Skip to main content

Medicina

La battaglia contro il fluoruro

La battaglia contro il fluoruro

Dr. Donald W. Miller 

 

La battaglia in favore e contro la fluorurizzazione dell’acqua pubblica è entrata in una nuova fase. Sono accadute tre cose da quando ho pubblicato le mie ricerche in merito nel libro “Fluoride Follies”, 5 anni fa. 

 

Nel loro sforzo di fluorurizzare tutta l’acqua potabile delle comunità negli USA, i promotori della fluorurizzazione stanno cominciando a cambiare strategia. Piuttosto che cercare un confronto con le amministrazioni locali e permettere referendum a livello locale su questo tema, hanno aumentato sempre più la pressione sui legislatori statali e stanno spingendo per rendere obbligatorio per legge addizionare con fluoruro l’acqua potabile pubblica. 

 

Fluoruro sì, fluoruro no

Il 26 ottobre 2010 l’Italia ha recepito una nuova legge europea che impone ai produttori di dentifrici al fluoro di dichiarare in etichetta, se il contenuto è tra 0,1 e 0,15%: 

“Bambini fino a 6 anni: utilizzare una piccola quantità di dentifricio sotto la supervisione di un adulto per ridurre al minimo l’ingerimento. In caso di assunzione di fluoruro da altre fonti consultare il dentista o il medico.” (L. 267/18 che recepisce la Direttiva 2009/129/CEE). 

Negli Stati Uniti si usa invece da anni addizionare l’acqua potabile degli acquedotti con fluoruro. Sempre più città e stati stanno rendendo questa aggiunta obbligatoria per legge. Perché? 

 

Scoperte dell'acqua calda

Riporto dall'ANSA: 

Paesaggi naturali riducono dolore
Studio della John Hopkins University dimostra calo percezione
 
(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Mostrare immagini rilassanti della natura, insieme a suoni armoniosi puo' abbassare la percezione del dolore nei pazienti sottoposti a trattamenti invasivi. Lo dimostra un esperimento condotto da ricercatori della Johns Hopkins University. I ricercatori hanno organizzato due gruppi di pazienti sottoposti alla biopsia del midollo osseo:ad un gruppo sono state mostrate immagini e suoni delle Cascate Vittoria, ad un altro di citta' affollate: per questi ultimi la percezione del dolore era maggiore.

Fonte ANSA

 

Effetto placebo e oltre

Pubblico volentieri questo articolo di Alessandro Pinardi Feletti.

-----

La nostra “padrona di casa” mi ha chiesto di scrivere sull’effetto placebo, ma ritengo riduttivo circoscrivere a questo solo pur straordinario mistero quanto si sta via via scoprendo della nostra mente, delle sue potenzialita’ e dei futuri scenari che via via si stanno aprendo.

E questo sta avvenendo malgrado le inevitabili resistenze sia dell’establishment scientifico, minacciato come depositario di un sapere che potrebbe rivelarsi parecchio deficitario, sia delle lobby farmaceutiche, minacciate invece nel loro ormai totale monopolio della ricerca farmaceutica e/o scientifica e, soprattutto, nel portafoglio.

Vaccine Nation con sottotitoli in italiano

Vaccine Nation è un documentario che racconta l'incredibile storia di Alan Yurko e della sua famiglia.

Il figlio di Alan muore improvvisamente poco dopo che gli viene somministrata la vaccinazione al quarto mese di vita.

Ma ciò che rende particolare questa vicenda (purtroppo fin troppo comune nonostante se ne parli poco) è che, a seguito dei referti medici e dell'autopsia, non è stata presa in esame la possibilità della vaccinazione come causa della morte ma il padre viene prima accusato e poi dichiarato colpevole di aver ucciso il suo bambino percuotendolo volontariamente e ripetutamente al capo nella modalità che la medicina tradizionale definisce "sindrome del bambino scosso".

Alan è stato quindi condannato all'ergastolo più 10 anni di reclusione, senza possibilità di libertà condizionata.

Efficacia dei placebo (2)

Ha suscitato un certo scalpore (ma mai abbastanza da far scattare qualche domanda fondamentale nelle teste dei tv-dipendenti) la recente notizia inerente la chirurgia placebo.

Ne avevamo in realtà parlato più di 5 mesi fa [1], si tratta cioè di informazioni ben conosciute e assodate (ma sistematicamente ignorate).

Su questo vorrei solo proporvi un confronto -a titolo di pura curiosità- tra due ricerche fatte con google: digitando "chirurgia placebo" in italiano vengono fornite 75.800 pagine, digitando "placebo surgery" in inglese i risultati sono 3.730.000...
∼∼∼

Vorrei invece segnalare un articolo apparso sul sito della campagna di farmacovigilanza Giù le mani dai bambini [2], inerente l'efficacia dei placebo nella cura della depressione, cui avevo accennato nello stesso precedente post [3]. 
 

Efficacia dei placebo

Spesso si dice, in un tentativo forse inconscio di sminuire e ignorare le implicazioni dell'effetto placebo, che questo abbia efficacia solo su disturbi di tipo nervoso (ansia, timidezza, depressione) e nella cura del dolore.

Al di là del fatto che ciò non è vero, come vedremo fra poco, resta fermo che se anche fosse così, gli effetti dell'assumere un placebo scatenano vere reazioni chimiche all'interno del nostro corpo, mediate dal cervello (dimostrate con l'uso di TAC, PET e fMRI). [1]
Non si può quindi relegare impunemente l'effetto placebo a mero accenno, nel tentativo di nascondere le fondamentali implicazioni che comporta per la nostra visione della vita e del mondo.

Il prof. Dobrilla dell'Università di Parma scrive su Dialogo sui farmaci:
 

Placebo e fiducia: note a margine

Si parlava nel post precedente[1] del fattore fiducia e si diceva

è tutta una questione di fiducia. Il punto è stabilire "verso chi o cosa".

Ora, per evitare fraintendimenti aggiungo questa breve nota a margine.
Non si tratta di una sorta di scontro "fiducia in altri versus fiducia in sé stessi". Le due cose non si escludono a vicenda. Ciò su cui si voleva porre l'attenzione è il fatto che il sistema vigente tende ad escludere la seconda componente a tutto favore della prima.
Credo invece sia importante non fidarsi ciecamente degli esperti in quanto esperti, cioè a prescindere, ma informarsi da loro, chiedere il loro parere su una questione, possibilmente a più di uno, e poi continuare da soli la ricerca di possibili soluzioni vagliando con mente critica tutto ciò che veniamo a sapere.
 

Placebo e fiducia

“Nulla giova di più ai malati che l’esser curati dai medici che essi stessi hanno scelto”

(Seneca)

  

Parlavamo[1] di malattie, rimedi e placebo. E di fiducia.

Seneca ci viene in aiuto nell'esplicitare come questi fattori siano in stretta correlazione.

Il rimedio più efficace parte dall'insieme di credenze che formano il mondo del paziente.

Placebo e nocebo

Partiamo dalle basi: cosa è un placebo e perché sta alla base di questo blog.

 

Sulla definizione esatta di placebo non c'è accordo unanime nel mondo scientifico, ma possiamo farci un'idea scorrendo varie definizioni ritenute corrette.
Possiamo scoprire così che, se non esiste al momento una definizione univoca universalmente accettata, le ragioni alla base dell'effetto placebo sono ancora per lo più ignote alla scienza. Non di meno, il placebo è alla base della moderna medicina e della produzione di farmaci.

 

Condividi contenuti