Skip to main content

L'obsolescenza programmata

Ancora un po' e Papa Wojtyla si faceva portare in giro con la carriola, pur di assolvere al suo mandato e alle sue funzioni e, bastone alla mano, come Dio comanda, non cedeva. Quando alle ultime della sua vita si affacciò per salutare i fedeli, emise soltanto un respiro, non ce la faceva neanche a parlare e li benedisse con la mano. Un impegno di una certa rilevanza quello del Papa. Sei solo il rappresentante del figlio di Dio in Terra, sei il Sommo Pontefice, cose così, insomma (andate all'ufficio di collocamento e vedete quanti posti per "aspirante Papa" ci sono, e che curriculum dovete portare). A Wojtyla gli avevano asportato un tumore al colon, si era slogato una spalla e si era rotto un femore. Le cerimonie le interrompeva perché i malori lo raggiungevano mentre le officiava, non perché le avesse rimandate. Non si risparmiò neanche un'appendicectomia di quelle giuste. Infine, il Parkinson. il Parkinson, attenzione, insieme a un'artrosi acuta alle ginocchia. Insomma: «Sono il Papa! e a meno che non diventi totalmente deficiente, da qui non mi sposta nessuno». Ah Sì, gli avevano pure sparato. 

Gli succederà Ratzinger, il quale, un bel giorno, dirà «Non mi sento tanto bene» e se ne va dritto in pensione. Voglio dire, alla luce di cosa aveva sopportato il polacco, tu che sei un Tetesken, che pure gliel'avevi invasa la Polonia, inventane una migliore, no? Era il 2013 (non quando hanno invaso la Polonia). Adesso siamo nel 2020 e Ratzinger è ancora vivo e vegeto. Meno male che non si sentiva tanto bene. 

Che il popolino non sappia fare uno più uno, non sappia cogliere certe "sottigliezze" e, al limite, che pure te le trasformi in liturgico "Le strade del Signore sono infinite", ci sta, è assodato, e stendiamo il famoso velo pietoso. Interessante, invece, prendere atto di come persino gli ortodossi e i credenti non siano mai stati tali, ma solo dei quaquaraquà vestiti a festa, per Natale soprattutto.

In realtà non c'è un reale biasimo nei confronti di un Ratzinger, che hanno pure cercato di inchiappettarselo in tutti i modi. Anche perché non era una testa da poco, anzi. Quindi è più bello pensare che in una notte buia e tempestosa, Ratzingerrino attraversava un santo corridoio dietro le sante mura, quando un giovane vestito da prete uscì dall'ombra «Sua santità» esordì il giovane. «Figliuolo, a quest'ora, buon Dio! Di notte, cosa c'è?». «Posso, due parole?». «Spero sia importante, figliuolo. Avanti, sentiamo». «Mi manda una cara persona e la saluta tanto». «Ah, … capisco. Sì, la cara persona». «Ecco, Santità, la cara persona mi ha comandato di chiedervi se stasera desiderate la stessa tisana rilassante che era piaciuta così tanto a Papa Luciani, oppure volete andare a riposarvi di vostra spontanea volontà». 

Poi arriverà Franceschiello e, tra le sue perle, quella che oggi mi interessa di più, c'è quella del: "Gesù fa un po' lo scemo" ...  e vai, un altro chiodo sulla croce ... ehm, sulla bara della Chiesa. La bara è chiusa e le porte all'Anticristo, aperte.

Si chiama obsolescenza programmata. In termini moderni, voglio dire, ma ha più di duemila anni.

Tutti tacciono alla capitolazione della Chiesa, intesa nei suoi fondamenti, così come tacciono i magistrati fronte alla capitolazione della Costituzione. Così tace il Clero (intellighenzie comprese). Sappiamo che le persone non cambiano, si rivelano. Giunta è l'ora delle Istituzioni, con Stato e Chiesa anche loro rivelatisi per quello che sono sempre stati…

… e lì dove qualcuno alzava la testa, una bella tisana ai frutti di bosco.

L'obsolescenza programmata è un ostrica che dà le sue perle. Le perle papali, che paiono così di passaggio, un po' gigioneggianti, sono le migliori. Se donate anzitempo, come un lapsus freudiano, poi saranno mistificate, e sono anche divertenti, infatti da "Scemo" l'hanno fatta diventare "Fa il finto tonto". Cose così. Si diceva. 

Diego Fusaro (e questa almeno l'ha centrata bene) certe perle le sa mettere sotto la giusta lente di ingrandimento. Per servire a cosa, interesserà ai posteri, noi intanto tiriamo una linea sotto. Andate a cercare su Youtube il suo intervento in merito a queste perle papali; e non solo per le parole su Gesù, ma pure sui migranti. Franceschiello Docet.

