Skip to main content

Viva la ZIRP

di Bill Bonner1

 

GUALFIN, Argentina – Beh, ​​ZIRP ora. ZIRP per sempre.

Viva la ZIRP! Viva! Viva!

Come sospettavamo, Janet Yellen non voleva rischiare d'aumentare il tasso dei fondi federali. Bloomberg riferisce quanto segue:

I funzionari della Federal Reserve hanno lasciato invariati i tassi d'interesse, optando per un ritardo di tale aumento in un ambiente a bassa inflazione, permeato da prospettive incerte riguardo la crescita mondiale e costellato da recenti turbolenze dei mercati finanziari.

  • 1. Viva ZIRP!, Bill Bonner, Bonner & Partners, 18 settembre 2015.

“So come vivere... non so come morire”

Posted in

di Bill Bonner1

 

TIVOLI, New York – "Non l'ho mai fatto prima..."

La donna sul letto era quasi uno scheletro. La carne era già sparita. Ciò che restava era un sacco vuoto vecchio di 86 anni – striminzito, piegato, esaurito.

"So come vivere," ha detto. "Non so come morire. Non so cosa dovrei pensare o che cosa dovrei fare."

La Propaganda uccide?

Posted in

Sarà capitato a tutti, prima o poi, di notare o addirittura di trovarsi coinvolti in quegli eventi che vengono chiamati: “sincronicità”. Apparenti e inspiegabili paradossi che in certi casi riescono a trovare delle giustificazioni razionali (anche se prese per i capelli) mentre in altri, sono destinati a rimanere avvolti da un'aura di mistero.

 

Come essere obliterati, ovvero una questione di in-giustizia

Posted in

Devo mettere in piazza gli affari miei, catastrofici, con una storia vera e magari istruttiva - e che contribuisce a chiarire come non e' solo per il costo del lavoro che le ditte straniere non gradiscono investire in Italia, a meno che non siano di dimensioni tali da comprarsi decine di studi legali di grido - e con la preghiera di diffonderla in ogni media, se volete.

 

Il mito della deflazione giapponese e il crollo dello yen

di Brendan Brown1

 

Il deprezzamento  dello yen, iniziato alla fine dell'estate, lo ha portato ad una perdita di valore di circa il 40% rispetto all'euro e al dollaro statunitense rispetto a soli due anni fa. Eppure il primo ministro giapponese Shinzo Abe e il capo della banca centrale Haruhiko Kuroda avvertono che la battaglia contro la deflazione e’ lontana dall’essere vinta. Tale cautela è assurda — soprattutto in considerazione del fatto che non vi è stata alcuna deflazione.

Fabbricare le Emozioni

Questo non vuole essere un articolo o un racconto; è semplicemente una piccola riflessione.

Recentemente mi sono imbattuto nel nuovo teaser trailer dell'attesissimo nuovo capitolo della saga di Star Wars affidato a quel J.J. Abrahams (che mi sembra un clone di Spielberg in miniatura).

 

 

Devo ammettere che ha provocato in me una certa emozione; avevo circa 14 anni quando vidi l'originale al cinema e come molti ne rimasi sconvolto. E' inutile ricordare in questa sede cosa è stato il fenomeno "Guerre Stellari"; ha letteralmente cambiato la storia del cinema e dell'industria cinematografica, e per molti acuti osservatori lo ha fatto in peggio.

La città invisibile

Venezia...

...30 milioni di turisti ogni anno in costante aumento…

...Oltre 2000 gigantesche navi da crociera che transitano nel suo piccolo bacino…

...Centinaia di ricercatori da tutto il mondo che studiano la sua storia e le sue opere...

...Milioni di scatti fotografici e cartoline tutte uguali…

...Innumerevoli libri e film che la ritraggono e ne parlano...

Conservare la propria ricchezza durante una guerra finanziaria

di James Rickards1

 

Durante la Guerra Fredda gli Stati Uniti avevano abbastanza missili nucleari per distruggere la Russia e la sua economia, e la Russia aveva abbastanza missili da fare lo stesso nei confronti degli Stati Uniti.

Nessuno utilizzò quei missili e i leader furono molto attenti ad evitare una escalation che avrebbe potuto portare la situazione a quella conclusione. Proxy war vennero combattute in luoghi come Vietnam, Congo e Afghanistan, ma il confronto diretto tra Stati Uniti e Russia non avvenne mai.

Contro i romanticoni, questo e altro

Posted in

La considerazione che vede l'uomo quale 'essere finito', tendere [o meglio: che vuole tendersi] all'infinito, è di per sé la più intrigante e, ritengo, la più importante questione filosofica - così insita nell'animo umano, al punto che ravvisabile in tutto ciò, è la grande scissione tra 'uomini e uomini'.

