Skip to main content

Perché l’economia americana è più solida di quella dell’eurozona

Posted in

Rispetto alle altre economie avanzate del resto del mondo, quella statunitense sta dimostrando di avere una resilienza maggiore. L’impatto della crisi economica dovuta ai lockdowns causati dal COVID-19 è minore negli Stati Uniti rispetto a quelli avutisi in Giappone, Francia, Germania e del valore medio per l’Unione Europea, così come – sotto questo aspetto – dei paesi dell’Area Euro.

La ripresa sembra essere, inoltre, molto più stabile e sostenibile. Questo non significa che l’impatto economico sia piccolo: la recessione che stiamo sperimentando è di notevole portata ed il suo impatto sulla crescita e sui posti di lavoro non deve essere sottostimato, ma è importante mostrare che in altri contesti economici – caratterizzati da un maggior volume di spesa pubblica, di sussidi e di programmi di interventi statali – stanno performando a livelli minori.

Il PIL per il secondo trimestre per gli Stati Uniti si è dimostrato molto migliore di quello dell’Area Euro (un -9,5% degli USA rispetto a un -12,1% nell’eurozona), sebbene sia ugualmente una caduta importante ed addirittura superiore a quella avutasi nel 2008.

Effettuare questi confronti è importante, perché la maggior parte degli economisti “mainstream” ritiene che una maggiore spesa pubblica ed un intervento più importante del settore pubblico siano dei fattori che possono aiutare la ripresa economica durante le recessioni. La realtà è ben diversa, dal momento che non riescono a far nulla di tutto ciò. La caduta di 9,5 punti percentuali del PIL statunitense per il secondo trimestre è un’inezia se comparata alle statistiche – per lo stesso dato – di Germania (-10,1%), Francia (-13,8%), Italia (-12,4%), Spagna (-18,5%) e la media europea pari all’11,9%.

Voi tutti avrete sicuramente letto della caduta del PIL USA per il secondo trimestre annualizzata [corsivo mio, ndt.] pari al 32,9%; ma è chiaramente una fallacia comparare questo dato annualizzato con quelli europei che non lo sono. Il tasso di (de)crescita annualizzato stima di quanto un’economia possa crescere (o contrarsi) se il tasso registrato nel trimestre attuale rimanesse lo stesso per tutti gli altri. Se avessimo, tanto per capirci, le “mele con le mele”, avremmo scoperto che lo stesso dato (ossia il tasso annualizzato) sarebbe stato del -40% in Germania e del -55% in Spagna, dati – questi – da confrontare con quello statunitense che, ricordiamo, è pari al 32,9%.

In ogni caso, sembra opportuno che si debba insistere su tre punti chiave: 1) la caduta del PIL statunitense è stata minore di quella stimata dagli economisti; 2) questo dato è decisamente minore di quello dei paesi dell’Eurozona; e 3) i dati ci mostrano che quella degli USA è una delle riprese economiche più stabili del mondo.

Il miglioramento nella domanda interna che abbiamo iniziato ad osservare all’inizio del mese di maggio è stato confermato anche per il mese di giugno. Le vendite al dettaglio hanno registrato un aumento mensile del 7,5%, il secondo più alto nelle serie storiche dopo i dati di maggio, e questa volta con un effetto di base più irrilevante. Rispetto all’anno scorso, le vendite al dettaglio sono cresciute dell’1,1% e, al netto delle vendite di veicoli, questo aumento si traduce in un aumento annuo del 7,3%. C’è ancora molto da fare, tuttavia.

I principali e più avanzati indicatori negli USA stimano una crescita del PIL del 18 o 20% su base annuale, una ripresa che ammonta a più della metà della perdita avvenuta nei tre mesi della prima parte dell’anno.

C’è ancora molto da fare e nessuno può dirsi del tutto soddisfatto: se il consumo e gli investimenti progrediscono all’interno del potenziale, l’economia statunitense può – nel migliore dei casi – aspettarsi una crescita nulla ed un tasso di disoccupazione del 6%. Tuttavia, è molto più probabile che l’economia finirà per assestarsi ad una crescita negativa del 5% e con un tasso di disoccupazione dell’8,5% secondo le nostre stime. Questo – tuttavia – dovrebbe essere messo a confronto con una performance dell’Eurozona che è molto probabile che cada più del 9% nel 2020, con un tasso di disoccupazione e di sussidi lavorativi che raggiunge il 12,5% secondo Bloomberg.

Ci sono importanti segnali di avvertimento da considerare. La fiducia dei consumatori continua a essere debole a 73,2 punti base a luglio 2020, in calo di 5 punti rispetto a giugno di quest'anno e lontana dai livelli sopra i 100 punti registrati nel mese di febbraio.

Gli indicatori anticipatori sono incoraggianti ma non ottimisti. L'indice composito dei gestori degli acquisti (PMI) per il mese di luglio è riuscito a raggiungere la zona di espansione economica a 50 punti. Il motore principale continua ad essere l'industria, a 51,3 punti rispetto ai 49,8 di giugno, riflettendo un'evoluzione positiva in espansione ma con numerose sfide avanti, compresi i piani di investimento e assunzione. I servizi, settore critico per l'economia degli Stati Uniti, rimangono in contrazione.

La produzione industriale degli Stati Uniti ha avuto due mesi con una crescita mensile positiva (5,4 per cento a giugno), anche se bassa anno su anno (–10,8 per cento a giugno 2020).

L'occupazione sta migliorando, ma è vero che a un ritmo più lento di quanto sarebbe auspicabile. Le richieste di sussidio di disoccupazione rimangono ostinatamente superiori a 1 milione e le richieste di sussidi di disoccupazione continuano a diminuire a un ritmo più lento del previsto. Tuttavia, le richieste di sussidio di disoccupazione sono cadute da un record di 25 milioni a 17 milioni in due mesi. Questi devono diminuire più rapidamente e sono necessarie misure decisive dal lato dell'offerta per attrarre nuovi posti di lavoro e investimenti.

Il debito è una importante questione per gli USA, ma - ancora una volta - i parametri mostrano una situazione migliore rispetto all'eurozona. Il deficit accumulato fino a giugno supera già $ 2,74 trilioni, oltre il 10% del PIL degli Stati Uniti. È interessante notare che il rapporto debito/PIL negli Stati Uniti dovrebbe salire al 98,5% secondo le stime di Bloomberg, ma nemmeno in questo caso sarebbe vicino ai livelli dell'area dell'euro, il quale si attesterebbe al 103% secondo la Banca centrale europea (BCE).

Queste cifre contraddicono le richieste di un euro più forte rispetto al dollaro USA. Nonostante i dati statunitensi accattivanti, è probabile che la crescita, il debito e l'occupazione mostrino un'evoluzione migliore rispetto all'area dell'euro e anche le statistiche monetarie mostrano una situazione più forte. La BCE ha già tassi reali negativi e il suo bilancio supera il 53% del PIL rispetto al 33% del PIL del bilancio della Federal Reserve. La domanda globale per il dollaro USA è alta e in aumento, e il mondo ha ancora una carenza di dollari. Non è il caso dell'euro, per il quale la domanda è stabile ma molto inferiore secondo la Banca dei regolamenti internazionali e l'offerta sta aumentando molto più rapidamente di quella del dollaro USA.

Una ripresa stabile e solida si potrà ottenere solo con le giuste politiche. Copiare l'Unione europea porterà agli Stati Uniti solo stagnazione. La scarsa performance delle economie europee in questa crisi è anche un promemoria del motivo per cui gli Stati Uniti non dovrebbero attuare politiche simili.

Se il governo degli Stati Uniti decide di aumentare le tasse e aumentare gli interventi, la ripresa sarà più lenta e più dolorosa di quanto non sia già.


Traduzione per il Portico Dipinto a cura di Giordano Felici. Articolo originale di Daniel Lacalle.

Opzioni visualizzazione commenti

Seleziona il tuo modo preferito per visualizzare i commenti e premi "Salva impostazioni" per attivare i cambiamenti.

Banche centrali

Ritratto di Mike57

Aggiungo per completezza questo articolo di  https://www.zerohedge.com/news/2020-09-22/out-control :

La logica

Le banche centrali hanno due strumenti monetari: tassi di interesse e offerta di moneta. Questo dà loro 4 opzioni:

Aumentare i tassi di interesse

Diminuire i tassi di interesse

Aumentare l'offerta di moneta

Diminuire l'offerta di moneta.

Come si svolgono le quattro opzioni in questo contesto?

Aumenta i tassi di interesse

L'aumento dei tassi di interesse aumenta l'onere del debito poiché ora deve essere rimborsato di più. Il treno in corsa accelera.

Riduci i tassi di interesse

La diminuzione dei tassi sui prestiti bancari non è probabilmente possibile con la maggior parte dei tassi intorno allo zero o negativi. Ma supponendo che i tassi diventino più negativi, in effetti pagando le persone per contrarre più debiti, questo aumenta ancora l'onere del debito complessivo. La velocità del treno aumenta.

Aumenta l'offerta di moneta

Poiché i livelli del debito non possono essere serviti dall'economia reale, dal 2008 le banche centrali sono intervenute con quantità sempre crescenti di nuovo denaro (allentamento quantitativo) per soddisfare gli obblighi di debito esistenti. Il denaro entra nel sistema come nuovo debito. In alternativa i beni in pericolo di inadempienza vengono semplicemente acquistati. Il default deve essere evitato a tutti i costi. La ragione di ciò è l'interdipendenza sistemica del sistema: se un componente principale va in default, le conseguenze possono far crollare l'intero sistema in un effetto domino. L'aumento dell'offerta di moneta aumenta l'onere del debito. Il treno accelera.

Diminuzione dell'offerta di moneta

Nel 2019 la Federal Reserve ha intrapreso dei tentativi passi verso la riduzione dei propri asset (prelevando denaro dal sistema vendendo asset e ritirando il denaro). Non ha funzionato. Infatti sin dall'inizio nel 1913 la Federal Reserve non è mai stata in grado di ridurre il proprio bilancio per più di pochi mesi. Farlo ora provocherebbe il default del debito su vasta scala. Il treno non ha freni.

 


 

Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.

Verso il caos in U.S.A.

Ritratto di Mike57

"Le violente proteste per George Floyd sono state piuttosto estreme - e questo è un eufemismo - ma ci sono segni che ciò che abbiamo visto quest'estate non potrebbe essere nulla in confronto alle proteste che potrebbero essere scatenate sulla nazione se Joe Biden non fosse il chiaro vincitore dell'elezione.

Un rapporto investigativo di Joshua Klein di Breitbart , afferma che c'è una vasta coalizione di gruppi di difesa di sinistra che pianificano di lanciare un enorme "movimento di resistenza" in tutti i 50 stati per creare caos".

Link https://trump.news/2020-09-23-soros-funded-coalition-plans-to-unleash-election-day-chaos.html#


 

Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.

Rimuovere lo status

Ritratto di Mike57

"Il senatore dell'Arkansas Tom Cotton ha annunciato il 14 settembre la sua introduzione di un nuovo disegno di legge che revoca lo status di nazione più favorita permanente della Cina, tagliando i privilegi commerciali speciali del paese. Una volta rimossa la designazione della Cina, la sua idoneità al commercio con gli Stati Uniti sarà soggetta a una revisione annuale prima che possa esportare i prodotti.

L'ex presidente Bill Clinton ha firmato la legge sulle relazioni tra Stati Uniti e Cina del 2000, il primo passo verso la Cina che è stata nominata nazione favorita. Un anno dopo, l'ex presidente George W. Bush firmò una proclamazione che rendeva la Cina un partner permanente per le normali relazioni commerciali (PNTR). La proclamazione, entrata in vigore il 1 gennaio 2002, è stato il "passo finale" che ha accolto la Cina in un sistema commerciale globale e ha normalizzato le relazioni commerciali tra i due paesi - secondo una dichiarazione della Casa Bianca del 2001 .

Il senatore dell'Arkansas ha affermato che porre fine allo status di nazione favorita della Cina farebbe pressioni sul Partito Comunista Cinese (PCC) a sostenere "i propri obblighi commerciali" e "i diritti dei propri cittadini.

Il presidente Donald Trump ha detto lo scorso maggio come la Cina "abbia derubato gli Stati Uniti" in più di un modo: dall'assumere posti di lavoro nella produzione americana e il furto di proprietà intellettuale alla violazione dei suoi impegni con l' Organizzazione mondiale del commercio . Tuttavia, ha riconosciuto che la Cina è stata in grado di "farla franca con un furto come nessun altro" a causa dei politici e dei presidenti del passato che erano stati compiacenti con esso".

 


 

Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.

Verso il caos

Ritratto di Mike57

I semi sono stati piantati per la prossima guerra civile americana.

 

"Gli Stati Uniti sono in una guerra civile. L'indignazione dei Democratici ogni giorno non è dovuta a Donald Trump, no è rivolta a noi, l'uomo comune, il Deplorabile, la Feccia della Società. Ci odiano e tutto ciò che rappresentiamo. Disprezzano il fatto che non ci inchineremo. Non c'è modo per migliorare la situazione politica negli Stati Uniti.