Che dire. Non ci si rende conto realmente di quale trasformazione nella psiche e nell'anima è in atto sui bambini, figurarsi se ci si potrà debitamente rendere conto di quale forza vitale è stata levata alla massa e alle masse, grazie al fondamentale silenzio della Chiesa e alla trasformazione del Papa, fronte alla violazione dei Diritti umani. E non stiamo parlando solo di quel che è accaduto, ma di quel che accadrà ...

... con in arrivo le prossime ondate di terrore e di abusi di potere, per Lor Sirgnori delle élite, trovare una massa spiritualmente senza bussola a livello inconscio e, allo stesso tempo, bombardata dal verbo scientifico-scientista e transumanista, sarà come rubare le caramelle a un bambino, da una parte; e, dall'altra, si creerà una morale abominevole la quale farà sentire in diritto di additare chiunque faccia appello alla nostra dignità, come a un pericoloso terrorista che vuole ostacolare la ragione.

Opzioni visualizzazione commenti

Seleziona il tuo modo preferito per visualizzare i commenti e premi "Salva impostazioni" per attivare i cambiamenti.

Un appello alla dignità

Intessere un panegirico della figura di Wojtyla mi sembra fuori luogo: non mi sorprenderei se provenisse da uno qualsiasi dei miliardi di quaquaraquà a piede libero, ad esempio su LC, ma in questo angolo virtuale e da un esponente del tuo calibro mi lascia interdetto.

Da Romero allo Ior, dalla pedofilia al collaborazionismo con la CIA ai tarallucci e vino con Pinochet e signora, le ragioni per voltare schifati la faccia davanti alla figura di Wojtyla non mancano. Come del resto davanti a qualsiasi altro papa, con le solite immancabili eccezioni.

Che l'abdicazione "volontaria" di un papa costituisca in sè motivo di biasimo è altresì come minimo un giudizio leggero: Celestino V fece altrettanto e a confronto della sua figura impallidiscono sia lo stoicismo di Woytila, sia la statura intellettuale di Ratzinger. Ma del resto, per quest'ultimo, tu stesso ammetti che l'ipotesi di un accompagnamento alla porta sia tutt'altro che peregrina. Romanticamente li vorremmo tutti degli incorruttibili Luciani: ma si sa, gli eroi scarseggiano e quando ci sono non durano e non cambiano il mondo...

Ma ancor più mi sorprende il pervicace attaccamento ad una fede, ad una dottrina, ad una chiesa: per quanto tempo ancora avremo bisogno di un'uniforme per sentirci autorizzati ad esercitare la nostra benevolenza senza aspettative di alcuna ricompensa? Per quanto tempo ancora dovremo sentirci colpevoli di esprimere la nostra dignità e superare questi concetti infantili di divinità giudicanti?

 

Interessante - atto secondo

Ritratto di Calvero

webrasta ha scritto:

Intessere un panegirico della figura di Wojtyla mi sembra fuori luogo: non mi sorprenderei se provenisse da uno qualsiasi dei miliardi di quaquaraquà a piede libero, ad esempio su LC, ma in questo angolo virtuale e da un esponente del tuo calibro mi lascia interdetto.

Le iperboli sul fatto che "un quauaraquà a piede libero, ad esempio di quelli su LC, possa diventare un Papa", non mi lascia interdetto, mi dà l'orticaria, perché alle iperboli c'è sempre un limite, ed è uno dei motivi principali per cui me ne sono andato da LC, fai Te. Ed è proprio grazie all'abuso di queste dialettiche idiote che i Kapò fanno il bello e il cattivo tempo. Ecco quindi che - levata la tua iperbole - la si può girare quanto si vuole, e vai tranquillo che non diventi Papa se sei l'ultimo quaquaraquà di LC. A meno di credere al mondo di Peppa Pig e agli asini che volano. Quindi ovvio ti sia servito esasperare un concetto altrui che esasperato non era, per dire ... cosa?

Citazione:

Da Romero allo Ior, dalla pedofilia al collaborazionismo con la CIA ai tarallucci e vino con Pinochet e signora, le ragioni per voltare schifati la faccia davanti alla figura di Wojtyla non mancano. Come del resto davanti a qualsiasi altro papa, con le solite immancabili eccezioni.

... ah, okay ... per dire questo. Capisco. Adesso, però, fai una cortesia: se mi indichi - copi e incolli - dove io abbia nobilitato la figura di Papa Wojtyia, se non sottolineare i fatti inerenti il suo stoicismo (cosa peraltro riconosciuta da Te), bene; altrimenti inutile che fai riferimenti a "esponenziali calibri", visto che quello di cui stai parlando lo sai solo Te. Sai no, il vecchio adagio? «Sono responsabile di quello che scrivo io, non di quello che capisci tu».

Che io l'abbia buttata in chiave ironica, questo può essere certo discutibile, inteso come stile. Sono gusti, e li rispetto. Nulla però che levi un solo sassolino sulla bilancia dell'argomentazione.

