Skip to main content

Aggregatore di feed

Obama’s dumbest move to date… seizing a foreign bank??

Deep Politics Monitor - Gio, 24/07/2014 - 18:41
From Sovereignman: by Simon BlackJuly 24, 2013Barcelona, SpainTen dark suited men entered the premises of FBME bank in Cyprus on Friday afternoon and took it hostage.It must have looked like a scene from the Matrix. And given the surrealism of how this conflict is escalating, maybe it was.The men were from the Central Bank of Cyprus (CBC). And they commandeered FBME because an obscure agency

E se avessero creato uno stato che nessuno userà più?

Freedonia - Gio, 24/07/2014 - 10:20
Il più grande vantaggio che il libero mercato offre agli individui, è quello di potersi incontrare e stringere volontariamente un accordo per migliorare le proprie condizioni. Sebbene esistano differenze economiche tra di loro, questo non ferma gli individui dal soddisfare i propri bisogni ignorando tale fatto. Certo, le persone ricche possono stringere accordi con altre persone ricche, ma stringono accordi anche con persone "povere". Pensate ai giardinieri, alle babysitter, ai cuochi. Dal punto di vista sociale, vivono separati; dal punto di vista economico, lavorano insieme. Entrambi ci guadagnano, ed è questa la meraviglia del libero mercato. Un giorno, coloro assunti dalla gente ricca potrebbero avere abbastanza referenze e risorse da poter avviare un'azienda tutta loro ed "elevarsi" socialmente. Quando invece si fa ricorso alla violenza dello stato si vengono a creare barriere tra le varie classi: i poveri spronano lo stato a ridistribuire la ricchezza e diventano invidiosi dei ricchi; questi ultimi, per difendersi, cercano di organizzarsi politicamente per rispondere agli attacchi dei primi. L'unica cosa che li spaventa è che anche i poveri si organizzino politicamente. Minacce e paura vanno così a governare quello che prima era un ambiente pressoché pacifico e dedito alla cooperazione. La libera volontà, infatti, va a beneficio di tutte le classi sociali. Quando, invece, una classe manda un agente del governo a bussare alla porta di un'altra classe, potete star sicuri che il futuro sarà costellato da meno cooperazione e più conflitto.
___________________________________________________________________________________


di Jeffrey Tucker


Ho chiesto ad un mio amico in Cina come funzionassero le poste. La sua risposta è stata rivelatrice: esiste un sistema postale statale, China Post. E' una grande burocrazia che si muove alla vecchia maniera. Le sue origini risalgono al 1870.

Ma oggi, quasi più nessuno pensa di usarla. Rimane lì. Le filiali postali sono qua e là, e vari burocrati vi bazzicano dentro. Invece quasi tutte le persone e aziende si rivolgono ai servizi privati. Ce ne sono decine, addirittura centinaia, tutti specializzati in qualche altro tipo di servizio. Ogni settimana ne spuntano di nuovi.

Perché la gente li usa? I servizi privati dispongono della tracciabilità. Sono veloci. Prendono la consegna da qualsiasi luogo e la portano a destinazione quasi istantaneamente. Sono incredibilmente competitivi, quindi i prezzi sono in costante calo. E' un mercato in forte espansione che al confronto quello statale è ridicolo.

Questi imprenditori, che hanno innovato nonostante i monopoli e le normative vigenti, hanno creato maggiori opportunità, prosperità e libertà. Le persone non sono più legate alle scelte dello stato. Possono lasciare il sistema e trovare nuovi e migliori modi di vivere. Questo è ciò che significa essere liberi.

Eppure il governo cinese va avanti facendo sempre meno. Per quanto tempo può mantenere viva la farsa? Probabilmente molto tempo. Forse anche di più. Ma i suoi servizi diventeranno obsoleti, ingestibili, inefficaci, irrilevanti per la vita delle persone e, quindi, costantemente minacciati di chiusura.

Negli Stati Uniti sta accadendo qualcosa di simile. Il servizio postale è in continua remissione. Le varie filiali vengono chiuse. Il servizio si sta riducendo. A volte si allea con i servizi privati, e talvolta si limita solamente a schiacciare i concorrenti — qualsiasi cosa pur di sopravvivere un altro giorno.

Privato e pubblico continuano ad esistere fianco a fianco. Ma chi è favorito dalla direzione della storia? I servizi che rendono la vita migliore sopravvivono, gli altri perdono energia e muoiono, anche quando sono finanziati dallo stato.

Lo stato può prolungare una funzione inutile, ma non per sempre. La tecnologia è una forza inesorabile. Il governo può rallentarla, ma non può fermarla. Il settore privato continua a sorprendere sempre di più, mentre i servizi statali — in tutto il mondo — continuano a peggiorare.

Il trend si sta diffondendo. Sta colpendo il settore del trasporto: i monopoli di stato vengono frantumati da parvenu privati​​. Sta accadendo nella comunicazione, dove, nel giro di pochi decenni, siamo passati da scatole parlanti di proprietà dello stato ad una conoscenza a portata di mano nelle nostre tasche.

Sta accadendo all'istruzione (raramente l'istruzione pubblica è la prima scelta), alle pensioni (nessuno sotto i 50 crede più a quelle statali), alla sanità (dove quella statale è sinonimo di scandalo) e alla sicurezza (anche lo stato ora ingaggia servizi privati).

In ogni ambito della vita, il trend è evidente ed è intensificato dalla rivoluzione digitale, la quale ha aperto una nuova frontiera agli imprenditori affinché innovino al di fuori del sistema statale. Le innovazioni sono diventate essenziali per la nostra vita.

Grazie alle app, per esempio, possiamo ascoltare la musica, impostare i nostri modelli di riposo, navigare per le mappe delle città, suonare uno strumento musicale; il tutto dai nostri telefoni cellulari. Grazie ai siti web peer-to-peer, possiamo vendere la nostra roba, affittare una stanza in più a casa nostra, affittare un'auto, frequentare lezioni con grandi maestri — o possiamo fare il contrario: comprare roba, trovare una camera, essere pagati per guidare, o insegnare. Gli strumenti per fare tutte queste cose vengono distribuiti a tutti, bypassando completamente gli stati.

Questo è un percorso molto più efficace verso la libertà rispetto alla via che passa dalla politica convenzionale. In tutto il mondo le persone soffrono sotto il peso della pianificazione centrale, della regolamentazione, della tassazione elevata, degli ostacoli al commercio e dei monopoli sull'educazione, sulle banche, sul denaro e su tanti altri settori. Le persone chiedono a gran voce più spazio per respirare, creare e servire. Ma come si arriva da qui a lì? L'innovazione è il percorso produttivo che sta facendo la differenza.

Facciamo un passo indietro ed esaminiamo una questione fondamentale: perché lo stato dovrebbe fornire un qualche servizio? Perché l'elite politica ed i suoi burocrati debbono prendere i nostri soldi per vivere a nostre spese? Perché si prendono la briga di fingere di fare qualcosa per noi come proteggerci, darci sicurezza, pulire l'ambiente, difenderci dai cattivi, amministrare la giustizia ed impedirci di comportarci in modo autodistruttivo?

Lo stato farebbe meglio a non fare nulla di tutto ciò. Invece di far finta di fare cose gloriose per noi, sarebbe molto meglio se si comportasse come un parassita in modo esplicito.

Ma ecco il problema. Gli stati hanno bisogno del sostegno delle persone, come minimo tacitamente. Nessun governo può governare solo con la forza. Il controllo è strettamente dipendente dai cuori e dalle menti. E' quel profondo impegno culturale nei confronti dello stato e di un governo della minoranza sulla maggioranza, che assicura stabilità allo stato e tiene a bada sconvolgimenti e rivoluzioni. Questa è la ragione fondamentale per cui lo stato continua a definirsi indispensabile.

Ma guardate cosa succede quando lo stato non è più così meraviglioso, quando i suoi sistemi di sicurezza, i sistemi bancari, i sistemi monetari, i sistemi educativi, i sistemi normativi, i programmi di pensionamento, le burocrazie ambientali e del lavoro sono poco efficienti rispetto a quello che può essere realizzato al di fuori della sua sfera d'azione. La gente, per una questione di interesse personale, si allontana da ciò che non funziona verso ciò che funziona.

Possono anche aver costruito lo stato, ma non possono costringere le persone ad usarlo, soprattutto se esistono alternative migliori. Ci sono migliaia e milioni di modi per lasciare il leviatano oggi. Ci circondano: da Uber taxi a Bitcoin, all'homeschooling, ai servizi medici privati, ​​alle farmacie online, alla conservazione ambientale privata​​.

Dite il nome di un qualsiasi servizio apparentemente essenziale che lo stato ha offerto nel XX secolo e potete dire il nome di un'alternativa privata più economica, più efficace, più innovativa e più accessibile. Non c'è nulla che gli stati possono fare che i mercati non sappiano fare meglio. La traiettoria attuale della tecnologia sta confermando questo punto, più volte.

