 

di Michael Matulef

«La maggior parte dei cartelli e dei trust non sarebbero mai stati istituiti se gli stati non avessero creato le condizioni necessarie con misure protezionistiche. I monopoli manifatturieri e commerciali devono la loro origine non a una tendenza immanente nell'economia capitalista, ma alla politica interventista dello stato diretta contro il libero scambio e il laissez-faire

~ Ludwig von Mises, Socialism

Il concetto di monopoli naturali ha spesso incuriosito economisti e policymaker, fungendo da caposaldo per i sostenitori dello statalismo. Essi affermano, infatti, che alcune industrie portano naturalmente a un'impresa dominante, ostacolando la concorrenza e richiedendo l'intervento dello stato. Tuttavia un esame più attento rivela che questi "monopolio naturali" sono illusioni causate da dannose interferenze dello stato stesso.

Per comprendere l'errore, dobbiamo prima cogliere l'essenza di un vero mercato libero. In un'economia di mercato senza ostacoli, più aziende competono per il favore dei consumatori con prodotti innovativi e prezzi competitivi. Le forze di mercato, come le preferenze dei consumatori e l'efficienza aziendale, modellano la distribuzione delle risorse e garantiscono risultati ottimali. I monopoli contraddicono fondamentalmente questo ordine naturale.


Correggere gli errori

I critici sostengono che alcuni settori, in particolare quelli che si occupano di infrastrutture o servizi di rete, possiedono caratteristiche intrinseche che facilitano l'emergere di entità monopolistiche. Questi critici sostengono, inoltre, che gli elevati costi infrastrutturali o gli effetti di rete, in cui il valore di un servizio aumenta man mano che più utenti lo adottano, creano barriere insormontabili all'ingresso, consentendo a un singolo attore dominante di stabilire la propria supremazia. Tuttavia un esame più attento rivela che queste caratteristiche da sole non garantiscono la formazione del monopolio. È l'ingerenza dello stato che fa pendere la bilancia a favore del consolidamento e soffoca la concorrenza.


Il caso delle telecomunicazioni

Le telecomunicazioni, con le loro significative esigenze infrastrutturali, sono state spesso etichettate come un'industria soggetta a monopoli naturali. I fautori dell'intervento statale sostengono che i costi associati alla creazione e al mantenimento dell'infrastruttura necessaria rendono impraticabile per più aziende competere in modo efficace. Tuttavia questa affermazione non riesce a riconoscere la natura dinamica e innovativa dei mercati liberi. In assenza di barriere imposte dallo stato e requisiti di licenza, l'ingegnosità imprenditoriale fiorisce e trova modi per superare quelli che inizialmente sembrano ostacoli insormontabili.

I mercati liberi, e non ostacolati dall'interferenza dello stato, incentivano gli imprenditori e le imprese a cercare tecnologie alternative e soluzioni creative. Questa spinta imprenditoriale potrebbe portare all'emergere di sistemi di comunicazione wireless o satellitari, offrendo ai consumatori valide alternative ai tradizionali servizi dipendenti dall'infrastruttura. Introducendo concorrenza e approcci innovativi, queste tecnologie alternative possono interrompere la presunta inevitabilità di un'unica impresa dominante.

L'intuizione chiave sta nel comprendere che l'intervento stesso dello stato crea un ambiente favorevole al dominio monopolistico. Le barriere normative e l'eccessiva burocrazia ostacolano l'ingresso di nuovi concorrenti, soffocando l'innovazione e limitando la possibilità che emergano soluzioni alternative. Erigendo tali barriere, lo stato perpetua quelle condizioni necessarie affinché prevalga una struttura di mercato monopolistica.

Occorre porre l'accento sull'importanza di una concorrenza dinamica come motore del progresso economico. L'assenza dell'intervento dello stato consente uno svolgimento spontaneo di processi di ordine e di mercato, portando a un flusso costante di attività imprenditoriali e risposte innovative alle richieste del mercato. Nel regno delle telecomunicazioni, il potenziale per più aziende di sviluppare e implementare tecnologie alternative nasce proprio da questo processo di scoperta imprenditoriale.

