Skip to main content

Frequently Asked Questions - Teoria economica

Domande che riguardano il potenziale impatto di Bitcoin nell'economia ed una loro analisi su quello che ci si può aspettare.

Versione stampabile

No, come qualunque altra valuta, Bitcoin è progettato per essere utilizzato come una moneta, non come un investimento.

Uno schema di Ponzi è una truffa basata sulla fiducia dove le persone che pensano di avere un ritorno economico particolarmente alto su di un certo investimento vengono in realtà pagate con i loro stessi soldi e quelli degli ultimi "investitori". Se gli investitori ritirano il loro investimento lo schema collassa perchè non ci sono in realtà profitti, e non c'è quindi abbastanza danaro per restituire le somme a coloro che fanno richiesta di uscita dallo schema. Alternativamente colui che ha organizzato lo schema Ponzi può semplicemente scappare con tutti i soldi acquisiti.

Uno schema di marketing piramidale è una cosa molto simile: è una truffa basata sulla fiducia in cui alle persone che vengono inserite nello schema viene fatta pagare una quota facendogli credere di poter avere un grosso guadagno trovando altre persone da inserire nello schema, e guadagnando non solo su di esse ma su tutto il sottoinsieme di persone che queste altre a loro volta "arruoleranno". Lo schema collassa perchè per funzionare ha bisogno di una crescita esponenziale del numero di iscritti, e quindi ben presto finisce con il non trovare più abbastanza persone che cadono nel tranello. La persona in cima alla piramide, che ha cominciato la truffa e che non ha dovuto pagare la quota d'ingresso riesce a guadagnare da tutte le persone sotto di lui, mentre le persone alla base della piramide, che non trovano nessun altro da inserire, non hanno la possibilità di recuperare i loro soldi e tantomeno di guadagnarci.

A differenza di queste truffe, Bitcoin non ha nessuna persona "in cima" ad uno schema che raccoglie i soldi pagati per ottenere dei bitcoin, o che deve pagare quando i bitcoin vengono venduti. I bitcoin vengono comprati e venduti in luoghi di scambio pubblici tra chiunque vuole partecipare, sottostando tutti alle stesse regole. Se vi è stato detto che Bitcoin è uno schema per fare soldi non è vero in quanto i Bitcoin seguono lo stesso modello economico relativo a qualunque bene disponibile in quantità finita, e nel tempo il loro valore tenderà a stabilizzarsi su quello che le persone ne fanno uso valuteranno essere corretto per poterli usare. Le persone che riescono a guadagnare comprando e vendendo bitcoin sono fortunate oppure hanno predetto in maniera corretta un aumento della domanda per il loro suo. Le persone che guadagnano bitcoin attraverso il processo cosiddetto del "mining" vengono ricompensate per il lavoro che fanno, che è quello di rendere sicura la rete e verificare le transazioni all'interno di un mercato molto competitivo. In nessuno dei due casi avviene attività fraudolenta o una truffa basata sulla fiducia.

Nonostante il fatti che Bitcoin in sè non sia una truffa, si raccomanda molta cautela nell'ingaggiare transazioni con entità non fidate in quanto, come per ogni altro bene di valore, ci sono molte persone che cercheranno di impossessarsi delle vostre monete sfruttando modalità potenzialmente fraudolente. A tal proposito è bene tenere a mente che all'atto pratico i Bitcoin si comportano come se fosse denaro contante. Esistono persone che cercano di portare avanti sia schemi di Ponzi che schemi piramidali, e se non ci se ne accorge se ne pagheranno le conseguenze.