Il risultato è l'instabilità politica. Un cambiamento di paradigma. L'obsolescenza del settore pubblico. La crescente irrilevanza del potere. Sempre meno dipendenza, e quindi meno fedeltà, verso una struttura di potere coercitivo e di conseguenza sempre più affidamento verso strutture culturali, economiche e sociali che la società crea per sé stessa. La tolleranza per la tassazione, la schiavitù, l'annullamento della privacy, la regolamentazione e la guerra sta cominciando a declinare. Alla fine morirà, perché è insostenibile senza il sostegno pubblico. Questa è la storia di come la libertà umana prevarrà sulla tirannia. Potrebbe essere la storia del nostro futuro a breve termine.

Si tratta di un percorso pacifico. Non è un percorso certo, ma guardando al mondo di oggi, rappresenta uno dei più produttivi per quanto riguarda i bisogni umani e soprattutto quello più temuto dall'élite politica. L'élite al potere non se ne andrà senza lottare, ma combatterà sempre di più queste persone che stanno già scoprendo un modo migliore di vivere.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli


No Evidence - Administration's MH17 Case Against Russia Falls Apart

Deep Politics Monitor - Mer, 23/07/2014 - 22:13
From MoonofAlabama, July 23, 2014 The federalists fighting in east Ukraine just took down two more SU-25 ground attack fighters that were bombing their positions. The weapons used against these planes are either simple air-defense guns or short ranged missiles unlike the missiles that allegedly took down the Malaysian passenger jet. The case the Obama administration made against the

Suppose...

Deep Politics Monitor - Mer, 23/07/2014 - 17:11
A great post by aminorex:Suppose that I were to use a threat of torture to compel you to trade all of your gold for false analogies, invalidate all contracts payable in gold, and demand that you pay me false analogies on a recurring basis, when I had previously arranged for the establishment of a lender of false analogies who was the only source of false analogies you could tender without being

CIA SAYS MH17 DOWNED BY UKRAINE GOVERNMENT; MH17 ESCORTED BY UKRANIAN FIGHTER JETS

Deep Politics Monitor - Mer, 23/07/2014 - 13:25
From Aangirfan, Wednesday, 23 July 2014 "When The Independent visited the site where the image was taken and showed it to local people, they claimed they had seen no such missile truck and dismissed the image as hoax. "'All the Ukrainian media is lying,' said one man, Andrei Sushparnov. 'We have no missiles. If we did, would the Ukrainians be bombing our cities?'" Was a Russian-made missile

Socialism Corrupts 'Provably'

Deep Politics Monitor - Mer, 23/07/2014 - 12:18
The (True) Legacy of Two Really Existing Economic Systems Dan Ariely  Duke University - Fuqua School of Business Ximena Garcia-Rada  Duke University Lars Hornuf  Ludwig-Maximilians-Universität München Heather Mann  Duke University - Fuqua School of BusinessJune 19, 2014Munich Discussion Paper No. 2014-26  Abstract:       By running an experiment among Germans collecting their passports or

Jim Willie: Germany Secretly Planning on Joining BRICS

Deep Politics Monitor - Mer, 23/07/2014 - 10:43
From USAwatchdog, July 23, 2014By Greg Hunter’s USAWatchdog.com Financial newsletter writer Jim Willie says no matter who shot down the Malaysian commercial jet over Ukraine recently, there is going to be massive fallout.  Willie contends, “Here’s the big, big consequence.  The U.S. is basically telling Europe you have two choices here.  Join us with the war against Russia.  Join us with the

La pianificazione centrale dei banchieri centrali

Freedonia - Mer, 23/07/2014 - 10:20




di Gary North


Uno dei problemi che affronta chi critica il Federal Reserve System, è che viene considerata come una persona senza alcuna competenza in materia monetaria e bancaria.

In un articolo del 2009, l'Huffington Post ha descritto in modo molto dettagliato il numero di persone con dottorati in economia impiegati dal Consiglio dei Governatori del Federal Reserve System. Questo è il ramo del governo nella Federal Reserve. Non è una delle 12 banche regionali Federal Reserve, le quali sono tutte di proprietà privata. Quando uscì l'articolo il Consiglio dei Governatori aveva 220 economisti a tempo pieno nel suo personale. L'autore cercava di scoprire quanti economisti fossero a libro paga delle 12 banche regionali, ma non ci riuscì. Queste sono le istituzioni principali. Ognuna di loro pubblica una propria rivista mensile.

Se parliamo del numero di persone con dottorati in economia che si specializzano in materia monetaria e bancaria a livello nazionale, ce ne possono essere fino a 1500, ma potrebbero essere anche 1000. Ad ogni modo, questo accadeva nel 2009. Quindi stiamo parlando di una situazione in cui circa un terzo di tutti gli specialisti del settore, sono impiegati in qualche ramo della Federal Reserve. Ma questa è solo la punta dell'iceberg. La Federal Reserve offre anche contratti part-time. Mette da parte quasi mezzo miliardo ogni anno per pagare gli economisti. E' una quantità enorme di denaro che scorre nella direzione di una singola professione.

L'articolo conclude che la Federal Reserve ha praticamente acquistato il controllo del campo. Quasi nessuno contesta la Federal Reserve in modo serio.

Ecco una situazione in cui l'agenzia che controlla la politica monetaria per gli Stati Uniti ha una quantità illimitata di denaro per comprare il sostegno, la conformità o il silenzio di quel segmento di economisti che si specializza in materia monetaria e bancaria. La Federal Reserve riesce a conservare tutti i soldi che vuole per le sue operazioni. Tutto il denaro non utilizzato per questo scopo deve tornare indietro al Dipartimento del Tesoro, ma non risponde né al Congresso né al Tesoro su come spende i suoi soldi. Ciò significa che la Federal Reserve ha essenzialmente fondi illimitati per acquistare quei critici che potrebbero mettere in discussione la sua politica.

La Federal Reserve è un cartello. Essa opera a vantaggio di un numero relativamente piccolo di banche, probabilmente meno di due dozzine, che come minimo inglobano l'80% di tutti i depositi bancari negli Stati Uniti. In realtà, la Federal Reserve sta trattando solo con una dozzina di queste enormi banche. Essa non risponde alle 7,000 piccole banche. Non hanno alcun peso. Hanno così pochi depositi, rispetto ai giganti, che se sopravvivono o meno non importa al Federal Reserve System.

Questa organizzazione è davvero intoccabile oggi. Non è mai stata sottoposta ad un audit da parte di un organismo indipendente da essa, sebbene suddetto audit sia solo un miraggio. Nessuno sa quanto oro abbia in deposito. Nessuno sa quanti debiti o crediti abbia nei confronti di questo oro. In altre parole, l'agenzia principale che controlla l'ente economico centrale nella società moderna, ovvero il sistema bancario commerciale, è al di là del controllo della maggior parte di queste banche ed è al di là del controllo del Congresso. Nessun presidente osa contestare il Federal Reserve System.

In queste circostanze, quale possibile effetto possono avere le critiche al di fuori della Federal Reserve? Lo sappiamo: nessuno. Se il Congresso, che si suppone sia in carica, non ha i voti necessari per ottenere un audit della Federal Reserve da parte del Government Accountability Office, allora la Federal Reserve è veramente indipendente dal governo. Può assecondare una particolare amministrazione presidenziale, ma non è obbligata.

Non credo che esista una qualsiasi altra istituzione negli Stati Uniti, che abbia questo grado di autonomia dal governo. Si proclama indipendente dal governo. E' lodata nei libri di testo perché è indipendente dal governo. Non sono a conoscenza di nessun'altra istituzione negli Stati Uniti, la cui fama principale è quella di essere indipendente dal controllo del governo. Nei libri di testo scritti da autori di sinistra che vogliono imbrigliare, o come minimo regolamentare, ogni aspetto dell'economia capitalistica, tutti alzano le mani quando si parla del Federal Reserve System. In questo caso, si tirano indietro dalla loro posizione ideologica e sostengono che il grande vantaggio della Federal Reserve è la sua indipendenza dalla politica. Questo è del tutto in contraddizione con la linea politica della sinistra americana, eppure non ci sono molte deviazioni da questa linea di partito.

E' un sistema arcano. Quasi nessuno capisce come funziona. Si suppone che nessuno capisca come funzioni. Coloro che pubblicano i propri articoli illeggibili sulle riviste delle Federal Reserve regionali, non arrivano mai al cuore del sistema. Non scriveranno una chiara spiegazione di quello che rappresentano le riserve in eccesso. Non troverete una spiegazione di come sia possibile che, sin dalla fine del 2008, le riserve in eccesso siano salite di quasi $3 bilioni, quando queste riserve erano praticamente inesistenti prima del 2008. Non esiste discussione su questo argomento. È il fatto centrale della politica monetaria di oggi: ancora non viene dibattuta apertamente. Questo tipo di silenzio non è casuale. E' imposto.

Se l'istituzione centrale di un'economia è il sistema monetario, e questa istituzione è controllata da un cartello creato dal governo, e questo cartello è indipendente dal governo, allora quale possibile occasione avrebbe la popolazione per rivendicare la propria libertà negli affari monetari? La risposta è ovvia: nessuna.