Non siamo più un paese e non lo siamo più da tempo. Gli Stati Uniti, almeno nel modo in cui l'avevano immaginato i padri fondatori, non ci sono più. I democratici comunisti e i repubblicani dello stato profondo in questo paese ci considerano i loro inferiori. Guarda le loro azioni. Il punto di compromesso è passato. Non scendi a compromessi con persone che ti augurano la morte e pensano che il mondo sarebbe migliore senza te e il tuo modo di pensare.

I nostri Padri Fondatori erano disposti a morire per i diritti sanciti nella Dichiarazione che hanno elaborato e firmato a loro rischio e pericolo. Il loro documento proclamava coraggiosamente il nostro diritto a vivere in libertà, la libertà di essere protetti, non minacciati, dal governo del governo. I diritti e le libertà fondamentali enumerati nella Dichiarazione di indipendenza includevano il diritto alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità. Credo che sia tempo per noi di impegnare le nostre vite, fortune e sacro onore, per fornire un futuro migliore alle generazioni a venire.

Questo Paese è finito! Ciò che lo sostituisce dipende da noi. I semi sono stati piantati per la prossima guerra civile americana. Il secondo farà sembrare il primo una partita di spintoni del liceo. Scegli la tua parte. Scegliere saggiamente. Preparati per la guerra più brutale che questo mondo abbia mai visto. Sta arrivando. Non credo che niente lo fermi adesso. Speriamo di poter sistemare le cose se vinciamo, o almeno moriamo provandoci.

 

In conclusione, penso che esista una domanda inquietante che ogni persona capace di pensiero razionale deve porsi. Che tipo di paese stiamo lasciando ai nostri figli e nipoti? Cosa dirai quando ti chiederanno cosa hai fatto TU per fermare la tirannia e la distruzione della nostra Repubblica Costituzionale?"

link https://ncrenegade.com/editorial/the-seeds-have-been-planted-for-the-next-amerihttps://ncrenegade.com/wp-content/uploads/2020/03/mytime1-300x300.jpg 300w, https://ncrenegade.com/wp-content/uploads/2020/03/mytime1-150x150.jpg 150w, https://ncrenegade.com/wp-content/uploads/2020/03/mytime1-768x768.jpg 768w" width="657" />

                        vorrei che non fosse necessario che accadesse ai miei tempi


 

Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.

Stop censura

Ritratto di Mike57

DOJ: Ecco il nostro piano per ritenere le piattaforme online responsabili di censura

Mercoledì il Dipartimento di Giustizia ha proposto modifiche alla Sezione 230 del Communications Decency Act per combattere la censura.

Il presidente Trump ha affermato in una discussione alla Casa Bianca che "un piccolo gruppo di potenti piattaforme tecnologiche ha rafforzato la presa sul commercio e sulle comunicazioni in America".

"Hanno usato questo potere per impegnarsi in pratiche commerciali senza scrupoli e allo stesso tempo dichiarare guerra alla libera impresa e alla libertà di espressione", ha detto.

"Alcune piattaforme sfruttano il loro potere, acquisiscono ingenti somme di dati personali senza consenso o modificano i loro termini di servizio per costringere, fuorviare o frodare".

Il procuratore generale William Barr ha detto che il DOJ aveva inoltrato al Congresso una proposta di legge per riformare la Sezione 230.

"E quella legislazione affronta le preoccupazioni sulla censura online richiedendo maggiore trasparenza e responsabilità quando le piattaforme rimuovono il discorso legale", ha affermato.

"Le piattaforme online svolgono un ruolo fondamentale nella nostra società. Quasi tutti ora si affidano a piattaforme per - su base giornaliera - per comunicare, condividere informazioni private, acquistare beni, ricevere notizie e informazioni. E siamo cresciuti fino a dipendere da questo e, necessariamente, abbiamo dovuto riporre la nostra fiducia in queste piattaforme ".

Ma Barr ha affermato che le piattaforme "possono abusare di quelle posizioni di fiducia, sia decidendo quali voci amplificheranno e quali strozzeranno, sia monitorando e raccogliendo in modo improprio i dati degli utenti e persino facilitando l'attività criminale".

Le modifiche proposte sostituirebbero "il linguaggio vago e generico" altrimenti discutibile "... con" illegale "e" promuove il terrorismo "", ha spiegato il DOJ.

Il vice procuratore generale Jeffrey Rosen ha affermato che la proposta del dipartimento è un passo importante nella riforma della Sezione 230 "per promuovere il suo obiettivo originale: fornire protezione dalla responsabilità per incoraggiare un buon comportamento online".

La censura in malafede si tradurrebbe in una porta aperta a rivendicazioni civili contro le piattaforme online, ha spiegato la presentazione.

Le proposte arrivano solo pochi mesi dopo che il presidente ha emesso un ordine esecutivo per combattere quella che ha definito la censura ingiusta delle voci conservatrici online.

 

L'ordine ha affermato che Twitter, Facebook, Instagram e YouTube hanno un enorme potere nel plasmare l'interpretazione degli eventi pubblici e si stanno "impegnando in una censura selettiva che sta danneggiando il nostro discorso nazionale".

link https://trump.news/2020-09-24-doj-plan-to-hold-online-platforms-accountable.html

 


 

Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.

Probabile TIMELINE - 20 settembre - 2 novembre

Ritratto di Mike57

"Caos pre-elettorale: 20 settembre - 2 novembre

  • Gli insurrezionalisti continueranno ad aumentare le loro rivolte, ricorrendo ad attacchi sempre più violenti e intensificati alle forze dell'ordine, edifici federali.
  • Questi attacchi avranno luogo quasi esclusivamente nelle città blu, nelle contee blu, negli stati blu. Questo perché i Democratici consentono e addirittura incoraggiano queste rivolte, mentre i Repubblicani tendono a bloccarle con l'azione della polizia.
  • In particolare, si verificherà una nuova ondata di rivolte e violenze a causa della morte di Ruth Bader Ginsburg.
  • È importante sottolineare che il presidente Trump non intraprenderà un'azione aggressiva delle forze dell'ordine contro le rivolte terroristiche prima delle elezioni . Le regole di ingaggio con i rivoltosi continueranno a essere relativamente passive, consentendo ai rivoltosi di intensificare le loro tattiche senza una gran risposta da parte delle forze dell'ordine federali. Tutto questo cambierà dopo le elezioni, ma fino ad allora l'America dovrà sopportare più di 40 giorni di caos.

Giorno delle elezioni

  • Il giorno delle elezioni, Big Tech attiverà una censura diffusa di quasi tutti i canali conservatori, escludendoli dalla pubblicazione. Chiunque si schieri a favore di Trump sarà immediatamente bandito.
  • I media corporativi illumineranno la nazione, dichiarando che Trump non sta vincendo anche quando lo è. Qualsiasi risultato che dimostri che Trump ha vinto in maniera schiacciante sarà liquidato come disinformazione "anticipata".
  • All'inizio delle elezioni, i media di sinistra falsificheranno gli exit poll per provare a stabilire che Biden sta vincendo. In questo modo, quando i Democratici falsificheranno le schede elettorali, i risultati elettorali rubati corrisponderanno a tutti gli exit poll e i media rivendicheranno tutti i controlli.
  • Entro la fine della giornata, Trump otterrà una vittoria elettorale, ma molti stati altalenanti come il Michigan e la Pennsylvania ritarderanno deliberatamente la comunicazione dei loro risultati, sostenendo che le votazioni per corrispondenza richiederanno "settimane" per essere contate, quindi si rifiuteranno per segnalare ufficialmente qualsiasi vittoria per Trump.
  • Nota: coprirò gli eventi del giorno delle elezioni LIVE, in tempo reale sulla mia piattaforma di social media Brighteon.social, dove puoi seguirmi su: https://brighteon.social/@HealthRanger

Azione post-elettorale immediata

  • Immediatamente dopo le elezioni, i democratici probabilmente attiveranno la loro agenda  per gettare il paese nel caos, rendendo quasi impossibile un conteggio accurato dei voti rimanenti. Questo probabilmente inizierà con i cosiddetti attacchi "Zero Day" che prendono di mira le principali infrastrutture statunitensi, tra cui la rete elettrica, le telecomunicazioni, i trasporti e le forniture idriche.
  • Questi attacchi faranno precipitare molte aree dell'America in un caos estremo e porteranno a scenari di crisi esplosivi che degenereranno rapidamente nel panico tra le popolazioni di alcune città in cui si concentrano gli attacchi.
  • Di concerto con gli attacchi Zero Day, gli insurrezionalisti di sinistra riceveranno il segnale di "via" per invadere le strade, attaccando violentemente i sostenitori di Trump.
  • Entro pochi giorni, molte strade americane diventeranno zone di guerra attive in piena regola. Ciò costringerà rapidamente Trump a invocare l'Insurrection Act, che farà, attivando le risorse militari che ha pre-posizionato in 50 città statunitensi, sotto la copertura dell '"Operazione Warp Speed" (il programma di vaccinazione).
  • Da qui, il coprifuoco verrà emanato in molte città e il personale militare riprenderà rapidamente il controllo delle strade. Ciò spingerà le forze di sinistra in modalità di guerriglia, che continuerà fino a gennaio.
  • (prima parte)

link https://www.naturalnews.com/2020-09-20-timeline-of-events-sep-20-to-jan-20.html


 

Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.

Probabile TIMELINE - novembre - dicembre - gennaio

Ritratto di Mike57

Caos post-elettorale: novembre, dicembre, gennaio

  • Prevediamo che diversi stati governati dai Democratici si rifiutino categoricamente di certificare i risultati a favore di Trump, non importa quanto tempo ci vorrà. 
  • Durante questo periodo, le battaglie legali infurieranno a livello locale in tutta la nazione, con il team legale di Trump che tenterà di annullare i voti fraudolenti.
  • La possibilità di una maggiore tensione con la Cina, forse tramite una guerra per procura che coinvolge Taiwan, è aumentata durante questo periodo.
  • Prevediamo che il voto del Senato degli Stati Uniti confermi una nuova giustizia della Corte Suprema abbastanza rapidamente dopo le elezioni, molto probabilmente Amy Barrett.
  • Durante questo periodo, vediamo un ruolo molto forte per i gruppi di milizia a livello nazionale nella protezione delle aree locali - e forse anche della Casa Bianca - dai tentativi di sinistra di invadere e prendere il controllo con la forza. 
  • È importante sottolineare che la nuova giustizia SCOTUS presterà giuramento durante questo periodo, garantendo ai conservatori una maggioranza di 6-3 (tecnicamente, solo una maggioranza di 5-4 poiché Roberts è un traditore compromesso e ricattato che ora vota contro i principi conservatori). Questo sarà fondamentale in quanto sembra probabile che una o più decisioni dei tribunali locali che implicano voti per corrispondenza finiranno nelle mani di SCOTUS in appello di emergenza e la sentenza del tribunale sarà fondamentale per decidere l'esito accettato delle elezioni.
  • Alla fine, attualmente diamo a Trump il 70% di possibilità di ottenere la vittoria dopo che tutto è stato detto e fatto, il che è un miglioramento significativo rispetto a dove si trovava nell'aprile di quest'anno, nei primi giorni della pandemia di coronavirus. La probabilità del 30% di Biden deriva dal livello di organizzazione estrema di raccolta di schede elettorali illegali, frode degli elettori e contraffazione di schede elettorale che viene effettuata dalla sinistra senza legge, insieme alla censura coordinata di quasi tutte le voci pro-Trump sui social media e sulle piattaforme Big Tech .
  • Le truppe militari statunitensi manterranno una forte presenza nelle strade delle città di sinistra (che è quasi tutte le grandi città) al fine di mantenere la legge e l'ordine. Ad alcune persone l'America comincerà ad apparire come uno stato di guerra sotto la legge marziale, ma in realtà la maggior parte dei conservatori accoglierà con favore la presenza delle truppe, vista l'estrema violenza della sinistra radicale. Aspettatevi di vedere posti di blocco sulle strade militari dentro e intorno a molte città degli Stati Uniti.
  • Aspettatevi continue carenze di cibo, prodotti e beni di consumo durante questo periodo. Con i guasti alle infrastrutture sempre più frequenti.
  • L'economia nazionale continuerà a sgretolarsi durante tutto questo, con un forte aumento della disoccupazione e dei senzatetto.
  • Insieme a questo, ci aspettiamo un forte aumento della criminalità locale poiché le persone un tempo educate diventano disperate e iniziano a saccheggiare e rubare per nutrire se stesse e le loro famiglie. I crimini di disperazione saliranno alle stelle.

(seconda parte)

link https://www.naturalnews.com/2020-09-20-timeline-of-events-sep-20-to-jan-20.html


 

Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.

Previsioni

Ritratto di Dusty

Ciao Mike,

con che logica sono fatte queste previsioni?