Inoltre è fondamentale riconoscere che le considerazioni sui costi associate allo sviluppo delle infrastrutture non sono statiche. Gli imprenditori e le imprese sono incentivati ​​a cercare soluzioni più convenienti ed efficienti in un ambiente competitivo. Attraverso tentativi ed errori, suddetti imprenditori e aziende trovano modi per ridurre i costi dell'infrastruttura, ottimizzare l'allocazione delle risorse e migliorare l'erogazione dei servizi. Queste riduzioni dei costi alimentate dal mercato creano opportunità per nuovi concorrenti e aumentano la fattibilità della concorrenza nel settore delle telecomunicazioni.


La fallacia degli effetti di rete

L'affermazione secondo cui gli effetti di rete portano intrinsecamente a risultati monopolistici è fuorviante. Sebbene sia vero che gli effetti di rete possano contribuire al valore di un servizio man mano che più utenti lo adottano, ciò non preclude l'esistenza della concorrenza e di più imprese all'interno del mercato.

In un mercato veramente libero la concorrenza imprenditoriale prospera, spingendo le aziende a differenziarsi e a offrire esperienze utente uniche. Il caso dei social media come Facebook, Twitter e Instagram fornisce un esempio convincente. Nonostante operi all'interno dello stesso vasto settore dei social network, ogni piattaforma si è ritagliata con successo la propria nicchia e ha attratto basi di utenti distinte.

Queste piattaforme s'impegnano continuamente in una feroce concorrenza per catturare l'attenzione degli utenti e garantire entrate pubblicitarie. Lo fanno attraverso una costante innovazione e l'introduzione di caratteristiche uniche che differenziano i loro servizi. Questo panorama competitivo non solo consente la coesistenza di più aziende, ma garantisce anche che nessuna singola piattaforma detenga il monopolio sui social media.

Questo risultato non dovrebbe sorprendere nessuno. La natura dinamica del mercato, guidata dalle preferenze dei consumatori e dalla creatività imprenditoriale, assicura che la concorrenza persista e prevenga il dominio monopolistico. Le aziende devono continuamente adattarsi, innovare e fornire un valore superiore ai consumatori per prosperare in un tale ambiente.

Inoltre il ruolo della scelta del consumatore non può essere trascurato. In un mercato libero, i consumatori hanno il potere di selezionare le piattaforme che meglio si allineano con le loro preferenze, esigenze e desideri. Questa diversità di scelta funge da antidoto alle tendenze monopolistiche. Se una piattaforma non riesce a soddisfare le esigenze in evoluzione dei consumatori, questi sono liberi di passare a un concorrente che soddisfi meglio le loro esigenze.

In contrasto con la nozione di monopoli naturali c'è il processo di mercato, un ordine spontaneo guidato dalle decisioni decentralizzate di individui che perseguono i propri interessi. Questo processo favorisce la concorrenza, l'innovazione e la scoperta imprenditoriale. Gli effetti di rete, lungi dall'essere una barriera insormontabile all'ingresso, diventano un'opportunità per gli imprenditori: ideare nuovi modi di offrire valore e attrarre utenti.


Il ruolo dell'intervento dello stato

I monopoli, nella loro forma più vera, sono prodotti dell'intervento dello stato e del suo coinvolgimento nel mercato. Attraverso regolamenti, barriere all'ingresso e privilegi artificiali concessi dallo stato, sorgono inevitabilmente tendenze monopolistiche.