Se si considera il fatto che il Federal Reserve System è la banca centrale tra le varie banche centrali del mondo, almeno per il momento, si inizia a capire come una piccola manciata di persone, che si occupano di un istituto che è al di là del controllo politico e la cui proprietà è nascosta rispetto alle 12 banche regionali, possa essere al comando dell'economia. Questa è la pianificazione centrale. Dovremmo chiamarla per quello che è. Nessun governo socialista in Occidente ha mai avuto lo stesso grado di potere su tutta l'economia come quello che ha il Federal Reserve System negli Stati Uniti. Non sto parlando dell'Unione Sovietica o della Cina comunista. La Federal Reserve non è mai stata in una posizione per poter far arrestare persone nel bel mezzo della notte e giustiziarle. Ma se si sta parlando di pianificazione centrale sull'istituzione centrale dell'economia, questa è la vera pianificazione centrale. E' autorizzata dal governo federale, ma non è controllata dal governo federale.

In altre parole, le economie occidentali sono economie pianificate centralmente. Non vengono definite così, ma questo è quello che sono. Non sono pianificate centralmente dal governo, ma da un cartello che rappresenta circa una dozzina di banche. I libri di testo di economia non discutono di questo aspetto.

Ci sono alcuni critici del sistema sia a destra che a sinistra, e c'è il vecchio movimento populista che è stato critico fin dall'inizio nei confronti della banca centrale. Dal punto di vista politico propenderei ad inquadrare questo movimento nella sinistra, ma dal punto di vista sociale penso che faccia riferimento alla destra. E' rappresentato in questi giorni da Ellen Brown. Che una persona con scarsa conoscenza economica come Ellen Brown possa diventare il portavoce principale del movimento populista, è indicativo di quanto sia compromessa la situazione della popolazione. Lei non ha alcuna influenza. Le ho risposto qui.

Andare contro la Federal Reserve oggi, è davvero un atto suicida dal punto di vista politico. La FED è davvero intoccabile.

Le persone nella FED pensano di sapere quello che stanno facendo. Ma questa è un'organizzazione che, dal 1914 al 2008, ha accumulato $800 miliardi di debito del Tesoro. Lo ha fatto attraverso due guerre mondiali. Lo ha fatto nella Grande Depressione. E poi, in un periodo di cinque anni, ne ha aggiunto $3.2 bilioni al suo portfolio. Questa non è la risposta di un gruppo di professionisti che sa quello che sta facendo. Questa non è la risposta di un gruppo di tecnici che ha un piano per dirigere l'economia. Questo è il Keystone Cops. Eppure queste persone sono davvero responsabili della politica monetaria, il che significa che sono responsabili dell'ampiezza del ciclo economico. Non possono sopprimerlo definitivamente, ma possono fare molto, molto peggio. Possono contenere il disastro, ma non possono evitarlo. L'abbiamo visto nel 2008 e nel 2009. Ci sarà un altro evento simile, purtroppo di maggiore entità.

Allora la domanda sarà questa: chi rappresenterà i critici della Federal Reserve? Ci saranno milioni di critici a quel punto. La Federal Reserve può correre, ma non può nascondersi. Sarà lasciata con un pugno di mosche in mano. Verrà incolpata per il ciclo. Non sfuggirà alla critica la prossima volta. L'unico problema è che non è chiaro quali critici della Federal Reserve guadagneranno l'orecchio del pubblico, e non è chiaro se il Congresso ascolterà effettivamente gli elettori. Il settore bancario centrale è il cuore dell'economia moderna, ed è un organo di pianificazione centrale che sta tentando di controllare la vita di diversi miliardi di persone in tutto il mondo. Questo può andare avanti per un po', ma non può andare avanti a tempo indeterminato.

Non sappiamo che cosa potrebbe sostituire le banche centrali, ma sappiamo questo: la magnitudine del prossimo fallimento non potrà essere nascosta. La prossima volta, o forse quella dopo ancora, il pubblico capirà che la Federal Reserve è la causa del problema, e che deve essere abolita. Milton Friedman giunse infine a questa conclusione dopo aver difeso la legittimità delle banche centrali in quasi tutta la sua carriera. Alla fine rinunciò: http://bit.ly/FriedmanFed

Le persone si arrabbiano per la Federal Reserve. Non fa bene arrabbiarsi. Non è possibile modificare il sistema nelle circostanze attuali. Ma, ad un certo punto, la pianificazione centrale farà ciò che la pianificazione centrale fa sempre, e cioè, mandare in crash l'economia. A quel punto è molto probabile che i critici della Federal Reserve se la prenderanno coi burocrati, nonostante abbiano dottorati di ricerca in economia. Saranno lasciati con un pugno di mosche in mano. Saranno lasciati con la colpa della crisi, che hanno creato loro tra l'altro. In quel momento vedremo ciò che la popolazione vuole davvero.

Il mio timore è che la popolazione accetterà che il Congresso possa intervenire per prendere in consegna la Federal Reserve. Questa sarebbe una vera catastrofe. Vedremo se la gente crede davvero nel libero mercato. E' il nostro lavoro come critici della pianificazione centrale, e anche come critici dell'inflazione monetaria, di far avverare la migliore situazione possibile.

La scuola austriaca avrà la chance migliore, perché è stata la più coerente e si è sempre opposta alle banche centrali. Ciò risale al libro di Ludwig von Mises pubblicato nel 1912, The Theory of Money and Credit, in cui attaccò l'idea di una banca centrale. Ma durante la fase di cambiamento, ci sarà molto dolore. Ci saranno un sacco di disoccupati che non capiranno perché saranno disoccupati. Ci saranno impressionanti perdite nei mercati azionari, le quali faranno impallidire quelle avvenute nel 2008-2009. La Federal Reserve sembra intoccabile oggi, e lo è. Ma questo tipo di potere porta sempre ad un fallimento del mercato. Il nostro compito è di rendere certo che, la prossima volta che succederà, il Federal Reserve System non se la caverà a buon mercato.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli


Ascesa e declino della società: capitolo II

Von Mises Italia - Mer, 23/07/2014 - 07:00

Da Dio o dalla spada?

 

Lo Stato è previsto dalla natura delle cose? I teorici classici della scienza politica erano convinti di sì. Osservando come ogni agglomerato di uomini noti alla storia abbia visto la partecipazione in una istituzione politica di qualche tipo, e convinti che in tutte le cose umane la mano di Dio abbia svolto un ruolo, hanno concluso che l’organizzazione politica degli uomini abbia goduto dell’avallo divino. Avevano un sillogismo per sostenere la propria ipotesi: Dio ha fatto uomo; l’uomo ha realizzato lo Stato; quindi, Dio ha fatto lo Stato. Lo Stato ha acquisito così una sorta di alone di divinità. Il ragionamento è stato sostenuto da una analogia: è una certezza che l’organizzazione familiare, con il suo capo, sia nell’ordine naturale delle cose, e ne consegue che un gruppo di famiglie, con lo Stato in qualità di padre di tutte, sia un fenomeno altrettanto naturale. Se si verificano carenze nella famiglia, è a causa dell’ignoranza o della malvagità del padre; parimenti se l’ordine sociale soffre l’ansia o la disarmonia è perché lo Stato ha perso di vista le vie di Dio. In entrambi i casi, il pater familias ha bisogno di istruzioni per quanto riguarda i principi morali. Dunque lo Stato, che è inevitabile e necessario, può essere migliorato ma non abolito.

Accettando a priori la naturalezza dello Stato, hanno cercato di trovare la radice dell’istituzione nella natura dell’uomo. Sicuramente, lo Stato appare solo quando gli uomini si riuniscono, e questo fatto potrebbe indicare che la sua origine è insita nella complessità dell’essere umano; gli animali non hanno Stato. Questa linea di indagine ha portato a contraddizioni e incertezze, cosa del tutto comprensibile in quanto le prove della natura dell’uomo si trovano nel suo comportamento morale e questo è ben lungi dall’essere uniforme. Due uomini risponderanno in maniera diversa alla stessa esigenza e almeno uno non seguirà uno schema costante di comportamento in tutte le circostanze. L’ostacolo che gli scienziati politici con mentalità teologica si erano posti di fronte consisteva nell’essersi prefissi di scoprire se lo Stato traesse la propria origine dal fatto che l’uomo sia intrinsecamente “buono” o “cattivo”, e su questo punto non vi è alcuna prova evidente. Da qui le contraddizioni nelle loro conclusioni.

Lungo queste linee, i tre pensatori con cui abbiamo maggiore familiarità, nonostante abbiano avuto i rispettivi predecessori, sono Thomas Hobbes, John Locke e Jean Jacques Rousseau. Come punto di partenza per le loro speculazioni, i tre si sono avvalsi della stessa ipotesi secondo cui ci fu un tempo in cui gli uomini non erano politicamente organizzati e vivevano in una condizione chiamata “stato di natura.” Era una pura ipotesi, naturalmente, poiché se gli uomini si fossero aggirati sulla faccia della terra come isolazionisti ad oltranza, non stabilendo alcun contatto uno con l’altro se non attraverso le mazze, non avrebbero mai lasciato alcuna prova a riguardo. Ci deve essere stata quantomeno un’organizzazione familiare o non saremmo qui a parlare di “stato di natura”.

In ogni caso, Hobbes sosteneva che in questo stato pre-politico l’uomo fosse “brutale” e “cattivo,” sempre in bilico tra la proprietà e la persona accanto a lui. La sua inclinazione predatoria era motivata da una passione smodata verso l’abbondanza materiale. Ma, dice Hobbes, essendo l’uomo dotato fin da principio del dono della ragione, ad un certo punto nel suo stato “naturale” questa gli suggerì che avrebbe potuto fare di meglio per sé, cooperando con gli altri uomini “naturali”. A quel punto entrò in un “contratto sociale” con essi, nei cui termini ciascuno accettava di rispettare un’autorità che lo avrebbe trattunuto dal fare ciò che la propria “natura” lo spingeva a fare. Così apparve lo Stato.