Citazione:

Che l'abdicazione "volontaria" di un papa costituisca in sè motivo di biasimo è altresì come minimo un giudizio leggero: Celestino V fece altrettanto e a confronto della sua figura impallidiscono sia lo stoicismo di Woytila, sia la statura intellettuale di Ratzinger.

Ora dovresti argomentare perché sarebbe un giudizio leggero e non solo dichiararlo, visto che pure quella di Celestino, creò non poche e gravissime tensioni, temendo si creasse persino uno scisma. E non morì neanche tanto bene. Il fatto poi che rispetto a un Wojtyla e a un Ratzinger impallidisce come figura papale, grazie per averlo sottolineato. Giacché corrobora quanto ho dimostrato ed energizza questa argomentazione che chiami indebitamente panegirico. Proprio perché sono figure di questo calibro, che simili giochetti risultano ancor meglio identificabili come ovviamente falsi e pilotati: obsolescenza programmata.

Tornando a Celestino, poi, andare a fatti così lontani pensando di capire oggi, cosa sia realmente successo, già dovrebbere farti andare coi piedi di piombo, ma Te parti in quarta. E, sempre per non rimanere nel mondo di Peppa Pig e degli asini che volano, pensare che anche quella volta un Papa abdicasse "Perché non stava bene" e non ci fossero dietro giochi di potere e forze maggiori di natura oscura, quando quella volta saltavano teste e si torturava la gente senza tanti complimenti, allora tanto vale prendere un Tablet perennemente acceso e aperto sulla pagina di Wikipedia, tenerlo sul comodino e pregare ogni sera per la santa enciclopedia libera prima di andare a nanna.

Quando ho scritto che l'obsolescenza programmata è il nome moderno di una cosa vecchia di duemila anni, a cosa pensavi mi riferissi, al culo di Belen?

Citazione:
Ma del resto, per quest'ultimo, tu stesso ammetti che l'ipotesi di un accompagnamento alla porta sia tutt'altro che peregrina. Romanticamente li vorremmo tutti degli incorruttibili Luciani: ma si sa, gli eroi scarseggiano e quando ci sono non durano e non cambiano il mondo...

E quindi?

Citazione:

Ma ancor più mi sorprende il pervicace attaccamento ad una fede, ad una dottrina, ad una chiesa: per quanto tempo ancora avremo bisogno di un'uniforme per sentirci autorizzati ad esercitare la nostra benevolenza senza aspettative di alcuna ricompensa?

A Te sorprende, a Me dà il vomito, quindi?

Citazione:
Per quanto tempo ancora dovremo sentirci colpevoli di esprimere la nostra dignità e superare questi concetti infantili di divinità giudicanti?

Chiedilo alle masse. Intanto è un fatto. E farà la differenza fondamentale della disfatta.

ultima spiaggia

Ritratto di Mike57

Un suggerimento per Calvero per fare del Portico Dipinto, almeno per quanto riguarda i suoi post, un posto dove noi utenti possiamo, nei commenti ovviamente, inserire notizie di pubblico interesse trovate in rete. Il suo compito sara di moderatore molto tollerante e paziente; non tutti abbiamo sviluppato un modo costruttivo per confrontarci. Grazie.

Vignetta gentilmente offerta da Danilo Santini:

Fauci insiste "Il corona virus è come la spagnola."

Immagine


 

Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.

Che dire. Non ci si rende

Che dire. Non ci si rende conto realmente di quale trasformazione nella psiche e nell'anima è in atto sui bambini, figurarsi se ci si potrà debitamente rendere conto di quale forza vitale è stata levata alla massa e alle masse, grazie al fondamentale silenzio della Chiesa e alla trasformazione del Papa, fronte alla violazione dei Diritti umani. E non stiamo parlando solo di quel che è accaduto, ma di quel che accadrà ...

... con in arrivo le prossime ondate di terrore e di abusi di potere, per Lor Sirgnori delle élite, trovare una massa spiritualmente senza bussola a livello inconscio e, allo stesso tempo, bombardata dal verbo scientifico-scientista e transumanista, sarà come rubare le caramelle a un bambino, da una parte; e, dall'altra, si creerà una morale abominevole la quale farà sentire in diritto di additare chiunque faccia appello alla nostra dignità, come a un pericoloso terrorista che vuole ostacolare la ragione.

 

 Salve a tutti, sono nuovo qui, ero un assiduo frequentatore dell'altro lido fino a qualche tempo fa salvo poi scoprire che le persone che leggevo scrivono di qua. Poco importa.