Inoltre è bene ricordare che i Bitcoin sono un tipo di moneta ancora del tutto nuova e quindi senza una storia alle spalle che ne possano provare la solidità (come avviene ad esempio con l'oro). Dato che il valore dei Bitcoin dipende da quanto ampiamente vengono accettati come mezzo di pagamento, sono suscettibili a potenziali bolle speculative esattamente come qualunque altro bene la cui popolarità cresce velocemente di popolarità. Nonostante venga ritenuto sufficientemente stabile per l'uso, il software che gestisce i Bitcoin è ancora in beta-release, ed i Bitcoin dovrebbero essere considerati "ad alto rischio" da un punto di vista finanziario. E' bene non investire cifre rilevanti in Bitcoin o tecnologie ad essi associate a meno che non si possa sostenere la possibilità di perderle! Anche i sostenitori più accesi di Bitcoin tendono a pensare che ci vorrà del tempo perchè il valore dei Bitcoin si stabilizzi, e nessuno può sapere quale sia questo valore, e quando questo accadrà.

Versione stampabile

Oltre alle caratteristiche più peculiari (anonimato, non tracciabilità, etc), ci sono almeno due motivi che potrebbero far prediligere l'uso dei bitcoin al grande pubblico, e sono entrambe di natura economica:

1) costi di transazione più bassi permetteranno ai venditori che lo adopereranno di essere più competitivi sul mercato, cioè di poter vendere la loro merce a prezzi più bassi: meno intermediari = meno costi; meno cambi di valute = meno costi.

2) il bitcoin non è utile esclusivamente come mezzo di scambio, ma anche come accumulo di valore perchè non inflazionabile quanto le valute tradizionali. Questo porterebbe a far si che chi converte in BTC la sua moneta poi cerchi di mantenerla il più possibile in tale forma invece di riportarla nella valuta "di base", proprio perchè nel tempo dovrebbe apprezzarsi in maniera continua rispetto ad esse. Questo sarà un maggiore incentivo a riutilizzarla direttamente e dando quindi via al circolo virtuoso che ne aumenterebbe sempre più l'uso.

Versione stampabile

Non è possibile escludere a priori la possibilità che una valuta non sostenuta da un bene fisico possa funzionare.

La funzione primaria del denaro è quella di facilitare gli scambi. Uno dei motivi principali per cui si tende a preferire che la moneta sia un bene è la possibilità che avvenga una mancanza di fiducia in quella moneta come mezzo di scambio.
E' possibile perdere fiducia in una moneta sostenuta dall'oro?
E' possibile ed i motivi possono essere fondamentalmente tre:

  • la possibilità che il governo lo voglia confiscare (cosa già avvenuta)
  • il rischio della riserva frazionaria dovuto al fatto di non poter essere in grado di fare auditing affidabile nei confronti delle banche
  • la possibilità che un giorno la tecnologia sviluppi un sistema per produrre oro in quantità a costi trascurabili (rispetto al suo "vecchio" valore di mercato). Questa possibilità, benchè al momento si ritenga del tutto esclusa in realtà è dietro l'angolo e diventerà realtà non appena la Fusione Fredda si diffonderà a livello mainstream e di conseguenza la scienza approfondirà i meccanismi fisici, fin'ora fondamentalmente ignoti, attraverso i quali avviene

Queste tre preoccupazioni non sono realistiche con i Bitcoin: questo è uno dei motivi per cui i Bitcoin non hanno bisogno di essere un bene:

  • non è possibile confiscare i Bitcoin perchè sono crittografati e decentralizzati
  • non è possibile falsificare i Bitcoin perchè la definizione di "proof of work", centrale nel loro progetto, lo impedisce con una probabilità sufficientemente bassa
  • sebbene da un punto di vista puramente teorico nulla vieti che un domani si scopra un modo per rompere un algoritmo crittografico oggi ritenuto altamente sicuro, Bitcoin fa uso di molteplici sistemi di crittograia e la probabilità che tutti vengano dimostrati vulnerabili contemporaneamente è prossima allo zero, e questo darà tutto il tempo di implementare nuovi algoritmi. Anche lo sviluppo di computer quantistici (per ora pura fantascienza) non garantisce automaticamente la possibilità di rompere tutti i sistemi di cifratura

Fintanto che queste tre proprietà non vengono messe in discussione, il denaro non ha bisogno di essere necessariamente sostenuta da un bene fisico.