Locke, d’altra parte, è piuttosto neutro nelle sue conclusioni morali: per lui la domanda se l’uomo sia “buono” o “cattivo” è secondaria rispetto al fatto che egli è una creatura di ragione e desiderio. In realtà, afferma Locke, anche quando viveva in uno stato “naturale,” la preoccupazione principale dell’uomo era la sua proprietà, il frutto del proprio lavoro. Fu la ragione a suggerirgli che sarebbe stato più al sicuro, nel possesso e godimento di quella, se egli stesso fosse stato sottoposto ad una agenzia di protezione. Quindi stipulò un “contratto sociale” ed organizzò lo Stato. Locke identifica la tutela della proprietà come la principale attività dello Stato e afferma che, qualora un determinato Stato trascuri tale dovere, sia moralmente giustificabile sostituirlo con un altro, anche con la forza.

Guardando allo “stato di natura”, Rousseau trova che sia un Eden idilliaco, in cui l’uomo era perfettamente libero e quindi moralmente perfetto. C’era solo un difetto in questa vita, altrimenti buona: guadagnarsi da vivere era difficile. Fu per superare le difficoltà dell’esistenza “naturale” che rinunciò ad un po’ della propria libertà ed accettò il “contratto sociale”. Per quanto riguarda il carattere del contratto, trattasi di una fusione della volontà di ogni individuo con quella di ogni altro firmatario in quella che Rousseau chiama la Volontà Generale.

Così, nonostante i tre pensatori restassero in un certo disaccordo sulla natura dell’uomo, dove il seme dello Stato andava ricercato, si trovarono invece d’accordo sul fatto che lo Stato nacque da essa. Va sottolineato come questo tentativo di trovare un’origine dello Stato non fosse il loro scopo primario, poiché ciascuno era interessato ad un sistema politico tutto proprio, e ciascuno riteneva necessario stabilire una genesi in sintonia col proprio sistema. Non servirebbe al nostro scopo attuale discutere le loro filosofie politiche, ma è interessante notare come siano state tutte modellate per adattarsi alle esigenze dei tempi, dando adito al sospetto che le loro teorie per quanto riguarda l’origine dello Stato abbiano risentito di analoghe influenze. Era loro preconcetto comune che lo Stato sia nell’ordine naturale delle cose, Stato a cui Hobbes dà avallo divino. A tal proposito non fecero altro se non seguire la tradizione: nelle riflessioni dei primi cristiani si faceva riferimento all’idea di Stato come alla “Città di Dio,” e Platone parlò del suo Stato come qualcosa “il cui modello risiede nei cieli”.

La moderna scienza politica passa sopra la questione dell’origine, accetta lo Stato come un’entità in funzionamento, formula raccomandazioni per il suo miglioramento operativo. I metafisici del passato attribuivano le carenze di un particolare Stato all’ignoranza o alla disobbedienza delle leggi di Dio. Anche i moderni hanno il loro ideale, o meglio ogni scienziato politico ha il proprio, e ciascuno ha una ricetta personale per realizzarlo: gli ingredienti sono una serie di leggi, più un macchinario di esecuzione. La funzione dello Stato, si presume in generale, è quella di realizzare la Società Buona — non vi è alcun dubbio sulla sua capacità di farlo — e la Società Buona è tutto ciò che lo scienziato politico ha in mente.

In tempi recenti alcuni ricercatori si sono rivolti alla storia per cercare le prove sull’origine dello Stato, sviluppando ciò che talvolta viene chiamata la teoria sociologica dello Stato.

I dati mostrano, essi osservano, come tutti i popoli primitivi si guadagnassero da vivere con uno di questi due modi: l’agricoltura o l’allevamento del bestiame, giacché la caccia e la pesca sembrano essere state marginali in entrambe le economie. I vincoli di queste due occupazioni svilupparono abitudini chiaramente definite e diverse competenze. L’attività di girovagare in cerca di pascoli ed acqua spronò un’affiatata organizzazione di uomini avventurosi, mentre la routine fissa dell’agricoltura non aveva bisogno di organizzazione e necessitava di una piccola attività. La docilità flemmatica dei lavoratori delle varie terre li rese facili prede dei pastori audaci delle colline. La cupidigia suggeriva l’attacco.

In principio, affermano gli storici, l’oggetto dei furti erano le donne, dal momento che l’incesto era tabù molto prima che gli scienziati trovassero un motivo per condannare tale pratica. Il furto delle donne venne seguito dal furto di beni mobili ed entrambi i processi vennero accompagnati dal massacro di maschi e di femmine indesiderate. Ad un certo punto nella mente dei predoni scintillò la verità economica che i morti non producono nulla, e da ciò nacque l’istituzione della schiavitù; i pastori perfezionarono il proprio business portando con sé prigionieri ed assegnando loro lavori umili. Questa economia fatta di padroni e schiavi, sostengono i teorici, è la prima manifestazione dello Stato. Così, la premessa dello Stato è lo sfruttamento dei produttori con l’uso della forza.

Infine, le incursioni di rapina vennero sostituite dal concetto di sicurezza — o l’esazione continua di tributi dalle persone tenute in schiavitù. A volte una tribù più intraprendente assumeva il controllo di un centro di scambi, per imporre dei dazi sui commerci; altre volte pattugliava strade e corsi d’acqua che portavano ai villaggi, riscuotendo pedaggi da carovane e mercanti. In ogni caso fu ben presto evidente che un bottino, in quanto parte di una produzione, sia abbondante tanto quando lo è stata la produzione. Per incoraggiare quest’ultima, quindi, si impegnarono a pattugliare ed a mantenere “la legge e l’ordine”. Non solo sorvegliavano i popoli conquistati, ma li proteggevano anche dalle altre tribù di predoni; infatti, non era insolito per una comunità molestata invitare una tribù guerriera affinché stesse di guardia, ad un certo prezzo. I conquistatori non arrivavano solo dalle colline, perché c’erano anche i “pastori del mare”, tribù la cui pericolosa occupazione le rendeva particolarmente audaci negli attacchi.

Il popolo conquistatore si teneva in disparte dai conquistati, godendo di ciò che più tardi divenne nota come extraterritorialità. Conservava legami culturali e politici con la patria, mantenendo la propria lingua, religione e costumi. Inoltre, nella maggior parte dei casi non disturbava i costumi dei sudditi fintanto che i tributi fluivano. Con il tempo, perché questo è l’esito della vicinanza, le barriere immateriali tra vinti e vincitori si sciolsero e si instaurò un processo di fusione accelerato a volte da una rottura dei legami con la patria, come quando il luogotenente si sentiva forte abbastanza nel nuovo ambiente da sfidare il proprio signore e cessare di dividere il bottino con lui, o quando un’insurrezione di successo in patria lo spodestava. Uno stretto contatto con i conquistati risultò in una miscela di lingue, di religioni e di costumi. Anche se i matrimoni misti non erano visti di buon occhio, per ragioni economiche e sociali, l’attrazione sessuale non poteva essere scoraggiata ed una nuova generazione colmava il divario tramite legami di sangue. Le imprese militari, in difesa della patria ormai comune, aiutarono la fusione.

La mescolanza delle due culture diede luogo ad una nuova, senza perdere quella caratteristica per cui un insieme di costumi e leggi regolamentavano le disposizioni della classe pagante i tributi nei confronti di quella dominante. Necessariamente, queste convenzioni vennero formulate da quest’ultima, con l’intento di congelare il proprio vantaggio economico tramite lascito alla rispettiva prole. Le persone dominate, in un primo momento oppostesi alle estorsioni, avevano da tempo abbandonato la lotta impari e si erano rassegnate ad un sistema di tasse, affitti, pedaggi ed altre forme di tributo. Questo adattamento venne facilitato dall’inclusione di alcune delle “classi inferiori” nel regime tramite incarichi che, spaziando dal portavoce all’ufficiale giudiziario e dall’umile servitore al soldato sotto il comando dei padroni, riuscivano a ingenerare reciproca ammirazione se non rispetto. Inoltre, la codifica delle esazioni portò alla rimozione dalla memoria dell’arbitrarietà con cui erano stati introdotti e li rivestì di un’aura di correttezza. Le leggi fissavano limiti alle estorsioni, rendevano gli eccessi irregolari e passibili di punizioni, stabilendo quindi dei “diritti” per la classe sfruttata.

