Skip to main content

Lettera ai propri familiari

Pubblicazione della lettera che un utente ha inviato alla propria famiglia, a futura memoria.

Noi che, a volte per inerzia a volte con convinzione ma spesso semplicemente per paura, assecondiamo ogni nuovo ricatto del potere nella speranza di ritrovare il nostro quieto vivere perduto, proprio noi stiamo in realtà alimentando l'epocale demolizione di diritti in corso sotto i nostri occhi. Stiamo lentamente diventando burattini nelle mani della paura della morte, della claustrofobia da lockdown, della paura di contagiare il prossimo: i fili del nostro cuore sono tirati ad arte per cinici fini politici.

Assecondare un fascismo nascente è il modo migliore per alimentarlo, e - per quanto sia dura da digerire - porteremo sulle nostre spalle la responsabilità oggettiva, enorme, della sua nascita. Né la paura della morte, né l'ignoranza dei fatti reali (epidemiologici, immunologici, virologici...), né l'adeguarsi al comportamento della massa, neanche il seguire ordini di superiori o istituzioni saranno giustificazioni accettabili per sgravarci da questa responsabilità. Saranno invece delle aggravanti.

Dopo averci tolto i diritti non ci restituiranno mai il nostro quieto vivere: ci stanno mentendo.

Ma a quel punto sarà troppo tardi per difenderlo e la perdita di entrambi, diritti e quieto vivere, sarà irreversibile. Avremo accettato così tanti ricatti che saremo irreparabilmente compromessi, invischiati nel problema. Sarà impossibile anche ammetterlo a noi stessi, figurarsi fare qualcosa. Quando si apre la porta al ricattatore non esiste più limite a ciò che pretenderà. L'unica cosa che manca adesso per ricattarci all'infinito sono infinite mutazioni del virus, possibilmente sempre più letali. Qualcosa mi dice che nei prossimi anni saremo tormentati da queste mutazioni, senza sosta.

Né la mia generazione né quella dei miei genitori ha conosciuto guerra, fame, totalitarismo: forse per questo il nostro destino - ormai evidente a chi vuole leggere i segni - è per molti difficile da prendere sul serio. Ex-post (fra quanti decenni?) i filosofi si chiederanno come tutto questo sia potuto accadere, ne scriverano inutili libri per i posteri.

Come spesso accade, a pagare le spese della demolizione dei diritti economici saranno i più deboli economicamente. A pagare le spese della demolizione dei diritti politici saranno le minoranze culturali sempre invise ad ogni totalitarismo, incluso questo nuovo fascismo tecno-sanitario. Ne usciremo più divisi, più diseguali, più impauriti, più poveri, meno critici, finalmente sudditi e sconfitti nello spirito. Non andrà tutto bene.

Ieri una camicia nera, oggi una maschera verde. Siamo agli inizi, all'anno zero, di una nuova era fascista, di un fascismo dal rassicurante camice bianco ma dallo spietato cuore nero.

So che le mie parole suoneranno fuori luogo, irritanti, arroganti, folli, ridicole, gratuite. Potrei giustamente essere tacciato di catastrofismo, "cospirazionismo", negatività, superficialità, egoismo, eccesso di emotività, mancanza di empatia, qualunquismo, ignoranza, irrazionalità, "negazionismo".

Io per primo spero di poter rileggere queste parole fra 30 anni e ridere dell'abbaglio che avevo preso, ma temo non sarà così.

Il mio è un ultimo, disperato appello a me stesso e a voi: rifiutiamo insieme - innanzitutto nel cuore, ma poi anche nei gesti - l'orrenda realtà coronazista. Sono certo che a chi sceglierà di non alimentare più questa macchina infernale si apriranno nuovi orizzonti, ma la scelta è e sarà individuale. Seguire passivamente la corrente sarà una scelta: non opporsi a quello che sta accadendo vuol dire esserne corresponsabili.

P.R.

Opzioni visualizzazione commenti

Seleziona il tuo modo preferito per visualizzare i commenti e premi "Salva impostazioni" per attivare i cambiamenti.

Boh!

Ritratto di Pike Bishop

Il sotterfugio retorico teso a provocare empatia dell'usare il NOI per cose che sono aldila' della responsabilita' individuale, oltre che per condividere acquisizioni per collettivizzare responsabilita' (anche quando si sta proclamando il contrario) mi ha sempre fatto incazzare. 

Non c'e' nessun NOI: rifiuto di identificarmi con la massa di bastardi deficienti che facilitano l'andazzo del collettivismo in salsa medico-transumanista che ci sta tiranneggiando. 

Essendo l'umanita' formata da individui e il bestiame da mandrie, il collettivizzare qualsiasi cosa, compresa la colpa, e' sintomo di volersi abbassare al livello del bestiame, e questo e' il principale problema dell'individuo, chiunque esso sia, che ha scritto questo articolo.

Inoltre non esistono i "diritti" non sono mai esistiti e mai esisteranno.  Tantomeno esistono diritti ECONOMICI (una cosa cosi' ridicola non l'avevo sentita da parecchio tempo, fin dagli anni '60, quando si giustificava qualsiasi cosa come essere una SCELTA) e neanche politici. Quando qualcuno puo' anche solo concepire roba simile, e' gia' fottuto prima del via.

Cosa si possa fare per opporsi a chi ci vuole distruggere e' dibattibile, come pure e' dibattibile cosa si configuri come una posizione eticamente retta e giustificata, quel che non e' dibattibile e' il prestare il proprio cervello a queste operazioni con le quali il nemico ha vinto ancora prima di cominciare a combattere.

Per chi volesse una rapida sintesi di cosa e' in realta' la legge, e quale e' il fondamento di ogni societa', un angolo "Varieta'" con i soliti filmatini:

Il primo e' tratto da un film di serie B tratto da un libro di serie C, ma con diversi spunti interessanti per intrerpretare il nuovo fascismo che stiamo sperimentando sulla nostra pelle (film che consiglio di vedere):

Il secondo e' una fatto veramente accaduto, romanzato in un film che non e' granche', ma che ha i suoi momenti, anche se non tutti storicamente autentici (questo lo e')

 

Lettera e diritti

Ritratto di Dusty

Pike Bishop ha scritto:

Inoltre non esistono i "diritti" non sono mai esistiti e mai esisteranno.  Tantomeno esistono diritti ECONOMICI

Come sai, ne sono perfettamente consapevole ed anzi sono il primo a dirlo.

In questo caso, tieni presente che è una lettera che una persona ha scritto ai suoi familiari, utilizzando quindi un linguaggio consono al loro modo di vedere il mondo, perché per lui che ha capito la situazione ed è fuggito, solo, dall'Italia, la separazione dalla famiglia che diventa non solo covidiota, ma anche supporter delle attuali politiche è comunque un processo doloroso.

Personalmente...

Ritratto di Pike Bishop

Personalmente penso che, specialmente se ci si rivolge alla propria famiglia, che si dovrebbe conoscere bene, questa retorica non solo non sia necessaria ma sia persino controproducente.

Non che si debba scriver loro: "Vaffanculo stronzi, crepate nel Bel Paese" (ma magari si, dipende dalle famiglie: io ne ho viste alcune in cui sarebbe la cosa piu' giusta), ma essere piu' cristallini possibile, ferma restando la relazione di sentimenti e consuetudini, e' sempre la politica migliore.  Altrimenti, mettendogli persino in bocca gli epiteti con cui classificare chi scrive, si ottiene l'effetto opposto. 

A meno a che VERAMENTE non si voglia ritornare fra trentanni per dire "Io ve l'avevo detto, nero su bianco", che non mi sembra una grande soddisfazione....