E se non avverrà tutto ciò, faranno finta di niente?

realta dei fatti

Ritratto di Mike57

Dusty ha scritto:

Ciao Mike,

con che logica sono fatte queste previsioni?

E se non avverrà tutto ciò, faranno finta di niente?

Ciao, le previsioni sono elaborate sugli eventi che si stanno delineando e accadendo. Se ci si concentra sul fatto che Trump non deve essere rieletto a qualsiasi prezzo allora la 'timeline' ha delle alte probabilità che si verifichi. 

Per restare in tema, Trump ha nominato, per la Corte Suprema, Amy Coney Barrett giudice d'appello della corte federale di South Bend, Indiana. Dovrebbe sostituire la Ginsburg, deceduta nei giorni scorsi.


 

Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.

Magari...

Ritratto di Gianluca Freda

Probabile TIMELINE - 20 settembre - 2 novembre

 

Purtroppo temo si tratti di pie illusioni.

Sarebbe un sogno vedere gli Stati Uniti in preda al caos, soprattutto in un momento in cui la situazione geopolitica è tale che una simile guerra civile farebbe loro perdere il controllo di gran parte delle aree soggette al loro influsso, Europa compresa.

Ahimé, le elite americane non sono stupide e, per quanto divise in fazioni l'una contro l'altra armate, riescono sempre a trovare un saggio accordo per mantenere la supremazia nazionale sulle zone d'influenza.

Quindi alla fine raggiungeranno un'intesa, su Trump, su Biden o su qualcun altro, con o senza qualche assassinio politico eccellente, per poi riprendere la guerra sotterranea senza danneggiare la posizione geopolitica americana. E' ciò che è sempre successo in situazioni come questa, è ciò che succederà ancora.

Lentamente, però, la supremazia politica, militare e finanziaria globale statunitense si sta sfilacciando, lasciando aperte ampie falle per un possibile futuro intervento, e questo naturalmente è motivo di speranza.  

 

Se ci si concentra sul fatto che Trump non deve essere rieletto a qualsiasi prezzo

Questo è, a mio avviso, un punto di partenza totalmente sbagliato. La realtà dei fatti mi sembra esattamente opposta, e cioè che i media stiano facendo di tutto per scatenare l'odio degli elettori verso i Dem (presentati come sostenitori delle rivolte di BLM e come antiamericani: Biden è arrivato a dare pubblicamente degli "stupidi bastardi" ai militari a cui si stava rivolgendo in un comizio) e per trasformare Trump in un simbolo globale della presunta "superiore moralità" americana, che in un momento d'incertezza geopolitica come questo farebbe molto comodo a livello internazionale, per motivi credo fin troppo ovvii perché si debba spiegarli. 

I have a dream

Ritratto di Mike57

Gianluca Freda ha scritto:

Sarebbe un sogno vedere gli Stati Uniti in preda al caos, soprattutto in un momento in cui la situazione geopolitica è tale che una simile guerra civile farebbe loro perdere il controllo di gran parte delle aree soggette al loro influsso, Europa compresa.

Preferisci l'influenza di coloro che ci hanno letteralmente imprigionati da inizio anno? Quelli che hanno deciso di distruggere la nazione Italia? Quelli che stanno mortificando i nostri figli nelle scuole? Quelli... ecc. ecc.?


 

 

Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.

E' questione di capire, non di "preferire"

Ritratto di Gianluca Freda

 

Preferisci l'influenza di coloro che ci hanno letteralmente imprigionati da inizio anno? Quelli che hanno deciso di distruggere la nazione Italia? Quelli che stanno mortificando i nostri figli nelle scuole? Quelli... ecc. ecc.?

 

E chi sarebbero se non gli Stati Uniti?

Io vedo sempre i loro interessi dietro ciò che sta accadendo. Mi spiace ma la pantomima "Trump contro Biden" (americani buoni contro americani cattivi) l'ho già vista e non m'incanta. L'unico americano buono è l'americano morto.

Le due immagini qui in alto mi sembrano piuttosto esemplificative del livello di imbecillità che si è raggiunto nell'opera di santificazione del presidente americano ad opera dei media della cosiddetta "controinformazione" (ormai del tutto complementari al mainstream). Continuo a preferire l'idea di una sua rielezione, perché sarà la cartina di tornasole di un conflitto perdurante tra i poteri sotterranei statunitensi, ma questo non m'impedisce di vedere chi è questo pagliaccio e qual è la sua funzione.

Tutto ciò che è accaduto da inizio anno è partito da progettazione statunitense, sia pure con ampia collaborazione da parte di altri governi.

Credo sia ormai chiaro a tutti che lo scopo della messinscena non era tanto l'asservimento progressivo delle masse, che resta solo un corollario importante - peraltro già in buona parte realizzato da molti anni - ma evitare la crescita dei tassi d'interesse, la conseguente liquefazione del dollaro e quindi l'implosione globale dell'economia. Di base, è per questo che è stato congelato tutto col pretesto del covid. Poi, ovviamente, si approfitta della situazione per mettere a punto qualche altra strategia, ma la motivazione principale è stata quella di scongiurare o procrastinare il rischio di una catastrofe finanziaria globale, che avrebbe distrutto in primis la supremazia statunitense.

Non cadiamo nella trappola narrativa che vede i malvagi cinesi dietro ciò che è avvenuto in questi mesi. Malvagi o no, i cinesi hanno collaborato a progetti altrui, avendo ancora in pancia troppi dollari americani per potersi permettere che diventassero carta straccia senza subire contraccolpi. 

Oltretutto, la penetrazione cinese in Italia è qualcosa che a noi è molto utile, perché permette di arginare la brutalità di chi veramente ci tiene sotto il suo tallone da 75 anni, vale a dire gli yankees.

Non è che "preferisco" i cinesi: è che per combattere un mostro ci vuole un altro mostro.

A proposito di ciò, sono molto d'accordo con quanto Pike ha detto altrove: quando si può infliggere un colpo al sistema, anche di modesta entità, è d'obbligo turarsi il naso e andare a votare.

Quindi penso che alle prossime elezioni politiche, se la situazione resterà quella attuale (e ovviamente se ci verrà ancora permesso di tenere delle elezioni politiche), interromperò la mia ormai quindicennale astensione dal voto e regalerò la mia bella crocetta, pulita pulita, al Movimento 5 Stelle.

Sono i peggiori traditori e scarafaggi che l'Italia abbia mai visto, si stanno vendendo ai cinesi in massa, come le vacche al mercato.

Proprio per questo, in questa fase, possono tornare straordinariamente utili.  

la trappola narrativa

Ritratto di Mike57

Gianluca Freda ha scritto:

Non cadiamo nella trappola narrativa che vede i malvagi cinesi dietro ciò che è avvenuto in questi mesi. Malvagi o no, i cinesi hanno collaborato a progetti altrui, avendo ancora in pancia troppi dollari americani per potersi permettere che diventassero carta straccia senza subire contraccolpi.  

Se guardi come è organizzata la societa/dittatura cinese e guardi che strada sta percorrendo la nostra di societa, parlo dell'Italia, ti accorgi che la stiamo imitando in tutto, ci stanno obbligando ad imitarla. Non credo che sia una narrativa.

Per quanto riguarda il debito pubblico americano in mano alla Cina, ricordati dell'accusa fatta da Trump alla Cina qualche giorno fa alla riunione dell'Onu per la pandemia. Accusa che si sta trasformando in una richiesta danni per il crollo economico subito. Che la Cina sia disposta a risarcire oppure che non lo sia conta poco. "Io stato ti devo dei soldi sotto forma di Bond e siccome te mi devi risarcire per il danno da me subito, non ti do piu un bel niente". Semplice.

Per il resto di quello che hai scritto è un tuo punto di vista, ma forse escludi che quello che sta succedendo negli U.S.A. sia tutto vero. 


 

Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.

Dalla Cina con furore

Ritratto di Gianluca Freda

Se guardi come è organizzata la societa/dittatura cinese e guardi che strada sta percorrendo la nostra di societa, parlo dell'Italia, ti accorgi che la stiamo imitando in tutto, ci stanno obbligando ad imitarla. Non credo che sia una narrativa.

 

A me sembra che siamo organizzati come i nostri padroni (statunitensi) ci vogliono.

La Cina è organizzata come lo è da millenni: con un popolo abituato a rispettare la propria subalternità rispetto ad un'elite con poteri assoluti. E' una situazione che ha radici culturali e religiose, molto prima che politiche o ideologiche, e che è una sciocchezza ritenere esportabile altrove, un po' come lo è l'esportazione della democrazia. Chi pensa che la Cina abbia voglia di venire qui a esportare il suo "modello", semplicemente non ha idea di cosa sia la Cina. E chi pensa che l'Europa accetterebbe il "modello" cinese, forse non ha idea neanche di che cosa sia l'Europa.

Per sottomettere l'Europa ci vogliono strategie di manipolazione di massa di stampo occidentale, quelle già rodate da decenni dall'apparato militar/industriale/mediatico statunitense. Tutte le narrative costruite tramite i media in questi mesi/anni vengono palesemente da Hollywood, non da Pechino. Compresa l'antichissima, e del tutto assurda, contrapposizione tra Bene e Male (Trump vs. Biden), che non esiste né in natura né tantomeno in politica, che gli zoroastristi inventarono 2600 anni fa e che Hollywood utilizza da 100 anni per rincoglionire la gente, impedendole di capire come davvero funzionino le cose.   

I cinesi un'idea di che cosa sia l'Europa, non essendo stupidi, ce l'hanno, e molto precisa: una zona da conquistare commercialmente, non da sottomettere politicamente, cosa che sarebbe controproducente e pressoché impossibile. Solo nella fantasia di certi "controinformatori" prezzolati i cinesi si comportano come gli americani, occupando ciò che trovano e imponendo agli altri i loro "modelli".

Siamo a un punto tale di lavaggio del cervello che la gente è ostile ad una nazione che, finora, non ci ha mai rotto i coglioni in casa nostra (mentre gli occidentali hanno rotto i coglioni a lei per oltre un secolo e mezzo); e per combattere chi non le ha fatto niente, si affida, santificandola, ad una nazione che ci opprime da 75 anni.  

Roba da pazzi furiosi.

E poi, lo posso dire? Dovendo per forza scegliere un padrone di merda, come extrema ratio, preferirei averne uno che, oltre alla dittatura, garantisse ai suoi sottoposti anche la crescita economica e una qualche rilevanza geopolitica. Gli Stati Uniti, da almeno 50 anni, non garantiscono più altro ai loro sguatteri che sopraffazione militare, politica, economica e culturale.

lavaggio di cervello

Ritratto di Mike57

Gianluca Freda ha scritto:

La Cina è organizzata come lo è da millenni: con un popolo abituato a rispettare la propria subalternità rispetto ad un'elite con poteri assoluti. E' una situazione che ha radici culturali e religiose, molto prima che politiche o ideologiche, e che è una sciocchezza ritenere esportabile altrove, un po' come lo è l'esportazione della democrazia.

Con Mao la Cina ha cominciato a percorrere una strada diversa, rinnegando le sue radici culturali. 

Siamo a un punto tale di lavaggio del cervello che la gente è ostile ad una nazione che, finora, non ci ha mai rotto i coglioni in casa nostra (mentre gli occidentali hanno rotto i coglioni a lei per oltre un secolo e mezzo); e per combattere chi non le ha fatto niente, si affida, santificandola, ad una nazione che ci opprime da 75 anni.  

Probabilmente il lavaggio di cui parli lo hanno subito coloro che sono convinti che nulla e nessuno puo cambiare lo stato delle cose, coloro che parlano per pregiudizi preconfezionati. 

Il mondo sta cambiando.


 

Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.

Noia

Ritratto di Gianluca Freda

Il mondo sta cambiando.

 
Sì, ma io vedo sempre gli stessi trucchetti stramarci, triti e ritriti.
Il Bene contro il Male. 
I presidenti buoni contro i presidenti cattivi (e noi possiamo salvare il mondo mettendo una crocetta sui buoni, bella nitida).
L'America virtuosa contro il malvagio Fu Manchu. 
Flash Gordon contro lo spietato imperatore Ming.
Noi americani facciamo cose orribili, sì, ma abbiamo anche taaaaante sfaccettature, taaanti aspetti di complessità.
Sono gli altri che possono essere soltanto buoni o cattivi.
Vedo da 55 anni questi mostri usare SEMPRE questa narrativa idiota, sempre la stessa.
E vedo la gente che si fa fregare sempre, tutte le volte, come se non fosse mai caduta prima negli stessi tranelli.
E' vero, il mondo sta cambiando. 
Lo fa da quando esiste, senza mai fermarsi. 
E' la gente che rimane sempre la stessa.

noia vs paranoia

Ritratto di Mike57

Gianluca Freda ha scritto:

L'America virtuosa contro il malvagio Fu Manchu. 
Flash Gordon contro lo spietato imperatore Ming.
Noi americani facciamo cose orribili, sì, ma abbiamo anche taaaaante sfaccettature, taaanti aspetti di complessità.