Se da un lato gli sfruttatori custodivano sapientemente questi “diritti” contro lo sconfinamento da parte dei propri membri più avari, dall’altro gli sfruttati, dopo essersi adattati ad un sistema di estorsione da cui alcuni spesso beneficiavano, ricavarono un senso di sicurezza e di autostima da tale dottrina dei “diritti”. Così, fu attraverso questi processi psicologici e legali che si realizzò la stratificazione della Società. Lo Stato è quella classe che gode della preferenza economica attraverso il controllo dei meccanismi di coercizione. [1]

La teoria sociologica dello Stato non si basa solo sulla testimonianza della storia, ma anche sull’esistenza di due modi in cui gli uomini possono acquisire beni economici: produzione e predazione. La prima prevede l’applicazione del lavoro alle materie prime, l’altra l’uso della forza. Il saccheggio, la schiavitù e la conquista sono le forme primitive di predazione, ma l’effetto economico è lo stesso quando la coercizione politica viene usata per privare il produttore del suo prodotto, o anche quando acconsente al trasferimento della proprietà come prezzo del permesso di vivere. Né la predazione si trasforma in qualcos’altro quando viene compiuta in nome della carità — la formula Robin Hood. In ogni caso, qualcuno gode di ciò che altri han prodotto ed a causa della predazione i desideri del produttore finiscono insoddisfatti, il suo lavoro non corrisposto. Si vedrà come, nel suo aspetto morale, la teoria sociologica si appoggia alla dottrina della proprietà privata, il diritto inalienabile dell’individuo al prodotto del suo sforzo, e sostiene che qualsiasi tipo di coercizione, esercitato per qualsiasi scopo, non aliena tale diritto. Ma torneremo in seguito su questo punto.

Per inciso, a prima vista questa teoria sembra somigliare al detto di Karl Marx secondo cui lo Stato è il comitato direttivo della classe capitalista. La somiglianza è tuttavia solo nelle parole, non nelle idee. La teoria Marxista sostiene che lo Stato in altre mani — la “dittatura del proletariato” — potrebbe abolire lo sfruttamento, ma la teoria sociologica dello Stato (o la teoria della conquista) insiste sul fatto che lo Stato stesso, indipendentemente dalla propria composizione, sia un’istituzione di sfruttamento e non possa essere altro; che si impadronisca della proprietà del titolare dei salari o della proprietà del proprietario del capitale, il principio etico è lo stesso. Se lo Stato prende dal capitalista per dare al lavoratore, o dal meccanico per dare al contadino, o da tutti per migliorare se stesso, viene usata la forza per privare una persona della proprietà che gli spetta di diritto ed in questo senso sta portando avanti lo spirito, se non la modalità, della conquista originale.

Pertanto, anche in caso la cronologia di un dato Stato non inizi con un atto di conquista territoriale, resta il fatto che ne segua un identico modello in quanto le sue pratiche ed istituzioni continuano nella tradizione di quegli Stati che sono passati attraverso il processo storico. Lo Stato Americano non ha avuto inizio con la conquista; gli Indiani non avevano proprietà da cui potevano essere sollevati e, essendo cacciatori di professione, erano troppo intrattabili per essere ridotti in schiavitù. Ma i coloni erano essi stessi il prodotto di una economia di sfruttamento, essendo assuefatti ad essa nelle loro rispettive terre d’origine, che avevano importato ed incorporato nella nuova organizzazione. Molti di loro arrivarono nella nuova terra portando il giogo della schiavitù. Tutti arrivavano da ambienti istituzionali che erano emersi dalla conquista; non ne conoscevano altri, e quando svilupparono le proprie istituzioni trapiantarono semplicemente questi ambienti. Portarono lo Stato predatorio con loro.

Qualsiasi richiesta di informazioni sulla figura dello Stato Americano deve pertanto tener conto della distinzione tra guadagnarsi da vivere con la produzione e guadagnarsi da vivere con la predazione; cioè, tra economia e politica.

 

(Vai al Capitolo I)
(Vai all’Introduzione)

 

NOTE
[1] Questa breve sintesi del contesto storico della teoria sociologica suggerisce le storie del Vecchio Testamento sulla conquista di Canaan da parte degli Israeliti, la storia dell’Inghilterra e dell’Impero Romano. Tuttavia, i fautori principali di questa teoria, Gumplowicz ed Oppenheimer, erano più interessati all’origine dello Stato che al suo sviluppo, e scavarono nelle informazioni sulle tribù primitive di tutto il mondo; ovunque guardarono, scoprirono che l’organizzazione politica iniziò con la conquista.

Join the discussion and post a comment

La "diretta TV" dalla Luna

Luogocomune.net - Mar, 22/07/2014 - 17:20


TESTO DEL VIDEO:

Le prime tre missioni lunari - apollo 11, 12 e 14 - avevano mandato sulla terra immagini televisive abbastanza scadenti. Ma a partire da Apollo 15 la tecnologia per le trasmissioni TV fu completamente rinnovata.

Non solo gli astronauti disponevano adesso del Rover, la cosiddetta jeep lunare, ma avevano anche una nuova telecamera a colori, che veniva montata direttamente sul rover, permettendoci così di seguire da vicino tutte le operazioni sul suolo lunare. [...]

Come il Giappone s'è mangiato i suoi risparmi: La distopia keynesiana in tutto il suo orribile splendore

Freedonia - Mar, 22/07/2014 - 10:08
"Tante grazie Mr. Abe", molto probabilmente è questo quello che molti speculatori staranno sogghignando mentre possono sguazzare in lauti profitti grazie alle sciocchezze propugnate da sedicenti salvatori della patria... i quali altro non sono che semplici cialtroni ansiosi di infilare le loro sudice mani nelle tasche dei contribuenti (giapponesi). E' così che quindi possiamo riassumere la politica espansiva inaugurata dalla nuova gestione pianificatrice in Giappone, grazie alla quale i prezzi dei beni importati schizzano in alto ed i salari ristagnano alla grande. A cosa è servito, quindi, inondare i mercati con tutta questa liquidità? Sovvenzionare situazioni ben peggiori. Come ad esempio l'Europa. In questo modo i grandi player (es. banche commerciali, hedge fund, fondi pensione, ecc.) hanno potuto prendere in prestito yen a prezzi ridicoli ed acquistare bond italiani o spagnoli che rendevano molto. Scommettendo sul deprezzamento dello yen, non solo hanno fornito un salvagente ad entità in bancarotta, ma si sono garantiti una vincita facile staccando profitti miliardari. Hanno cavalcato la bolla dei bond statali aiutando a far calare drasticamente i rendimenti obbligazionari di quei paesi in seria difficoltà, e ora possono rivenderli in virtù del loro status di "investimenti sicuri" (tante grazie zio Mario e Basilea III) e ricomprare yen. Essendo questi grandi player in estrema sintonia con la leva finanziaria, ciò significa lauti profitti. Ma non è finita qui, perché come se non bastasse tasse e spesa del governo stanno torturando quel che rimane di quel barlume di sanità finanziaria che il Giappone pareva aver flebilmente riacquistato durante i cosiddetti "decenni perduti". O beh... potrebbe andare peggio, no? Certamente! Infatti sta andando peggio proprio adesso.
___________________________________________________________________________________


di David Stockman


Finanziariamente parlando, il Giappone sta rapidamente diventando una distopia keynesiana. Tutta la sua economia è ormai ostaggio di una bomba fiscale ad orologeria. Vale a dire, il debito pubblico che supera già il 240% del PIL e che sta crescendo rapidamente, poiché nemmeno il recente aumento dell'imposta sulle vendite (dal 5% all'8%) si avvicina a colmare il gap fiscale. Inoltre, anche con il tasso dei titoli statali assurdamente basso e truccato dalla BOJ (allo 0.6%), quasi il 25% delle entrate pubbliche viene assorbito dal pagamento degli interessi.

Ora arriva il colpo di grazia. Il tasso dei risparmi del Giappone è crollato (vedi sotto) e il tanto decantato surplus delle partite correnti è quasi pronto a sparire. Questo significa che i conti del Giappone con il resto del mondo finiranno in una "terra finanziaria di nessuno"; sarà costretto a liquidare progressivamente i suoi investimenti all'estero per pagare i suoi conti attuali — un surplus costruito nel corso degli ultimi 50 anni. Ma questo ridurrà anche i guadagni esteri e quindi espanderà il crescente deficit del Giappone.

Di conseguenza, per finanziare i suoi "deficit gemelli" dovrà attrarre enormi quantità di capitali stranieri per i decenni a venire — un imperativo che richiederà un aumento devastante dei tassi di interesse, forse più in alto del 4% secondo un esperto:

Il rendimento del decennale giapponese, ora intorno allo 0.6%, potrebbe salire al 4% — un livello non visto sin dal marzo 1995 — qualora il saldo delle partite correnti dovesse finire in deficit mentre il debito pubblico eclisserebbe i risparmi della nazione, ha detto Toshihiro Nagahama, capo economista presso il Dai-ichi Life Research Institute.
Inutile dire che se i costi dei debiti fiscali del Giappone dovessero aumentare anche meno di quella cifra, sarebbe game over lo stesso. Le spese per gli interessi assorbirebbero praticamente il 100% delle entrate attuali, costringendo il governo ad aumentare sempre di più le tasse. Un esperto citato nell'articolo di Bloomberg dice che sarebbe necessaria una imposta sulle vendite del 20% — quasi il triplo del livello attuale — per abbattere il mostro fiscale che nascerebbe dalla normalizzazione del tasso di interesse.

"A meno che il governo non aumenti l'IVA al 20% o approvi una riforma drastica della spesa sociale, questo scenario è altamente probabile", ha detto Ogawa. "Tassi di interesse più alti scoraggeranno gli investimenti di capitale interni e stimoleranno lo spostamento della produzione all'estero, aumentando il numero di disoccupati."
La citazione qui sopra ci dice perché la distopia keynesiana rappresenta una descrizione calzante di ciò che sta emergendo in Giappone; e perché impersoni l'orrore finanziario che si sta palesando qui da noi da un decennio o due a questa pate.