Mi ricollego a queste ultime parole di Calvero (che saluto volentieri) perché la questione mi pare centrale. Che la massa fosse spiritualmente abbandonata a se stessa lo sapevamo già da qualche lustro. Le élite sapevano benissimo di questa mancanza e hanno cercato di colmarla con un approccio teosofico. 
Rimango anch'io stupito ogni qual volta noto i libri di Steiner o di Guerjieff venduti al NaturaSi. 

Negli ultimi anni è stata l'esplosione delle sette new age anche in Italia. Molte di loro spacciate come scuole di yoga, la più celebre è Ananda Marga che operava anche ad Assisi ma in generale in Italia ha seguaci in ogni regione.

All'occidente intero manca la sua guida spirituale e le ripercussioni sulla società sono sotto i nostri occhi. Dall'altro canto idea mia è che la massa la si voglia sostituire in fretta, con un popolo ancor più ibrido ed addomesticabile.
I cinesi sono la middle class del futuro. Sono stati scelti per questo e a breve compreranno quello che resta del nostro misero mondo materiale.

La deriva transumanista è dietro l'angolo. Giovani che escono con la mascherina e ne vanno fieri mentre fissano lo smartphone tutto il giorno. Un passo alla volta stanno programmando tutto per filo e per segno, come ci insegnavi tu Calvero questi puntano sempre sul futuro.
Il futuro è sotto i nostri occhi e siamo alle ultime battute. Una vita rurale e devota alla sopravvivenza forse è l'unica soluzione che rimane. 

COME VOLEVASI DIMOSTRARE

Ritratto di Calvero

«Gesù si è fatto diavolo» ecco le parole di Bergoglio.

Ribadisco che fronte a ogni considerazione medica o geopolitica, nulla potrà essere fermato se non si comprende quale nucleo atomico sta energizzando le forze: - e politiche, e economiche, e sociali, e sovra o sotto nazionali; nulla c'entrerà quanto un sistema di idee o persone o classi sociali o caste contempli o meno la forza spirituale del Nuovo Ordine, se non comprende che solo quello è l'unico fattore determinante, il resto è solo a corollario e muterà forma mano mano; giacché: se non si dovrà accettarlo per affermazione, si dovrà farlo per negazione. End of story.

Ovviamente la "mia" formulazione è retorica e sono obbligato a esprimerla per far sì non sia fraintendibile la posizione intellettuale; retorica, quindi, dicevo, perché ovviamente questa formulazione non farà testo e saremo tutti inghiottiti da questa forza mentre le considerazioni, di qualsiasi registro siano e saranno, di cui sopra come si diceva, economche, politiche, sociali: capitoleranno una alla volta, nessuna esclusa. Saranno parole al vento. Le "mie" No, non saranno parole al vento e non capitoleranno, perché non sono mie, e perché non sono scritte per Me, né per chi legge.

Dice IoCogito:

Citazione:
che la massa fosse spiritualmente abbandonata

... non è questo il punto, se pur ovviamente vero, il punto è che la massa è stata destabilizzata, e questo è accaduto in questi ultimi giorni, non prima. Che poi sia stato preparato il terreno da decadi, è un altro discorso ancora, ma il momento storico è questo, di questi giorni.

Commenti liberi e moderazione

Ritratto di Calvero

Mike57 ha scritto:

Un suggerimento per Calvero per fare del Portico Dipinto, almeno per quanto riguarda i suoi post, un posto dove noi utenti possiamo, nei commenti ovviamente, inserire notizie di pubblico interesse trovate in rete. Il suo compito sara di moderatore molto tollerante e paziente; non tutti abbiamo sviluppato un modo costruttivo per confrontarci. Grazie.



 

Il problema, Mike, è l'impostazione del Sito stesso, che è sempre stato il punto debole (e il punto forte) de Il portico. Da una parte ha permesso e permette una pulizia e un ordine delle argomentazioni che non assumeranno mai un carattere caotico, dall'altra non offre quelle dinamiche intuitive e coinvolgenti come per i siti diciamo più convenzionali. I Blog si incolonnano e le discussioni, diciamo "aperte", così come dei commenti aperti, diciamo "liberi" vanno eclissandosi perdendosi in un layout meno coinvolgente e, appunto, intuitivo. Così anche per la sezione "forum" che rimane appunto appartata. Almeno, io la vedo così.

Nulla toglie che io possa aprire un Topic apposito del Blog gestito da Me, e lasciarlo libero nei commenti, ma, ripeto, non so quanto possa funzionare. In questi giorni esamino la cosa e vediamo se si può introdurlo e renderlo valido.

mutamenti epocali

Ritratto di Mike57

Sicuramente molti te ne saranno grati. I mutamenti epocali che ci aspettano nei prossimi mesi li possiamo discutere o soltanto segnalarli affinche coloro che hanno poco tempo a disposizione ne possono usufruire con qualche anticipo. 


 

Quegli che abbia penetrato il senso della vita, non si affanna più per ciò che alla vita non dà nessun contributo.