Si sta entrando nel campo della presa per i fondelli, per me la chiudo qui.


 

Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.

verso l'Insurrection act

Ritratto di Mike57

" ...sono emerse notizie che confermano che i funzionari dell'intelligence federale degli Stati Uniti hanno, per mesi, identificato silenziosamente i partecipanti e i leader delle organizzazioni terroristiche sia Antifa che BLM, inclusi ricchi donatori che finanziano queste operazioni.

Si scopre che il DHS ( Department of Homeland Security) ha utilizzato un sofisticato hardware di "clonazione" per impersonare i telefoni degli estremisti di Antifa e BLM al fine di intercettare le loro telefonate e messaggi. Attraverso questa tecnologia, hanno assemblato una struttura organizzativa completa e una mappa gerarchica dei leader coinvolti nelle odierne operazioni terroristiche di sinistra. Ancora più importante, queste informazioni vengono preparate per una rimozione a livello nazionale di insurrezionalisti illegali una volta attivato l'Insurrection Act.

Un'ulteriore conferma di tutto ciò è emersa dalle stesse parole di Trump, pronunciate solo due giorni fa, quando ha promesso di designare gli Antifa come "organizzazioni terroristiche".

La designazione ufficiale di Antifa come organizzazione terroristica libererà risorse delle forze dell'ordine federali per condurre arresti di massa in Oregon, Washington, California e New York, tra gli altri stati. L'intera leadership Antifa verrà abbattuta molto rapidamente, rimuovendo dalle menti golpiste di sinistra le loro "truppe militanti" che sperano realizzeranno la loro rivoluzione colorata contro l'America.

La designazione di Antifa come organizzazione terroristica intrappolerà anche tutte quelle società statunitensi che hanno donato denaro ad Antifa negli ultimi quattro anni. Quelle corporazioni si ritroveranno improvvisamente colpevoli di finanziare operazioni di terrorismo interno e saranno soggette ad arresto e sequestro di beni. (Non ho dubbi che gran parte del finanziamento verrà fatto risalire alla Big Tech.) È così che Trump combatte contro i giganti aziendali  che finanziano attività di insurrezione illegali per cercare di rovesciare gli Stati Uniti".

link https://trump.news/2020-09-27-federal-officials-cloned-phones-antifa-leaders-organization-mapped.html#

 


 

Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.

Urrà

Ritratto di Gianluca Freda

La designazione ufficiale di Antifa come organizzazione terroristica libererà risorse delle forze dell'ordine federali per condurre arresti di massa in Oregon, Washington, California e New York, tra gli altri stati. L'intera leadership Antifa verrà abbattuta molto rapidamente, rimuovendo dalle menti golpiste di sinistra le loro "truppe militanti" che sperano realizzeranno la loro rivoluzione colorata contro l'America.

 

E se lo dice il sito Trump.news nel bel mezzo di una campagna elettorale, noi tutti intoniamo un peana di "urrà" per il nostro eroe... 

un aiutino puo esserti utile

Ritratto di Mike57

Gianluca Freda ha scritto:

E se lo dice il sito Trump.news nel bel mezzo di una campagna elettorale, noi tutti intoniamo un peana di "urrà" per il nostro eroe... 

La sinistra sta preparando il terreno per un colpo di stato se Trump vince?

Byron York, Washington Examiner, discute quattro scenari per le elezioni del 20202 che il Transition Integrity Project ha ideato.

link https://www.foxnews.com/politics/byron-york-transition-integrity-group-2020-election

Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.

1° round Trump vs Biden

Ritratto di Mike57


 

Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.

Siamo all'ABC

Ritratto di Gianluca Freda

Una delle cose che faccio più fatica a far capire ai miei studenti, è che un capo di stato non è mai soggetto di decisioni da intraprendere, ma sempre effetto di decisioni già prese.

Dire che "Hitler decise l'invasione della Polonia" (o addirittura, con metonimia ridicola ma rivelatrice, che "Hitler invase la Polonia", come se lo avesse fatto lui da solo e di persona) è un'assurda scempiaggine: l'invasione della Polonia fu l'effetto di un agglomerato di interessi finanziari, politici, militari, di cui Hitler era solo un terminale, non necessariamente dotato di discrezionalità sulle direttive da intraprendere.

Questo concetto, che può essere ostico per un sedicenne condizionato fin da bambino dall'impostazione stereotipa della narrativa hollywoodiana (la quale "personalizza" e quindi banalizza tutto per impedire alle masse di comprendere i meccanismi reali della storia), dovrebbe essere un po' più ovvio per i soggetti adulti. Costoro, avendo un po' di esperienza di vita in più, sanno bene che la scelta di un dirigente di qualsiasi settore d'impresa non è fatta per consentirgli di spadroneggiare senza limiti, ma con la prospettiva di cercare in lui una rispondenza specifica alle esigenze che un'azienda si trova ad affrontare in particolari contingenze di mercato.

La stessa cosa vale, ovviamente, per i presidenti americani: la loro elezione è sempre UN EFFETTO di accordi già stipulati, di progetti già concordati, di deliberazioni su cui i principali interessi fondanti di un determinato sistema di potere hanno trovato un accordo di massima. Le loro caratteristiche devono essere rese rispondenti alle necessità che la situazione geopolitica del momento richiede di affrontare. Il loro potere decisionale è minimo o nullo: minimo, quando il soggetto in questione abbia già alle spalle un'esperienza politica di lunga durata, che gli abbia consentito di intessere legami con ambienti di alto livello e dunque di procurarsi una sia pur limitata autonomia di manovra; nullo, come nel caso dei due candidati attualmente in lizza per la carica presidenziale, quando la permanenza al potere sia stata molto breve e l'intelligenza politica appaia assai poco brillante.

In un momento di estrema incertezza internazionale come quello presente, la scelta del soggetto che dovrà fare da terminale comune agli interessi in conflitto sottostanti, dovrà essere compiuta con ancor maggiore attenzione. L'elezione dell'uno o dell'altro presidente americano, con o senza colpo di stato, sarà soltanto una cartina di tornasole per cercare di decifrare ciò che sta accadendo negli ambienti nascosti del cosiddetto "Deep State". Se sarà eletto Trump, egli sarà probabilmente indice di un conflitto perdurante tra le elite, che spinge, nell'incertezza dello scontro, a ricercare un curatore "flessibile" (perché politicamente inetto), dunque adatto a qualunque esito; nonché a conservare l'unità con gli alleati tramite il ricorso ad una figura resa simbolica e moralmente stimata grazie alla propaganda martellante dei media digitali. Se invece sarà eletto Biden, vorrà dire che la lotta tra le elite è giunta ad una tregua, che si è pervenuti ad un accordo temporaneo in grado di conferire al sistema una certa stabilità, e che ci si può dunque permettere di assumere come curatore un personaggio politicamente un po' meno inetto di Trump, ma del tutto privo di carisma e di attrattiva mediatica.

In questo senso, la mia speranza è nella riconferma di Trump, la quale sarebbe il segnale che lo sfilacciarsi del potere geopolitico americano continua incessante, aprendo interessanti prospettive rivoluzionarie.

Basta però capire che entrambe le figure non saranno l'inizio di un bel niente, né nel bene, né nel male, ma solo l'eco di superficie di sommovimenti già verificatisi nello Stato Profondo. Tutto il resto è pura propaganda mediatica e dovremmo essere ormai abbastanza scafati da ignorarla e deriderla per la sua trivialità.

Anche se devo notare, piuttosto tristemente, che la narrativa dicotomica (secondo cui bisogna per forza scegliere tra due elementi, Bene o Male, Inter o Milan, Trump o Biden...), dato il condizionamento mentale che ce la impone fin dalla nascita, produce ancora moltissime vittime.

la squola e finita

Ritratto di Mike57

Gianluca Freda ha scritto:

Una delle cose che faccio più fatica a far capire ai miei studenti...

Amico ti ricordo che qui non siamo a scuola e le opinioni che uno si fa o interpreta su cio che sta accadendo nel mondo sono personali. Partendo dal fatto che te nella vita "insegni" come hai volutamente sottolineato, non fa di te e delle tue opinioni delle verita assolute. Continuare ad insistere sul fatto che te hai capito tutto e gli altri sono degli allocchi, non porta nessun contributo nel far capire dove si sta avviando l'Umanita. Ti posso postare decine di articoli di "opinionisti" italiani che sono convinti che quella che te chiami una farsa messa in atto per degli spettatori idioti, farsa non é.

Cerchiamo di scendere dal piedistallo.


 

Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.

La squola non finisce mai

Ritratto di Gianluca Freda

Ti posso postare decine di articoli di "opinionisti" italiani che sono convinti che quella che te chiami una farsa messa in atto per degli spettatori idioti, farsa non é.

 

Direi che il tuo problema è esattamente questo. Più che citare opinionisti, cosa che fai abbastanza spesso, ogni tanto dovresti provare a ragionare in prima persona sulle cose, per provare a capire se realmente ciò che riporti ha una parvenza di senso. Interessa ciò che pensi tu e perché lo pensi, non ciò che pensano gli "opinionisti".

diamoci un taglio

Ritratto di Mike57

Gianluca Freda ha scritto:

Direi che il tuo problema è esattamente questo. Più che citare opinionisti, cosa che fai abbastanza spesso, ogni tanto dovresti provare a ragionare in prima persona sulle cose, per provare a capire se realmente ciò che riporti ha una parvenza di senso. Interessa ciò che pensi tu e perché lo pensi, non ciò che pensano gli "opinionisti".

Caro "preside" se posto articoli di giornalisti americani è perche vivendo loro negli U.S.A. sicuramente ne sanno piu di me e di te, questo mi sembra ovvio. Se posto determinati articoli è chiaro che li trovo coerenti con il mio di pensiero, anche questo è ovvio. Cio che non è ovvio è il tuo accanimento paranoico nel voler fare accettare a tutti i costi il tuo di pensiero.

Mi sorge il dubbio che la tua frustrazione scolastica, nel senso che gli alunni di cui hai parlato hanno una opinione molto dubbia di te, la vuoi scaricare in rete.

Ti rinnovo l'invito, chiudiamola qui, e ognuno per la sua strada.


 

Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.

...!

Ritratto di Gianluca Freda

se posto articoli di giornalisti americani è perche vivendo loro negli U.S.A. sicuramente ne sanno piu di me e di te, questo mi sembra ovvio.

 

Come dire che Mentana o la Gruber, vivendo in Italia, sono sicuramente esperti della situazione italiana e tutto ciò che dicono va preso per pepite d'oro.

Chiudiamola pure qui, ma queste cose non si possono sentire.

N.B.: La mia frustrazione deriva più spesso dai frequentatori della rete che dai miei alunni, la cui ingenuità è, data l'età, ancora giustificabile.

cavalli di troia e figli

Ritratto di Mike57

Cicerone ancora una volta è comparso davanti al Senato:

"Erano presenti Crasso, Cesare e Pompeo. Si voltò e li guardò, ma i loro volti erano chiusi contro di lui. Il suo sorriso era triste mentre diceva loro: "Avete avuto successo contro di me. Ha poi detto al Senato: "Per il lavoro di questa giornata, signori, avete incoraggiato il tradimento e avete aperto le porte della prigione per liberare i traditori. Una nazione può sopravvivere ai suoi sciocchi, e anche agli ambiziosi. Ma non può sopravvivere al tradimento dall'interno. Un nemico alle porte è meno formidabile, perché è conosciuto e porta i suoi vessilli apertamente contro la città.Ma il traditore si muove liberamente tra coloro che sono dentro i cancelli, i suoi bisbigli furtivi frusciano per tutti i vicoli, uditi nelle stesse sale del governo stesso. Il traditore non sembra traditore; parla con accenti familiari alle sue vittime, e indossa la loro faccia e le loro vesti, e fa appello alla bassezza che giace nel profondo del cuore di tutti gli uomini. Fa marcire l'anima di una nazione; lavora segretamente e sconosciuto nella notte per minare i pilastri di una città; infetta il corpo politico in modo che non possa più resistere. Un assassino è meno da temere. Il traditore è il portatore della peste ".

 


L'importanza della Corte Suprema degli Stati Uniti e la nomina della Barrettt al posto della Ginsburg:

articolo originale https://www.unz.com/ishamir/trump-did-not-flinch/

articolo tradotto https://comedonchisciotte.org/

 


 

Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.

guerra Armenia - Azerbaigian

Ritratto di Mike57

Gli scontri tra Amenia e Azerbaigian stanno degenerando.

Le origini del conflitto

ll conflitto nella regione è scoppiato nel 1988, quando la regione autonoma del Nagorno-Karabakh ha dichiarato l'uscita dalla Repubblica Socialista Sovietica dell'Azerbaigian.