Come indicato in precedenza, l'alternativa ad un terribile aumento dell'imposta sulle vendite è "una drastica riforma della spesa sociale". Ma quest'ultima non è nemmeno una possibilità remota. La popolazione del Giappone si sta riducendo e sta invecchiando rapidamente, al punto che presto diventerà un arcipelago di case di riposo.

Il tasso di risparmio del Giappone, come illustrato di seguito, è sceso da oltre il 20% nel corso degli anni '70 e '80 (il suo periodo di massimo splendore come potenza esportatrice) al solo 3% di oggi. Quando la popolazione pensionata del Giappone raggiungerà quasi il 40% di quella totale nei prossimi anni, questo tasso diventerà ovviamente negativo poiché le famiglie intaccheranno i risparmi per sopravvivere.




Cosa è successo all'enorme surplus nel risparmio del Giappone? Il governo l'ha preso in prestito! E sprecato in massicci progetti di stimolo keynesiani che hanno tenuto il LDP al potere per decenni, costruendo ponti e autostrade verso il nulla che non saranno di alcuna utilità per la colonia di pensionati.

E l'invecchiamento demografico ha un effetto determinante sulla popolazione del Giappone in età lavorativa. In pochi anni quella che era un popolazione in età lavorativa di 88 milioni è scesa a 79 milioni; e scenderà al di sotto dei 50 milioni di persone nei prossimi due decenni.

Quello che gli stregoni keynesiani (che hanno consigliato al Giappone di sprofondare in stimoli fiscali dopo la crisi finanziaria del 1989-1990) non hanno spiegato, è come questo inesorabile calo della popolazione lavorativa possa portare sulle sue spalle l'onere fiscale di un enorme debito pubblico.

Eppure non c'è altra via d'uscita dalla trappola del debito keynesiana in cui è finito il Giappone. Al peggioramento delle partite correnti, come mostrato di seguito, la necessità di importare capitali per finanziare il divario porterà alle stelle i tassi di interesse. L'onere sui contribuenti giapponesi diventerà schiacciante.






Il grafico qui sotto dovrebbe essere incollato sulla fronte di ogni membro del Congresso degli Stati Uniti. Quando la spirale del debito va troppo oltre — diventa una trappola finanziaria devastante. E non può essere risolta con la stampa di soldi perché se portata all'estremo — anche per la cosiddetta valuta di riserva mondiale — distruggerà completamente il sistema monetario.

Inoltre non dovreste dimenticare che la drastica degenerazione delle finanze pubbliche del Giappone è accaduta in tempo reale — in meno di due decenni dopo che la sua leadership ha preso una cantonata fiscale dopo l'altra a causa della burocrazia keynesiana nel Tesoro degli Stati Uniti, nel FMI, nell'OCSE e altrove. E questo è chiaramente un caso di cattive idee importate dall'estero. La generazione di funzionari che ha assistito al miracolo post-guerra del Giappone può anche essere stata irrimediabilmente attratta da modelli insostenibili di matrice mercantilista, ma non era credente nel debito e nella spesa keynesiana.

Lo so per esperienza personale, per aver trattato con la burocrazia giapponese durante i primi giorni dell'amministrazione Reagan. Erano scioccati di come l'America potesse prendere parte ad un immenso gioco d'azzardo tagliando drasticamente le tasse prima di ridurre la spesa interna ed i finanziamenti alla difesa.

Questo era allora — in un momento in cui il debito del Giappone era sotto il 50% del PIL, nonostante due decenni di sviluppo economico interno direzionato dallo stato. Eppure solo un decennio più tardi — dopo essere stati penalizzati per aver lasciato apprezzare drasticamente lo yen in seguito agli Accordi del Plaza del 1985 — il loro modello di mercantilismo è andato in frantumi allo scoppio di una grande bolla finanziaria.

Così, lasciati completamente alla deriva, erano ansiosi per la visita di vigili del fuoco keynesiani come i professori Bernanke e Summers. Il Giappone ha poi lanciato il più grande esperimento keynesiano di stimolo fiscale mai immaginato. I risultati catastrofici parlano da soli ed evidenziano marcatamente come le cattive idee possono provocare enormi danni una volta che vengono abbracciate dalla macchina dello stato.




[*] traduzione di Francesco Simoncelli


Russia Says Has Photos Of Ukraine Deploying BUK Missiles In East, Radar Proof Of Warplanes In MH17 Vicinity

Deep Politics Monitor - Lun, 21/07/2014 - 19:12
From ZeroHedge, 07/21/2014 Ukraine hasn’t said how it immediately knew rebels downed Malaysian plane, notes the Russian Foreign Ministry, as it unveils 10 awkward questions for Ukraine (and perhaps the US 'snap judgment') to answer about the MH17 disaster. However, what is perhaps more concerning for the hordes of finger-pointers is that: RUSSIA HAS IMAGES OF UKRAINE DEPLOYING BUK ROCKETS IN

FLIGHT MH17 – Kiev Flash Mob’s Final False Flag?

Deep Politics Monitor - Lun, 21/07/2014 - 13:46
By Andrew McKillop, 21ST CENTURY WIRE The downing of Flight MH17 means that Washington’s gang are on the war path again. Barack Obama, Joe Biden, John McCain and even Hillary Clinton – are all insisting that the west has to ‘get tougher’ with Russia. Was this the plan all along? With little or no evidence to back their claims (déjà vu Syria), the usual suspects and their media moguls are

High-Level NSA Whistleblower Says Blackmail Is a Huge – Unreported – Part of Mass Surveillance

Deep Politics Monitor - Lun, 21/07/2014 - 13:21
by WashingtonsBlog - July 21, 2014  The Untold Story In the NSA Spying Scandal: Blackmail It is well-documented that governments use information to blackmail and control people. The Express reported last month: British security services infiltrated and funded the notorious Paedophile Information Exchange in a covert operation to identify and possibly blackmail establishment figures, a Home

La manipolazione del prezzo dell'oro non avrà ripercussioni

Freedonia - Lun, 21/07/2014 - 10:10
«Due settimane fa, quando è uscita la notizia del primo caso confermato di manipolazione dei prezzi dell'oro (perché nonostante tutti gli "scettici" sostenessero il contrario, e cioè che ogni altra classe di asset poteva essere sistematicamente manipolata, ma non l'oro, giammai l'oro, si è invece scoperto che -- sì -- anche il prezzo dell'oro è stato manipolato), avevamo detto che questo sarebbe stato solo il primo di molti casi simili (e molto diversi) presentati alla popolazione. Oggi, tramite il Financial Times, apprendiamo solo una minuscola frazione di ciò che potrebbe saltare fuori da questo articolo: "Trading to influence gold price fix was ‘routine’." Approviamo la supervisione editoriale che ha preferito la parola "influenzare" a "manipolare" -- trasmette al lettore sensazioni molto più... distaccate.»

~ Gold Price Manipulation Was "Routine", FT Reports, Zero Hedge, 3 giugno 2014.
___________________________________________________________________________________


di Greg Canavan


Che si tratti di una coincidenza o no, non lo sappiamo, ma l'oro è rimasto molto tranquillo sin da quando lo scorso aprile Deutsche Bank ha lasciato la propria posizione nel London gold fixing panel.

Prima di ciò, i regolatori stavano indagando su questo London gold "fix"... e qualcosa puzzava.

Il London gold fix è un processo mediante il quale cinque banche di investimento impostano (errr... aggiustano) il prezzo dell'oro due volte al giorno a Londra. E' andato avanti così sin dal 1919, quando N.M. Rothschild controllava il processo.

Ma a gennaio la Deutsche Bank ha annunciato che avrebbe abbandonato la sua posizione (sotto la pressione del regolatore finanziario tedesco). Si sperava che avesse venduto la sua posizione ad un altro player, ma stranamente nessuno era interessato. Di conseguenza a fine aprile ha lasciato il suo posto con un preavviso di due settimane.

Allo stesso tempo la Deutsche si è dimessa anche dal silver fix. Poiché la correzione quotidiana del prezzo dell'argento aveva solo tre partecipanti, questa mossa ha effettivamente ucciso il processo di fissaggio dei prezzi. La correzione del prezzo dell'argento, che ha avuto inizio nel 1897, cesserà ad agosto di quest'anno.

Quindi qui abbiamo un player importante che esce da una posizione apparentemente venerabile. Poi, poche settimane più tardi, la Financial Services Authority (FSA) del Regno Unito ha multato Barclays Bank per un ammontare di £26 milioni per aver manipolato il processo del gold fix. Naturalmente questo è stato solo un incidente isolato, e la FSA ha anche multato un "trader ombra" di Barclays per un ammontare di £96,000 per aver preso parte alla manipolazione.

Forse è per questo che il prezzo dell'oro è stato molto tranquillo in queste ultime settimane. I manipolatori sanno che i regolatori stanno guardando. Ognuno si sta comportando "bene", ma non durerà a lungo.