Uomini di un tipo, uomini di un altro.

Climate Change e Naziscienza

Posted in

Sono sopravvissuto all'annuale Festival della Birra patrocinato dalla locale sezione della CAMRA 1 l'associazione della birra tradizionale inglese, risorta dopo che la qualita' della birra industriale, nella maggior parte dei casi, era sprofondata a livelli infimi.  

Ora la birra inglese e' sana e salva, a supporre dal centinaio di produttori dei quali si potevano degustare i prodotti di eccellenza assoluta, i migliori del mondo, a mio parere.  

La manifestazione si teneva in un teatro vittoriano a cupola, stile Royal Albert Hall di Londra, e annessi e connessi locali, i quali sono stati totalmente ricostruiti, assieme alla cupola stessa, esattamente com'erano, fino nei minimi particolari.  C'erano infatti dubbi sulla integrita' strutturale dell'edificio, dopo parecchie vicissitudini quali concerti della e per la terza eta' di Suzy Quatro 2, residente britannica, con un volume troppo adeguato all'udito minorato del pubblico sessantenne, e mancati ma non troppo bombardamenti germanici durante la Seconda Guerra Mondiale, sulla strada di ritorno dal bombardamento di Dublino.

Dublino?  Ma non era la Repubblica d'Irlanda neutrale e con forti simpatie naziste, mi si chiedera'?

Di inni nazionali, di concerti e sconcerti

Posted in
Torno a scrivere in questo spazio meraviglioso che è Il Portico Dipinto dopo tanto tempo. Mi scuso per la lunga assenza, ma le vicende della vita sono imprevedibili, imperscrutabili e a volte anche piuttosto ironiche.
Torno con un articoletto mentre preparo l’ultimo capitolo della fatica con cui ho lasciato il blog. Vorrei qui esprimere un mio pensiero prendendo spunto da quanto mi accade, puntualmente come il ricorrere della dichiarazione dei redditi, quando partecipo a un concerto.
 
Le bande, si sa, sono una delle anime culturali del nostro paese; ed è bello che sia così, anche se il loro ruolo non sempre è riconosciuto come meriterebbe. Partecipo spesso ai concerti delle bande e a volte, immancabile come il prezzemolo sull’insalata di mare, come primo o secondo bis scatta l’inno di Mameli. O peggio ancora, la celebre Marcia di Radetzky.

Lo Sciopero delle Lancette

Posted in

Odio il British Summer Time (quella che da voi si chiama Ora Legale). Mi devo svegliare al buio, recarmi al lavoro al buio, spesso nella nebbia, proprio quando il sole stava cominciando a fare capolino quando lasciavo casa per andare a lavorare.  Non riesco ad abituarmi alla levataccia fino a quando non si deve mettere l'orologio di nuovo indietro e quasi tutti sono con lo stesso sentimento, nonostante si dica che qualcuno ne giova.  Si dice che sia di giovamento per gli agricoltori, gente che peraltro non ha un orario fisso da rispettare che non sia quello delle bestie e delle stagioni, delle lune e del tempo metereologico.

L'inflazione vista dal punto di vista Austriaco

Posted in

di Alasdair Macleod1

 

Sappiamo che i macroeconomisti di oggi sono molto confusi quando si parla d'inflazione, se non altro perché pensano di poter stampare denaro e aumentare il credito bancario al fine di generare inflazione dei prezzi controllata ad un tasso del 2%.

Certo, la maggior parte di loro riconosce che il termine "controllata" è più una speranza che una realtà. La politica economica non dovrebbe basarsi sulla semplice speranza.

Homer Simpson lavora alla Centrale Nucleare dietro casa vostra

Posted in

Visto che mi sto prendendo un altro intervallo e che non mi sembrava cosa adeguata trasmettere pecorelle come ai tempi eroici in cui la RAI era l'agenzia formativa della Kultura Italiota (ma non era neanche troppo male, visto che il modello era la BBC), ho deciso di riproporre un mio vecchio articolo, precedente questo blog, che magari puo' interessare uno o due lettori.

Il 10 di giugno [2009] c'è stata una riunione tra un comitato di abitanti di alcuni villaggi del Suffolk, sulla costa orientale inglese che dà sul Mare del Nord, ed un rappresentante del British Nuclear Group che gestisce i tre reattori presenti nella zona, rispettivamente Sizewell A, B e C. Tutto nasce dalla chiusura improvvisa, avvenuta circa 3 anni fa, del reattore A, il più vecchio dei tre, un reattore Magnox che era entrato in funzione nel 1966, dopo quasi 5 anni di lavori.

Condividi contenuti