La situazione è peggiorata nell'aprile 2016. Il ministero della Difesa azero aveva segnalato tra l'altro attacchi da parte delle forze armate dell'Armenia, mentre il dicastero militare di Yerevan aveva denunciato "azioni offensive" delle forze azere. Il 5 aprile le parti trovarono un accordo per il cessate il fuoco, ma di volta in volta si accusano a vicenda di violazioni della tregua.

https://it.euronews.com/2020/10/01/gli-scontri-tra-armeni-e-azeri-


Morti e feriti negli scontri odierni fra Armenia e Azerbaigian nel Nagorno-Karabakh, area che i due Paesi si contendono da anni. L'opinione di Sargis Ghazaryan, già ambasciatore armeno in Italia

Mentre il mondo ascoltava gli appelli del Segretario Generale Antonio Guterres e dei Capi di Stato e di Governo all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite per una moratoria globale delle operazioni belliche; mentre la Comunità Internazionale si concentra su sinergie per combattere la pandemia globale,  all’alba di domenica 27 settembre, l’Azerbaijan ha lanciato un attacco, non provocato, su larga scala lungo l’intera linea di contatto con il Nagorno-Karabakh (in armeno Artsakh) e su alcune direttrici del confine di stato con l’Armenia. L’uso combinato di forze di terra e aria, inclusi droni kamikaze e missili tattici, contro la popolazione armena e le infrastrutture civili, inclusa la capitale Stepanakert, ha causato vittime civili e decine di feriti. Sono in corso intensi combattimenti fra le forze armate azere e del Nagorno Karabakh. In Armenia e in Nagorno Karabakh è iniziata la mobilitazione generale.

link https://formiche.net/2020/09/armenia-azerbaigian-sargis-ghazaryan/


Caucaso, le ragioni di un conflitto

La mattina del 27 settembre, Armenia e Azerbaijan sono tornati a confrontarsi militarmente nell’ormai trentennale conflitto per il Nagorno-Karabakh. Gli scontri, che hanno causato almeno 30 vittime, tra le quali un numero imprecisato di civili, seguono di poco i combattimenti avvenuti lo scorso luglio, facendo presagire una pericolosa spirale di violenza che richiede un intervento deciso da parte della comunità internazionale. Ben trentamila persone, peraltro, sono già morte durante la guerra in corso nella regione fin dagli Anni Novanta, quando i due Stati erano ancora repubbliche sovietiche.

Quello tra l’Armenia e l’Azerbaijan è un conflitto le cui origini risalgono all’epoca del collasso dell’Unione Sovietica: sono decenni che i due paesi litigano per la regione di confine del Nagorno-Karabakh, che a livello internazionale è riconosciuta come parte dell’Azerbaijan, ma che è sempre stata a maggioranza armena e controllata dalle forze etniche militari di Erevan. Ufficialmente la guerra iniziò nel 1991, all’indomani dello scioglimento dell’URSS, e terminò nel 1994 con un “cessate il fuoco”, ventimila vittime e un milione di sfollati, ma lungo il confine della regione i combattimenti non sono mai finiti.

 https://www.heraldo.it/2020/10/01/caucaso-le-ragioni-di-un-conflitto/

 

Armenia reporta 16 muertes y más de 100 heridos tras ...


 

Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.

solo un ripassino

Ritratto di Mike57

Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.

modesto contributo

Ritratto di Mike57

CORONAVIRUS, IL PARERE DI SERGIO RESTA, CHIRURGO ONCOLOGO

Sono chirurgo oncologo, nonché redattore dell’Enciclopedia Medica Italiana (U.T.E.T.). Correggo delle imprecisioni.
 
Ad oggi Sars-Cov2 ha determinato 370.000 morti in tutto il pianeta e non milioni. La definizione di pandemia è errata dal momento che il virus influenzale è causa di un numero di decessi che va dai 350.000 ai 650.000 ogni anno… e non se ne parla. La patologia non è devastante.
 
I casi trattati in fase iniziale in Lombardia hanno risentito di gravi incompetenze terapeutiche e totale assenza di coordinazione col MinSal (Ministero della Salute, ndr). Soggetti in chiara insufficienza respiratoria sono stati intubati o trattati con caschi CPAP e sono morti. Idrossiclorochina, immediatamente sconsigliata, si è rivelato farmaco di prima scelta nei casi iniziali e in fase mediana di sviluppo sindromico.
 
Azitromicina si associa a idrossiclorochina per la prevenzione di sovrainfezioni batteriche polmonari.
 
Pazienti con sintomatologie assolutamente svincolate da infezione Covid-19 sono stati catalogati come Covid-19+ e hanno ingrossato le fila di una casistica improbabile, risibile e assolutamente falsa. OMS ha dichiarato solo verbalmente la pandemia: non esiste documento redatto a stampa.
 
La dichiarazione è avvenuta poche ore prima del rilascio di cedole multimilionarie che i “bene informati” hanno riscosso, scommettendo sulla dichiarazione di pandemia, a oggi inesistente.
 
Il siero iperimmune dei pazienti guariti è curativo e a basso costo.
 
Le terapie ci sono e sono state rodate.
 
Le autopsie (per certo condotte anche in Cina e i cui esiti non sono stati comunicati al mondo) hanno evidenziato la trombosi dei rami polmonari, responsabili dei decessi della maggior parte dei pazienti.
 
Le comorbidità da gravi a gravissime hanno ucciso i pazienti anziani (media 80.2 anni) affetti da Sars-Cov2 in fase avanzata, come sempre avviene anche per la comune flu (influenza, ndr) stagionale.
 
Gli anziani sono stati maggiormente colpiti a seguito dello shock postvaccinale da prevenzione influenzale, vaccino somministrato a oltre 159.000 soggetti, contenente ceppi attenuati H1N1 eccezionalmente virulenti. ammesso e assolutamente non concesso che i 31.000 decessi registrati in Italia siano imputabili a Sars-Cov2 la % di mortalità sulla popolazione totale italiana è dello 0,050. Il nulla più assoluto.
 
A disposizione per dati e valutazioni statistiche aderenti ai numeri di ISS (Istituto Superiore di Sanita, ndr).
 
I cadaveri sono stati cremati per occultare le gravissime prove relative a imperizia, azioni ed omissioni gravissime intraprese nel trattamento dei pazienti deceduti.
 
Sergio Resta
 

 

Sergio Resta nasce a Roma il 13 Agosto 1957 Dopo l’acquisizione del diploma di maturità classica si laurea a 23 anni in Medicina e Chirurgia (cum laude) e all’età di 28 anni è specialista in Chirurgia Generale (cum laude) presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” e il Policlinco Universitario “Umberto I” di Roma. Redattore di oltre 100 pubblicazioni scientifiche originali a stampa e redattore presso l’Enciclopedia Medica Italiana edita da U.T.E.T. per la sezione chirurgica, il Dott. Sergio Resta svolge attività libero professionale in Italia e all’estero. Abilitazione nazionale all’assistenza medica nelle emergenze sanitarie territoriali. Coach di PNL (programmazione neurolinguistica), PNEI (psiconeuroendocrinoimmunologia).

link http://www.sanitaebenessere.it/news/coronavirus-il-parere-di-sergio-resta-chirurgo-oncologo/#comment-982


 

Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.

per non dimenticare

Ritratto di Mike57

Gianatti, il primario “disobbediente” del Papa Giovanni (Bergamo)

 

Gianatti, il primario "disobbediente" del Papa Giovanni ...

Attraverso le autopsie (vietate) ha scoperto come agisce il morbo nell’organismo: da lì le prime cure efficaci. Grazie a lui migliaia di vite sono state salvate

I camion carichi di salme che sfilavano sotto le nostre finestre li abbiamo visti tutti, come il bollettino di guerra quotidiano con la conta dei deceduti. I medici disperati, impotenti davanti a questo nuovo virus devastante si sono mossi come potevano e con i mezzi che avevano: è proprio nelle situazioni più disperate che ci sono persone alle quali si accende la famosa lampadina in testa e tra queste c’è Andrea Gianatti, direttore del dipartimento di medicina di laboratorio e dell’unità di anatomia patologica (che si occupa delle autopsie e di analisi dei tessuti) dell’ospedale Papa Giovanni.

Dottor Gianatti, partiamo dal principio: come ha affrontato i primi giorni della pandemia?

«Dopo la prima grave ondata di pazienti a febbraio, come tutti i colleghi e il personale sanitario dell’ospedale, abbiamo seguito un corso super accelerato su come gestire i casi di Covid».

Come è stato tornare in corsia?

«Non è stato semplice, ma io e il mio team, come tutti i medici dell’ospedale, abbiamo abbandonato temporaneamente la nostra disciplina per dare il nostro contributo nell’emergenza spaventosa che si era creata».

Ci spieghi che cosa è successo.

«Ci morivano i pazienti davanti agli occhi di insufficienza respiratoria e, nonostante tutti gli sforzi, i respiratori, la Cpap e i farmaci non riuscivamo a fermare questa strage. Allora ho capito che tornare alle autopsie avrebbe potuto essere l’unica via utile in qualche modo, o almeno ci volevo provare».

L’Organizzazione Mondiale della Sanità e il Ministero della Salute avevano caldamente sconsigliato di eseguire le autopsie sui corpi deceduti a causa del Covid, quindi lei è andato contro il sistema?

«Le autopsie erano state sconsigliate, perché si tratta di un’attività tra le più pericolose e rischiose tra quelle diagnostiche, soprattutto nei casi nei quali il paziente è morto a causa di una malattia infettiva, a maggior ragione ancora sconosciuta. In scienza e coscienza, ho deciso di andare contro queste direttive: ero più utile al microscopio che nei turni in terapia intensiva, quindi il 13 marzo abbiamo eseguito la prima autopsia sul nostro paziente zero e poi ne abbiamo eseguite quattro o cinque al giorno fino a fine aprile».

Scelta coraggiosa: in quanti eravate a occuparvene?

«Per non mettere a rischio i colleghi più giovani, ci siamo imbarcati in questa missione io e Aurelio Sonzogni, che è il collega con maggiore esperienza nel reparto, solo con me ha eseguito più di tremila autopsie».

Come avete scelto le salme da analizzare?

«Ci siamo concentrati sui casi più particolari, ad esempio i soggetti più giovani o le persone decedute per questioni poco chiare».

Come vi siete attrezzati? I vostri spazi erano adeguati e in sicurezza?

«La nostra sala autoptica è stata costruita come le sale operatorie ed è una rarità nel panorama ospedaliero italiano. Tra le ragioni che giustificavano il consiglio dell’Oms di non eseguire le autopsie c’era, purtroppo, il dato che in un reparto normale di anatomia patologica, come ad esempio a Seriate o a Treviglio, i locali non sono dotati di condizioni adatte, ad esempio sono privi di aerazione, in spazi piccoli; il nostro campo è sempre stato considerato ai margini, l’ultimo su cui investire. Mi faccia aggiungere che questo è molto grave e l’abbiamo imparato a nostre spese con il coronavirus».

Eravate vestiti da astronauti anche voi come abbiamo visto in Tv e sui giornali? Come era la procedura?

«Eravamo bardati anche noi e nella sala entrava solo un medico, con l’assistenza esterna tramite interfono del collega, in caso di necessità. La procedura di vestizione era abbastanza lunga e laboriosa, ma avevamo il personale di supporto. Non le nascondo che ogni volta che mi accingevo ad aprire la porta della sala provavo una certa inquietudine. Abbiamo svolto il nostro lavoro circondati da salme su salme che arrivavano, senza sapere poi dove metterle».

E poi come avete proceduto?

«Data l’alta contagiosità della malattia, abbiamo deciso di far ricorso a una tecnica mininvasiva per ridurre il rischio: prelievi su polmoni, cuore, fegato, milza e intestino, organi facilmente raggiungibili senza aver bisogno di aprire e asportarli: una sorta di carotaggi, invece che nel terreno, nel corpo. Siamo rimasti colpiti fin da subito dal coinvolgimento dei polmoni già a occhio nudo: dimensioni, colore e consistenza completamente stravolte».

Ma è al microscopio che avete scoperto la verità?

«Sì, la sorpresa c’è stata osservando i prelievi a livello microscopico: abbiamo finalmente capito il motivo di un’alterazione talmente estesa e grave, che spiegava le morti così veloci per insufficienza respiratoria. La terapia fino a quel momento si concentrava sul curare gli alveoli polmonari, mentre le trombosi e occlusioni dei vasi polmonari, che abbiamo riscontrato al vetrino per la prima volta non erano state considerate, né previste».

Dottore, può farci un esempio?

«Guardi è come se un idraulico si mettesse ad aggiustare un calorifero che perde, mentre i tubi sono tutti rotti e la casa si sta allagando. Il calorifero sono gli alveoli, i tubi sono i vasi sanguigni e la casa sono i polmoni. Un cambio completo di paradigma diagnostico».

Come avete agito?