La multa a Barclays per aver manipolato il gold fix, evidenzia che razza di racket degenere sia diventato l'intero sistema finanziario. E' un grande modello di business per le banche e gli stati. Ecco come funziona:

I governi e le banche centrali assicurano una costante politica di inflazionismo e di denaro facile... il quale fluisce nelle grandi banche commerciali prima che arrivi a chiunque altro nell'economia. Questo fiume di denaro è sicuro che corromperà anche il cittadino più onesto, perché quando si tratta di soldi se ne può sempre avere di più, giusto?

E' ovvio poi che in un tale sistema si avranno errori di giudizio, mancanza di supervisione, inganno e corruzione. Ma le autorità di regolamentazione cercano di fermare tutto ciò?

No, impongono solo multe per ottenere la loro parte. Le multe non scoraggiano il comportamento negativo; sono solo un costo del fare business.

Nel 2013 la FSA ha incassato quasi £500 milioni... finora è arrivata a £141 milioni.

Secondo l'analisi del Financial Times, le banche d'investimento globali hanno pagato $100 miliardi per vertenze giuridiche dopo la crisi finanziaria del 2008. Eppure nessun dirigente di una qualsiasi grande banca ha avuto a suo carico accuse penali.

Il nostro insegnante di economia al liceo una volta ci disse: "Ragazzi, se state pensando di entrare nel business della criminalità, fate il lavoro dei colletti bianchi. Ci andranno leggeri se vi coglieranno in fallo." Aveva fatto centro... più di quanto avrebbe pensato al momento.

I regolatori non sono interessati alle accuse penali. Non sono interessati a scoraggiare tale comportamento. Sono interessati a prendere la loro parte ed a mandare avanti il gioco. E' uno sporco racket e siete voi che ne state pagando il prezzo.

Date un'occhiata alla storia di Barclays. La recente multa per il gold fixing fa riferimento al 2012, pochi giorni dopo che la stessa banca ha ricevuto una multa record per la manipolazione del tasso di interesse "Libor". Ora i dirigenti della banca sono sotto investigazione da parte del Serious Fraud Office del Regno Unito, per affari sporchi in Qatar nel corso del 2008. Ma che bella banca che è Barclays!

Non aspettatevi che queste cose si fermino qui. E' quello che succede nelle ultime fasi del capitalismo clientelare. I critici sono pronti a sottolineare come il capitalismo sia il problema. Non è così.

Il problema principale è la manipolazione costante del tasso di interesse. Mantenendo i tassi al di sotto del "tasso naturale" (il tasso di libero mercato in cui si incrociano le esigenze dei risparmiatori e degli investitori) per un periodo di tempo prolungato, si vengono a creare distorsioni su grande scala; non c'è, quindi, una sana correzione degli errori accumulati.

Nel frattempo, i banchieri si comportano male ed i regolatori tassano questo comportamento (ma non lo scoraggeranno). Questa situazione porterà ad un maggiore risentimento e ad una la lotta di classe. Gli estimatori di Thomas Piketty e dei suoi schemi marxisti di ridistribuzione della ricchezza guadagneranno trazione, e la ricchezza reale diminuirà ulteriormente poiché i produttori verranno tassati a morte.

Tornando alla manipolazione dell'oro, stiamo asisstendo all'inizio della fine di un'epoca a Londra. Il Financial Review riporta oggi che:

La Cina ha avvicinato banche estere e produttori di oro affinché partecipino insieme ad un gold exchange mondiale a Shanghai, hanno riferito persone vicine alla vicenda. Il più grande produttore e importatore mondiale del metallo giallo cerca una maggiore influenza sulla determinazione dei prezzi.

La scorsa settimana lo Shanghai Gold Exchange (SGE) ha ottenuto il via libera dalla banca centrale per lanciare una piattaforma di trading globale, una mossa che potrebbe sfidare il predominio di New York e di Londra nel commercio dell'oro e nella determinazione dei prezzi.
Questa è una grande impresa, e ci vorrà un po' di tempo. Ma se la Cina può garantire un processo di prezzaggio più trasparente rispetto a Londra, sarà sulla buona strada per usurparne il posto come centro importante di commercio di oro. L'altra grande sfida per la Cina è quella di proteggere i diritti della proprietà privata.

I grandi detentori di oro (pensate ai sauditi) sono felici di lasciare il loro oro a Londra, perché il Regno Unito è sicuro (è un'isola ed è difficile da invadere) e sanno che le autorità non confischeranno il loro oro. Ha una lunga storia di protezione della proprietà privata.

I sauditi si sentirebbero sicuri a lasciare il loro oro sul continente cinese? Non adesso. Ma la Cina può sgretolare il vantaggio competitivo del Regno Unito promulgando leggi sui diritti di proprietà e sostenendole in tutte le circostanze.

Per lo meno la Cina vuole sviluppare un hub di trading asiatico per il metallo prezioso, così come per altre materie prime di cui è grande consumatrice. Strappare una parte di questo ruolo a Londra dovrebbe migliorare la trasparenza dei prezzi e del business. Quando si tratta di hub di trading, la liquidità genera altra liquidità e potrebbe presto dominare il mercato, trasformando Londra in una semplice unità di immagazzinamento... non è un business molto redditizio.

Saluti,


[*] traduzione di Francesco Simoncelli


Commenti liberi

Luogocomune.net - Lun, 21/07/2014 - 09:30
Segnalazioni e commenti degli utenti sulle notizie più recenti.

(in realtà si è aperta una lunga discussione sugli UFO).

Il padre fondatore del capitalismo clientelare

Von Mises Italia - Lun, 21/07/2014 - 08:00

Non appena il governo federale annunciò il suo (iniziale) salvataggio dei plutocrati di Wall Street, immettendo un trilione di dollari “nel sistema”, i difensori dell’iniezione di liquidità tirarono fuori ciò che apparentemente credevano fosse la loro arma segreta: il mito di Alexander Hamilton come presunto inventore del capitalismo americano. Costoro dichiararono che Hamilton avrebbe approvato detta modalità d’intervento. Caso chiuso. Come potrebbe una persona qualsiasi sindacare “l’architetto dell’economia americana”?

Forbes.com pubblicò immediatamente un articolo intitolato “Alexander Hamilton contro Ron Paul” per far passare il concetto che le critiche libertarie mosse all’iniezione di liquidità dovessero essere estromesse dal dibattito, dato che Hamilton fu un così grande statista, se confrontato con il parlamentare Paul e i suoi sostenitori. La versione on line del Wall Street Journal seguì di lì a poco con un pezzo a firma dello storico dell’economia John Steele Gordon in cui si affermava che il nostro vero problema era rappresentato da un settore bancario non abbastanza centralizzato; auspicava un supervisore/regolatore del mercato finanziario; supportava l’iniezione di liquidità; e, ancor più importante, accusava dell’attuale crisi economica… Thomas Jefferson! Jefferson si oppose alla prima banca centrale americana, la banca degli Stati Uniti voluta da Hamilton, ed era un difensore della moneta metallica. È questo tipo di libertarismo e pensiero affine al libero mercato, a detta di Gordon, ad essere la causa dell’attuale crisi.

Ciò che tutta questa convulsa idolatria dimostra è come il mito di Alexander Hamilton rappresenti, in realtà, la prima pietra del sistema americano del capitalismo clientelare finanziato da un enorme debito pubblico e dalla contraffazione legalizzata tramite il sistema bancario centrale. È questo sistema la vera causa dell’attuale crisi – contrariamente ai falsi proclami emessi da Forbes.com e dal Wall Street Journal.

Noi viviamo nella “repubblica di Hamilton”, come ha affermato orgogliosamente lo scrittore Michael Lind. Una volta, George Will scrisse che agli americani può piacere citare Jefferson, ma viviamo nel paese di Hamilton. Tutto vero, ma “non è tutto oro quel che luccica”, come invece  personaggi del calibro di Lind, Will ed altri vorrebbero farci credere. Anzi, semmai vale l’esatto contrario, come argomento nel mio nuovo libro “Hamilton’s Curse: How Jefferson’s Archenemy Betrayed the American Revolution — And What It Means for America Today.”.

Il vero Hamilton

Hamilton era il leader intellettuale del gruppo di uomini che, al tempo dei Padri Fondatori, miravano ad importare in America il sistema di governo mercantilista ed imperialista di stampo britannico. Fintanto che essi si trovarono dalla parte dei “pagatori” del mercantilismo e imperialismo britannici, essi si opposero e  combatterono persino una guerra contro di essi. Ma stare dal lato di chi “raccoglie” era tutta un’altra cosa. È una pacchia essere il re, come direbbe Mel Brooks.

Fu Hamilton a coniare la frase “il sistema americano” per descrivere la sua politica economica di welfare corporativo, tariffe protezioniste, banca centrale e grande debito pubblico, sebbene i suoi discendenti politici, il partito Whig di Henry Clay, resero celebre lo slogan. Hamilton non era ben istruito circa l’economia dei suoi tempi, come affermato da scrittori quali John Steele Gordon. A differenza di Jefferson ,che aveva letto, compreso e supportato le idee economiche di libero mercato di Adam Smith, David Ricardo, Jean-Baptiste Say (invitato da Jefferson all’università della Virginia), Richard Cantillon e Turgot (un busto che lo raffigura si trova ancora all’ingresso della residenza del Monticello), Hamilton  le ignorava o ne era completamente all’oscuro. Al contrario, egli incarnò i miti e le superstizioni mercantiliste inventati dagli apologeti dello Stato mercantilista britannico, quali Sir James Steuart.