Le barriere normative imposte dallo stato, come i requisiti di licenza, la burocrazia e complessi standard di conformità, ostacolano il libero funzionamento dei mercati. I requisiti di licenza limitano nuovi ingressi delle industrie creando ostacoli per i nuovi arrivati. Il gravoso processo di concessione delle licenze scoraggia la concorrenza e consente alle imprese esistenti di mantenere la posizione dominante. L'eccessiva burocrazia e gli standard di conformità deviano risorse dalle attività produttive, ostacolando l'innovazione e la competitività. Queste barriere distorcono i segnali del mercato, scoraggiano gli imprenditori e limitano la scelta dei consumatori, soffocando così la concorrenza del mercato.

Le leggi sulla proprietà intellettuale, come brevetti, diritti d'autore e marchi, hanno lo scopo d'incoraggiare l'innovazione e premiare i creatori, tuttavia queste leggi possono involontariamente ostacolare la concorrenza e favorire tendenze monopolistiche. Le leggi sulla proprietà intellettuale concedono diritti esclusivi a inventori e creatori, ma creano anche barriere all'ingresso. Quando questi diritti esclusivi diventano eccessivamente ampi o estesi, consentono ai detentori di brevetti e diritti d'autore di mantenere il dominio per periodi più lunghi, soffocando potenziali concorrenti e limitando la concorrenza.

Il processo complesso e costoso per ottenere e far rispettare i diritti di proprietà intellettuale è un ulteriore svantaggio per i piccoli imprenditori e le start-up. Le grandi aziende con risorse e team legali possono utilizzare strategicamente queste leggi per scoraggiare la concorrenza, consolidando il potere nelle mani di una manciata di attori dominanti. È importante comprendere che l'innovazione prospera in un ambiente di concorrenza aperta, in cui le idee vengono condivise liberamente e le aziende sono motivate a migliorare e differenziare continuamente la propria offerta.

Gli interventi dello stato attraverso sussidi, agevolazioni fiscali e trattamenti preferenziali perturbano l'equilibrio del mercato favorendo determinati settori e creando condizioni di disparità. Ciò distorce i segnali per gli imprenditori e mina la concorrenza. I sussidi forniscono vantaggi sleali, consentendo alle imprese sovvenzionate di acquisire potere di mercato e portare a potenziali tendenze monopolistiche. Le agevolazioni fiscali e il trattamento preferenziale distorcono ulteriormente il panorama economico, ostacolando l'innovazione e l'allocazione delle risorse. Questi interventi perpetuano anche l'errata allocazione delle risorse economiche, ostacolano l'efficienza e scoraggiano nuovi concorrenti e soluzioni innovative. Inoltre promuovono comportamenti incentrati sulla ricerca di rendite, sottraendo risorse alle attività produttive e minando la crescita economica.


Conclusione

Riguardo ai monopoli, Ludwig von Mises scrisse quanto segue in Human Action:

Il grande problema del monopolio che l'umanità deve affrontare oggi non è una conseguenza del funzionamento dell'economia di mercato. È un prodotto di un'azione intenzionale da parte degli stati. Non è uno dei mali insiti nel capitalismo come strombazzano i demagoghi. È, al contrario, il frutto di linee di politica ostili al capitalismo e intente a sabotarne e distruggerne il funzionamento.

L'illusione dei monopoli naturali scompare dopo un attento esame, rivelando il ruolo dell'intervento dello stato e delle distorsioni del mercato. I mercati liberi, senza vincoli, favoriscono innovazione e concorrenza, prevenendo il dominio monopolistico. L'interferenza dello stato attraverso regolamenti e politiche protezionistiche perpetua il mito dei monopoli naturali.

In qualità di sostenitori della libertà economica, è nostro dovere smascherare gli errori, ripristinare i mercati liberi e promuovere la concorrenza per un futuro prospero che rafforzi l'imprenditorialità, tuteli i consumatori e alimenti la crescita. Rallegriamoci delle meraviglie della competizione e abbracciamo il suo sconfinato potenziale.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli: https://www.francescosimoncelli.com/


Supporta Francesco Simoncelli's Freedonia lasciando una “mancia” in satoshi di bitcoin scannerizzando il QR seguente.

https://opentip.io/freedonia


Condividi contenuti