«Di solito ci possono anche volere sessanta giorni per comunicare i risultati di un’autopsia, in questo caso invece abbiamo inviato le prime osservazioni in tempo reale ai nostri colleghi medici per poter dare un contributo immediato e l’idea è stata vincente: grazie ai nuovi dati raccolti, i nostri colleghi hanno introdotto nelle terapie l’uso di anticoagulanti come l’eparina e il cortisone, che non si usa quasi mai nella cura di polmoniti virali. Abbiamo organizzato una riunione informale e da lì la notizia si è diffusa immediatamente: attraverso chat e social tra medici, ci siamo ritrovati bombardati di richieste da tutto il mondo».

link https://primabergamo.it/personaggi/andrea-gianatti-il-medico


 

 

 

Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.

nuovo soft lockdown

Ritratto di Mike57

Stanford Prison Experiment

La comprensione della psicologia della tirannia è dominata dagli studi classici degli anni '60 e '70: la ricerca di Milgram sull'obbedienza all'autorità e lo Stanford Prison Experiment di Zimbardo. Supportando le nozioni popolari sulla banalità del male, questa ricerca è stata presa per dimostrare che le persone si conformano passivamente e senza pensarci due volte sia alle istruzioni che ai ruoli che le autorità forniscono, per quanto malevoli possano essere. Di recente, tuttavia, questo consenso è stato messo in discussione da un lavoro empirico basato sulla teorizzazione dell'identità sociale. Ciò suggerisce che la volontà degli individui di seguire le autorità è condizionata all'identificazione con l'autorità in questione e alla convinzione associata che l'autorità sia giusta.

 

Conformità, obbedienza e banalità del male

La conformità è spesso criticata per motivi di moralità. Molte, se non tutte, delle più grandi atrocità umane sono state descritte come "crimini di obbedienza".

 Eppure questa è una visione che è diventata dominante nell'ultimo mezzo secolo. La sua influenza può essere ricondotta a due importanti programmi empirici condotti da psicologi sociali negli anni '60 e all'inizio degli anni '70: Milgram's Obedience to Authority research e Zimbardo's Stanford Prison Experiment. Questi studi non hanno avuto influenza solo nelle sfere accademiche. Si sono riversati nella nostra cultura generale e hanno plasmato la comprensione popolare, in modo tale che "tutti sanno" che le persone inevitabilmente soccombono alle richieste dell'autorità, per quanto immorali siano le conseguenze.

Lo Stanford Prison Experiment di Zimbardo ha portato avanti queste idee esplorando il comportamento distruttivo di gruppi di uomini per un periodo prolungato. Gli studenti venivano assegnati a caso come guardie o prigionieri all'interno di una finta prigione che era stata costruita nel dipartimento di psicologia di Stanford. In contrasto con gli studi di Milgram, l'obiettivo era osservare l'interazione all'interno e tra i due gruppi in assenza di un'autorità palesemente malevola. Anche qui i risultati si sono rivelati scioccanti. L'abuso inflitto ai prigionieri dalle guardie era tale che lo studio doveva essere interrotto dopo soli 6 giorni. La conclusione di Zimbardo da questo era ancora più allarmante di quella di Milgram. Le persone scendono nella tirannia, ha suggerito, perché si conformano in modo sconsiderato ai ruoli tossici che le autorità prescrivono senza la necessità di ordini specifici: la brutalità era "una conseguenza 'naturale' dell'essere nell'uniforme di una 'guardia' e affermare il potere insito nel quel ruolo".

Gran parte del potere della ricerca di Milgram e Zimbardo deriva dal fatto che sembra dare sostanza empirica a questa affermazione che il male è banale. Sembra dimostrare che la tirannia è una conseguenza naturale e inevitabile della motivazione intrinseca degli umani a piegarsi ai desideri di coloro che hanno autorità, chiunque essi siano e qualunque cosa vogliano che facciamo. Detto in modo leggermente diverso, rende operativo un'apparente tragedia della condizione umana: il nostro desiderio di essere buoni soggetti è più forte del nostro desiderio di essere soggetti che fanno del bene.

Conclusione
 
La banalità della tesi malvagia ci sconvolge affermando che le persone perbene possono trasformarsi in oppressori in conseguenza della loro “naturale” conformità ai ruoli e alle regole tramandate dalle autorità. Più in particolare, si ritiene che l'inclinazione a conformarsi sopprima la capacità degli oppressori di impegnarsi intellettualmente con il fatto che ciò che stanno facendo è sbagliato.
 
Sebbene rimanga molto influente, questa tesi perde credibilità sotto un attento esame empirico. Da un lato, ignora copiose prove di resistenza anche in studi addotti come dimostranti che la conformità è inevitabile. D'altra parte, ignora l'evidenza che coloro che prestano attenzione all'autorità nel fare il male lo fanno consapevolmente non alla cieca, attivamente non passivamente, creativamente non automaticamente. Lo fanno per fede, non per natura, per scelta non per necessità. In breve, dovrebbero essere visti - e giudicati - come seguaci impegnati non come conformisti ciechi.
 
Per comprendere la tirannia, quindi, dobbiamo trascendere l'ortodossia prevalente che questa deriva da qualcosa per cui gli umani hanno un'inclinazione naturale - un "effetto Lucifero" a cui soccombono sconsideratamente e impotenti (e per il quale, quindi, non possono essere ritenuti responsabili ). Invece, abbiamo bisogno di capire due serie di processi correlati: quelli mediante i quali le autorità sostengono l'oppressione degli altri e quelli che portano i seguaci a identificarsi con queste autorità. Come hanno giustificato Milgram e Zimbardo gli atti dannosi che richiedevano ai loro partecipanti e perché i partecipanti si sono identificati con loro, alcuni più di altri?

 

Alla radice, il punto fondamentale è che la tirannia non fiorisce perché gli autori sono indifesi e ignoranti delle loro azioni. Fiorisce perché si identificano attivamente con coloro che promuovono atti viziosi come virtuosi. È questa convinzione che spinge i partecipanti a fare il loro lavoro sporco e che li fa lavorare in modo energico e creativo per assicurarne il successo. Inoltre, questo lavoro è qualcosa di cui desiderano attivamente essere ritenuti responsabili, fintanto che assicura l'approvazione di coloro che detengono il potere.

link https://journals.plos.org/plosbiology/article?id=10.1371/journal.pbio.1001426


 

Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.

Verso il caos in U.S.A. (2°)

Ritratto di Mike57

Sì, siamo destinati a una guerra civile violenta

   JEF COSTELLO 

Il 1 ° ottobre, con poco clamore, Politico ha pubblicato uno straordinario pezzo di opinione che potrebbe essere la cosa più importante che ho letto in tutto l'anno. Intitolato "Gli americani credono sempre che la violenza è giustificata se l'altro lato vince", il saggio è stato scritto da tre "senior fellows" presso la Hoover Institution, New America e l'Hudson Institute, nonché un professore di "comunicazione politica" in Louisiana State University e professore di governo presso l'Università del Maryland (sono cinque autori, nel caso abbiate perso il conto).

Il risultato principale è presentato nel grafico che appare di seguito:

Già nel novembre del 2017  solo l'8% dei Democratici e dei Repubblicani riteneva legittimo l'uso della violenza per promuovere i propri obiettivi politici. In realtà, non c'è niente di "semplice" al riguardo. Dovrebbe sorprenderci che una percentuale così consistente di entrambe le parti possa avere una visione così radicale. Sorprende anche i repubblicani che corrono testa a testa con i democratici. Contrariamente a come vengono percepiti dalla sinistra, i conservatori sono lenti ad abbracciare l'idea della violenza, o qualsiasi tipo di misura punitiva contro i loro oppositori. Il loro tallone d'Achille, infatti, è l'impegno per il "fair play".

Dobbiamo ricordare che quando questi numeri sono stati compilati era passato un anno dalle elezioni del 2016. Un anno di folle retorica della sinistra e ripetuti appelli affinché Trump venga assassinato. Madonna ha parlato delle sue fantasie di far saltare in aria la Casa Bianca, e la "comica" Kathy Griffin ha mostrato un'effigie della testa mozzata di Trump. Naturalmente, quelle erano le minacce poco serie e ironiche. Innumerevoli altre persone hanno fatto minacce simili, abbastanza apertamente, e sembravano essere piuttosto seri al riguardo. Per quanto ne so, nessuno di loro è stato accusato di un crimine.

Mentre la sindrome di Trump Derangement continuava a diffondersi, era in realtà un segno che più repubblicani iniziassero a prendere in considerazione l'idea di usare la violenza come strumento politico. La sinistra si è presentata come senza confini. Non c'era nessun limite a cui non si sarebbero abbassati, nessun trucco troppo sporco. Minacciavano di attaccare e uccidere non solo il presidente, ma i suoi sostenitori e, di fatto, l'intera razza bianca. Hanno messo in chiaro che non si poteva ragionare. Di fronte a un nemico come questo, la violenza era destinata a diventare più attraente, o almeno più giustificabile, agli occhi anche dell'elettore repubblicano più mite.

Quasi un anno dopo, nell'ottobre 2018, la percentuale di democratici che giustificavano la violenza era balzata a 13. Era diventato loro ovvio, a questo punto, che i risultati delle elezioni del 2016 non sarebbero stati annullati, sebbene molti continuassero a resistere la speranza che Robert Mueller avrebbe scoperto un po 'di sporcizia che avrebbe dimostrato la rovina di Trump. Fedele alla forma, i conservatori sono rimasti indietro, Con appena l'11% di giustificazione della violenza. Tuttavia, il numero era aumentato. Almeno una parte di questo deve essere attribuita alle udienze di Kavanaugh (di settembre-ottobre), che furono un campanello d'allarme per molti repubblicani, tra cui Lindsay Graham, che sembra aver perso la sua innocenza come risultato. Le udienze hanno dimostrato una volta per tutte, se fossero state necessarie ulteriori prove, che i liberali non hanno alcun principio, e che i tentativi di comportarsi in modo leale con loro falliranno. Non si può davvero incolpare i repubblicani per quell'11%. Per favore, passa le munizioni.

Ma non avevamo ancora visto niente. Questo era prima di COVID e BLM. Nel giugno dell'anno in corso, queste percentuali erano raddoppiate e Democratici e Repubblicani erano ora ugualmente favorevoli a rompere la testa: il 30% di entrambi i gruppi ora giustificava la violenza per promuovere obiettivi politici. Fermiamoci a considerare ancora una volta questo numero: 30% . Fermiamoci anche a considerare che questo sondaggio è stato condotto all'inizio di giugno, quando i disordini di George Floyd si erano appena verificati. A dicembre 2019, le cose erano diventate davvero spaventose. La tendenza era continuata. Questo è stato il mese in cui la Camera ha approvato articoli di impeachment contro Trump. All'inizio dell'anno, ad aprile, il rapporto Mueller è stato reso pubblico, rivelando che eravamo stati soggetti a due anni solidi di isteria sulla "collusione russa" senza alcun motivo. I libs erano frustrati, per usare un eufemismo. Il 16% di loro ora giustificava la violenza. I repubblicani erano di nuovo dietro la curva, ma non di molto, con il 15% di loro che pensava allo stesso modo.

Al 1 ° settembre, la percentuale di liberali che giustificavano la violenza era aumentata di soli tre punti. Tuttavia, al 33% questo costituisce un terzo di tutti i Dem. Il risultato più interessante è venuto dai repubblicani, tuttavia. La percentuale in questione era salita al 36% e per la prima volta i repubblicani giudicavano più favorevoli alla violenza dei democratici. Pertanto, i tre punti percentuali che separano i repubblicani dai democratici sono statisticamente significativi; i conservatori sono ora dimostrabilmente più favorevoli alla violenza rispetto ai liberali.

Il gigante addormentato si è svegliato?

Siamo stati lenti a considerare la violenza un'opzione. A differenza dei liberali, dopotutto, abbiamo davvero dei principi e non volevamo essere come loro . Ma ci hanno spinto a questo punto ed è difficile vedere come possa esserci un dibattito al riguardo. Mesi passati a guardare le nostre città bruciare. Mesi della nostra storia che vengono demoliti. Mesi di serrate draconiane e regole arbitrarie imposte da governatori e sindaci democratici. Mesi in cui ci è stato detto che dovevamo ripararci sul posto, mentre a BLM è stato dato libero sfogo per saccheggiare e bruciare. Mesi in cui ci è stato detto che non abbiamo il diritto di difenderci; che se sei bianco sei automaticamente colpevole. Innumerevoli vite e imprese distrutte. Considerato tutto questo e altro, è sorprendente che il numero non sia il 56%, o il 76% o l'86%. Ma poiché molti conservatori hanno probabilmente paura per dire che potrebbero tollerare la violenza, penso che possiamo arrotondare un po 'quel 36%. Un bel po.

Due settimane prima del saggio su Politico , The Hill ha pubblicato un articolo di opinione di un ex procuratore federale intitolato "Perché i democratici devono affrontare l'incitamento alla violenza dell'estrema sinistra". È un pezzo di scrittura debole e codardo, ma è comunque interessante su più livelli. L'autore inizia affermando che i gruppi di destra "rappresentano di gran lunga la più grande minaccia di violenza". Basa questo su uno studio di qualcosa chiamato Center for Strategic and International Studies (CSIS). Questo gruppo ha esaminato 900 casi di complotti o attacchi politicamente motivati ​​dal 1994 e ha concluso che gli estremisti di destra hanno causato la morte di 329 persone, mentre "i membri di Antifa non ne hanno ucciso nessuno".