Hamilton caldeggiò la causa di un grande debito pubblico – dallo stesso definito “una benedizione pubblica” – non per accreditare governo degli Stati Uniti né per finanziare qualsivoglia progetto particolare di opere pubbliche, bensì per l’idea machiavellica di legare gli interessi dei più facoltosi allo Stato: egli credeva che, essendo detentori di obbligazioni governative, si sarebbero supportati tutti i suoi grandiosi piani per una pesante tassazione ed un governo molto più invasivo di quello a cui si faceva riferimento nella Costituzione. Aveva ragione. Costoro, insieme alle banche di investimento di Wall Street che avevano immesso sul mercato le obbligazioni governative, hanno sempre fornito un supporto politico effettivo alla causa di un più grande governo e tasse più pesanti. Questo è il motivo per cui le banche di investimento di Wall Street si trovavano in prima linea a caldeggiare le immissioni di liquidità, amministrate da un compagno di merende delle loro banche di investimento, il Segretario del Tesoro Paulson.

Hamilton sostenne un grande esercito permanente non perché temesse un’invasione da parte della Francia o dell’Inghilterra, ma perché capì che i monarchi europei avevano usato tali eserciti per intimidire i loro stessi cittadini quando si doveva procedere alla riscossione delle tasse. A riprova di ciò, basti pensare che Hamilton  guidò personalmente qualcosa come 15000 coscritti in Pennsylvania dell’Ovest (con George Washington) allo scopo di reprimere la famosa rivolta del whiskey. Egli fu infine messo in carica dell’intera spedizione e radunò due dozzine di oppositori alla tassa, pretendendone l’impiccagione. Tuttavia, questi vennero tutti assolti da George Washington, provocando in Hamilton un sommo dispiacere.

In una pubblicazione intitolata “Una storia della banca centrale in America” (“A History of Central Banking in America”), la Fed etichetta orgogliosamente Hamilton quale suo padre fondatore, vantandosi delle abilità di quest’ultimo al punto da fargli ricoprire persino la carica di presidente della Fed. La First Bank degli Stati Uniti, a cui si opposero Jefferson e Madison, causò il 72 percento di inflazione nei suoi primi cinque anni di operatività, come scrisse Murray Rothbard in A History of Money and Banking in the United States. Nel 1811 non le fu rinnovato il mandato, venendo tuttavia “riesumata” dal Congresso nel 1817, creando il primo ciclo di boom-and-bust americano, che portò al Panico del 1819 – titolo di un altro dei grandi lavori di Rothbard sulla storia economica americana.

Dopo aver generato per anni corruzione politica ed instabilità economica, la banca di Hamilton vide la fine dei suoi giorni negli anni ’40 del XIX secolo, per merito del presidente Andrew Jackson, il quale diede vita al ventennio che va sotto il nome di era del “free banking”. Il sistema bancario centrale di stampo hamiltoniano fu riportato in auge una volta ancora negli anni ’60 dello stesso secolo con i National Currency Acts. Questo è un importante motivo per cui alcuni storici hanno etichettato i decenni del dopoguerra (NdT: guerra di secessione, o, meglio, guerra per l’indipendenza del Sud, come specificato nell’articolo “Il vero Lincoln e le bugie di Spielberg, I parte, di Damiano Mondini) come un periodo di “egemonia hamiltoniana”.

Quando Anna Shwartz, Micheal Bordo e Peter Rappaport esaminarono, in una pubblicazione accademica, questo precursore della Fed, conclusero che quella fu un’era caratterizzata da “instabilità monetarie e cicliche, quattro “corse agli sportelli” bancari, frequenti crisi della borsa ed altre anomalie finanziarie” (cfr. il paper in Claudia Goldin ed., Strategic Factors in Nineteenth-Century Economic Growth). Naturalmente, la risposta del governo a tutto questo panico economico ed instabilità causati dal sistema bancario centralizzato fu di creare un sistema bancario ancora più centralizzato con il Federal Reserve Act.

Hamilton è forse meglio conosciuto tra gli economisti per il suo Report on Manufactures. William Graham Sumner, nella sua biografia su Hamilton del 1905, affermò che il report di Hamilton sosteneva “il vecchio sistema del mercantilismo di scuola inglese, rigirato ed aggiustato alla situazione degli Stati Uniti”. Thomas Jeffesron scrisse inoltre che gli “schemi” di Hamilton per il protezionismo, il welfare corporativo ed il sistema bancario centrale erano “i mezzi con cui il corrotto sistema di governo britannico poteva essere introdotto negli Stati Uniti”: aveva ragione.

Sumner scrisse che la reputazione di Hamilton di grande esperto di economia e finanza è stata enormemente esagerata; aggiungendo, inoltre, che il pensiero economico di Hamilton era caratterizzato da “confusione e contraddizioni” e lo stesso era “offuscato dalle nebbie del mercantilismo”. Sfortunatamente per noi, notò Sumner, tutte le cattive idee di Hamilton “fornirono un arsenale ben accolto dai politici” che gli succedettero.

All’assemblea costituente Hamilton propose di istituire un presidente permanente che avrebbe potuto incaricare tutti i governatori degli Stati e dotato di potere di veto su tutte le legislazioni statali. I suoi oppositori, correttamente, interpretarono tale proposta come un’anticamera della monarchia e, peggio ancora, una monarchia basata sul mercantilismo. La ragione per consolidare tutto il potere politico prima nel governo centrale e poi nelle mani di un solo uomo – il presidente permanente – andava ricercata nell’idea di un impero mercantilista americano, pianificato centralmente e controllato senza troppi oppositori, come i manifestanti contro le tasse o i liberoscambisti che risiedevano nei vari Stati. Hamilton (e i suoi eredi politici) compresero che una uniformità nazionale forzata è l’unica strada percorribile in cui tale schema di pianificazione centrale avrebbe potuto funzionare. I socialisti del XX secolo lo compresero altrettanto bene.

Il mercantilismo di Hamilton è essenzialmente il sistema economico e politico sotto il quale gli americani hanno vissuto per diverse generazioni fino ad oggi: un presidente – come un re – che governa per mezzo di “ordini esecutivi” ed ignora qualsiasi vincolo costituzionale ai suoi poteri*; dei governi statali più simili a marionette nelle mani del governo centrale; un welfare corporativo fuori controllo, specialmente alla luce del più recente oltraggio, il plutocrate progetto di legge per il salvataggio di Wall Street; un debito nazionale di 10 mila miliardi di dollari (70 miliardi di dollari, se si considerano le passività del governo non finanziate); un perpetuo ciclo di boom-and-bust causato dagli pseudo maghi di Oz pianificatori centrali della Fed; una costante aggressione militare in giro per il mondo che sembra solo favorire appaltatori della difesa ed altri beneficiari dell’apparato militare; e più di metà della popolazione comprata con sussidi di ogni genere immaginabile per supportare la crescita senza fine dello Stato. Questa è la maledizione di Hamilton scagliata sugli Stati Uniti, una maledizione che deve essere esorcizzata se si vuole avere una qualsivoglia speranza di resuscitare la prosperità e la libertà americane.

Articolo di Thomas J. DiLorenzo su Mises.org

Traduzione di Adriano Gualandi

Adattamento a cura di Antonio Francesco Gravina

Note

Si fa riferimento qui alla Costituzione degli Stati Uniti. Essa, infatti, è nata cercando di limitare il potere dello Stato (http://catallaxyinstitute.wordpress.com/2013/08/09/obama-le-disuguaglianze-e-lidea-stessa-dellamerica/). La costituzione italiana è invece intrisa di positivismo giuridico, come nota Giovanni Birindelli nei suoi articoli (p.e., http://catallaxyinstitute.wordpress.com/2013/07/11/la-cultura-del-privilegio-non-e-altro-che-la-cultura-della-legalita/)

Join the discussion and post a comment

NSA DOC REVEALS ISIS LEADER AL-BAGHDADI IS U.S., BRITISH AND ISRAELI INTELLIGENCE ASSET

Deep Politics Monitor - Sab, 19/07/2014 - 16:16
From Infowars, JULY 19, 2014 by KURT NIMMO NSA documents add more detail to plan to destabilize Middle East According a document recently released by NSA whistleblower Edward Snowden, Abu Bakr al-Baghdadi, the leader of ISIS, now the Islamic State, is an intelligence asset. The NSA document reveals the United States, Israel, and Britain are responsible for the creation of ISIS. Earlier

Was the Shootdown of the Passenger Jet Over Ukraine a False Flag?

Deep Politics Monitor - Ven, 18/07/2014 - 22:37
From WashingtonsBlog, July 17, 2014 Who Benefits? Everyone agrees that the sniper attack in Ukraine which started the regime change was a false flag attack. Eric Zuesse claims false flags are continuing to this day in Ukraine: Writing at professorsblog.com, this great historian, Dr. de Noli, noticed that whereas in “Berlin 27 Feb 1933, Nazis set fire the Reichstag, and Adolf Hitler blames

Nigel Farage: "I mean it’s like good old Soviet times”

Deep Politics Monitor - Ven, 18/07/2014 - 21:39
___ Related: Nigel Farage - Terrifying Banking Crisis Is About To Accelerate
Condividi contenuti