Allo stesso modo, da maggio abbiamo assistito a violenze di sinistra come quelle che questo paese non ha visto dagli anni '60. E questo fenomeno è fondamentalmente nuovo perché è stato condonato e incoraggiato da funzionari statali e locali, eminenti Democratici al Congresso e giornalisti ed esperti dell'establishment. Gli autori dello studio CSIS mettono in guardia sui pericoli rappresentati da gruppi come i "boogaloos", un gruppo di "estremisti di destra e antigovernativi" intenzionati a "creare una guerra civile negli Stati Uniti". Stranamente, non avevo mai sentito parlare dei boogaloos fino a quando non ho letto questo articolo, e penso di essere abbastanza "collegato".

Non so nulla di questo gruppo, ma una cosa so per certo: se i boogaloos, o qualsiasi altro "estremista di destra", sono scesi in piazza e si sono comportati come si sono comportati BLM e Antifa: saccheggi, incendi, aggressioni, minacce, o anche solo bloccando il traffico: sarebbero stati schiacciati entro ventiquattro ore. Tutta la potenza delle forze di polizia statali e locali e delle forze dell'ordine federali si sarebbe scatenata contro di loro, e gli sbirri non avrebbero giocato bene. Molti "di destra" sarebbero finiti morti o feriti, ei sopravvissuti avrebbero dovuto affrontare pesanti accuse penali.

Questo, gentile lettore, è il motivo per cui la "violenza di destra" non è la minaccia maggiore. La violenza di sinistra avviene con l'approvazione e il sostegno, finanziario e non, dell'establishment. È una minaccia per tutti gli americani comuni, specialmente per gli americani bianchi. La violenza di destra rappresenta solo una minaccia (finora molto blanda) per l'establishment.

L'autore del pezzo su The Hill , pur affermando che la destra rappresenta la minaccia più grande, desidera tuttavia avvertire i liberali che la loro stessa gente sta diventando molto più violenta e che devono affrontare questo problema. Questo dopo aver fatto riferimento alle rivolte che abbiamo visto da maggio come "proteste per la giustizia sociale in modo schiacciante pacifiche". Ma teme che i democratici non stiano ascoltando:

Forse i democratici hanno paura di lasciare l'impressione di una falsa equivalenza tra violenza di estrema destra e di sinistra. Forse temono che riconoscere la minaccia rappresentata dall'incitamento dell'estrema sinistra dia credibilità alla falsa narrativa di Trump secondo cui le città gestite dai Democratici stanno bruciando a causa della violenza di sinistra (non stanno bruciando) e della sua promozione di stravaganti teorie del complotto, come che le persone nelle "ombre oscure" presumibilmente controllano Joe Biden.

In altre parole, l'autore, una sinistra che nega profondamente la minaccia rappresentata dalla sinistra, si chiede perché la sinistra neghi così profondamente la minaccia che essa stessa rappresenta. Non puoi inventare questa roba.

Se Biden vince, e se i Democratici riescono a ottenere il controllo completo del Congresso, possiamo aspettarci un assalto al primo e al secondo emendamento dei diritti degli americani, sotto forma di legislazione sull'incitamento all'odio e controllo delle armi. Inoltre, Biden e Harris hanno segnalato che impacchetteranno la Corte Suprema, semplicemente rifiutandosi ripetutamente di rispondere alla domanda se lo faranno. Democratici sono anche suscettibili di concedere statualità al Distretto di Columbia (aumentando così il loro numero al Congresso), milioni di amnistia di clandestini e metterli su una pista veloce alla cittadinanza, e abolire l'Elettorale College.In agosto Joe Biden ha chiesto “ Qualcuno credi che ci sarà meno violenza in America se Donald Trump sarà rieletto?"Questo è stato ampiamente interpretato dai conservatori come una minaccia. La verità è che la violenza continuerà indipendentemente da chi vincerà le elezioni. La rielezione di Trump garantirà ulteriori violenze da parte della sinistra. Ma dal momento che i Democratici hanno incoraggiato la violenza e non hanno fatto nulla per contenerla, ci sono tutte le ragioni per credere che continuerà se Biden vincerà. In effetti, l'atteggiamento "senza mani" che l'establishment ha assunto nei confronti della violenza di sinistra rende quasi inevitabile che la violenza aumenterà, il che significa che diventerà più mortale. L'estrema sinistra è stata incoraggiata.

Questa è, molto semplicemente, una ricetta per la guerra civile, di qualche tipo. È sicuramente una ricetta per l'ulteriore frammentazione del Paese. Il 62% degli uomini bianchi ha votato per Trump nel 2016 e nessuno di loro vuole quello che ho appena indicato che i Democratici hanno da offrire. L'eliminazione del collegio elettorale, se dovesse accadere, potrebbe essere il punto di svolta del paese verso lo scioglimento. Significherebbe che milioni di americani nel cuore del paese (la maggior parte dei quali bianchi) sarebbero politicamente privati ​​dei diritti civili. La situazione negli Stati Uniti è già volatile; la privazione del diritto di voto di un gran numero di cittadini peggiorerebbe le cose. Ciò è particolarmente vero dato che quei cittadini sono la spina dorsale del paese: la loro decenza, il duro lavoro e il denaro delle tasse lo tengono a galla.

La mia previsione per quello che accadrà agli Stati Uniti è che alla fine si separeranno lungo linee razziali e politiche. Già, non c'è quasi nessun "sindacato" di cui valutare lo stato. Inoltre, tutti i segnali ora indicano che questo non sarà un processo pacifico. La sinistra ha iniziato la violenza e ora è riuscita a spingere un enorme 36% dei conservatori ad approvare di rispondere alla violenza con la violenza.

I miei lettori di destra, che sono molto più perspicaci della gente media, potrebbero essere scettici per ragioni diverse. Secondo alcuni di loro, le possibilità di una guerra civile violenta o di una rivoluzione sono pari a zero, poiché l'establishment ha una potenza di fuoco molto maggiore. Come ho detto sopra, se la destra scendesse in piazza come BLM, sarebbe stata schiacciata senza pietà. Ma supponiamo che lo abbiano fatto di nuovo. E di nuovo. E supponiamo che la rabbia che li ha spinti nelle strade non sia diminuita, ma aumentata. È ingenuo pensare che individui determinati, attraverso una guerriglia persistente e altre forme di resistenza, non possano destabilizzare un governo - specialmente quando il governo è governato da élite decadenti e fuori dal mondo che vivono in una bolla ideologica e sociale. È già successo e può succedere di nuovo. Alcuni dei miei lettori saluteranno queste affermazioni con scetticismo. Gli americani medi trovano impossibile immaginare il loro paese disintegrarsi in un conflitto violento. Questo è il risultato di anni di propaganda sulla "stabilità" della nostra Repubblica, il "miracolo" del nostro pacifico trasferimento di potere ogni quattro anni, yada yada (e cosi via). Gli americani medi sono stranamente ignari di quanto violento sia davvero questo paese e lo sia sempre stato (qualcosa che non è sfuggito all'attenzione del resto del mondo): tassi altissimi di omicidi, stupri e aggressioni; rivolte urbane ogni pochi anni; l'assassinio di personaggi politici; regolari "omicidi folli"; e una guerra civile che ha causato la morte di circa 700mila persone. La gente media potrebbe non volerci pensare, ma una seconda guerra civile è abbastanza plausibile. Questo è il risultato di anni di propaganda sulla "stabilità" della nostra Repubblica, il "miracolo" del nostro pacifico trasferimento di potere ogni quattro anni, yada yada. Gli americani medi sono stranamente ignari di quanto questo paese sia e sia sempre stato violento (qualcosa che non è sfuggito all'attenzione del resto del mondo): tassi altissimi di omicidi, stupri e aggressioni; rivolte urbane ogni pochi anni; l'assassinio di personaggi politici; regolari "omicidi folli"; e una guerra civile che ha causato la morte di circa 700mila persone. La gente media potrebbe non volerci pensare, ma una seconda guerra civile è abbastanza plausibile. Questo è il risultato di anni di propaganda sulla "stabilità" della nostra Repubblica, il "miracolo" del nostro pacifico trasferimento di potere ogni quattro anni, yada yada. Gli americani medi sono stranamente ignari di quanto questo paese sia e sia sempre stato violento (qualcosa che non è sfuggito all'attenzione del resto del mondo): tassi altissimi di omicidi, stupri e aggressioni; rivolte urbane ogni pochi anni; l'assassinio di personaggi politici; regolari "omicidi folli"; e una guerra civile che ha causato la morte di circa 700mila persone. La gente media potrebbe non volerci pensare, ma una seconda guerra civile è abbastanza plausibile. Gli americani medi sono stranamente ignari di quanto questo paese sia e sia sempre stato violento (qualcosa che non è sfuggito all'attenzione del resto del mondo): tassi altissimi di omicidi, stupri e aggressioni; rivolte urbane ogni pochi anni; l'assassinio di personaggi politici; regolari "omicidi folli"; e una guerra civile che ha causato la morte di circa 700mila persone. La gente media potrebbe non volerci pensare, ma una seconda guerra civile è abbastanza plausibile. Gli americani medi sono stranamente ignari di quanto violento sia davvero questo paese e lo sia sempre stato (qualcosa che non è sfuggito all'attenzione del resto del mondo): tassi altissimi di omicidi, stupri e aggressioni; rivolte urbane ogni pochi anni; l'assassinio di personaggi politici; regolari "omicidi folli"; e una guerra civile che ha causato la morte di circa 700mila persone. La gente media potrebbe non volerci pensare, ma una seconda guerra civile è abbastanza plausibile.

Ovviamente l'obiettivo non dovrebbe essere la "rivoluzione". Non c'è motivo di voler "conquistare" gli Stati Uniti, perché non è desiderabile che gli Stati Uniti continuino ad esistere. Non vogliamo più vivere con queste persone, anche se siamo noi "i responsabili". Invece, ciò a cui dovremmo mirare è l'indipendenza - in altre parole, la divisione del paese; ritagliare il nostro paese da questo paese e dire addio a quelle altre persone. Gente, è così o convincere gli europei che abbiamo il diritto al ritorno. Ma non succederà.

Quindi ecco le mie previsioni per il prossimo futuro:

La violenza di sinistra continuerà, anzi aumenterà. Tuttavia, i conservatori bianchi saranno sempre più disposti a sfidare la sinistra nelle strade. numeri di Politico suggeriscono in modo convincente che questo è probabile, e ne vediamo già i segni (in particolare, l'episodio di Kyle Rittenhouse). Una perdita di Trump radicalizzerà ulteriormente molti conservatori bianchi. Una vittoria di Trump radicalizzerà anche i conservatori bianchi, perché la risposta sarà ancora di più violenza dalla sinistra. La continua retorica anti-bianca, che non mostra segni di cedimento, farà anche il lavoro di radicalizzazione. Prevedo che assisteremo a più atti di terrorismo interno perpetrati da gruppi di destra e che molti nuovi gruppi di questo tipo sorgeranno nei prossimi anni. Questi atti saranno pesantemente condannati da tutti i soliti sospetti, ma ciò avrà scarso effetto, poiché il doppio standard è ormai troppo evidente. Anche mamma e papà, bevendo Snapple e guardando Hannity, approveranno ora la violenza di destra. Improbabile? Guarda quel grafico sopra e ripensaci. Quante probabilità ci sono che la tendenza abbia raggiunto un picco del 36%?

Prevedo anche che vedremo casi di mini-secessioni, in cui paesi, città e contee che sono in gran parte bianchi e repubblicani inizieranno a resistere al potere dei governi statali e federali (ad esempio, non applicando determinate leggi). Ciò renderà le parti del paese difficili da governare. Queste aree diventeranno una mecca per i conservatori bianchi. Cresceranno in termini di popolazione e portata geografica, poiché i nuovi arrivi si stabiliranno appena oltre i confini della contea o della città. Stanchi delle occhiatacce che ottengono, molti non bianchi e liberali andranno altrove. In breve, ci sarà de facto una secessione prima che la secessione sia mai ufficializzata.

A proposito, se avessi fatto pronostici sulla "guerra civile" solo un anno fa, l'avrei fatto con l'avvertenza "probabilmente non nella nostra vita". Ora non sono assolutamente così sicuro. È difficile da credere, ma lo scenario immaginato da Chuck Palahniuk in Adjustment Day sta diventando più plausibile ogni settimana che passa.

link https://www.unz.com/article/yes-we-are-headed-for-violent-civil-war/


 

Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.

Fine dei giochi?

Ritratto di Mike57

Foto rilasciata venerdi 16 ottobre:

In primo piano Rudolph Giuliani e il miliardario cinese rifugiato

In secondo piano Steve Bannon

In fondo la virologa cinese Li-Meng Yan

link http://82.221.129.208/.vc3.html

https://i2.wp.com/far-falla.com/wp-content/uploads/2020/10/image-1.jpg?r... 225w" width="510" />


Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.

laptop & lapdance

Ritratto di Mike57

The Mac Shop a Wilmington, Delaware

The owner of the Mac Shop says he shared a copy of the hard drive belonging to Hunter Biden with Rudy Giuliani's attorney.

 Il riparatore di computer al centro della storia del laptop di Hunter Biden del New York Post

Un riparatore di computer di Wilmington ha dato una copia del disco rigido del laptop di Hunter Biden all'avvocato di Rudy Giuliani, Brian Costello.
 
In una tortuosa intervista con i media, John Paul Mac Isaac, proprietario di The Mac Shop a Wilmington, ha ricordato come nell'aprile 2019 un uomo che si è identificato come Hunter Biden abbia portato tre laptop danneggiati da liquidi nel suo laboratorio in Trolley Square.
 
Solo uno è stato lasciato per la riparazione,  e nessuno è tornato per recuperarlo, ha detto.
 
Nell'anno e mezzo successivo, ha detto Mac Isaac, "un sacco di" giocatori sono stati coinvolti nella storia che si è conclusa con la presa di possesso di una copia del disco rigido del laptop da parte del presidente Donald Trump Circle, meno di due mesi prima delle elezioni presidenziali. .
 
Mac Isaac ha rifiutato di nominare la maggior parte di loro.
 
Secondo quanto riferito, il disco rigido conteneva e-mail del 2015 che erano la base per un articolo del New York Post pubblicato mercoledì mattina in cui si affermava che l'allora vicepresidente Joe Biden aveva tenuto un incontro con un funzionario di alto rango presso Burisma Holdings, una compagnia energetica ucraina che aveva assunto suo figlio Hunter Biden.
 
Mercoledì pomeriggio, la veridicità del reclamo è stata contestata dallo staff di Biden, che ha affermato in una dichiarazione che nessun incontro del genere esisteva nel calendario ufficiale dell'allora vicepresidente.
 
Nel corso della giornata, Facebook e Twitter, con una decisione senza precedenti, hanno entrambi implementato politiche che limitano la condivisione di articoli e video.  
 
Il portavoce di Facebook Andy Stone ha descritto la mossa come "parte del nostro processo standard per ridurre la diffusione della disinformazione", in attesa di una "revisione di verifica dei fatti".
 
Mac Isaac ha ripetutamente affermato di aver condiviso il dispositivo con Costello perché temeva per la sua sicurezza. Non ha spiegato come una mossa che avrebbe portato alla pubblicità avrebbe migliorato la sua sicurezza.
 
Mac Isaac ha anche rifiutato di dire se si è avvicinato prima a Costello con il disco rigido o se la squadra di Giuliani è venuta da lui.
 
Quando è stato pressato sulla domanda, ha risposto in un vago quasi soliloquio, affermando: "Quando hai paura di non sapere nulla della profondità delle acque in cui ti trovi, in un certo senso, vuoi trovare un Bagnino." 
 
La scorsa domenica, Giuliani ha consegnato ai giornalisti del New York Post una copia del disco rigido che era stato fornito da Mac Isaac, dice la pubblicazione.  
 
Per quasi due anni, Giuliani ha lavorato per conto di Trump alla ricerca di informazioni che potrebbero essere dannose per la campagna presidenziale di Biden. Gran parte degli sforzi si sono concentrati sulla ricerca di un collegamento tra il lavoro dell'ex vicepresidente in Ucraina e i rapporti di Hunter Biden con Burisma.
 
Giuliani ha affermato più volte senza prove che Joe Biden aveva cercato di proteggere Burisma quando nel 2015 fece pressioni sul presidente ucraino affinché licenziasse il procuratore generale del paese.
 
I repubblicani del Senato degli Stati Uniti il ​​mese scorso hanno pubblicato un rapporto basato su un'indagine che ha esaminato le affermazioni. Anche se hanno scoperto che gli affari di Hunter Biden rendevano imbarazzante il lavoro dei funzionari del Dipartimento di Stato, non hanno trovato prove che Joe Biden avesse agito in modo inappropriato. 
 
Mac Isaac ha detto di aver iniziato a sentire di Burisma e dell'Ucraina poco dopo che Hunter Biden aveva lasciato il suo laptop nell'officina di Trolley Square. Quando un cliente non torna dopo 90 giorni, Mac Isaac dice che in genere lo contatterà per telefono. 
 
Alla domanda se avesse chiamato Hunter Biden, Mac Isaac ha risposto: "Nessun commento".
 
"Abbiamo clienti che abbandonano i prodotti tutto il tempo", ha affermato.  
 
Durante l'estate e l'autunno successivi, Mac Isaac ha detto di essersi allarmato dopo aver sfogliato i file del computer. Afferma di aver poi parlato con un socio più esperto.
 
Quella persona senza nome ha poi contattato l'FBI, ha detto Mac Isaac.
 
Gli investigatori federali di Wilmington e Baltimora hanno poi citato in giudizio il portatile a dicembre, ha detto Mac Isaac.
 
Poco dopo, hanno chiamato Mac Isaac chiedendogli di assisterli, tecnicamente, nella visualizzazione dei file sul disco rigido danneggiato,
 
Mac Isaac ha ammesso che la richiesta ha sollevato i suoi sospetti, dato che l'FBI ha il proprio staff tecnico.
 
Mercoledì, una portavoce dei procuratori federali del Delaware ha rifiutato di confermare o negare l'esistenza di qualsiasi indagine sul laptop di Hunter Biden.  
 
Nei mesi successivi alla presunta citazione in giudizio di dicembre, l'FBI non ha rilasciato dichiarazioni pubbliche sul contenuto del disco rigido. Ciò ha scoraggiato Mac Isaac, che aveva sperato che tali informazioni potessero rivendicare Trump e impedire la sua impeachment.
 
In vari punti della sua intervista di mercoledì, Mac Isaac ha insinuato che l'FBI avesse nascosto le informazioni, sebbene non avesse fornito prove per verificare tale sospetto.
 
Ha anche affermato più volte di aver creduto che fornire agli investigatori il disco rigido equivarrebbe a "seguire la catena di comando", un'idea che non è riuscito a descrivere al di là della vaga dichiarazione.  

 

Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.

Jump Tower Trump

Ritratto di Mike57

Nel video, lo scalatore dichiara che “sono un membro di Black Lives Matter e voglio parlare con il signor Trump prima delle elezioni. Non voglio morire Se qualcuno proverà a tirare questa corda ... salterò e morirò. Ho un coltello. Se qualcuno proverà a tirare [la corda], la taglierò e probabilmente morirò, ma non voglio morire ".

https://twitter.com/BenMart82347612/status/1318005650283098112

https://www.pscp.tv/w/1OwxWLwkDBpKQ


 

Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.

voci della citta

Ritratto di Mike57

 

New York State

 
Dopo che il procuratore generale William Barr ha designato New York, insieme a Portland e Seattle, come città "anarchiche", il sindaco di Gotham Bill de Blasio ha espresso indignazione. Lo ha definito un attacco politico alle "città nere e brune", sebbene Portland e Seattle siano due delle città più bianche della nazione, e ha negato che New York sia lontanamente senza legge o altrimenti anarchica. Ora i sindaci delle tre giurisdizioni, di fronte alla perdita del finanziamento federale, hanno citato in giudizio l'amministrazione, definendo falsa e illegale la designazione.
 
È vero che New York City non sarebbe confusa con Tegucigalpa o Mogadiscio. E il suo tasso di criminalità violenta, sebbene in aumento, è ancora molto inferiore a quello di Baltimora o St. Louis, per esempio. Ma il confronto tra la New York odierna e la New York di qualche anno fa mostra chiaramente che la città sta subendo una grave frattura dell'ordine civico, una tendenza verso un'ulteriore disintegrazione.
 
Una domenica mattina di fine estate, Demetrius Harvard, un uomo del Bronx di 30 anni, si trovava su una banchina della metropolitana nel Greenwich Village e gettò metodicamente materiale da costruzione sui binari. Gli astanti hanno cercato di fermarlo, e qualcuno è persino salito sul treno per rimuovere i detriti, ma Harvard ha insistito nel suo sabotaggio. Alla fine, è riuscito a far deragliare un treno A dei quartieri alti, ferendo diversi passeggeri.
 
Dovevi leggere fino alla fine delle notizie dei tabloid per ottenere la vera storia. Due settimane prima, nello stesso quartiere, Harvard aveva lanciato una panchina d'acciaio attraverso il finestrino di un autobus. È stato arrestato, accusato di reato penale, e immediatamente "ROR'd" - rilasciato dopo il suo riconoscimento - senza cauzione.
 
Questo ciclo è ormai fin troppo comune a New York, dove l'ordine pubblico e la sicurezza sono stati sballottati da forze caotiche. La riforma della giustizia penale a livello statale ha rimosso la cauzione come opzione per tutte le accuse tranne le più atroci. A livello locale, il NYPD ha smesso di applicare molte leggi sulla qualità della vita. Il consiglio comunale ha approvato una legge che vieta ai poliziotti di esercitare pressioni sul petto o sulla schiena di un arrestato mentre cercavano di ammanettarlo, con la premessa che questa tattica equivale all'asfissia; gli agenti che hanno a che fare con un sospetto resistente potrebbero quindi affrontare le accuse di aggressione se tentano di trattenerlo con vigore.
 
La pandemia Covid-19 ha portato al rilascio di detenuti da carceri e carceri di New York. "Il numero di newyorkesi detenuti nelle carceri di New York è crollato, diminuendo del 27% in dieci settimane, un calo demografico più ripido rispetto a tutto lo scorso anno", ha affermato l'Ufficio di giustizia penale del sindaco. "La popolazione carceraria è a un numero che non si vedeva dal 1946".
 
Sarebbe una buona notizia se la popolazione incarcerata monitorasse il tasso di criminalità, ma è vero l'esatto contrario. La criminalità è aumentata drammaticamente, poiché i detenuti rilasciati, ora adattati a un clima di permissività, riprendono l'attività criminale. I sostenitori della riforma hanno deriso il suggerimento che la riforma della cauzione o i rilasci legati alla pandemia fossero responsabili dell'ondata illegale, ma gli arresti sono precipitati in tutta la città. Va contro il buon senso presumere che l'aumento del crimine non abbia nulla a che fare con il rilascio di migliaia di criminali in carriera nella comunità.
 
A New York City, sembra che le cose stiano andando fuori controllo. Quando le proteste selvagge possono invadere le strade, bloccando il traffico a piacimento mentre la polizia indica che è stato ordinato di dimettersi, si osserva una mancanza di ordine. I tossicodipendenti senzatetto si accampano nella Broadway inferiore e sparano apertamente: uno spettacolo difficile da immaginare non molto tempo fa, ma ora comune. Gli hotel nell'Upper West Side sono stati trasformati in rifugi per senzatetto; quando i vicini si lamentano di crimini casuali, defecazione pubblica e molestie, i funzionari eletti locali li condannano come razzisti.
 
Una tarda notte di luglio stavo passeggiando con i miei cani per Washington Square Park. Quel giorno avevo notato un'auto con targhe della Florida e un curioso magazzino all'aperto sul tetto, armato di staffe e filo di ferro, con in mano una serie di vestiti, attrezzatura da campeggio e articoli per la casa. Mentre mi avvicinavo alla macchina quella notte, ho notato che la portiera era aperta e che qualcuno era seduto di traverso al posto di guida, tenendo qualcosa tra le ginocchia. Mentre passavo, ha sollevato una grande balestra, ha mirato a me attraverso il mirino e si è ruotato sul sedile, seguendo il mio movimento.
 
Non appena sono uscito dal raggio di tiro, ho chiamato la polizia, che lo ha arrestato. Hanno afferrato la sua balestra - carica di una lite, o un fulmine - e anche un machete. È stato accusato di aver minacciato con un'arma mortale, un reato di classe A che potrebbe portare a un anno di carcere. È stato RoR immediatamente, l'unica condizione è che dovesse accettare le condizioni di un ordine restrittivo temporaneo che gli impediva di contattarmi.
 
L'ho cercato su Internet. Ha una significativa storia criminale, comprese violenze sessuali e accuse di aggressione. È anche, in parole povere, fuori di testa. Il suo profilo Facebook include un video di lui che dimostra per quanto tempo può tenere il braccio davanti al fuoco, intitolato "Chiedo la mia punizione", oltre a invettive su Gesù, il diavolo e il vero significato dell'AIDS.
 
Ci sono voluti circa dieci minuti per scoprire che questo ragazzo è gravemente disturbato e ha una storia documentata di violenza criminale. Eppure, poche ore dopo che aveva puntato un'arma mortale carica contro uno sconosciuto, il sistema giudiziario di New York lo ha liberato, tornando a vivere nella sua auto modificata illegalmente.
 
Tutto ciò potrebbe non equivalere ad "anarchia", nel senso del termine di un purista. Ma non è nemmeno la città di New York che Bill de Blasio ha ereditato.
 
Seth Barron è editore associato di City Journal.

 

 

Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.